lunedì 31 gennaio 2011

La lunga notte del '43

20
1960, Florestano Vancini.

Siamo a Ferrara nell'autunno del 1943, è da poco stato firmato l'armistizio. Serpeggia una certa incertezza, città di uomini mediamente moderati finora poco toccata da violenze e guerra, pochi fascisti invasati felici che mussolini abbia stabilito al nord la r.s.i., molti gli antifascisti tra i c.d. notabili che pubblicamente però rimangono silenziosi anche se le loro posizioni sono note.

domenica 30 gennaio 2011

Enter the Void

39
2009, Gaspar Noé.

Film che parla della vita e della morte ambientato a Tokyo. Senza compromessi estetici, in una permanente visione allucinata della città e del mondo, sposando una teoria che proprio da quelle parti e nel buddismo in particolare trova molti credenti: la reincarnazione.

sabato 29 gennaio 2011

Napoli violenta

13
1976, Umberto Lenzi.

Sequel di "Roma violenta", il commissario Betti arriva a Napoli dopo essere stato reintegrato nella polizia. Già conosce la città e a fargli gli onori di casa il Generale con la sua Rolls, invero il boss della camorra più boss di tutti. In questura si presenterà da par suo, con un ladro d'auto in manette come presente.

venerdì 28 gennaio 2011

Million Dollar Baby

48

2004, Clint Eastwood.

Una ragazza d'infima famiglia, lavori umili, decide di sfondare nella boxe. Individua l'allenatore e alla fine ce la farà, ma l'incontro per il titolo ha un epilogo terribile....
Una storia da terza pagina? La solita "menata" di una vita meschina in cerca di riscatto? Un Rocky al femminile? Niente di più errato.

giovedì 27 gennaio 2011

Parigi o cara

21
1962, Vittorio Caprioli.

Pare il solo film da assoluta protagonista di un personaggio che mi piace molto, persino da bambino ridevo per i suoi irresistibili sketch alla tele. Franca Valeri non era "solo" questo però. Certamente attrice e caratterista, ma anche scrittrice sia di teatro che cinema. E' co-sceneggiatrice di questo film che non esagero a definire unico nella sua originalità! Appartiene ad un genere che nemmeno sapevo esistesse: il "camp".

mercoledì 26 gennaio 2011

The Choirboys - I ragazzi del coro

19
1977, Robert Aldrich.

Un distretto di polizia di Los Angeles, la squadra della ronda notturna, quella che raccoglie il peggio ma forse anche il meglio degli agenti. Tra loro di raccomandati e leccaculo non ce ne sono e a simbolo di ciò c'è l'agente Spermwhale Whalen (Charles Durning, attore che pare nato per quei ruoli). A 6 mesi dal pensionamento, 30 anni in quella squadra; dai capi mai un complimento o un favore, ma dai colleghi massimo rispetto.

martedì 25 gennaio 2011

I viaggiatori della sera

34
1979, Ugo Tognazzi.

Film di fantascienza "sociale". In un futuro non ben definito il mondo conduce un controllo totale sulla popolazione e ne gestisce il ciclo di vita. Gli anziani, raggiunta una certa età, devono obbligatoriamente recarsi in villaggi vacanze, luoghi senza ritorno, e lasciare spazio alle generazioni successive. I villaggi ovviamente non hanno capacità d'accoglienza infinita e hanno le loro buone regole di smaltimento.

lunedì 24 gennaio 2011

Yatterman the movie - Yattaman il film

27
2009, Takashi Miike.

E' il film tratto da una serie manga, appunto Yattaman, di grandissimo successo perlomeno in Giappone non so dire altrove. Sono completamente fuori dai miei generi qui, ma non potevo perdermi l'ultima "fatica" dell'amatissimo Miike, mio regista di culto per eccellenza capace di tutto! Dal fantasy all'horror estremo passando per thriller, noir... nulla gli è precluso.

domenica 23 gennaio 2011

Sette note in nero

14
1977, Lucio Fulci.

Una donna inglese è fresca sposa di un ricco possidente in Toscana. Ha poteri paranormali, delle visioni di accadimenti, sin da bambina. In un casolare del marito che vuole ristrutturare scoprirà un cadavere in un muro proprio a seguito di una visione, ma è una visione del passato o di possibili eventi futuri? La salverà un orologio da polso con carillon...

sabato 22 gennaio 2011

The Steel Helmet - Corea in fiamme

21
1951, Samuel Fuller.

Primo film di guerra di colui che è poi diventato tra i registi di riferimento del genere, un Vero Maestro. Indimenticabile la visione de "Il Grande Uno Rosso".

venerdì 21 gennaio 2011

Porcile

18
1969, Pier Paolo Pasolini.

