domenica 30 settembre 2012

Il rosso e il blu

13
2012, Giuseppe Piccioni.

Una scuola pubblica superiore italiana nei tempi d'oggi, adolescenti e professori a rappresentarne alcune tipicità, una piccola produzione italiana che saluto con piacere insieme ad un autunno nostrano che promette molte belle visioni.

venerdì 21 settembre 2012

L'ultima carrozzella

7
1943, Mario Mattoli.

Trama "despoilerata" presa da wiki con nomi degli attori aggiunti da me:
Antonio Urbani (Aldo Fabrizi), detto "Toto", è un vetturino romano che nutre un'antipatia particolare per i tassisti, rei secondo lui di causare la progressiva estinzione delle carrozzelle a cavalli e dei loro conducenti, di cui egli si ritiene uno degli ultimi superstiti. Uno di questi è il suo ex-amico Pasquale (Aristide Garbini) insieme al figlio Roberto (Enzo Fiermonte). Un giorno Toto fa salire sulla sua vettura una canzonettista (Anna Magnani) che ha fretta di arrivare alla stazione per prendere il treno, e nella concitazione dimentica sulla carrozzella una valigetta. Subito dopo Toto, ormai sulla strada di casa, viene investito dall’auto guidata da Roberto. Il giorno dopo Toto legge l’annuncio della valigetta smarrita e si dà da fare per restituirla alla proprietaria, portandola presso la pensione in cui alloggia. Ne riceve una ricompensa che, insieme al comico Valentino (Tino Scotti), coinquilino della canzonettista appena conosciuto, andrà a puntare su una corsa di cavalli, vincendo una cospicua somma. Ma qualche giorno dopo viene accusato dalla canzonettista di aver sostituito un prezioso anello che si trovava nella valigetta con uno falso, e riceve una querela. Si trova quindi in tribunale a doversi difendere dall'accusa...

giovedì 20 settembre 2012

Speed Trap - Speed Interceptor III

7
1977, Earl Bellamy.

A parte la presenza di un nostro beniamino dei B-movie del cinema americano anni '70 come il protagonista Joe Don Baker, questa scusa per inseguimenti automobilistici senza fine potrebbe apparire come non avere motivazioni reali, per le quali essere stata da me inserita in coda alla fantastica trilogia australiani di “Mad Max” (1, 2, 3). Perchè allora? Ma perchè con somma fantasia i nostri titolisti ebbero a intitolare questo “Speed Trap”, diretto dal regista televisivo e come detto di tanti B-movie, Earl Bellamy, “Speed Interceptor III”. Che così venne distribuito nell'estate del 1982 in Italia, una splendida locandina richiamante il primo “Interceptor” nel tentativo di gabbare qualche spettatore più sprovveduto a pochi mesi dall'uscita cinematografica del grande successo del N°2 “Interceptor -Il Guerriero della strada”.

mercoledì 19 settembre 2012

Star Trek: The Motion Picture

14
1979, Robert Wise.

Con la consulenza esecutiva di Gene Roddenberry, leggendario autore della serie e quella scientifica di Isaak Asimov parte il primo di una lunga serie di film dell'universo narrativo di Star Trek. Finite le prime tre stagioni della serie classica (ricordiamo anche la serie animata) si doveva continuare con Star Trek Phase II, poi il progetto è stato cestinato. Così come americani e sovietici si sfidarono nella corsa allo spazio, Roddenberry e George Lucas si misurarono al cinema; l'uscita dell'episodio IV di Star Wars pose – di fatto – fine alla serie classica spingendo i produttori verso il grande schermo. Si trovano nel web stagioni apocrife, B-Movie come l'omonima Phase II, disponibile anche su Youtube. Da non perdere.

martedì 18 settembre 2012

Shaft - Shaft il detective

11
1971, Gordon Parks.

“La popolazione rivuole indietro Harlem. Hanno Shaft ...qui. L'unico che può riuscirci.”

