domenica 10 giugno 2012

Piranha 3D

5

2010, Alexandre Aja.

"... ah, e dove sono mamma e papà?"
Con questa frase di uno dei protagonisti, e una scena fulminante che ho bestemmiato il calendario per proporvi un frame, finisce il film. Scoprono che i già grossi piranha del pleistocene che hanno appena sconfitto sono in realtà dei cuccioli. Devo dire, tra le idee più divertenti per annunciare un sequel, appena recensito dal nostro Belushi prima ancora che uscisse da noi: "Piranha 3DD".

Leggete la rece del mio caro socio, questa mia è più una citazione filologica. Il film è a trama quasi scontata, un po' sul filone di questi horror "ecologico-marini" anche se qua siamo vicini a un lago. Si sta svolgendo una di quelle feste all'americana di giovani al bagno, piena di muscoli vigorosi e poppe e culi turgidi, all'insegna del divertimento e del sesso facile (buon per loro!). Un terremoto apre una crepa che mette in comunicazione un antico lago sotterraneo con quello in superficie, e da questo fuoriescono dei piranha mostruosi, poi al solito c'è uno sceriffo/a che salva il salvabile, i bambini in pericolo, bla bla bla...

Dato che il 3DD ha visto John Gulager come regista, Belushi ha giustamente citato la Trilogia Feast (primo, secondo e terzo) che è una sua creatura, da culto per amanti dell'horror slasher come me, soprattutto quando fa anche ridere. Indipendentemente dal regista, l'avrei citata anch'io perché in fatto di sangue a fiumi (o laghi) qua non si scherza affatto, e non si dimentica di stimolare gli ormoni come si conviene! Quindi, per farla breve: trama scontata ok, ma tutti i dettami dello slasher di puro intrattenimento sono rispettati, con efficaci riprese ed effetti speciali quanto bastano per non scadere nel gore. Non saprei dire la visione in 3D come possa essere stata.

Scena cultuale-trash che passerà alla storia: uno dei protagonisti, col corpo interamente rosicchiato fin sopra l'inguine, è disperato perché gli hanno mangiato il cazzo. In realtà il disossato oggetto vaga in acqua e viene ingoiato da una delle bestiacce, la quale poi torna disgustata verso la macchina da presa, lo sputa con sdegno e fa pure il ruttino.

Scena cultuale-sexy che fà tanta passera: il lungo bagno in riprese subacquee di due sirene nude dalle morfologie veramente spettacolari.

Applausi.

Se mai scriverò io una sceneggiatura per questo genere, voglio vedere crepare per primi lo sceriffo/a, i suoi figli e cari, e tutti i possibili stereotipati personaggi in odore di eroe-buono. Farei sopravvivere solo il cast al completo del film porno. Per un mondo migliore.
Robydick



























5 commenti:

  1. Altre 2 scene fantastiche sono:
    1. Quando tutti montano sul palco e quello si rovescia
    2. Quando la testa di un tipo schizza via perchè schiacciata da un motoscafo.

    La versione 3D non è stata grandiosa.. Forse è per via del cinema dove son stato che era tutto piuttosto scuretto. E comunque gli attacchi piranha che già di suo sono molto confusi per ovvi motivi, con il 3D lo erano forse ancor di più.

    Poi però la "scena delle sirene" col 3D e sul grande schermo è stata mooolto gustosa :D
    (fantastica la musica di sottofondo alla scena)

    RispondiElimina
  2. grazie del contributo Gus! :)
    aggiungo: la tipa tagliata in 2 dal cavo d'acciaio non è male

    RispondiElimina
  3. Olè! Ora bisogna chiudere il cerchio e recuperare i prototipi, se non li hai già visti, quanno c'hai voja, "Piranha" (1978)di Joe Dante e "Piranha Paura" (1981) di James Cameron prodotta da Assonitis. E pure "Killer Fish" de Margheriti nostro. Ad Aja la figa deve piacere molto, pare.

    RispondiElimina
  4. ahah! penso proprio de sì Belu', quanto vorrei aver fatto er casting insieme al regista! :D

    RispondiElimina
  5. sono d'accordo. chiudiamo il cerchio coi prototipi

    RispondiElimina