2 vicende apparentemente slegate si alternano fino a fondersi nel finale. Da una parte un ambiente glabro, vulcanico (scene girate sull'Etna), nel medioevo. Dall'altra un contesto contemporaneo, una ricchissima famiglia tedesca.

giovedì 20 gennaio 2011

Chariots of Fire - Momenti di gloria

30
1981, Hugh Hudson.

Quest'anno ricorrono 30 anni dall'uscita di questo Capolavoro come giustamente il prezioso amico Napoleone Wilson mi ha ricordato; siccome non l'avevo mai visto per intero m'è sembrata occasione opportuna di provvedere finalmente.

mercoledì 19 gennaio 2011

Roma violenta

20
1975, Franco Martinelli.

Obbligatorio mettere tra i Cult il film campione d'incassi al botteghino del genere poliziottesco: 2.750.000.000 lire nel 1975. E' anche il film che vede protagonista, per la prima volta, l'ormai famoso Commissario Betti, con attore un'icona del genere, Maurizio Merli.

martedì 18 gennaio 2011

In the Mouth of Madness - Il seme della follia

30
1995, John Carpenter.

Parte con il ricovero coatto in un ospedale psichiatrico di un uomo che suscita molto interesse dai medici. E' come in preda a delle visioni e quando alla fine si calmerà, nella sua camera d'isolamento, la riempirà di disegni di croci, come anche il suo corpo.

lunedì 17 gennaio 2011

Girolimoni, il mostro di Roma

23
1972, Damiano Damiani.

Olimpo tra i più obbligatori! Un film che contiene, nella "piccola" Storia Vera di Gino Girolimoni, una grandissima quantità di spunti sulla storia d'italia del tristemente noto ventennio fascista, fino ad uno splendido finale intorno al 1961, anno della morte di questo personaggio che voleva essere anonimo e gli eventi costrinsero a diventare Qualcuno.

domenica 16 gennaio 2011

Vigilante

18
1983, William Lustig.

Il Bronx è un quartiere invivibile, infestato di droga, criminalità e violenza brutale. Un gruppo di cittadini, per lo più ex poliziotti, si organizza per sopperire alla mancanza di sicurezza e giustizia, fare in proprio quello che per vie legali è impossibile ottenere.

sabato 15 gennaio 2011

Signori, in carrozza!

6
1951, Luigi Zampa.

Altra pietra miliare della coppia Aldo Fabrizi e Peppino de Filippo. Stavolta Aldo è un conduttore di vagoni letto che fanno la spola tra Roma e Parigi mentre Peppino fa il mantenuto a casa sua, fratello della moglie, scroccone e pure ladro all'occorrenza.

venerdì 14 gennaio 2011

Cabaret

24
1972, Bob Fosse.

Gli americani nel musical, più ancora che per altri generi, sono a mio parere imbattibili (dissi la stessa cosa più o meno dopo la splendida visione di Chicago). Capolavoro da Olimpo con Lode di dei e semidei in seduta plenaria, bellezza di immagini e musiche senza tempo. Ma c'è anche una storia dietro, non è "solo" show di musica e balletti...

La carissima amica mod, che ama questo film, m'ha concesso d'intervistarla a riguardo: è la migliore recensione che poteva capitarmi di proporre. Sedetevi comodi...

giovedì 13 gennaio 2011

Non si sevizia un paperino

27
1972, Lucio Fulci.

Un crescendo entusiasmante la mia rassegna di Fulci, solo al 4° film è già Olimpo, dopo 2 Cult. Ne avevo letto qualcosa in giro (sempre senza troppi dettagli per non rovinarmi la visione) ma ha superato ogni più rosea aspettativa! Doverosissimo questo incipit, Fulci stesso è nel mio Olimpo ormai, suo fan sfegatato chi scrive. E non sarò certo io a rovinare la visione a chi non l'ha visto! Peccato non poter parlare approfonditamente del finale, ma il dogma free-spoiler-blog è prioritario.

mercoledì 12 gennaio 2011

I'm here

19
2010, Spike Jonze.

Oggi qualcosa di leggero, come un sorbetto dopo le portate pesanti dei giorni scorsi. Corto visibile in streaming sul sito dedicato, oppure reperibile ben sottotitolato in italiano sui soliti canali. Solo 30 minuti, un plot semplicissimo e romantico: ci sono tutti i presupposti per cui io, che invece amo i lungometraggi quanto depreco i mielismi, debba evitarlo. Ma me lo ha consigliato un caro amico...

martedì 11 gennaio 2011

Milano calibro 9

29
1972, Fernando Di Leo.

