giovedì 30 giugno 2011

Jing wu men - Dalla Cina con furore

15
1972, Lo Wei.

Eccomi al secondo, grandissimo film di arti marziali che decretò il boom del genere nel 1973 in Italia, anno in cui uscirono da noi. Di questo boom e della mia esperienza personale ne ho parlato in occasione di "Cinque dita di violenza", altro film imperdibile come questo.

mercoledì 29 giugno 2011

To Have and Have Not - Acque del sud

22
1944, Howard Hawks.

Humphrey Bogart è il capitano Harry "Steve" Morgan, americano che vive a Martinica noleggiando il suo battello per lo più per la pesca sportiva.

martedì 28 giugno 2011

Il Blog cresce: ora siamo in tre!

27

Ciao a tutti!
Questa è solo una doverosa comunicazione di servizio.

Come avrete già notato, il titolo del blog è cambiato, perché non è più solo "mio". Ora c'è una vera e propria Redazione.

Antropophagus (aka: The Grim Reaper Anthropophagous-The Beast)

16
1980, Joe D'Amato.

Iniziamo oggi una rassegna (quanto completa vedremo, ma senza veli è sicuro) del romanissimo Joe D'Amato, al secolo Aristide Massaccesi. Regista discusso, per alcuni discutibile, sicuramente molto prolifico, eclettico, creativo ed apprezzatissimo da cultori di vari generi. Imprescindibile la sua presenza in un blog di cinema ad ampio spettro. E' una rece "galeotta" questa, dà il via da queste parti alle recensioni di Belushi, fresco nuovo redattore di questo blog. Ne parlerò poi stasera in un post a parte, ora gli passo la parola.

lunedì 27 giugno 2011

Peur sur la ville (aka: The Night Caller) - Il poliziotto della brigata criminale

15
1975, Henri Verneuil.

Fantastico poliziesco d'azione violenta, “Il Poliziotto della brigata criminale” (Peur sur la Ville)('75) di Henri Verneuil si potrebbe altresì definire la versione francese di “Ispettore Callaghan: Il caso Scorpio è tuo” (Dirty Harry)('71) di Don Siegel. Tant'è che la parte più violenta dell'intero film inizia proprio con un massacro avvenuto al seguito di una rapina in banca a Asnierès, un sobborgo popolare alle porte di Parigi.

domenica 26 giugno 2011

LaCapaGira

8
1999, Alessandro Piva.

Prendo da wiki: "Grazie a questa sua opera prima, presentata al Festival di Berlino, Piva è stato premiato come miglior regista esordiente dell'anno da entrambi i maggiori riconoscimenti cinematografici italiani, David di Donatello e Nastri d'argento.". Dev'essere stata un'annataccia per il cinema italiano per arrivare a tanto.

sabato 25 giugno 2011

Death at a Funeral - Funeral party

16
2007, Frank Oz.

Un funerale in casa, una bella villa nelle campagne inglesi, una cosa che dovrebbe essere estremamente formale nel suo elegante rigore, si trasforma in un evento surreale. Anche ai miei parenti, in occasione di questi eventi, dico che sono i soli momenti nei quali poi si torna a vedersi tutti assieme, e inevitabilmente qualche coperchio si alza, ma qua si va ben oltre!

venerdì 24 giugno 2011

Necromantik

24
1987, Jorg Buttgereit.

Attenzione: horror estremo.

Attirato fatalmente, amore a prima vista, dal titolo e dalla locandina, mi sono ritrovato davanti un film goticamente minimal come solo un tedesco può fare, digeribile come una ciambotta a colazione: meravigliose sensazioni per un horrorofilo, uno che ama far del male alla propria umanità. E poi c'è una scena, ma facciamo anche 2, che da sole valgono la visione...

giovedì 23 giugno 2011

La casa del sorriso

20
1991, Marco Ferreri.

Adelina è una bella vecchina, non tanto anziana ma abbastanza da vivere in un ospizio. Ha perso il figlio da poco morto e la nuora con le 2 nipoti la va a trovare solo per interesse su eredità. Tutti gli uomini la tengono d'occhio, nella sua "categoria" si distingue per bellezza e soprattutto per il suo sorriso dolcissimo, e sarà Andrea quello che saprà corteggiarla ed ottenerne le grazie. Inevitabile suscitare invidie agli altri ospiti e imbarazzi al personale gestore del centro.

martedì 21 giugno 2011

Il Decameron

20
1971, Pier Paolo Pasolini.

