lunedì 31 dicembre 2012

Poultrygeist: Night of the Chicken Dead (aka: Poultrygeist: Attack of the Chicken Zombies!)

2
2006, Lloyd Kaufman.

Due anni fa conclusi l'anno con un film adeguato ad agevolare le libagioni sansilvestriane, l'ottimo "Super Size Me" (2004, Morgan Spurlock), docufilm d'attacco frontale alle multinazionali del junk food. Quest'anno restiamo in zona, con un film uscito solo due anni dopo, di stessa ispirazione di fondo ma di tutt'altro genere, quello con cui si concluse l'attività (purtroppo, speriamo riprenda prima o poi) della mitica Troma Entertainment. Se "stimola" l'appetito, lascio giudicare...

domenica 30 dicembre 2012

Excision

7
2012, Richard Bates Jr.

Pauline è una curiosa ragazza chiaramente disadatta, molto intelligente, ritrosa ad ogni forma di potere su di lei, mascolinamente brutta e disinteressata a curarsi nell'aspetto. Studia medicina con interesse. Vive in una famiglia dove la madre la fa da "padre-padrona", padre uomo accomodante e insignificante, sorella dotata di tutta la bellezza a lei sottratta ma anche una malattia incurabile ai polmoni che necessita di un rischioso trapianto.

sabato 29 dicembre 2012

Atonement - Espiazione

6
2007, Joe Wright.

In una famiglia inglese benestante due sorelle sono innamorate dello stesso ragazzo, figlio di una delle serve di cucina. Una ha l'età giusta e l'amore tra i due è reale e corrisposto, ardente. L'altra è troppo piccola ma ha una fervente fantasia ed è una brillante scrittrice. Una sera una loro cugina ospite sarà violentata e la piccola, accecata da un insieme di gelosia ed odio, accuserà l'incolpevole ragazzo, che per sfuggire alla condanna non avrà altra scelta che arruolarsi volontario per la seconda guerra mondiale. La sua amata diventerà infermiera. Anche la più piccola sarà infermiera e cercherà, ravveduta e pentita, di rimediare...

venerdì 28 dicembre 2012

Calendar Girls

3
2003, Nigel Cole.

Plot from wiki:
When Annie Clarke's husband John dies from leukaemia at an early age, her close friend Chris Harper, anxious to purchase a comfortable sofa for the visitors' lounge in the hospital where he was treated, hits upon the idea of printing a calendar featuring some of the members of the Knapely branch of the Women's Institute discreetly posing nude while engaged in everyday activities, such as baking and knitting, in order to raise funds. Her proposal initially is met with great scepticism, but she eventually convinces ten women to participate in the project with her. They enlist one of the hospital workers, an amateur photographer named Lawrence, to help them with the concept.
The head of the local Women's Institute branch refuses to sanction the calendar, and Chris and Annie go to a national congress of the Women's Institute in London to plead their case. They are told the final decision rests with the local leader, who grudgingly agrees to the calendar's sale. The initial printing quickly sells out, and before long the tiny village is bombarded with members of the international media anxious to report the feel-good story.
The women are invited to appear on The Tonight Show with Jay Leno in Los Angeles. While there, tensions arise between Chris and Annie. All the publicity surrounding the calendar has taken a toll on their personal lives, and they lash out at each other in angry frustration. Annie accuses Chris of ignoring her husband and son and the demands of the family business in favour of her newfound celebrity, while Chris believes Annie welcomes the Mother Teresa-like status to which she's been elevated that allows her to cater to the ill and bereaved who have bombarded her with fan mail. All is resolved eventually, and the women return home to resume life as it was before they removed their clothing.

giovedì 27 dicembre 2012

Saving Grace - L'erba di Grace

2
2000, Nigel Cole.

Un po' di trama da wiki:
Grace è una donna di mezz'età che vive in Cornovaglia. Ritrovatasi vedova, viene a conoscenza dell'enorme deficit finanziario in cui l'ha abbandonata il marito che si è probabilmente suicidato gettandosi da un aereo senza paracadute. Abituata ad una vita casalinga come tutte le altre donne del paese con il rito del tè al pomeriggio e altri semplici passatempi, si ritrova nel panico perché sta per perdere tutto per poter ripagare i debiti. Traendo spunto dal vizio del fidato giardiniere Matthew e sapendo di poter contare sulle proprie abilità di vivaista/giardiniera, decide di coinvolgerlo nella coltivazione idroponica di una serra di piante di marijuana per poterla poi rivendere sul mercato londinese e pagare i debiti. Questa strana coppia riesce perfettamente nell'impresa della coltivazione, ma incontra problemi in fase di vendita. I due, in maniera comica, si cacciano e si tolgono dai guai.

