venerdì 30 settembre 2011

Dèmoni (aka: Demons)

12
1985, Lamberto Bava.

Tony il pappone/Bobby Rhodes :-“Cosa diavolo è successo a Rosemary?”

Tony il pappone :- “A me non lo farà, questo è sicuro.”

Nina/Bettina Ciampolini (?) :- “Hey Hot Dog, la prossima volta cerchiamo di fregare una Ferrari. Questo mucchio di ferraglia non ha nessuna classe.”
Hot Dog/Giuseppe [Mauro] Cruciano :- “Proprio come te svampita, è stata messa fuori per troppo tempo.”
Nina :- “Stronzo!”

giovedì 29 settembre 2011

No Retreat, No Surrender - Kickboxers, Vendetta personale

16
1986, Corey Yuen.

No Retreat, No Surrender è uno di quei film che da bambino potevano essere materia di venerazione, soprattutto se eri nato nei meravigliosi anni 80, la decade dei Cobra, dei Commando e dei Rambo.

mercoledì 28 settembre 2011

National Lampoon's Animal House (aka: Animal House)

27
1978, John Landis.

Nel caso qualcuno non conosca il film. Larry e Kent, matricole universitarie, fremono per entrare nell'esculsiva "Omega Theta Phi", associazione studentesca prestigiosa ma snob e ipocrita che li bolla a priori come patetici losers. Niente paura. La Delta Tau Chi, sarà lieta di accogliere i due novellini e cominciare la guerra contro gli odiati rivali spalleggiati dal "Dean" Vernon Wormer.

martedì 27 settembre 2011

Troppo forte

36
1986, Carlo Verdone.

Mortacci tua robbe', ce frulli li cojoni che vvai 'n moto de qqua, de llà, e nun hai visto ancora 'sto filme de' Verdone??? pieno de pistoni, marmitte, coatti gajardi e pure co' 'na gran fregna fromme iunaited steiz... Te devi vergogna'!! Mo' too racconta Er Gobbo tuo, tu lassa perde, nunn'è robba pe' tte, pensa a farte 'e pippe co' ingmarre bergmanne...

lunedì 26 settembre 2011

The No Mercy Man (aka: Trained To Kill, U.S.A.) - America violenta

21
1973, Daniel Vance.

Mè cojoni, quanto m'è sempre garbata fin da regazzino, l'exploitation dei film di vengeance con protagonisti reduci del Vietnam ... E non è nemmeno un filone che almeno in Italia è stato adeguatamente studiato, a parte i grandi successi della quadrilogia di “Rambo - First Blood” ...

domenica 25 settembre 2011

vun, du, tri e quater: sem in quater randàs!

19
(trad. del titolo del post per i terùn: "uno, due, tre e quattro: siamo in quattro randagi!")

Il film "I quattro dell'Ave Maria" lo conoscete tutti di fama. Ancora manca qua, ma arriverà. Gli attori pure sono notissimi. Vediamo come noi quattro potremmo sostituirci a loro:
  • Il nero Brock Peters sono io, Robydick, per sembianze facciali, perché nel web sono anche noto come il Negromante e quindi per assonanza, e per altro non descrivibile in questa sede ma desumibile dal nickname.
  • Terence Hill è Napoleone, misterioso e imprevedibile. E infatti di più non so dire di lui.
  • Bud Spencer decisamente è Belushi, anche qua le sembianze fisiche sono importanti anche se come carattere siamo agli antipodi, ma fa niente, quando si recita ci si adegua al personaggio.
  • Keoma è la grande new entry, e il personaggio brillante e loquace di Eli Wallach gli calza come un guanto al tarantolato Andrea Lanza, così si chiama all'anagrafe. Amico del Belushi, da poco anche mio e ci vedremo a breve in belushilandia per pantagruelico ed etilico consesso.

"Troll 2" il film, e "Best worst movie" il documentario

9
1990, Claudio Fragasso (as Drake Floyd)

Robydick: attenzione, questa è una rece-dittico. Dopo quella di Keoma sul film, c'è la rece di Belushi sul documentario. Allacciate le cinture, c'è da ridere a squarciabudella, aggettivo per restare in tema.
Keoma è socio di fresco conio di questo blog, come avrete notato dal titolo del blog stesso che continua ad allungarsi... stasera ve lo presento per bene, ma se avete fretta è già presente in Redazione.

sabato 24 settembre 2011

Dumbo

32
1941, Walt Disney.

Per me questo è un capolavoro che DEVE essere mostrato per la bellezza e spiegato nei contenuti ad ogni bambino sulla faccia della terra. Chi scrive non è certo un disneyano d.o.c., ma "Dumbo" ce l'ho nel cuore da quando sono bambino e da adulto l'apprezzamento è cresciuto ulteriormente. Quest'anno ricorre il 70esimo dalla sua uscita, splendida occasione per parlarne.

venerdì 23 settembre 2011

Phenomena

26
1985, Dario Argento.

