mercoledì 11 maggio 2011

Tropa de Elite 2: o inimigo agora è outro

22
2010, José Padilha.

Rispetto al primo e straordinario "Tropa de elite" recensito recentemente "Il nemico ora è un altro", così dice il titolo. Non è un altro invece l'eccezionale livello cinematografico, in tutti i sensi, del film! Dovrei ripetere parola per parola i precedenti encomi. Se possibile, è persino migliorato, in particolare nella ricchezza della trama, estremamente spregiudicata nella denuncia politica.

Nascimento, ancora protagonista e ancora narratore fuori campo, ora diventato colonnello, sempre al comando dei durissimi BOPE, lo vediamo sedare una rivolta nel carcere coi delinquenti più pericolosi di Rio. Finirà in un bagno di sangue e la cosa gli costerà il posto, anche a causa della forte campagna accusatoria nei suoi confronti portata avanti da un'attivista di sinistra da tempo in contrasto con tutte le forze di polizia, intervenuto durante la rivolta. Verrà però posto al comando della Segreteria della Sicurezza di Rio, ruolo meno operativo ma più importante e, soprattutto, a stretto contatto con la politica. Attuerà subito interventi a rafforzamento del BOPE, ottenendo notevoli successi contro il narcotraffico, ma si renderà presto conto che, inconsapevolmente, avrà fatto il gioco di politici e poliziotti corrotti, i quali prenderanno il controllo delle favelas al posto delle bande. Stupefacente quanto siano importanti per il potere, e quanta ricchezza possano produrre per gente senza scrupoli, quegli agglomerati infernali di baracche...
Sappiamo poi, purtroppo, come vanno a finire queste "lotte per la giustizia" quando si scontrano con una politica completamente intrisa, collusa, o sarebbe meglio dire che la politica stessa è espressione della delinquenza. Finale fantastico, (preannunciato in parte nell'incipit e poi riproposto alla fine del film, stesso espediente narrativo del primo film) per realismo e un briciolo di speranza: speranza di vedere in futuro anche il terzo episodio!

Rimando un altro po' di sinossi ai numerosi frame. Sugli iperbolici aggettivi che sceneggiatura, regia e qualità complessiva del film meritano, bravura degli attori compresa, come detto non sto a ripetermi: tutto è come e pure meglio del primo episodio!, e non è davvero poco. Già citata anche la denuncia politica, che arriva a livelli inauditi per noi italiani. Vengono esposte teorie decisamente plausibili in modo aggressivo ed esplicito, e solo per evitare spoiler mi freno nell'enunciarle.

Un altro tema, ed è quello su cui vorrei soffermarmi, è quello umano-politico dove per politico intendo il valore alto del termine. Sempre ancora Nascimento a personificare il tema (e ancora elogi al bravissimo attore Wagner Moura), di concerto al protagonista a lui inizialmente in contrapposizione, un intellettuale di sinistra, tale Diogo Fagra (bravo anche Irandhir Santos) che diventerà poi deputato. Fagra è diventato, prima dei fatti narrati, persino il compagno della sua ex moglie e perciò convivente anche di suo figlio alla cui educazione Nascimento tiene moltissimo, quindi la loro è una rivalità ad ampio spettro.
Non c'è politica in Nascimento, solo che quelli come Fagra lo attaccano spesso anche sui media, quindi simpatia non glie ne ispirano. Però poi il nuovo ruolo lo porterà ad aprire gli occhi su tutto l'intero sistema della polizia, e sarà una presa di coscienza durissima da mandare giù, che avverrà a più riprese, con un evento drammatico dietro l'altro fino a toccarlo negli affetti più cari. Si rimane a bocca aperta per come, in ogni situazione, senza enfasi e con non comune presenza di spirito, il colonnello riuscirà sempre a tenere a posto i nervi e ad impostare nuove strategie di lotta al crimine che è sempre più una lotta verso i vertici delle istituzioni. Il suo è un modo di pensare ed agire lineare, dettato da capacità professionali unite a fermissimi valori umani, essenzialmente: essere onesti fino in fondo e combattere il crimine.

Se oggi mi chiedessero qual'è il mio eroe preferito del cinema contemporaneo non indugerei un attimo: Roberto Nascimento del BOPE. Quello che farà in questo film da altre parti viene definito Rivoluzione Umana. Non sarà solo lotta contro nemico esterno ma anche contro sé stesso anche se, questa seconda lotta, avverrà per conseguenza, in modo quasi inconsapevole quanto inevitabile. Poliziotto feroce quando serve, preparatissimo, colto, intelligente che sa essere umile, fare il passo indietro per ripartire e, questo è veramente incredibile!, cambiare idea, ribaltare un parere che riteneva solo poco tempo prima un caposaldo dei suoi principi. Per me, Numero Uno!

