lunedì 31 luglio 2006

E Johnny prese il fucile

5

1971, Dalton Trumbo.

Ci sono tanti film che, in un modo o nell'altro, parlano della guerra. Tra di essi si annoverano capolavori assoluti, che è inutile ora mi metta ad elencare.
Ve n'è di diversi tipi, da quelli d'azione a quelli di denuncia

domenica 30 luglio 2006

Eraserhead - La mente che cancella

0

1977, David Lynch.

Un vero incubo questo film. Nel senso che, secondo me, è proprio la rappresentazione di un incubo, altre spiegazioni non riesco a dare a questo film, che più surreale non potrebbe essere.

Volver

3

2005, Pedro Almodóvar.

Con protagonista una bravissima e bellissima Penelope Cruz, Almodovar ci racconta una storia di provincia, che nasce e muore nelle campagne spagnole e che, come al solito, vede altre protagoniste, tante donne con le loro piccole storie, mentre gli uomini sono poco più che comparse.

Le mani sulla città

3

1963, Francesco Rosi.

"I personaggi e i fatti qui narrati sono immaginari, è autentica invece la realtà sociale e ambientale che li produce".
Con questa frase che non lascia dubbi Francesco Rosi termina il film, unico titolo di coda su uno scenario urbano quasi irreale nelle fattezze, pur ritraendo la sua amata città natale dall'alto: Napoli.

sabato 29 luglio 2006

Pulp Fiction

2

1994, Quentin Tarantino.

Difficile parlare di trama con questo film.
Sono episodi, legati alla malavita a Los Angeles. Quella "organizzata", principale protagonista del film, s'incrocia con quella "comune", in un caleidoscopio di violenze quasi sempre volute

F.F.S.S. Cioè che mi hai portato a fare ...

0

1983, Renzo Arbore.

Titolo completo: "F.F.S.S. Cioè che mi hai portato a fare sopra Posillipo se non mi vuoi più bene?"

Film di satira e comicità demenziale. Prende in giro tanti stereotipi

Parole, parole, parole...

0

1997, Alain Resnais.

Film particolarissimo, leggero, divertente e interessante. Ha vinto, con merito, diversi premi tra cui un importante riconoscimento a Berlino.

venerdì 28 luglio 2006

Finalmente domenica!

0

1983, François Truffaut.

Nella provincia di Marsiglia un agente immobiliare (Jean-Louis Trintignant) si ritrova accusato prima dell'omicidio dell'amante della moglie, poi di altri omicidi che appaiono da subito legati al primo.

giovedì 27 luglio 2006

La pelle

4

1981, Liliana Cavani.

Sono ancora pervaso da un'emozione fortissima...

C'era un film che avevo visto parecchi anni fa, del quale ricordavo la storia per sommi capi e soprattutto la scena finale, vero suo simbolo, ma non c'era verso di ricordarsene il titolo né di riuscire a reperirlo.

martedì 25 luglio 2006

Un tranquillo weekend di paura

0

1972, John Boorman.

Titolo originale significativo: Deliverance.

Quattro amici decidono di trascorrere un weekend a bordo di 2 canoe, su un fiume. Non un fiume qualsiasi, ma uno che è destinato a scomparire con tutta la sua vallata da lì a pochi mesi causa la costruzione di una grande diga.

Rumori fuori scena

0

1992, Peter Bogdanovich.

Cosa succede veramente dietro le quinte di un teatro? Cosa fanno gli attori di teatro dietro le quinte mentre aspettano di entrare in scena e tra una scena e l'altra? Questo film vi darà tutte le risposte che cercate, insieme a molte grasse risate.

lunedì 24 luglio 2006

Casablanca

2

1942, Michael Curtiz.

Nella seconda guerra mondiale, Casblanca è il centro della zona neutrale africana. E' una città di transito tra i paesi in guerra e la prospettiva America, chi è in fuga, deve necessariamente passare da lì.

U Turn

2

1997, Oliver Stone.

Un giovane, in Arizona, va in panne con la macchina e s'infila in un paesino nel deserto, posto più vicino per fare la riparazione. E' chiaro fin da subito, dal bizzarro meccanico che in questo paese non troverà persone e situazioni molto "normali"

domenica 23 luglio 2006

La fortezza nascosta

0

1958, Akira Kurosawa.

Stupenda storia medioevale giapponese, magistralmente diretta e ricostruita da Kurosawa con il solito, bravissimo, Toshiro Mifune.

Oblomov

0

1979, Nikita Mikhalkov.