“Jennifer ha qualche milione di amici. Adesso avrà bisogno di tutti loro per trovare l'assassino.”
“Vi farà venire la pelle d'oca.”
“Da Dario Argento il maestro del terrore”
“Il male è vivo e può uccidere.”
“Una nuova generazione di terrore.”
“A nightmare ALIVE!”

Dalle Tagline americane del film.

giovedì 22 settembre 2011

recensione libro: "Il regista" di Alexander Ahndoril, romanzo su Ingmar Bergman

18
Premessa:
Oggi con questo post inauguro le recensioni di libri, e lo faccio alla grande devo dire, grazie a un'eccellente opera di apertura. E' una cosa che medito di fare da tempo, perché vorrei dare un salto di qualità alle mie personali competenze in materia. Scrivo molto di film tramite le recensioni, ma non leggo mai a riguardo se non nel web, e questo è un male, oltretutto quella per la Lettura è la passione che ha preceduto e alimentato quella per il Cinema, ed intendo riattivarla. Non saranno moltissimi, ma alcune recensioni di libri, solo e rigorosamente riguardanti il cinema direttamente, le leggerete.

mercoledì 21 settembre 2011

Rivelazioni di uno psichiatra sul mondo perverso del sesso

17
1973, Renato Polselli.

Basterebbe solo il titolo a fare rientrare la pellicola polselliana nell'empireo del bis. Un titolo che spalanca prepotentemente le porte sull'universo del regista di Arce (FR). "Un film scritto e organizzato da Renato Polselli", una dichiarazione di intenti vera e propria, per alcuni financo una minaccia. Bene, astenersi normal viewers, questo, siete avvisati, non è "Il Magico Mondo di Disney".

martedì 20 settembre 2011

Campo de' fiori

10
1943, Mario Bonnard.

Oggi inizio la recensione con un sentito omaggio ad una delle attrici presenti in quest'opera: Caterina Boratto (fotogramma in basso). Grande personaggio italiano dell'arte della recitazione, ha cominciato giovanissima a calcare set e palcoscenici continuando fino alla fine dei suoi giorni, spaziando su ogni genere sia cinematografico che teatrale. Pochi giorni fa, il 14 settembre, ricorreva un anno dalla sua morte, all'invidiabile età di 95 anni.

lunedì 19 settembre 2011

Police Python 357

13
1976, Alain Corneau.

Yves Montand indossa la stessa giacca per tutto questo film , ed è la stessa che indossava Clint Eastwood in ''Dirty Harry'' (Ispettore Callaghan, il caso Scorpio è tuo!) ('71). E l'elemento migliore del film è appunto Yves Montand, che in questo film si è sforzato ancora più che in altri. Nessuno anche nel 1975 creava e scriveva veramente sul nulla, ma non sarà difficile per tutti quei cinefili veramente di buona cultura e preparazione, ricordarsi che lo spunto di “Police Python 357” è il medesimo di tanti altri film come questo che apposta per quanto detto prima non rivelerò, ovvero quando Charles Laughton chiede a Ray Milland di indagare su un omicidio che lui (Laughton) stesso aveva commesso per poi far fare il capro espiatorio a Milland.

domenica 18 settembre 2011

L'immoralità (aka: La venganza de Baby Simona)

13
1978, Massimo Pirri.

Comincia con Howard Ross/Renato Rossini che tiene in braccio il corpo morto di una bambina, "L'immoralità" di Massimo Pirri. Nessuna concessione al pietismo, si capisce subito che cosa è successo. Dopo aver seppellito il cadavere, Ross se ne va a bordo di un furgoncino. Non farà molta strada, giusto il tempo di far scorrere i titoli di testa, che la polizia lo fermerà. Da qui ha inizio la fuga che lo porterà da Simona (Karin Trentephol), undicenne con ricca famiglia alla sfascio, padre paraplegico e madre puttana e alcolizzata.

sabato 17 settembre 2011

A Fost sau n-a fost? - A est di Bucarest

23
2006, Corneliu Porumboiu.

E' il 22 dicembre 2005, sono trascorsi 16 anni esatti da quel giorno del 1989 in cui scoppiò la rivoluzione in Romania che portò alla destituzione del dittatore nicolae ceausescu dopo 22 anni. In una tv locale in quel di Vaslui, città romena del confine orientale, "Rivoluzione sì o no?" è all'ordine del giorno nel quotidiano talk-show d'opinione, aperto alle telefonate del pubblico.

venerdì 16 settembre 2011

Tenebre (aka: Tenebrae) (aka: Terror Beyond Belief) (aka: Unsane)

11
1982, Dario Argento.