“SHAFT è il suo nome. SHAFT è il suo personaggio.”

“Più caldo di Bond, ancora più rovente rispetto a Bullitt.”

“Vuoi vedere a”Shaft”? Meglio se vai a chiedere a mamma.” (Trailer)

Frasi di lancio originali del film


A metà di “Shaft”, il protagonista è costretto a prendere un appuntamento con un razzista gangster italiano. Il gangster telefona a Shaft/Richard Roundtree per chiedergli dove si potrebbero incontrare. La risposta di Shaft è uno dei motivi innumerevoli per cui questo film è sempre così gratificante da rivedere, come adesso grazie al recentissimo Blu-ray della Warner Usa. Con un elenco enorme di locali possibili tra cui scegliere, Shaft sceglie il Caffè Reggio, una piccola caffetteria dell'East Village. La decisione è così conclusa dal protagonista del film: se io, John Shaft dovrò fare i conti con le tue stronzate, almeno potrò anche avere un cappuccino.

lunedì 17 settembre 2012

Six Bullets (aka: 6 Bullets)

12
2012, Ernie Barbarash.

Il mercato del sesso è il business più grande del mondo. Una volta ho visto un bambino venduto per sei proiettili... e non ho fatto niente
(Frase prima dei titoli di testa)

Six bullets è la conferma che il cinema d'azione e arti marziali non è morto dopo i budget ridotti all'osso, le location da miserabili, e i cinema sempre più lontani dall'ospitare i nuovi lavori di divi un tempo su piedistallo dei box office.

domenica 16 settembre 2012

Sense and Sensibility - Ragione e sentimento

12
1995, Ang Lee.

Due sorelle, due personalità, due modi diversi di vedere l’amore.
C’è Elinor che è la sorella che ha scelto di seguire la ragione, e nonostante si sia innamorata di Edward Ferrars fratello di Fanny sua cognata, crede in un rapporto tranquillo con una persona, e senza particolari sussulti passionali.

sabato 15 settembre 2012

Mesrine

22
1984, André Génovès.

Ancora prima del dittico-capolavoro premiatissimo ai Cesàr e altrove, dall'enorme successo di pubblico in Francia e all'estero, diretto da Jean-Francois Richet con Vincent Cassel magnifico protagonista, nel 2009, (ovviamente malissimo distribuito e quasi del tutto ignorato in Italia, se non fosse grazie ai dvd e ai Blu-ray), ovvero il monumentale affresco “Nemico pubblico N°1 -L'istinto di morte”(L'Ennemi public N°1 -L'instinct de Mort), e “Nemico pubblico N°1 -L'ora della fuga” (Mesrine -L'Ennemi public N°1)-, e insieme ad un paio di eccellenti documentari cinematografici, e una pletora di televisivi, vi fu questo “Mesrine” (1984) diretto dal sempre bravo André Génovès, migliore di quanto mi potessi anche solamente e lontanamente aspettare, e anche meglio di quanto mi ricordavo, dopo non averlo visto da anni, e soprattutto con il sopraggiungere del “kolossal” di Richet.

SOME PREFER CAKE. Bologna Lesbian Film Festival, VI edizione. 20-23 settembre 2012

3
Some Prefer Cake
Bologna Lesbian Film Festival

Celebriamo la ricchezza del cinema lesbico
VI edizione
20 -23 settembre 2012
Nuovo Cinema Nosadella
Via dello Scalo 21/Via Lodovico Berti 2/7 - Bologna

Da giovedì 20 a domenica 23 settembre 2012 torna a Bologna Some Prefer Cake, il festival internazionale di cinema lesbico, organizzato da Fuoricampo Lesbian Group, con la direzione artistica di Luki Massa, che celebra la sua sesta edizione confermandosi come osservatorio privilegiato sul cinema a tematica lesbica da tutto il mondo.