Convinto di vedere un poliziottesco dei più tipici mi sono trovato completamente spiazzato, almeno secondo gli stilemi comuni che si attribuiscono al genere. Questo è un noir, della meglio specie, che poi ho letto appartenere ad una trilogia titolata "trilogia del milieu", che dico subito comparirà interamente nel blog.

lunedì 10 gennaio 2011

Thief - Strade violente

20
1981, Michael Mann.

Frank ha un concessionario d'auto ma il suo vero mestiere è la rapina, specialista scassinatore di casseforti. Lavora da solo, collaboratori e committenti iniziano un rapporto con lui che inizia e finisce col colpo da effettuare, poi ognuno per la sua strada. E non fregarlo, non lo ammette.

domenica 9 gennaio 2011

Bronte - Cronaca di un massacro che i libri di storia non hanno raccontato

31
1972, Florestano Vancini.

E' appena iniziato l'anno del 150esimo dell'unità d'italia, allora ho pensato di ripescare un film, che anche a me era sconosciuto fino a poco tempo fa, molto poco noto, non quanto dovrebbe, una meraviglia da Olimpo lo dico subito, per la vicenda narrata con fedeltà storica quasi maniacale, il coraggio di proporla, la maestria di Vancini.

sabato 8 gennaio 2011

Něco z Alenky - Alice

14
1988, Jan Svankmajer.

Primo lungometraggio di Svankmajer, uno dei miei miti ormai, e subito Olimpo. Ho speso già molte parole per questo genio della narrazione horror in stop-motion, non perdete un solo film di lui, li ho recensiti tutti con questo.

venerdì 7 gennaio 2011

Ultimo tango a Zagarol

29
1973, Nando Cicero.

Era un periodo in cui la coppia Franco Franchi-Ciccio Ingrassia parodiava tutti i film più famosi. Anche questo film appartiene al filone, parodia più che godibile del "capolavoro" (secondo qualcuno) di bertolucci, col particolare che c'è il solo Franco Franchi, in un'interpretazione che non si può credere!

giovedì 6 gennaio 2011

Velvet Goldmine

23
1998, Todd Haynes.

Se amate il genere glam-rock evitate di leggere quanto segue, che è più un promemoria per chi scrive che una recensione vera e propria, io di quel genere musicale salvo ben poca roba e quindi del film pure, di riflesso.
EDIT: agli ospiti raccomando di leggere i commenti di amici competenti sotto, vi farete un'idea migliore e più corretta della mia.

mercoledì 5 gennaio 2011

Una lucertola con la pelle di donna (aka La Gabbia)

22
1971, Lucio Fulci.

Ambientato all'estero come il precedente "Una sull'altra", questa volta siamo a Londra. Ancora un thriller, con molto giallo e tracce non banali di horror (film che fu applaudito da Mario Bava!) e di gore, assemblati da una regia fantastica! Altro Cult per me con Fulci.

martedì 4 gennaio 2011

Intacto - Gioca o Muori

19
2001, Juan Carlos Fresnadillo.

In un casinò sperduto, ambiente desertico, un uomo sta vincendo tantissimo. Viene chiamato dalla direzione ad intervenire Federico, al quale sarà sufficiente toccargli la mano e la fortuna dell'uomo s'interromperà. Il casinò è proprietà di Sam, un re dell'azzardo, dalla fortuna imbattibile e non solo, lui la fortuna la padroneggia come un bene accumulabile.

lunedì 3 gennaio 2011

Faccia a faccia

21
1967, Sergio Sollima.

Primo spaghetti-western per il mio blog, parto alla grandissima, con un film certo meno noto dei capolavori di Leone ma, garantisco, di grande fattura e con contenuti che mi hanno stupito.

domenica 2 gennaio 2011

Night of the Living Dead - La notte dei Morti Viventi

16
1968, George Andrew Romero.

Eccomi finalmente, dopo i primi 3 capostipiti del zombesco ("White Zombie", "I Walked with a Zombie" e "The Plague of the zombies") all'indiscusso Capolavoro del genere, che è anche una rivoluzione dello stesso. Gli zombie di Romero han perso la natura di "automi a comando" dei precedenti, sono fuori dal governo degli uomini, non sono frutto di stregonerie. La stessa parola "zombie" nel film non viene mai pronunciata.

sabato 1 gennaio 2011

La legge è legge

17
1958, Christian-Jaque.

Volevo iniziare l'anno in allegria e spensieratezza, che fosse almeno un minimo intelligente, ed ecco cosa ho pensato di proporre, Totò e Fernandel, un bravo regista, una storia che è stata ispiratrice di tante gag e, non ultime, le musiche del grande Nino Rota.