domenica 11 novembre 2012

East Is East - Una Famiglia Ideale

3
1999, Damien O'Donnell.

Una commedia di famiglie, una friggitoria ... e un cane molto rumoroso.”
Giovane, libero e ben ansioso di non essere single”
Una commedia con l'atteggiamento di trovare la strada in una famiglia senza più latitudini.”
Per questo fine settimana di vacanza, l'America si sta dirigendo verso Est!
"La commedia agrodolce è sempre la benvenuta."
Frasi di lancio originali del film

Ecco un film che così ben potrebbe rappresentare quel che si direbbe un pollone intero atto ad essere mangiato da tutta la famiglia. Si tratta di un film molto ben ambientato nella vita reale di personaggi riconoscibili per chi conosca un poco la realtà britannica dei quartieri periferici e multirazziali.


In questi quartieri vivono molte di quelle famiglie che oggi vengono definite “disfunzionali”, “East is East” riporta queste esperienze e perciò dovrebbe essere visto da chiunque pensi di avere una famiglia così.
George Kahn (Om Puri) è un padre pakistano che sta perdendo una battaglia personale atta a mantenere unita la sua famiglia tradizionale nella Gran Bretagna e nel pieno dei tumultuosi anni settanta. Lui e la sua moglie inglese Ella (Linda Bassett) gestiscono una friggitoria e al contempo crescono i loro sette figli. Come il film si apre vediamo George che si sta preparando per lo sposalizio del suo figlio maggiore: la organizzata cerimonia non si risolve come previsto. E da quel momento in poi, nella mente di George, ha sei figli. Tutto questo è nei primi dieci minuti del film, e viene posto assieme a tutto ciò che seguirà, con molto garbo.
George sente che la sua vita sta andando fuori controllo. Quando non ha a che fare con i figli che osservano ma solo formalmente rispetto a quelle che sono le tradizioni, egli si preoccupa al riguardo del ritorno a casa dei figli, come i suoi genitori per lui quando ebbe a ritornare dalla guerra. Oltretutto, deve tenere d'occhio il clima anti -pakistano del suo quartiere. Il mondo di George sta quindi semplicemente cadendo a pezzi.
Senza annunciare i suoi piani a nessuno, egli si propone di portare la sua famiglia più in linea con ciò che egli oramai rapsodizza sempre più come un ideale. L'unico problema è che la sua famiglia non è mai neanche in procinto di essere quel che lui vorrebbe. E per tutto il tempo lo spettro di suo figlio maggiore pende su di lui, facendogli credere che l'unico modo per mantenere ciò che ha di più caro è quello di debellare la corruzione del decadente stile di vita britannico.

Di questo film è molto interessante il fatto che in Medio Oriente e in Oriente è stato presentato in quei paesi nel suo materiale promozionale come un film su questi ragazzi. Non lo è, almeno a mio parere. Non vorrei essere frainteso tutte le interpretazioni degli attori sono qui solide. Eppure, il fulcro su cui poggia questo film è George, e Om Puri ha dato quello che doveva essere una delle più coraggiose interpretazioni di recente memoria del cinema britannico. Noi, come pubblico, non abbiamo il lusso di avere concessoci un protagonista simpatico, in “East is east”. George è un uomo spaventato, e la sua paura lo porta a essere sempre più offensivo nei confronti della propria famiglia. Tutto questo culmina in una scena così semplice nella sua brutalità animale che si ha la tentazione di rifiutarla in blocco. E per tutto questo, George Khan non è la caricatura di un mostro, è un viziato, sentimentale, ma sempre essere umano.

Il che porta ad un'altra qualità a parte che questo film offre: nulla è alla fine risolto. Si ha la sensazione che si sarebbe potuto tendere ad una raggiunta comprensione, ma invece il film non ci offre alcuna soluzione su un piatto d'argento. Questa mancanza di un finale facile colpisce come una nota sorprendentemente efficace e agrodolce alla fine del film. Dopo tutto, alla fine della giornata a volte amiamo la nostra famiglia, e qualche volta la odiamo o almeno qualcuno di essa, ma sono coloro che abbiamo nel bene e nel male, la quale è la dichiarazione più reale di tutti.
Tutto in questo film funziona così perfettamente che alla fine si è lasciati con una sensazione curiosa ma di grande e non vuota umanità. Quello che succede è a volte divertente, a volte orribile, ma tutto questo viene mostrato esteriormente in modi non-affettati e convenzionali, di modo che il film rimane con voi per giorni dopo averlo visto, o anni.


Indian Intenational Film Award Anno Ha Vinto il Premio Speciale Outstanding Achievement in International Cinema
BAFTA Awards Anno 2000 Ha Vinto il Premio Alexander Korda per il miglior film britannico a Leslee Udwin Damien O'Donnell
Nomination al BAFTA per Miglior Film a Leslee Udwin
Miglior attore in un ruolo principale Om Puri
Miglior attrice in un ruolo principale Linda Bassett
Miglior Sceneggiatura - Adattamento Ayub Khan -Din
Carl Foreman Award per l'Esordiente Ayub Khan-Din
Bodil Awards Anno 2001 Nomination al Bodil come miglior film non- Americano (bedste ikke amerikanske film) Damien O'Donnell (direttore)
British Comedy Awards Anno 2000 Ha Vinto il Comedy Award britannico per il Miglior Film Commedia
British Indipendent Film Awards Anno 1999 Ha Vinto il British Independent Film Award per la Miglior sceneggiatura originale Ayub Khan -Din
Nominato al Douglas Hickox Award Damien O'Donnell
Buenos Aires Festival Internazionale di Cinema Indipendente Anno 2000 Ha Vinto il Premio Speciale OCIC a Damien O'Donnell
Chicago International Film Festival Anno 1999 Nominato al Golden Hugo New Administration concours a Damien O'Donnell (regista)
David di Donatello Anno 2000 Nominato al David come Miglior Film Straniero (Miglior Film Straniero) a Damien O'Donnell

Empire Awards, U.K. Anno 2000 Ha Vinto l'Empire Award come Migliore opera prima Damien O'Donnell insieme con 'Carrie-Anne Moss (I)' per “Matrix” (1999).