1460 minuti di proiezioni, 29 film, tra cui 7 lungometraggi narrativi e 10 documentari, 17 paesi di produzione, 4 prime italiane e 3 prime mondiali, 4 incontri con registe e autrici, una mostra fotografica: questo il percorso alla scoperta della ricchezza del cinema lesbico e della produzione artistica e culturale lesbica proposto da Some Prefer Cake.

Nel 2012 il festival rende omaggio a una serie di figure storiche e contemporanee della cultura lesbica: Zanele Muholi, giovane artista sudafricana, il cui volto fiero è ritratto nel visual di SPC, che sarà presente con la mostra Zanele Muholi Visual ARTivist, il documentario Difficult Love e ospite sabato 22 al Cinema Nosadella per raccontare al pubblico italiano il suo lavoro di attivista visuale che da anni realizza opere sulla visibilità delle donne lesbiche nere e della comunità queer in Sudafrica; Adrienne Rich, poeta e teorica lesbica e femminista statunitense scomparsa pochi mesi fa, a cui è dedicata l'inaugurazione del festival, con una lettura musicata di stralci dalle sue opere a cura di Sarah Fornito, Bianca Ferricelli e Valentina Pinza; Audre Lorde, attivista “nera, lesbica, femminista, guerriera, poeta, madre”, di cui il recente documentario Audre Lorde: The Berlin Years 1984 to 1992 realizzato da Dagmar Schultz, in programma a Some Prefer Cake, ricostruisce il lavoro e l'influenza nel contesto berlinese frequentato intensamente dal 1984 al 1992.

Tra i film in programma, nella sezione Documentari One Wedding and a Revolution e It’s Still Elementary di Debra Chasnoff, I am di Sonali Gulati, 365 Without 377 di Adele Tulli, Altra Città di Cristina Comperini; nella corposa sezione fiction, Bye Bye Blondie di Virginie Despentes, autrice e poi regista del controverso Scopami, il canadese Margarita (Premio come migliore lungometraggio al Festival International de Films de Femmes de Créteil 2012 e a Inside/Out Toronto 2012), Kyss mig, della regista svedese Alexandra-Therese Keining, Mosquita Y Mari, film di Aurora Guerrero in concorso al Sundance 2012, Circumstance, primo film lesbico iraniano, premiato dal pubblico al Sundance Festival del 2011, Cloudburst, road movie romantico di Thom Fitzgerald, e infine l'israeliano Joe + Belle.

Al consueto Premio del Pubblico, da quest'anno Some Prefer Cake affianca i premi al miglior lungometraggio, miglior documentario e miglior cortometraggio conferiti da una prestigiosa giuria composta da giornaliste e esperte e studiose di cinema, di comunicazione, di women/gender/queer studies.

Oltre al percorso di visioni cinematografiche Some Prefer Cake è anche arte, cultura e socialità lesbiche e femministe: nell'ambito del festival viene infatti presentata la mostra personale Zanele Muholi Visual ARTivist; gli incontri con la stessa Zanele Muholi, con le regista Adele Tulli e Debra Chasnoff; con la fumettista Pat Carra, che presenterà il suo ultimo libro, “Sex of Humour”.

Sabato 22 settembre dalle ore 22.00 allo Spazio Sì di via San Vitale 67, si svolgerà l'SPC Official Party.
Orari proiezioni: giovedì a partire dalle 18.00, venerdì a partire dalle 14.00, sabato e domenica a partire dalle 12.00. Tutte le sere fino a mezzanotte.
Ingresso per ogni ciclo di proiezioni: euro 5,00.
Biglietto giornaliero euro 20,00.
Biglietto cumulativo valido per l’ingresso a tutte le proiezioni del festival: euro 40,00.
Biglietto cumulativo sostenitore: euro 50,00.
Il programma completo su http://www.someprefercakefestival.com

Ufficio stampa
Elisa Coco - Comunicattive Snc
+39 051 6493772 / +39 338 5864109 / ufficiostampa@comunicattive.it

venerdì 14 settembre 2012

Bella addormentata

16
2012, Marco Bellocchio.

