mercoledì 4 maggio 2011

A New Leaf - E' ricca, la sposo e l'ammazzo

33
1971, Elaine May.

Lui è Henry Graham (Walter Matthau), scapolo di famiglia ricchissima. Non sa cosa significhi il verbo "lavorare" ma ha esaurito tutte le sue rendite, cioè è rimasto povero in canna. Ha ancora la sua casa, il maggiordomo, collezioni di opere d'arte. Sarà proprio il maggiordomo, interessato anche a salvaguardare il posto di lavoro, a consigliargli come fare: deve sposare una Lei con ricca dote. Idea che ripugna Henry che però alla fine l'adotterà, salvo aggiungere un "poi me ne libero" al piano.

Lei è Henrietta Lowell (Elaine May) signorina attempatella, vista molto carente, maldestra come pochi altri al mondo, sola passione la botanica, ricchissima ereditiera ormai orfana. Preda ideale per Henry che potrà facilmente approfittare di tanta imbranataggine la quale, come rovescio della medaglia, gl'imporrà di sopportare non poche situazioni imbarazzanti, ma cosa non si fa per i soldi?

Il soggetto è tratto da un racconto di Jack Ritchie, "The Green Heart". Per il resto tutto è opera (prima) di Elaine May, che ha scelto il soggetto, fatto la sceneggiatura, diretto il film e pure interpretato la parte della bizzarra Henrietta con maestria. Sua la scelta di Walter Matthau, e non poteva cadere su un attore migliore, la parte sembra fatta apposta per lui. Henry è sgarbato, altezzoso, misantropo, si basta a sé e solo il maggiordomo ha, con moderazione, autorizzazione a consigliarlo. Con cinismo farà innamorare Henrietta, dopotutto ha i giorni contati per restituire i soldi presi in prestito dallo zio. Ci riuscirà, ma il piano fallirà nel solo punto pensato da lui, per motivi che non aveva previsto: occuparsi di un'imbranata è il miglior lavoro possibile per lui...

Divertimento garantito, con alcuni momenti irresistibili! Scoppio a ridere solo a pensare alla faccia imbronciata di Matthau in certe situazioni. E' anche un film romantico, mette d'accordo tutti.

meravigliosa la Ferrari, ma ha le valvole che s'incrostano, a ogni uscita (rigorosamente col casco in testa) rimane a piedi, è sempre dal meccanico, un debito continuo

quando scopre che non ha più un dollaro farà un giro per luoghi abituali ed anche per casa, per vedere tutto ciò a cui dovrà rinunciare. 

terribile lo zio!

l'incontro fatale

no comment!

allora, quel moscato extradolce spagnolo che lei ama bere con succo d'arancia amaro e non ricordo cos'altro.... com'è?

inginocchiato ai suoi piedi... sui cocci di vetro.

l'avvocato curatore dei beni di lei cercherà di smascherare Henry, ma non è che lui sia proprio un santo

si veda il titolo del libro. lei è dietro, appesa sul precipizio troverà una foglia mai catalogata, tema del titolo originale del film

quella era la servitù di Henrietta, prima dell'arrivo di Henry. Adesso scritti così vicini si nota meglio come già l'accoppiata di nomi dei 2 protagonisti è comica

non è poi così brutta...

che fo'? la salvo o non la salvo dalle rapide, che non sa manco nuotare?

non molto elegante come salvataggio, comunque efficace


Recensione dedicata all'amico Orsonmic che m'ha consigliato questo come altri film.

33 commenti:

  1. Più rivedo Matthau, e più assomiglia al meccanico incazzato del mio paese.
    mah, almeno l'attore fa ridere...

    RispondiElimina
  2. povero meccanico, ma che j'avete fatto che sta sempre immusonito? :D
    ne ho in programma un po', di Matthau e Lemmon...

    RispondiElimina
  3. Allora approvo il tuo programma, e soprattutto dico: ottimo inizio. Questo è davvero un carinissimo film, un piccolo capolavoro.
    (Ma non faccio molto testo, perché il burbero Matthau è da sempre uno dei miei preferiti... tra i film tagliati su misura per lui ti consiglio anche "E io mi gioco la bambina", titolo originale "Little Miss Marker")

    RispondiElimina
  4. caro zio, consiglio già messo in scarico! :D

    RispondiElimina
  5. Grande Matthau!!! irresistibile nella sua comicità...ciao e buona giornata! Cri

    RispondiElimina
  6. grazie cri, e sono d'accordo con te!