Eccomi al primo film della "Trilogia della vita" di Pasolini, impresa impegnativa per me ma ci provo, perlomeno a godermeli e segnalarli, come film e basta, dubito di poterne estirpare i più profondi significati. Come disse qualcuno: "ognuno c'abbiamo i propri limiti".

lunedì 20 giugno 2011

Napoli... la camorra sfida e la città risponde

12
1979, Alfonso Brescia.

Poliziottesco per la categoria Incolti, da superamatori del genere ma anche no. Qua abbiamo la fortuna di poter contare sui contributi di Napoleone Wilson, che ha conosciuto personalmente Mario Merola, personaggio snobbato e bis-trattato che merita invece considerazione, fa niente se postuma. Sono particolarmente orgoglioso che questo blog possa dare un suo omaggio al famoso artista napoletano, ci tenevo molto, certo anche per le mie fiere origini campane, è innegabile.
I titoli delle rubriche che Napoleone cura sono a sua completa discrezione, ma non potevo non chiedergli un contributo su almeno uno dei film interpretati da protagonista dal "passatore" napoletano. Non solo. Il poliziottesco che io amo guardare e mi diverto a recensire non può dai miei limiti essere valorizzato come merita quindi questa è anche un'occasione per sentire un vero esperto recensore di film cosa ne sa dire. Io ovviamente l'ho già letta, e al solito ci si deve solo scappellare, ve lo anticipo.
E' stato gentilissimo e disponibile Napoleone. Ora, dopo una doverosa introduzione, gli passo subito la parola.

domenica 19 giugno 2011

Little Miss Marker - E io mi gioco la bambina

14
1980, Walter Bernstein.

Ciumbia che cast questa commedia! Tony Curtis a fare il gangster "facc-de-càz", Brian Dennehy ancora giovane sua guardia del corpo con un gran "fisìc-du-ròl", Lee Grant che farà 2 min. di scena ma basta a citarla, Julie Andrews al solito incantevole, la sorprendente bimba Sara Stimson e, rullino i tamburi e urlino le trombe, inchiniamoci a Sua Maestà Walter Matthau nei panni di Tristezza (Sorrowful) Jones che già il nome è un programma

sabato 18 giugno 2011

Roma a mano armata (aka: Brutal Justice) (aka: Brigade spéciale)

13
1976, Umberto Lenzi.

Il poliziottesco perfetto, da manuale nel senso buono, con parti noir e d'azione dosate e alternate senza sosta, botte, inseguimenti in diurna, in notturna, a piedi, sui tetti, cattivi che son proprio cattivi e s'attaccano ad ogni cavillo di legge, polizia frenata da scrupoli ma quando gli girano gli girano. Super!

venerdì 17 giugno 2011

The Commitments

20
1991, Alan Parker.

Film proposto dall'amico Unwise (al secolo Mauro, ma solo se resistete a un suo discorso sulle ideologie). Musicista, esperto Americanista del blog con ampie competenze in generale sul mondo anglofono, cestista e tennista, onanista secondo necessità infatti non porta nemmeno gli occhiali... ecco cosa è venuto fuori dall'intervista a cui l'ho sottoposto.

giovedì 16 giugno 2011

Mine vaganti

44
2010, Ferzan Ozpetek.

Film a cura della Contemporaneista del blog, l'amica Laura alla quale passo subito la parola.


Una sposa che cammina concitatamente verso una torre di un casale antico…apre la porta e la guarda una signora anziana. Beh, propriamente non la guarda, la signora anziana è lei. La foto di un bellissimo giovane. Il baldo giovane si alza dalla sedia, la sposa chiude la porta con gli occhi luccicanti e lo guarda. I due si guardano e…la sposa alza una pistola nera verso il bellissimo in questione, anzi no, verso di lei.
Ammazza iniziamo proprio bene!!! E io che pensavo già ad una delle mie storie melense, non ci capisco una beata mazza.
1. La sposa si suicida? Ma no, dai finirebbe il film.
2. Il giovane è il suo amante? Mah sì, può darsi.
3. L’anziana è la sposa invecchiata in flashback? Boh!?


mercoledì 15 giugno 2011

O Princípio da Incerteza - Il principio dell'incertezza

6
2002, Manoel de Oliveira

Particolare e non comune visione, lo dico subito per "maschiare" quanto segue. Questo film è un "Romanzo per Immagini", coi tempi e i modi consoni, consiglio quindi di astenersi agli adrenalina-dipendenti, qua si contempla.

martedì 14 giugno 2011

L'amico di famiglia

31
2006, Paolo Sorrentino.