Fotografia di Daniele Ciprì, sceneggiatura di Stefano Rulli e Veronica Raimo. Questi geni sono degni di menzione anche soltanto per le scene nel bagno turco dei senatori, che sembrano fuori dal tempo – stile antichi romani – dove Toni Servillo e Roberto Herlitzka danno il meglio di sé ed i senatori restano con la testa fuori dall'acqua a seguire i risultati della votazione che dovrebbe impedire ai medici di togliere i tubi che costringono Eluana Englaro ad essere prigioniera del proprio corpo.

giovedì 13 settembre 2012

One in the Chamber

24
2012, William Kaufman.

Lontani i tempi in cui gli action erano girati con un minimo di budget e scenari urbani da grandi metropoli. Pensiamo agli anni 80, ma anche ai 90, dove al cinema potevamo sederci comodi a guardare un film d'azione con Stallone o Van Damme facendoci coccolare dalla grandiosità spettacolare del prodotto. Ora invece bisogna affidarci a quei mattacchioni de I mercenari 2, ma non è la stessa cosa, va bene per farsi due risate, ma l'action è roba seria, non materiale per barzellette.

mercoledì 12 settembre 2012

Meatballs - Polpette

9

1979, Ivan Reitman.

"It just doesn't matter!" grida Bill Murray/Tripper Harrison agli ospiti ed ai supervisori del Camp North Star, impegnati in una gara olimpica di fine estate contro gli odiati "colleghi" del Camp Mohawk che li stanno surclassando, ricchi, antipatici e pure bari. "Chi se ne importa!" urlano di rimando tutti i giovani e giovanissimi raccolti intorno al camino. Sembra un pò il "motivational speech" pronunciato solo l'anno prima da John "Bluto" Blutarsky alla congrega depressa dei Delta, prima della parata cittadina, e non siamo poi molto lontani.

martedì 11 settembre 2012

VIEW Conference 2012 - Torino - dal 16 al 19 ottobre 2012

0


Alla VIEW Conference 2012 il regista Genndy Tartakovsky presenterà il suo ultimo lavoro, il lungometraggio animato Hotel Transylvania. La manifestazione avrà luogo a Torino dal 16 al 19 ottobre 2012


Torino, 16 agosto 2012 – La VIEW Conference è orgogliosa di annunciare che il regista Genndy Tartakovsky presenterà il suo ultimo lavoro, il lungometraggio d'animazione film Hotel Transylvania, durante la conferenza 2012, in programma a Torino dal 16 al 19 ottobre. Il pluripremiato regista mostrerà, per la prima volta in Italia, 20 minuti del suo film, una commedia animata da mostri in 3D. Prodotto da Sony Pictures Animation e realizzato da Sony Pictures Imageworks, Hotel Transylvania, è interpretato dalle voci di numerose star: Adam Sandler è Dracula, Selena Gomez sua figlia Mavis, Andy Samberg doppia l’umano Jonathan, Kevin James è Frankenstein, il cantante/compositore, rapper e produttore Cee-Lo Green è Murray la mummia e Steve Buscemi il lupo mannaro Wayne.
In questo film, Dracula è un iper-protettivo padre che possiede un sontuoso resort a cinque stelle. Il resort offre ai mostri un posto dove vivere tranquilli senza intrusioni umane; qui abita al sicuro dal mondo esterno anche Mavis, l’amata figlia di Dracula, finché un giorno un ragazzo normale entra in albergo…

Regista, produttore, scrittore e storyboard Genndy Tartakovsky, nel corso della sua carriera, ha ricevuto cinque nomination agli Annie per le produzioni animate televisive ‘Samurai Jack’ e ‘Il laboratorio di Dexter’, e nel 2007 ha vinto l’Annie Awards 'Winsor McCay Award’. Inoltre ha ricevuto ben 12 nomination agli Emmy per le serie animate ‘Il Laboratorio di Dexter’, ‘Le Superchicche’, ‘Samurai Jack’ e ‘Star Wars: Clone Wars’. Nel 2004, ha vinto l’Emmy Awards per ‘Samurai Jack’ e ‘Star Wars: Clone Wars’, e nel 2005, riceve il suo terso Emmy per ‘Clone Wars’. Il regista è stato anche storyboard del live-action ‘Iron Man-2’ , per il quale ha ricevuto una nomination agli Oscar per i ‘Migliori effetti visivi’.