Bravissimo Mikhalkov a interpretare correttamente il discusso romanzo di Goncharov (1859). Non era semplice, o forse la penso così solo perché la sua visione di Oblomov corrisponde a quella che ebbi anch'io quando lessi il famosissimo romanzo.

giovedì 20 luglio 2006

Prima pagina

2

1974, Billy Wilder.

La coppia Jack Lemmon e Walter Matthau è di per sé garanzia di risate e divertimento. Quando poi c'è Billy Wilder a dirigerla...

mercoledì 19 luglio 2006

Orwell 1984

0

1984, Michael Radford.

Diciamolo senza incertezze: Radford non è Truffaut. Quello che il grande regista francese ha saputo fare con Fahrenheit 451, il romanzo di Ray Bradbury del 1951, non è riuscito all'inglese nell'anno omonimo al capolavoro di George Orwell, 1984, scritto invece nel 1948 e che sicuramente incise parecchio su Bradbury.

Miriam si sveglia a mezzanotte

4

1983, Tony Scott.

Questo film m'è piaciuto veramente molto, anche se non amo il genere horror.

E' semplicemente la storia di una donna a New York (Catherine Deneuve) con il segreto dell'immortalità, la quale però per alimentarsi deve nutrirsi di sangue umano da sui amanti.

M.A.S.H.

0

1970, Robert Altman.

La storia, un poco seria e molto grottesca, anche se per nulla irreale, si svolge durante la guerra in Corea, in un ospedale da campo americano dietro le prime linee.
Richiamati al servizio da esigenze militari

lunedì 17 luglio 2006

Quarto Potere

7

1941, Orson Welles.

Non credo serva a molto parlarvi dell'attualità che ha questo film (basta vedere come appena Kane perde le elezioni stampa sul giornale "Broglio alle Elezioni!"), perché il quarto potere esiste

venerdì 14 luglio 2006

Taras Bulba il Magnifico

0

1962, John Lee Thompson.

La lettura del Taras Bulba di Nicolaj Gogol è ancora oggi fonte d'ispirazione per molti grandi personaggi, per chi, pur tra violenze inaudite, vuole leggere storia di onore, fierezza, fedeltà alla religione e alla fratellanza in un popolo.

Il Signore delle Mosche

2

1963, Peter Brook.

Fate bene attenzione all'anno e al regista, perché questa che è la prima interpretazione del grande romanzo di William Golding è anche quella giusta da vedere. Ho visto tempo addietro il remake degli anni '90 e non ci sono paragoni. Gustatevi questo B&N del '63, molto meglio.

giovedì 13 luglio 2006

Una pura formalità

0

1994, Giuseppe Tornatore.

Uno sparo, poi la fuga, mentre i titoli passano insieme alla pioggia. Una corsa sfrenata, finché la polizia non lo trova.

martedì 11 luglio 2006

I Sette Samurai

1

1954, Akira Kurosawa.

Ogni aggettivo o encomio possibile per quest'opera, causa mio vocabolario ridotto, sarebbe offensivo.
In questo momento, mentre scrivo, dico solo che è il più bel film che abbia mai visto. Non posso dire "di tutti i tempi e luoghi" perché nella mia vita ne ho visti veramente pochi.

lunedì 10 luglio 2006

I Quattrocento Colpi

4

1959, François Truffaut.

Opera prima di Truffaut che, a quanto ho letto, lo impose subito all'attenzione del mondo del cinema con riconoscimenti ovunque in europa.
La cosa non mi ha per nulla stupito.

Detour

0

1945, Edgar George Ulmer.

Titolo italiano: Detour, deviazione per l'inferno. Consigliatissima la versione sottotitolata.
E' un capolavoro, pezzo di storia del cinema.

Il ragazzo selvaggio

0

1969, François Truffaut.

Siamo nel 1798.
Victor (questo sarà il nome che poi avrà nella vita "civile") è un ragazzo vissuto selvaggiamente nei boschi dell'Aveyron fino all'età (più o meno) di 11-12 anni, quando venne casualmente scoperto, catturato (è proprio il caso di dirlo) e

Anatomia di un rapimento

0

1963, Akira Kurosawa.

Il film è un poliziesco, la storia di un rapimento per il quale viene pagato un riscatto che porta alla liberazione del bambino in questione.

domenica 9 luglio 2006

Hana-Bi

3

1997, Takeshi Kitano.

Vincitore a Venezia nel 1997, Kitano fa veramente di tutto in questo splendido film.
E' già tra i miei miti da tempo. I suoi film sono da guardare tutti secondo me, vere opera d'arte.

Querelle de Brest

0

1982, Rainer Werner Fassbinder.