Scapolo di mezz'età in quella particolare zona d'Italia che è l'Agropontino. Vive solo con la madre, ed è così che ama essere considerato Geremia, L'Amico di famiglia, benevolmente.

lunedì 13 giugno 2011

A Boy and His Dog (aka: Apocalypse 2024)

6
1975, L.Q. Jones.

Prosegue la SciFiMust con un cultissimo! Non uscito in Italia ma reperibile coi sottotitoli. Post-atomico originalissimo, con un mondo fatto a strati come le cipolle, un ragazzo che parla con un cane e il cane ha una grande dote: fiuta le donne. Disporre di donne per la riproduzione è l'ossessione di ciò che è rimasto della popolazione. Prima di passare la parola a chi di dovere, ringrazio l'amico Belushi per la segnalazione (quasi una richiesta) e Napoleone Wilson per la disponibilità a recensirlo.

domenica 12 giugno 2011

La tragedia di un uomo ridicolo

15
1981, Bernardo Bertolucci.

Primo Spaggiari è titolare di un caseificio nel parmense. Il giorno del suo compleanno vedrà, pur da molto lontano, rapire il figlio, grazie al binocolo che proprio il figlio gli ha appena regalato insieme ad altra roba per fare il capitano sulla barca appena acquistata. Si accorderanno alla fine per un riscatto da un miliardo, ma non si capirà a un certo momento se il figlio è morto o meno.

sabato 11 giugno 2011

Tian Xia Di Yi Quan (aka: The Invincible Boxer) - Cinque dita di violenza

16
1972, Chang Chang Ho.

Lasciate perdere di leggere recensioni di film come questo tra i Criticon de Criticoni, non è roba per "salotti bene". Al limite informatevi da quel gran genio di Quentin Tarantino a riguardo, "Kill Bill" qua ha attinto a mani basse. Questo è uno dei Capolavori del genere arti marziali, non esagero, pietra miliare! Ai tempi quando da bambino andavo a vederli al cine dicevamo "film di kung-fu", nessuno si sognava di dire wuxia-movie, non ce ne importava nulla della terminologia, volevamo vedere "mazzat' e' muort!".

venerdì 10 giugno 2011

Miracolo a Milano

33
1951, Vittorio De Sica.

Storico e famosissimo film, uno dei manifesti del neorealismo con le firme di Vittorio De Sica e Cesare Zavattini. Un piccolo gioiello di amore e poesia con protagonista un ragazzo di nome Totò, cresciuto tra gli orfanelli e, appena uscito dall'orfanotrofio, integratosi in una comunità di "barboni" che vivono in una baraccopoli dove, col suo permanente sorriso e la sua infinita empatia, diventerà presto il beniamino di tutti.

giovedì 9 giugno 2011

Brain Damage - La maledizione di Elmer

29
1988, Frank Henenlotter.

Avvertenza: evitare di leggere quanto segue se si hanno remore con la pornografia.
Fino alla prima serie di frame no-problem, be-careful con la seconda... io ho avvisato eh!

Il mostriciattolo di turno che ci propone Henenlotter si chiama Elmer o anche Aylmer. E' fatto a forma di pene (aka: fallo, aka: cazzo/minchia) senza testicoli, di sostanza imprecisata, con la testa dentata dalla quale alla bisogna fuoriesce uno spillone col quale inietta una specie di droga allucinogena direttamente nel cervello del malcapitato (o bencapitato?). Si nutre solo ed esclusivamente di cervelli, e li vuole freschissimi.

mercoledì 8 giugno 2011

Ku-Fu? Dalla Sicilia con furore

25
1973, Nando Cicero.