Tartakovsky è nato e cresciuto a Mosca (URSS), poi all'età di sette anni si trasferisce in Italia e successivamente a Chicago dove studia animazione al CalArts di Los Angeles,  luogo in cui realizzerà il film studentesco che diventerà la base per la serie animata "Il Laboratorio di Dexter".

VIEW è anche felice di presentare, da Sony Pictures Imagework,  il CTO Rob Bredow, che mostrerà i 20 anni di innovazione nell’animazione di personaggi, creature ed effetti visivi.
Interverrà inoltre David Schaub, pluripremiato supervisore alle animazioni, che esplorerà i segreti dietro al blockbuster estivo “The Amazing Spider-Man”


Quest'anno, Sony Pictures Animation festeggia il suo 10 ° anniversario e tra i suoi titoli d’animazione più noti ricordiamo: Monster House, Piovono polpette, e Surf 's Up (il re delle onde); mentre Sony Pictures Imageworks, che festeggia il suo 20° anniversario, crea effetti visivi anche per i film live-action , tra cui quest'anno Spider-Man e Men in Black 3.

La VIEW Conference è più importante conferenza di computer grafica a livello italiano ed europeo. Giunta alla sua 13 ° edizione, la manifestazione ospita personaggi di spicco nel campo dell'animazione, degli effetti visivi, della grafica, del design, dell’animazione in 3D, dei videogames e del cinema digitale,  che condivideranno esperienze, idee e conoscenze tra loro e con i professionisti e gli studenti che frequentano i workshop, le presentazioni e i numerosi eventi aperti al pubblico .

La VIEW Conference ospiterà alcuni dei nomi più importanti, a livello mondiale, legati alle tecnologie e alla creatività. Tra questi: Gary Rydstorm, sound designer dello Skywalker Sound e vincitore di ben 7 Academy Awards; Eric Darnell, regista della trilogia d’animazione ‘Madagascar’; Dan Attias, vincitore del Directors Guild of America Award e regista di molte delle più famose serie tv americane; Josh Holmes, direttore creativo di HALO; Chris Perry, pluripremiato regista e sceneggiatore indipendente; Glenn Entis, pioniere della computer grafica; Tom Wujec, autore e Fellow di Autodesk e molti altri.
VIEW Conference è realizzata grazie al contributo Compagnia di San Paolo, Regione Piemonte, Provincia di Torino, Città di Torino, Fondazione CRT, Camera di Commercio di Torino e Autodesk.

Anche quest’anno, Torino diventerà la capitale internazionale dell’infotainment e dell’audiovisivo: un appuntamento che richiamerà, grazie ai suoi contenuti e ai suoi ospiti, gli appassionati e la digital community.

Sono aperte le iscrizioni per la VIEW Conference, che si svolge a ottobre dal 16 a 19, e per il VIEWFest, il festival del cinema digitale, che seguirà a VIEW Conference, sempre a Torino dal 19 al 21 ottobre. Per moduli d’iscrizione ed ulteriori informazioni: www.viewconference.it/ FB: VIEW Conference/ info@viewconference.it

Concorsi & date ufficiali 2012
VIEW SOCIAL CONTEST/un film, un corto, un video musicale o una pubblicità realizzati mediante animazione 2D/3D e/o VFX che si focalizzino su temi sociali/ Scadenza:15 Settembre 2012 / Primo premio: 1500 €
VIEW AWARD/ cortometraggi animati realizzati mediante animazione 2d/3D e/o VFX / videogiochi/ Scadenza: 15 Settembre 2012 / Primo Premio: 2000€
ITALIANMIX/ opere realizzate da autori italiani o stranieri ma che abbiano come argomento l’Italia o soggetti Italiani / Scadenza: 15 Seettembre 2012
GRIMM ANIMATED/ cortometraggi animati della durata massima di 5 minuti che esplorino i classici dei fratelli Grimm in maniera innovativa/ Scadenza: 24 Agosto 2012 / Primo Premio: 1500 €
Seguiteci sulla nostra  pagina Facebook “VIEW Conference” e su twitter @ViewConference.