A Descent Into Madness
Dalle Tagline originali cinematografiche americane.

Un'implacabile terrore dal produttore di “Demoni” e SUSPIRIA!

«L'impulso era diventato irresistibile. C'era una sola risposta alla furia che lo torturava e così commise il suo primo assassinio»
(Dario Argento durante i titoli di testa legge un passo del romanzo Tenebrae)

giovedì 15 settembre 2011

Victory (aka: Escape to victory) - Fuga per la vittoria

30
1981, John Huston.

Quest'anno ricorre il trentennale dell'uscita di questo Monumentale Capolavoro di John Huston, perché diciamolo subito, sia io che Napoleone, socio e amico che m'ha ricordato questa ricorrenza, lo riteniamo tale. Uno di quei casi felici che mettono d'accordo tutti, cinefili e consumatori distratti, amanti del ricercato o del semplice cinema d'evasione e di svago, giovani e meno giovani. Anno felice il 1981 per i film storico-sportivi, uscì anche "Chariots of Fire - Momenti di gloria" di Hugh Hudson, già celebrato da queste parti. Anche "Fuga per la vittoria" è ispirato a fatti realmente accaduti, poi ne parliamo.

mercoledì 14 settembre 2011

Il magnifico cornuto

10
1964, Antonio Pietrangeli.

Tognazzi Ugo alias Artusi Andrea, commendatore bresciano che ha fatto fortuna con il cappelificio. Aria da boom economico, scalata sociale, soldi e rispettabilità. Ma non solo. Ossessione, gelosia, adulterio nella società bene del Nord Italia industrializzato.

martedì 13 settembre 2011

Knightriders - I cavalieri

16
1981, George Andrew Romero.

Martin Ferrero/ Bontempi :-” Allora, come ti chiami? “
Marhalt/Scott H. Reiniger [Scott Reiniger] :- “Marhalt. “
Bontempi :- “ Voglio dire il tuo nome "vero".”
Marhalt :- [ sillaba realisticamente] “Marhalt.”

Billy/Ed Harris :- “Ho fatto un altro sogno.”
Merlino/Brother Blue :- “Con quale diritto?”
Billy :- “Un uccello bianco e nero. Sempre lo stesso uccello nero.”
Merlino :- “Sono solo sogni, Billy : sai, se si ottiene certe visioni vuol dire che la propria strada è quella, sei destinato ad avere alcuni strani sogni, Billy.”

lunedì 12 settembre 2011

Nattvardsgästerna - Luci d'inverno

19
1963, Ingmar Bergman.

Con "Luci d'inverno" completiamo la "Trilogia del silenzio di Dio" o anche "Trilogia religiosa", dopo aver ammirato (in ordine di visione) "Il silenzio" e "Come in uno specchio". Chiudo l'introduzione dicendo che questo è un altro immenso capolavoro a mio parere. Da oggi Ingmar Bergman insieme a Luchino Visconti occupa lo scranno più alto del mio personale Olimpo.

domenica 11 settembre 2011

Fantasm

11
1976, Richard Franklin (as Richard Bruce).

Er Gobbo:
M'ha chiesto quer cecato (e sapemo pure come s'è cecato...) de robbydikke de interveni'. Dice - 'a Gobbo, oggi so' 10 anni da quer giorno 'nfame del dumilauno, quanno ce fu er botto che sfonno' le tori omozzigote a niuiorke, volemo fa' 'na provocazione e parla' de' sesso, te va'? - e come nun me va'!, stai a scherza'? Ma li mortacci der monno intero se me va', io com'Er Monnezza fratelo mio de sangue (ma mica de cervelo) c'ho sempre 'a fregna 'n testa!

sabato 10 settembre 2011

Inferno

18
1980, Dario Argento.

Mark/Leigh McCloskey :- “Lei scrive poesie. “
Infermiera/Veronica Lazar:- “Un passatempo particolarmente adatto per le donne.“

[Il personaggio di Rose Elliot legge nella sua mente da un passo de "Le Tre Madri", di E. Varelli]
Rose Elliot/Irene Miracle, voce narrante di Emilio Varelli:-”Non so quanto mi costerà rompere ciò che noi alchimisti abbiamo sempre chiamato Silentium. L'esperienza dei nostri confratelli ci ammonisce a non turbare le menti profane con la nostra sapienza.”

venerdì 9 settembre 2011

Hotaru no haka - Una tomba per le lucciole

22
1988, Isao Takahata.