Il titolo è parodia del film "Dalla Cina con furore" (che presto arriverà qua) del grande Bruce Lee, ma la trama è più ispirata a "Cinque dita di violenza", film famosissimo e tra i capolavori di genere (e anche questo arriverà). Franco interpreta un allievo di Kung-Fu che dalla Sicilia andrà nella capitale dove il vincitore di un torneo d'arti marziali potrà accedere a un posto pubblico molto importante e ambito. Un maestro lo istruirà per sviluppare un'arma micidiale: la "Mano di travertino"...

martedì 7 giugno 2011

Cactus Flower - Fiore di cactus

24
1969, Gene Saks.

E' proprio un regista di piece teatrali portate nel cinema Gene Saks, e bravissimo! Se con "La strana coppia" lo avevo un po' messo in second'ordine rispetto a Neil Simon, autore del testo, stavolta devo davvero elogiarlo a scena aperta perché sì, anche questa commedia di Abe Burrows è scritta benissimo, ma il ritmo giusto, i tempi comici e pure quelli romantici, l'armonia realizzata fra i bravissimi attori, non possono essere opera casuale.

lunedì 6 giugno 2011

Escape 2000 (aka: Blood Camp Thatcher) (aka: Turkey Shoot) (aka: El Imperio de la Muerte)

18
1982, Brian Trenchard-Smith.

Con questo film, SuperCult da Sturbo Massimo! (4 locandine oggi, un record), Napoleone Wilson inaugura una rassegna dedicata alla Ozploitation (o Aussieploitation), e cioè in breve: exploitation australiano.
Non esiste versione italiana di questo film ma si parla un inglese abbastanza comprensibile se non si è del tutto digiuni e poi, per almeno 2 terzi del film, quando parte La Caccia, c'è ben poco di che chiacchierare!

domenica 5 giugno 2011

Faster, Pussycat! Kill! Kill!

23
1965, Russ Meyer.

Aspe' aspe' che non ricordo bene: cosa vuol dire Pussycat? Cat è gatto, ma Pussy? Dev'essere un termine gergale, da indagare. Intanto fatto sta che in questo filmaccio gustosissimo ci sono 3 gnoccolone tutte cosce-culo-tette di gran livello, che sono veramente cattive, crudeli. Possibile, per un normale maschio etero o una normalissima donna omo non innamorarsi di 3 esemplari simili?

sabato 4 giugno 2011

Dov'è la libertà...?

10
1954, Roberto Rossellini.

Il buon Salvatore è in aula processato per aver cercato di entrare abusivamente nel carcere, incredibile ma vero. Durante il processo racconterà ai giudici e ad un pubblico curioso la sua drammatica vicenda, talmente scoraggiante sulla onestà dell'umanità c.d. "libera" da averlo portato a un gesto di quel genere, a voler tornare nel carcere da dove era uscito da poco, dopo oltre 20 anni di detenzione.

venerdì 3 giugno 2011

Shutter Island

38
2010, Martin Scorsese.

Film a cura della Contemporaneista del blog, l'amica Laura alla quale passo subito la parola.

giovedì 2 giugno 2011

Il caso Mattei

17
1972, Francesco Rosi.

Solo nel 2005 venne definitivamente sancito che l'incidente aereo del 27 Ottobre 1962, nel quale morì Enrico Mattei, fu di natura dolosa. Con lui morirono anche gli altri occupanti l'aereo privato e cioè il pilota Irnerio Bertuzzi e il giornalista William Mc Hale. Ad oggi ancora un colpevole "ufficiale" non c'è. Almeno per la giustizia non sono noti i nomi degli assassini, né degli esecutori né soprattutto dei mandanti, ma i nemici di Mattei era chiarissimo già allora chi fossero.

mercoledì 1 giugno 2011

Jisatsu Sakuru (aka: Suicide Circle) - Suicide Club

24
2002, Sion Sono.

Una 50ina di ragazze liceali a Tokyo si gettano, tenendosi per mano e canticchiando, sui binari proprio al sopraggiungere in stazione di un treno. Un massacro, con getti di sangue spaventosi e pezzi di carne ovunque. Si scoprirà che il treno tardò poi a fermarsi per l'enorme quantità di grasso che si era sparsa. E' con questa scena, resa ancora più raccapricciante dalla musica soave che l'accompagna, che comincia questo horror da Olimpo assoluto.