European Film Awards Anno 1999 Nominato al Film Premio Europeo Miglior Sceneggiatura Ayub Khan- Din
Premio Media dell'Unione Europea Anno 2000 Ha Vinto il Premio MEDIA a Damien O'Donnell
Evening Standard British Film Award Anno 2000 Ha Vinto l'Evening Standard British Film Award come Miglior Film a Damien O'Donnell
Fantasporto Anno Ha Vinto il Premio Settimana degli Autori per il Miglior Film Damien O'Donnell
Goya Awards Anno 2001 Nominato al Goya per il Miglior film europeo (Mejor Película Europea) a Damien O'Donnell

Ljubljiana International Film Festival Anno 2001 Ha Vinto il Kingfisher Award a Damien O'Donnell
London Critics Circle Film Awards Anno 2000 Ha Vinto ALFS Award come Film britannico dell'anno Produttore britannico dell'anno a Leslee Udwin
Lo sceneggiatore britannico dell'anno Ayub Khan -Din
Nomination ALFS Award Attrice britannica dell'anno Linda Bassett
Valladolid International Film Festival Anno 1999 Ha Vinto per la Miglior Attrice a Linda Bassett
Golden Spike a Damien O'Donnell

Vietato in Egitto.

Sulla base di una produzione teatrale popolare con lo stesso nome, la maggior parte degli attori è tornata a riprendere i propri ruoli nel film.

Lo sceneggiatore Ayub Khan -Din ha basato la storia su molte delle sue proprie esperienze di vita che cresceva in una famiglia multi-culturale.

Il reparto scenografie ha faticato a trovare l'autentica carta da parati anni '70 e le moquette e ha dovuto pagare una notevole quantità di soldi per avere un apparecchio specificamente costruito per la loro produzione.

Le scene in cui i bambini sono eccitati dopo che le auto fanno la comparsa nel quartiere è vera nella vita. Nei distretti con affitti bassi e complessi residenziali, con i consigli fino alla fine degli anni settanta, le auto sono state raramente di proprietà di residenti e sono stati considerate una novità per i bambini del quartiere.

Una scena caratterizzata da una discussione in cui i figli di George hanno cercato di discutere tra di loro quale sia la loro nazionalità è stata dopo che Peggy chiama crudelmente Meenah un 'Paki'. La scena era inizialmente destinata a parlare più dilungatamente sulle opinioni contrastanti di ogni bambino in merito a ciò che sentiva in materia di nazionalità, ma solo Maneer ha dimostrato di credersi un pakistano, mentre gli altri erano determinati ad essere anglo-indiani o inglesi.

Tutti gli attori che interpretano i figli di George sono nati in Inghilterra e l'ho trovato facile mettere in relazione ai sentimenti del proprio personaggio di essere cresciuto e di essere britannico pur essendo tenutoa mantenere i valori culturali della loro famiglia e le credenze.

Emma Rydal ha dfovuto indossare una parrucca poiché in quei mesi si era tagliata drasticamente i capelli molto corti precedentemnte al casting per la sua parte nella commedia "Playing the Field" (1998) _.

Om Puri sentì che George era un personaggio affascinante da interpretare a causa della sua personalità contraddittoria.

L'età dei bambini sono le seguenti: Nazir - 25, Abdul - 23, Tariq - 21, Maneer - 19, Saleem - 17, Meenah - 14 e Sajid - 11.

I vestiti dei figli di George sono deliberatamente usurati e obsoleti per indicare che essi sono fatti a mano- e di bassa fattura-tramandati tra tutti.

La casa di Khan non ha il suo bagno privato, che era perfettamente normale per le case a schiera media del tempo. Un bagno di stagno (come mostrato nelle scene iniziali) per il lavaggio come sarebbero stati condivisi in un salotto o una camera da letto tra la famiglia, mentre il gabinetto era solo una dependance nel giardino sul retro.


Spoiler
Le voci di trivia/curiosità seguenti possono rivelare importanti aspetti della trama.

Per tutto il film, Abdul si rivela essere soprannominato Gunga Din dai suoi compagni di lavoro a causa del suo essere pakistano. In una scena tagliata, lascia che in definitiva gli venga affibbiato questo nomignolo fino a quando si scaglia contro uno dei suoi compagni di lavoro mentre questi è a bere in un pub.

Una scena rivela che Abdul si abbatte e piange in presenza del padre la sera prima quando vengono visitati dalla famiglia del signor Shah. E' stata tagliata dal film dopo che il regista sentì il personaggio di Abdul troppo depresso e che avrebbe lasciato la sensazione di una pellicola un po' troppo cupa.

Napoleone Wilson


3 commenti:

  1. ci sono proprio tutte le qualità che dici. così divertente che effettivamente quei pochi momenti drammatici, pur non essendo così estremi, assurgono a elevata intensità proprio per contrasto.
    in compenso ci sono momenti di comicità irresistibile! durante la visita per le nozze combinate della famiglia della sposa ad esempio.

    RispondiElimina
  2. Sì, altra dimostrazione del fatto che la vera Arte è sempre tragicomica. Film gustosissimo e al tempo stesso toccante, tremendo. Visto più volte.

    RispondiElimina
  3. molto interessante la tua rece..ciao carissimi amici...aspetto altre rece del divino peckinpah

    RispondiElimina