Ufficio Stampa:
Teresa Baroni baroni@secrp.it; cell. +39 340 7608713 or tel. +39 026249991
Anna Esposito: esposito@secrp.it  
Francesca Colombo: colombo@secrp.it 

Informazioni generali: info@viewconference.it
CORSO MARCONI 38, 10125, TURIN, ITALY
TEL. +39 011 6680948 - +39 011 19785575;
FAX +39 011 6501214 |
www.viewconference.it
www.viewfest.it







lunedì 10 settembre 2012

Route 181: Fragments of a Journey in Palestine-Israel

8
2004, Eyal Sivan, Michel Khleifi.

Scritto e diretto dal palestinese Michel Khleifi e dall'israeliano Eyal Sivan, Route 181, frangments of a journey in Palestine-Israel (frammenti di un viaggio in Palestina-Israele) potrebbe essere definito un documentario on the road. Un viaggio diviso in tre puntate dal sud al nord dello stato di Israele, nel periodo in cui era in costruzione il muro che li divideva dal popolo palestinese. Così fin dai primi minuti sappiamo già di cosa si parla e l'aspettativa di chi guarda verrà chilometro dopo chilometro, soddisfatta. Sfatato subito il mito dell'ebreo che si costruisce il kibutz da solo; spesso e volentieri la manovalanza è araba. Molti sono gli islamici che risiedono nello stato occupante – perché le cose si chiamano per nome - verranno intervistati alcuni di loro; l'immagine che si va a creare è quella di una pseudo minoranza che nonostante abbia la cittadinanza sulla carta, non gode dei pieni diritti civili. Parliamo ovviamente dei discendenti di coloro che sono riusciti a sopravvivere ai rastrellamenti, agli stupri, agli omicidi.

domenica 9 settembre 2012

Ultimo incontro

6
1951, Gianni Franciolini.

Un bel melodramma da un soggetto letterario di Marco Praga, d'ambientazione milanese perfetta e insuperabile nella sua autonoma bellezza.

sabato 8 settembre 2012

Pretty Woman

49
1990, Garry Marshall.

Vivian Ward è una giovane e bella ragazza, che vive con il mestiere più antico del mondo. Fa la prostituta nell’hollywood boulevard, insieme alla sua amica Kit de Luca. Un giorno il suo destino si incrocia con Edward Lewis, un ricchissimo magnate che compra aziende, le divide e le rivende al doppio del suo prezzo. Edward ha la macchina di un suo amico, è solo, è stato appena piantato dalla sua ragazza e ha un importante affare da sbrigare in un weekend di una grossa compagnia navale, in cui può guadagnare una barca di soldi. Per questo weekend non vuole legami sentimentali, quando il suo destino s’imbatte in Vivian. Non perde l’occasione e, dopo una serata insieme, le offre l’opportunità di essere la sua accompagnatrice, in cambio di trecentomila dollari. La ragazza accetta, e non sarà come si aspettano tutti e due, perché l’amore ci mette il suo zampino…

venerdì 7 settembre 2012

Straw Dogs - Cane di paglia

21
1971, Sam Peckinpah.

"Cercare di sfondare quella porta significava la nascita di un uomo e la morte di altri sette!"

"A volte un uomo è costretto a difendere il suo onore."

"Bandito in Gran Bretagna."

"Agli occhi di ogni codardo brucia un cane di paglia."

"Fino a che punto può arrivare un uomo per proteggere la moglie e la sua casa?"