Per cominciare con Fassbinder, il massimo regista del "nuovo cinema tedesco" (corrispondente alla "nouvelle vogue" francese, per capirsi), ho scelto il film che di lui ha fatto più discutere, che ha più scandalizzato.

venerdì 7 luglio 2006

The Big Kahuna

0

2000, John Swanbeck.

Film intimista e minimalista, è la storia di 2 agenti di vendita di lubrificanti industriali che organizzano una convenction in un albergo. Con loro un giovanissimo tecnico dell'azienda, estremamente religioso.

L'uomo che amava le donne

0

1977, François Truffaut.

Ogni volta che vedo un film di Truffaut penso "... questo è il più bello!". In realtà sono bellissimi tutti quelli visti sino ad ora e questo non fa eccezione.

Betty Blue - 37°2 Le Matin

0

1986, Jean-Jacques Beineix.

Sono vent'anni che ascolto la meravigliosa colonna sonora originale di questo particolarissimo film. Autore delle musiche, merita menzione, è Gabriel Yared. Oggi ho potuto finalmente vederne la "versione integrale". Richiede un po' di pazienza, dura quasi 3 ore, ma ne vale la pena.

giovedì 6 luglio 2006

Mystic river

4

2003, Clint Eastwood.

Film di una bellezza immensa.
Clint Eastwood dà una prova di grande regia, sensibilità e di distacco. Mostra i suoi personaggi per quello che sono, le loro storie nude e crude.
Proprio come in un fiume si ha la sensazione che gli eventi, terribili e non, avvengano perché non sarebbe possibile altrimenti, quasi fossero inevitabili.

Rapsodia In Agosto

3

1991, Akira Kurosawa.

Kurosawa, attraverso una nonnina che vive nelle immediate campagne intorno a Nagasaki e i suoi 4 nipoti da lei per le vacanze estive, ci trasporta nel dramma provocato, il 9 Agosto 1945, dal lancio dell'atomica su Nagasaki.

Oltre il Giardino

0

1979, Hal Ashby.

Peter Sellers è il protagonista di questo che, secondo me, è un gran bel film.

E' la storia di Chance (il) Giardiniere. E' proprio un giardiniere ma poi nel corso degli eventi quella che era la sua professione diventa il suo cognome.

mercoledì 5 luglio 2006

Adele H, una storia d'amore

0

1975, François Truffaut.

Non è una storia d'amore inventata. Tutto quanto si vede nel film è vero, verissimo, perlomeno così come Adele, durante la sua vita, ha descritto le sue vicende in un fittissimo diario.

martedì 4 luglio 2006

Effetto Notte

0

1973, François Truffaut.

Film bello e divertente, narra le vicende di un intero cast alle prese con la produzione di un film in Francia. Il cinema che si racconta non è una novità, ma il modo in cui lo fa Truffaut è al solito particolare e affatto scontato.

lunedì 3 luglio 2006

L'enigma di Kaspar Hauser

0

1974, Werner Herzog.

La storia di questo ragazzo, assolutamente vera e documentata, affascina tutt'oggi scienziati della mente ed artisti.
La sua vicenda storica

domenica 2 luglio 2006

Invito a cena con delitto

0

1976, Robert Moore.

Un grande classico del cinema giallo, una commedia teatrale montata in un film, che ironizza sul giallo stesso.
Si ride senza soluzione di continuità.

Fahrenheit 451

2

1966, François Truffaut.

Su questo film potrei scrivervi un trattato. L'ho sempre visto solo a sprazzi e solo ora me lo sono goduto per intero, ma il libro, letto 15anni fa circa, mi colpì profondamente.

Barton Fink

0

1991, Joel e Ethan Coen.

Altro film particolarissimo dei fratelli Coen. Altra ottima interpretazione di John Turturro, John Goodman.

sabato 1 luglio 2006

Z - L'orgia del potere

6

1968, Costantin Costa-Gavras.

Film storico politico di grandissima e meritata fama.
Costa-Gavras non è affatto tenero col suo paese d'origine, solo un anno dopo il colpo di stato dei colonnelli.

Prima ti sposo poi ti rovino

2

2003, Joel e Ethan Coen.

Occorre spezzare con qualcosa di leggero e divertente, anche se possibilmente un minimo intelligente, tanti film seri e drammatici.

Questa commedia brillante dei Coen è cascata a fagiolo.

La signora della porta accanto

0

1981, François Truffaut.

"... Né con te, né senza di te ..."
cito una breve frase del finale del bellissimo film di Truffaut, che descrive al meglio l'amore struggente e impossibile tra Bernard e Matilde, i 2 protagonisti interpretati da 2 splendidi attori, Gérard Depardieu e Fanny Ardant.