    RispondiElimina
  7. Matthau ma daaaaaaiiiii!!!! Era comicissimo. Ha ragione la Cri. A volte mi porti in certi ricordi che nemmeno io ricordavo di ricordare. Grande Roby.

    RispondiElimina
  8. Ragazzi Matthau è un idolo!

    RispondiElimina
  9. ciao ernest! :)

    cit. lauriana: "A volte mi porti in certi ricordi che nemmeno io ricordavo di ricordare." ahahah! questa me la devo segnare...

    RispondiElimina
  10. solo una parola..grandioso..

    RispondiElimina
  11. ciao robybrazzz! a presto a presto... ;-)

    RispondiElimina
  12. si ok..quando passi di qua?

    RispondiElimina
  13. appena ritiro la moto "nuova" ti chiamo e si fissa la data !

    RispondiElimina
  14. va bene..ieri ho tolto il gesso e sostituito con un tutore,per cui posso anche guidare..eh...

    RispondiElimina
  15. Io trovo Matthau molto molto sexi! Guardare con quale eleganza ammira… :P
    p.s. ho visto 'Sorelle mai' di Bellocchio. Io sono rimasta entusiasta, delicatamente colpita… è un maestro, riesce a rendere appassionante e 'teatralmente' splendida anche una semplice bagarre familiare! :)
    Sottolineo il fatto che in una sala con quaranta persone in tre o quattro abbiamo apprezzato, il che, conoscendomi, non è una novità! 666)

    RispondiElimina
  16. coerenza... matthau sexy, "sorelle mai" entusiasmante... ahahah! scherzo, il film di bellocchio poi non l'ho visto, ma se dici così...

    RispondiElimina
  17. Un ragazzo terribile, sempre apprezzato. Ora mi torna in mente in "Prima pagina", ma sono tantissimi i film imperdibili, come questo da te ben recensito.

    RispondiElimina
  18. ciao alli! recensito tempo addietro Prima Pagina, anche se non come merita. sono tantissimi, vero, e saranno perfetti per spezzare il ritmo tra drammatici, horror e thriller vari, un po' di sane risate ci vogliono :)

    RispondiElimina
  19. roby ahahahah, sai che ho la fissa no????? me lo dici anche tu spesso...ecco segnatela...ahahha

    RispondiElimina
  20. Oh sì... Matthau è sempre irresistibile! Film visto un sacco di tempo fa, devo rispolverarlo assolutamente. Se non ricordo male, c'è anche una scena esilarante di attesa della fioritura notturna (rarissima!) di un cactus.
    "E io mi gioco la bambina" è visione OBBLIGATORIA"!!!

    RispondiElimina
  21. a me non piacciono i belloni… vuoi che ti faccia una lista di super-sexi (per me)?
    Enrico Maria Salerno, Mastroianni, Gian Maria Volontè e Vittorio Gassman in Italia
    Michel Piccoli, Yul Brinner, Steve McQueen, Jean Paul Belmondo, Al Pacino all'estero ieri…
    Oggi? maròòòò Joaquin Phoenix, Alessandro Gassman, Daniel Day-Lewis, Viggo Mortensen, Javier Bardem, John Malkovich, Toni Servillo, Jack Nicholson e via dicendo… XXXXXD

    RispondiElimina
  22. laura, una secchiata di baci :***

    grazia, meglio che lo rispolveri il film, ahah! perché, ne sono certo, la scena della fioritura del cactus è in un altro film, uno di quelli stile "piccola peste" o robe simili

    petro' azz... e meno male che quelli non sono belloni! vado a scavarmi la fossa... :P

    RispondiElimina
  23. Davvero???!!! mumble mumble... indagherò, ma non si tratta del genere "piccole pesti". (Credo che Orsonmic mi potrebbe aiutare...)
    Sottoscrivo assolutamente la lista dei belloni di Petrolio, ma ovviamente, essendo un po' più agéè... ne ho molti altri! Con un un po' di sforzo se ne può individuare anche qualcuno contemporaneo che promette bene, perché essere così pessimisti... (NON è Scamarcio, intendiamoci!)