“Ogni uomo teme il giorno in cui potrebbe essere costretto a difendere la propria moglie e la propria casa.”

“Non va bene, non va male, ma non c'è giustizia.”

“Ogni uomo ha un punto di rottura.”

“Si può spingere un uomo al limite ... Ma si aspetti delle conseguenze.”

Tagline originali del film

“BANDITO per 18 anni ... Ora ritorna più che mai SCATENATO, UNCUT!” (Slogan per l'uscita in dvd U.K.)


giovedì 6 settembre 2012

Bande à part (aka: Separato magnetico)

14
1964, Jean-Luc Godard.

Coi suoi momenti di meta-narrazione Bande à part si rivelerà l'apice del movimento cinematografico Nouvelle Vague, nato alla fine degli anni '50, riuscirà a sdoganare i critici francesi portandoli a realizzare loro stessi quei film che avrebbero voluto vedere nelle sale, in risposta anche ai fermenti nelle piazze francesi, alla guerra in Algeria e al nascente consumismo di massa. Nouvelle Vague, letteralmente “nuova onda” rappresenta un mondo ed uno stile di vita che rispondeva ai sogni e alle utopie dei giovani francesi, in conseguenza anche della crisi generazionale del periodo.

mercoledì 5 settembre 2012

The Expendables 2 - I mercenari 2

16
2012, Simon West.

Ci sono due modi per accingersi a I mercenari 2, un modo sbagliato e un modo giusto, questo senza togliere che qualitativamente si sta parlando di un film che, seguendo i sacrosanti crismi della critica togata, è una vera merda inenarrabile. Che poi il film piaccia, e a chi scrive ha divertito molto, e lo dice senza vergogna alcuna, è un altro paio di maniche.

martedì 4 settembre 2012

Mad Max Beyond Thunderdome (aka: Mad Max 3) - Mad Max Oltre la sfera del tuono

35
1985, George Miller, George Ogilvie.

Max è tornato ... e Tina lo ha preso!”

“Tenete per Mad Max, là nell'Outback. Questa è la sua più grande avventura.”

“Un guerriero solitario alla ricerca di suo destino ... una tribù di bambini perduti in attesa di un eroe ... in un mondo che lotta per sopravvivere, si trovano ad affrontare una donna decisa a governare.”

Mad Max Oltre la Sfera del Tuono” è l'occasione per un tipo per me molto raro di soddisfazione: la realizzazione inevitabile che tutti i film della stessa trilogia realizzati da un regista tecnicamente eccezionale, possono essere parimenti dei capolavori “Mad Max Beyond Thunderdome” è infatti un film eccezionale, quasi buono come il precedente “Interceptor -Il Guerriero della strada” o il segmento girato tra i due film da George Miller per “Ai Confini della Realtà -Il Film”.

lunedì 3 settembre 2012

INTERIORA - III Edizione del Festival Indipendente di Arti Horror

0
Pubblicizzo con piacere questo festival, su invito dell'amica Giulia Pellini
Robydick

Proroga del bando di partecipazione
INTERIORA mostra ciò che hai dentro
30 e 31 Ottobre 2012 - Forte Prenestino, Roma

Il Festival Indipendente di Arti Horror proroga il bando di partecipazione al 30 Settembre 2012



