giovedì 3 marzo 2011

20 Million Miles to Earth - A trenta milioni di chilometri dalla Terra

20
1957, Nathan Juran, Ray Harryhausen.

Il regista è Nathan Juran ma l'ho guardato per ammirare l'opera di uno dei più grandi specialisti di effetti speciali di tutti i tempi, Ray Harryhausen. Come suo primo film presente nel blog ne ho scelto uno ambientato in Italia, in Sicilia e a Roma per la precisione, e ne sono rimasto affascinato in tutti i sensi.

Un'astronave precipita nel mare di Sicilia. Alcuni pescatori riescono a salvare 2 membri dell'equipaggio, uno però morirà presto durante le cure. Sono americani di ritorno da una missione su Venere, dove hanno scoperto esseri mostruosi. L'embrione di uno di questi era contenuto in una capsula che finirà in mano ad uno zoologo per vie traverse. Ne verrà fuori una via di mezzo fra una lucertola e un dinosauro il quale, nell'atmosfera terrestre, cresce a vista d'occhio. Dilemma tipico: lo ammazziamo il mostro o cerchiamo di studiarlo per il bene della scienza? E il resto lo lascio scoprire. Siamo comunque in un filone che oggi è molto classico nella trama, con il mostro che farà disastri, poi la cattura, la fuga in centro a Roma, l'esercito che entrerà in azione... non manca nemmeno l'eroe e la bella che se ne innamora.

Non ci sono particolari elucubrazioni da fare. E' sicuramente un film storico, con degli effetti per i tempi sbalorditivi e del gran lavoro dietro per farli. In particolare per la difficoltà di effettuare animazioni a passo uno sincrone e perfettamente integrate coi movimenti dei protagonisti umani. Alcune scene sono veramente mitiche, inevitabilmente numerosi i frame.

Grandissimo Harryhausen, e non ci si permetta di far paragoni con le "pupazzate timmoburtoniane" che tanto mi fan "cahare" come dicono in Toscana.
Ci tengo a riportare l'incipit della pagina wiki a lui dedicata: "È considerato un maestro dell'animazione a passo uno, tecnica con la quale ha inserito creature fantastiche e mostruose all'interno di film girati con attori in carne ed ossa. Harryhausen preferisce non paragonare il proprio lavoro nei film in live action con i film di animazione di Tim Burton e Nick Park, che lui vede semplicemente come “film di pupazzi”. Harryhausen fu capace, insieme ad altri animatori, di inserire realmente (e realisticamente) l’animazione a passo uno all’interno dei film in live action. I personaggi da loro creati interagiscono con il mondo circostante in cui l’azione si svolge, e ne fanno davvero parte.".
Ecco, tanto per essere chiari che come la penso io su certi pupazzari (da sempre!), lo pensa anche lui.
Solo personaggio che, per ora, conosco del livello di Harryhausen è Jan Svankmajer, altro genio, spaventoso e fin superiore.

A mio parere un obbligatorio da mettere in carnet.

p.s.:
M'ha fatto ridere la versione italiana del titolo. Per una volta che si limitano a tradurre il titolo straniero, dovevano proprio trasformare le miglia in chilometri che da 20 milioni diventano 30? E poi, per essere precisi, dovevano diventare 32.1868 milioni...











20 commenti:

  1. Davvero grande Harryhausen, un'altro film da vedere è Giasone e gli argonauti, del 1963, dove l'arte di Harryhausen è dispiegata al meglio e forse il miglior film tra quelli ha qui harry ha partecipato.
    La tua rece di oggi, la considero un regalo, seppur casuale, per il mio compleanno, che cade oggi, visto che i film di fantascienza sono i miei preferiti.
    p.s. in toscano si dice cahare, non hacare. ;o)

    RispondiElimina
  2. ha qui si intende "a cui". sono ancora assonnato. :o)