Mi sono dilungato un po', ma l'entusiasmo per il film e per il personaggio è stato enorme.
Olimpo ovviamente, consigliatissimo e da divulgare. Purtroppo, lo dico col groppo in gola, le similitudini con l'attuale schifo immondo del nostro paese, sono smaccate. Noi non abbiamo le favelas (forse dovrei dire non ancora), ma abbiamo Scampia e altre realtà simili. Per il resto cambia poco, anzi non cambia nulla.

il fatto che ha ispirato le scene iniziali

carcere con 4 bracci, rispecchia quante sono le bande di Rio

Fraga, non ancora deputato, spiega ad una conferenza come diventerà il Brasile nel 2081 se resteranno tali i trend di crescita della popolazione civile e di quella carceraria

scene della rivolta in carcere

che opportunità ci può essere in una rivolta in carcere? be', se uno pensa che certa gente è meglio morta che viva...

Fraga preso in ostaggio nella rivolta

questo è un figlio di buona donna... sfrutta le emotività della popolazione per fare dei comizi televisivi allucinanti.



non mancano certo scene d'azione, arricchite da spettacolari riprese aeree


il tizio in fondo arringa durante una festa, in una mano il microfono, nell'altra una pistola

"comandare è meglio che fottere" dice qualcuno...

a sx di spalle è Matias

giornalista scopre cose inimmaginabili

Fraga si rivolge al caporedattore della giornalista scomparsa insieme al fotoreporter, ma...

questo e il frame successivo si commentano già con immagine e sottotitoli






questo merdosissimo personaggio mi ricorda altrettanto puzzolenti bipedi nostrani, uno in particolare

qui avrei dovuto mettere, fotogramma per fotogramma, tutto lo spettacolare piano sequenza aereo su Brasilia




22 commenti:

  1. Insomma, siamo dalle parti del maresciallo Rocca, ma anche Don Matteo. ahahahahah

    RispondiElimina
  2. Direi che a questo punto cercherò di recuperarli insieme, in modo da vederli appaiati.

    RispondiElimina
  3. a questo punto credo che il recupero di questo secondo film sia doveroso! come sempre, grande roby.

    RispondiElimina
  4. harmo, oggi ci vai giù pesante con la satira, ahah! :D

    mrjames, non male l'idea della "doppietta"...

    frank, tu avevi visto il primo giusto? vedrai che roba anche questo!

    RispondiElimina
  5. ...Non per fare l'egocentrico della situazione Roby eh, ma chi te ne aveva parlato per primo o comunque immagino fra i primi, di "Tropa de Elite 2", almeno nei termini di superiore persino al primo. Ti sei superato con la recensione del film Roby, gli hai dato un giusto rilievo che merita,una recensione che ha e trasmette un eccezionale trasporto emotivo e ideale verso le alte tematiche e la potentissima bellezza del film.

    RispondiElimina
  6. grazie per i complimenti napoleone. eh, dovrei nominarti spessissimo, lo sai. ti avevo già ringraziato nella prima "tropa" a riguardo... sei un grande! :)

    RispondiElimina
  7. Va beh ma Roby un film normale no eh? uffi...sigh...insomma devo aspettare i miei...per essere lapidata. ahahaha. Comunque complimenti perchè sai proprio trovare dei superfilms.

    RispondiElimina
  8. effettivamente non è un film "normale", è un Super Olimpo questo! :D
    ho la fortuna di avere Consiglieri come napoleone. per film come questi soprattutto, che poi in italia sa la miseria se e quando usciranno.

    RispondiElimina
  9. eh si da recuperare!
    ciao Roby

    RispondiElimina
  10. bella compagno ernest! :)
    questo ti piacerà molto più del primo, soprattutto a te...

    RispondiElimina
  11. beh, direi che qui da noi manca poco...abbiamo il calcio, la droga, dei bei quartierini periferici con dentro di tutto, e scommetto che anche una "tropa" nostrana è già pronta. Roby, se la prossima volta che giochiamo senti una detonazione, e se essa non proviene dal mio "dritto della morte"...giù la testa! :)

    RispondiElimina
  12. eh unwise, è proprio una "bella zona" quella dove giochiamo effettivamente...

    RispondiElimina
  13. Film consigliatissimo, 'Nude Nuns with Big Guns' più pulp che più pulp non si può.

    RispondiElimina
  14. rumplestils, il film che consigli ha una quotazione imdb tra l'infamante e il disastroso... me lo segno :D

    RispondiElimina
  15. seh in Italia... :/ mi hai mosso curiosità! ;)

    RispondiElimina
  16. Non pensavo potessero addirittura migliorare il primo fantastico film. Me lo procuro al volo! :)

    RispondiElimina
  17. vai simone, vedrai vedrai! io spero ne verrà fuori una trilogia ;-)

    @petrolio: scusa, m'ero dimenticato un prono saluto... ciao! :****

    RispondiElimina
  18. azz non sapevo esistesse pure il due...dovrò recuperarlo assolutamente, ho potuto apprezzare il primo giusto il mese scorso e mi ha stregato...quasi quanto Cidade de deus.

    p.s. ups ho fatto bordello..scusate :/

    RispondiElimina
  19. ahah! Nicky, ciao e torna quando lo avrai visto, ok? no problem, nessun casino, anzi grazie per una risata che stasera mi serviva proprio :D

    RispondiElimina
  20. peccato che nella versione italiana siano tagliati 12 minuti di film

    RispondiElimina
  21. ciao "anonimo". grazie. non sapevo nemmeno ci fosse una versione italiana...

    RispondiElimina