Per venire incontro alle numerose richieste, la Direzione di INTERIORA mostra ciò che hai dentro ha deciso di prorogare al 30 Settembre 2012 il termine per inoltrare i propri lavori al Festival di Arti Horror Indipendenti. Un evento che si dimostra sempre più interessante, grazie alla qualità delle proposte che troveranno spazio il 30 e 31 Ottobre al Forte Prenestino, Roma.
Giunto alla terza edizione, il primo festival che ospita tutte le forme artistiche e creative legate all'emozione primordiale della paura, acquisisce prestigio e si propone come il più importante appuntamento per l'horror indipendente in Italia. INTERIORA mostra ciò che hai dentro propone uno sguardo esteso alle varie possibilità comunicative, promuovendo opere capaci di attualizzarne lo stile e i contenuti. Ma è ancora presto per parlare del programma, “possiamo solo anticiparvi che Interiora quest'anno ospiterà il primo meeting italiano di extreme body performance. Un momento fortemente voluto ed estremamente apprezzato in quanto completamente autorganizzato dagli stessi performer”.
Questa proroga vuole essere un ringraziamento a tutti coloro che hanno voluto dedicare un'opera appositamente a INTERIORA mostra ciò che hai dentro, “per noi organizzatori è un enorme soddisfazione riscontrare tanto calore. In Italia c'è una grande attenzione nella produzione indipendente, […] ci sentiamo parte di un processo di rinnovamento che, siamo sicuri, a breve darà i suoi frutti”. Gli artisti interessati possono dunque consultare le modalità d'iscrizione sul sito www.interiora.it

Per maggiori informazioni: info@interiora.it (+39 333 45 02 977)
Sito web www.interiora.it

Facebook https://www.facebook.com/InterioraHorror
Twitter https://twitter.com/InterioraHorror
Youtube http://www.youtube.com/user/interiorahorror
Flickr https://www.flickr.com/InterioraHorror


Boogie Nights - Boogie Nights: L'altra Hollywood

38
1997, Paul Thomas Anderson.


S. Fernando Valley 1977,
Il famoso regista Porno Jack Horner, durante una serata in una discoteca scopre un timido lavapiatti, che ha un dono speciale, un pene lungo 33 centimetri, il suo nome è Eddie Adams, e nonostante le resistenze iniziali, inizia la sua scalata al successo del cinema a luci rosse.

Nei primi anni settanta, il cinema pornografico, rischiava di diventare un nuovo genere, l’ideale di Jack horner, per fare un buon film era, belle ragazze, recitazione, e anche una storia che li tenesse incollati nello schermo, ovvero, dopo che si sono svuotati del succo della felicità, non riuscivano ad alzarsi, finchè non sapevano come andava a finire la storia; ma erano altri tempi, si teneva in considerazione, la recitazione, la pellicola, si spendevano dei soldi, perciò, i film venivano curati maggiormente.

domenica 2 settembre 2012

Di che segno sei?

8
1975, Sergio Corbucci.

Commedia leggera, di puro svago senza essere scema, quindi cinema utile alla salute. Trama generica dei 4 episodi da wiki:
I quattro episodi non sono collegati fra loro da un'unica trama, bensì dall'intento di mostrare come la varietà umana, dipinta nello spaccato di quattro vite quotidiane, possa essere ricondotta all'unità dall'appartenenza a uno dei quattro gruppi nei quali sono classificati i segni zodiacali: Acqua, Aria, Fuoco e Terra.
Il "destino" supera sempre la forza di volontà dei protagonisti che con tutti i loro sforzi in una direzione, alla fine vengono sempre riportati sulla strada che gli astri hanno disegnato per loro.
Nessuno di loro riuscirà a incarnare l'eroe senza fallo (Paolo Villaggio), senza paura (Adriano Celentano), senza macchia (Renato Pozzetto) o il cow boy alla John Wayne (Alberto Sordi) che pure tanto puntigliosamente cercano di imitare.


sabato 1 settembre 2012

Tirano Banderas - Il tiranno Banderas

9
1993, José Luis García Sánchez.

Tratto dall'omonimo romanzo del 1926 di Ramón María del Valle-Inclán, rispettato poeta e drammaturgo spagnolo. Tiranno Banderas è una distopia ambientata in una non ben definita repubblica Sud Americana degli anni '20; come tutte le storie di questo genere possiede molti elementi allegorico-allusivi di facile decifrazione, testimonia l'aspetto ciclico della storia. Non a caso questa storia non è affatto lineare perché il suo finale suggerisce l'inesorabile ripetersi della commedia del potere nel cambiamento dei costumi. Insomma, tutto deve cambiare perché niente cambi.