    RispondiElimina
  3. Sono un cultore di questo genere di Film. Posso vantarmi di avere centinaia di file di questo genere, La fantascienza anni '50 è per me una specie di oasi in cui rifugiarmi...
    Sono molto contento che tu abbia postato questo Film, spero che in seguito avrai modo di ritornare sul filone.
    Ci sono fil davvero imperdibili , tipo : "Radiazioni Bx Distruzione Uomo" , "Them" ,"L'Astronave Atomica del Dottor Quatermass"...potrei continuare all'infinito.
    Che dire di Ray, un leggenda... dopo di lui solo Carlo Rambaldi seppe portare avanti quest'arte.
    Adesso è tutta computer grafica, che inganna gli occhi, ma non il cuore.....

    RispondiElimina
  4. AUGURI HARMONICA !!!! certe volte il caso... neanche l'avessi fatto apposta! quanti? hai già scollinato i 50? :D
    ho corretto la rece nei suoi aspetti toscani, grazie per la consulenza.
    Giasone è proprio il prossimo in programma.

    caro magar, troverai grandi soddisfazioni prossimamente nel blog allora! è una passione che condividi con Napoleone il quale porterà avanti proprio una serie di film della "fantascienza che fu", penso coprirà l'intero anno e anche oltre. :)

    RispondiElimina
  5. In effetti si sa che i lucertoloni vengono da Venere e NON da Marte... :)

    RispondiElimina
  6. ahah! parola di marziano, giusto?
    non entro nell'annosa concorrenza tra Marte e Venere, ma per varie ragioni di natura genetica continuo a preferire il secondo pianeta :D

    RispondiElimina
  7. Dalle immagini mi pare fatto molto ma molto bene, per l'epoca... unico punto debole forse la storia, che pare nulla più di un King Kong extraterrestre...

    Auguroni anche da parte mia, amico Harmonica!! :D

    RispondiElimina
  8. grazie a tutti per gli auguri, sono ancora sotto il mezzo secolo, 49 per l'esattezza. :o)

    RispondiElimina
  9. sì Zio, è come dici effettivamente, infatti come detto lo spettacolo è tutto merito di Harryhausen.

    RispondiElimina
  10. azz...mi manca! me lo vado a procurare in mantinente, che sti film sono la mia passione!
    per la traduzione...almeno un pochino si sono sforzati! non è che han tradotto anche i nomi (mi fa troppo ridere sentire "Carlo e Goffredo" invece di Charlie e Jeff...)
    azz... negli screenshot per un attimo mi è sembrato di vedere le colonne di san lorenzo, poi mi sono accorto che era roma...:)

    RispondiElimina
  11. unwise, how many "azz" have you? ahah!
    vedrai che sfida con l'elefante...

    RispondiElimina
  12. quei mostri sono grandiosi!

    RispondiElimina
  13. ciao ernest! bravo ad usare il plurale, anche il titanico elefante lo è infatti ;-)

    RispondiElimina
  14. grande roby! di harryhausen adoro la battaglia degli scheletri de Gli Argonauti... spettacolare. ciaooo

    RispondiElimina
  15. sbalorditivo Harryhausen, meno male è ancora vivo almeno lui, fa una particina-cammeo in "Burke & Hare:Ladri di cadaveri", l'ultimo, purtroppo filmetto, del fu una volta grandissimo, John Landis, un'altro rovinato da Michael Jackson e Eddie Murphy.

    RispondiElimina
  16. ma è ancora in attività? e bel vecchiarello oggi...

    RispondiElimina
  17. Ma dove li trovi certi film? : ))) i primi di fantascienza, quanto sembrano ingenui con i loro mostri! : ))) Ciao : )

    RispondiElimina
  18. è una "catena virtuosa" cristina! :)
    si parlò di harryhausen dopo una recensione di svankmajer, quindi... e via così, un film ne tira altri 10, ormai non riesco più a fermarmi, ahah!

    RispondiElimina
  19. Notevole! Per l'epoca, soprattutto!

    RispondiElimina