    RispondiElimina
  24. mmmm.... mi piace questa piega da "zabette sotto il casco del parrucchiere" che ha preso la discussione, veramente interessante! :D

    lascio a orsonmic (il letargo dovrebbe essere finito da un pezzo... arriverà) la conferma, ma il film in questione dovrebbe essere "Fiore di Cactus". il film invece sul genere pestifero, dove c'è una scena in cui un fiore viene distrutto, è "Dennis la minaccia"

    RispondiElimina
  25. ah, non vorrei passare per uno che sa tutto... ho fatto solo un po' di ricerca con "san gugol" :D

    RispondiElimina
  26. FIORE DI CACTUS!!! Centravano sia Matthau che la botanica, vedi? Grazie Roby. Film carinissimo di Saks - proprio quello de "La strana coppia" e "A piedi nudi nel parco". Mi sa che devo rivedere ambedue i film dato che mi si confondono così nella mente...
    San Gugol aiuta sempre nei momenti di difficoltà, in casa mia è a disposizione 24 ore su 24.
    Al letargo criptico di Orsonmic ci sono quasi affezionata... mi fa assaporare di più i suoi risvegli, per fortuna abbastanza frequenti!

    RispondiElimina
  27. ..Proprio il meraviglioso momento che menzionavi tu Roby, nel quale Matthau dalla sua GTO con il caschetto da pilota F1 degli anni'60, passa per Manhattan in rassegna tutto ciò a cui dovrà rinunciare, i pranzi lussuosi con accurata scelta di vini da Martini compresi, e tutto il resto, è irresistibile, sopraffina recitazione e mimesi di quello splendido attore che è stato Matthau, in audace equilibrio e mistura di aggressività e consapevolezza di natali e lignaggio, ammirabile non reassegnamento ad una sorte avversa, intelligenza astuzia, ma anche patetismo misto incredibilmente a grinta, resa sublimamente sempre da Matthau nell'altra grande sequenza del suo licenziamento di quella parassitaria e senza scrupoli corte di autisti, segretarie, maggiordomi e cameriere che si arricchiscono, derubandola, alle spalle della fin troppo remissiva e schiva miliardaria Elaine May. Di rovesciare l'avversa fortuna, "In Disgrazia alle cose e agli occhi degli uomini", come diceva il verso e il titolo di una vecchia, bellissima "commedia" vincitrice di un Pulitzer.

    RispondiElimina
  28. "Grinta" che non sarebbe tanto consona, ad un reale personaggio di bamboccio di famiglia miliardaria, che non sa neanche cosa voglia solamente dire la parola "lavorare" per più di tre giorni, in tutta la sua vita. Ma come la sa rendere Matthau uestq sua bella grinta e sicurezza naturale di sè, da abitudini di vita e esperienze, della serie "avere denaro, significa non dover mai dire mi dispiace" (cit. Francis Veber-Jackie Gleason al grande, scomparso, Richard Pryor, "Giocattolo a ore"['81]), con il suo felpatismo mimetico e verbale, tranciante e resettante per effetto del suo superiore, geniale sarcasmo critico,doppiato sublimemente -mi pare- dal grande Tino carraro.

    RispondiElimina
  29. ah napoleone, che osservazioni magistrali! vero, ecco la stranezza del personaggio, quella "grinta" che descrivi benissimo, sicurezza di sé e cultura... lontanissimo da un "arthur" per capirsi.

    RispondiElimina
  30. Strepitoso Matthau! Come in tante altre occasioni. Buon vecchio Walter!

    RispondiElimina
  31. mi rendo conto che ultimamente devi essere in difficoltà economiche per guardare film del genere.
    Ti stai documentando? Guarda che adesso i RIS trovano tutto, meglio delle pagine gialle.

    RispondiElimina
  32. ahahah! mariolino, ma perché dici ciò, ti sembra un film povero?

    RispondiElimina