L'incipit della pagina wiki questo capolavoro se lo merita tutto:
"(film) tratto dall'omonimo romanzo semi-autobiografico di Akiyuki Nosaka.
Sceneggiato e diretto da Isao Takahata, il co-fondatore meno noto di Hayao Miyazaki dello Studio Ghibli, presenta una visione straziante ed intensamente neorealista delle vicende personali di un ragazzo e una bambina indifesi nei confronti dell'orrore della guerra.
Il film venne presentato in contemporanea con "Tonari no Totoro" di Miyazaki. Per la crudezza delle sue immagini, "Una tomba per le lucciole" divenne un film molto controverso e poco pubblicizzato, ma ebbe grande successo in Giappone. In Italia venne distribuito solo nel circuito home-video.
"

giovedì 8 settembre 2011

Nel gorgo del peccato

15
1954, Vittorio Cottafavi.

Robydick: faccio una brevissima introduzione. Napoleone comincia oggi con questa recensione una rassegna del cinema italiano degli anni '50, quello più noto ma anche e soprattutto quello da riscoprire, onorando i personaggi protagonisti di quell'epoca con dovizia anche biografica. Ci saranno molti articoli, parti di libri riportati, ed anche pagine wiki che in buona parte lo stesso Napoleone ha scritto e/o completato sulla nota enciclopedia online. Sarà quindi una sorta di "wiki allargato" dalle sue più personali opinioni, molto più appassionato. Io per ora lo ringrazio tantissimo, è un lavoro enorme che porterà avanti e che darà l'ennesimo salto di qualità a questo blog.
Gli passo la parola.

mercoledì 7 settembre 2011

Såsom i en spegel - Come in uno specchio

21
1961, Ingmar Bergman.

"Come in uno specchio" è il primo film della c.d. "Trilogia del silenzio di Dio" o anche "Trilogia religiosa", della quale quasi 2 anni fa ormai vidi l'ultimo, "Il silenzio". Trilogia che ora desidero invece completare, con la ravvicinata visione anche di "Luci d'inverno", cui poi seguirà una novità per il blog che ora non anticipo.

martedì 6 settembre 2011

Zombi 3 (aka: Zombie Flesh Eaters 2)

10
1988, Lucio Fulci.

Eccolo, il famigerato "Zombi 3" fulciano, controverso, sbertucciato e rinnegato dall'autore stesso. E' la pellicola che segna l'incontro tra due grandi protagonisti del cinema italiano d'epoca, Fulci e Bruno Mattei, con Claudio Fragasso in seconda fila, di cui si é ormai scritto tutto e il contrario di tutto.

lunedì 5 settembre 2011

Incantesimo napoletano

14
2002, Paolo Genovese, Luca Miniero.

M'è costata parecchie insistenze ma alla fine ce l'ho fatta ad ospitare una recensione dell'amico Nico (al secolo Domenico, ma solo per chi sa risolvere integrali differenziali del settimo grado della scala Richter). Il film l'ha scelto lui, ci tengo a dirlo con ponziopilatesco spirito ma anche con lo spirito di un "Lacryma Christi del Vesuvio", che è eti(li)camente da preferire. A ben leggere, in qualche modo i 2 spiriti citati si piacciono a vicenda.
Gli passo la parola.

domenica 4 settembre 2011

Patrocloo! ... e il soldato Camillone, grande, grosso e frescone

8
1973, Mariano Laurenti.

Commedia "militaresca" con Pippo Franco e Laura Troschel, il cui titolo si ispira al tormentone di Giorgio Bracardi ivi recitante nel ruolo di uno psichiatra militare paranoico.

sabato 3 settembre 2011

Rubber

15
2010, Quentin Dupieux.

Film inclassificabile, recensito per affinità elettiva da un personaggio inqualificabile, l'amico Nicola (aka Dr.Nick), al quale passo subito la parola.

venerdì 2 settembre 2011

Suspiria

25
1977, Dario Argento.

Dr. Frank Mandel/Udo Kier:-La sfortuna non viene portata dagli specchi rotti, ma dalle menti spezzate.”

Sarah/Stefania Casini :-Susie, te ne sai niente...di streghe?”

Olga:-Susie...Sarah...Una volta ho letto che i nomi che iniziano con la lettere 'S' sono nomi di serpenti! Sssss! Ssssss!”

giovedì 1 settembre 2011

The Adventures of Priscilla, Queen of the Desert - Priscilla, la regina del deserto

28
1994, Stephan Elliott.

Un transessuale e 2 omosessuali formano un gruppo di drag queen. Si esibiscono a Sidney cantando in playback pezzi famosi, con fantasiose coreografie e costumi sgargianti che essi stessi in parte confezionano. Partiranno per Alice Springs, remota località nel centro-nord dell'Australia, dove la ex moglie di Tick ha chiamato il marito per degli spettacoli. Mezzo di trasporto un bus, sorta di Greyhound in salsa aussie, che battezzeranno con tanto di varo "Priscilla, la regina del deserto". Diventerà presto un motorhome tanto, tanto caruccio, e quando verrà tinteggiato color lavanda sarà un vero amore!