Enduring Love - L'amore fatale

4
2004, Roger Michell.

Da wiki:
Film tratto tratto dall'omonimo romanzo di Ian McEwan.
Il picnic romantico tra Joe e la fidanzata Claire viene bruscamente interrotto dall'arrivo di un'enorme mongolfiera rossa, di cui il suo conducente ha perso il controllo. Joe e altre persone presenti al parco si apprestano ad aiutare l'uomo nel tentativo di tenere la mongolfiera a terra, visto che il nipotino dell'uomo è rimasto nella cesta, ma ogni tentativo è vano, così gli uomini lasciano ad uno ad uno la presa dalla corda, ma uno di loro perde tragicamente la vita, precipitando al suolo. Turbato dagli avvenimenti, Joe viene avvicinato da Jed, uno dei soccorritori; quest'ultimo si autoconvince dell'esistenza di un legame speciale con Joe. Il crescente amore mistico e ossessivo di Jed sconvolge la vita di Joe, e mette in crisi il rapporto con la fidanzata Claire.

mercoledì 26 dicembre 2012

Wu gong zhou - Centipede Horror

4
1984, Keith Li.

In astinenza dopo le meraviglie di Tom Six, "The Human Centipede (First Sequence)" e "The Human Centipede 2 (Full Sequence)", e in attesa che venga completata la trilogia, mi son messo a cercare qualcosa che avesse ancora a che fare con l'artropode misterioso. E' saltato fuori questo animal horror ottantesco made in Hong Kong che se non altro mi ha allietato con scolopendre in quantità industriale, un po' di gore, una spruzzata di figa e tanta, esilarante, magia nera, 'na roba veramente da schiantare. Il cocktail risultante è un b-movie che merita la mia categoria Trash.

martedì 25 dicembre 2012

August Underground's Mordum

4
2003, Fred Vogel.

Attenzione: horror estremo.
Vi basti la locandina in quanto tale, evito ulteriori immagini che rischierebbero di farmi chiudere il blog e non ne vale proprio la pena per una pellicola del genere. La cito perché come rece natalizia #2 è certamente ottimo contrappasso e appunto, più che una rece questa è una citazione. Chi è interessato ad approfondire può, in siti più specialistici, trovare ulteriori dettagli. Se volete altre immagini basta cercare con google, il web ne è pieno...

Suor Omicidi (aka: The Killer Nun)

4
1979, Giulio Berruti.

Come rece natalizia #1 questo "Suor Omicidi", seconda ed ultima opera di Giulio Berruti, è certamente adeguato. Ispirato (pare) alla vera vicenda di una suora cattolica in Belgio, tossica che derubava i malati del cronicario che dirigeva per procurarsi i soldi, fece "lievemente" "arrabbiare" il Vaticano, ma alla fine uscì. Già questo basta ad inserirlo tra le pellicole di culto, e tra quelle che ormai non è più possibile fare causa regresso culturale a livello mondiale.

lunedì 24 dicembre 2012

Tutto tutto niente niente

12
2012, Giulio Manfredonia.

Natale, bianco Natale. Pensate alle primizie che ci porta: una sfarinata di ipocrisia grattugiata su un vassoio addobbato di stelline e statuette in guisa di re Magi, un bella confezione infiocchettata di falsità a cubetti di cioccolato, e soprattutto la camaleontica e invidiabile capacità di mimetizzarsi oltre la rubiconda divisa da buono, grazie alla quale edulcorare le nostre marachelle ed evitare che i tanti misfatti dell'anno spicchino sul candore nevoso.

domenica 23 dicembre 2012

Made in Dagenham - We Want Sex

2
2010, Nigel Cole.

Cenni e trama da wiki:
Ispirato a fatti realmente accaduti, il film racconta lo sciopero del 1968 di 187 operaie alle macchine da cucire della Ford di Dagenham. Costrette a lavorare in condizioni precarie per molte ore e a discapito delle loro vite familiari, le donne, guidate da Rita O'Grady, protestarono contro la discriminazione sessuale e per la parità di retribuzione. Pagate come operaie non qualificate, le lavoratrici attuarono uno sciopero che riuscì ad attirare l'attenzione dei sindacati e della comunità, trovando infine l'appoggio della ministro Barbara Castle, pronta a lottare con loro contro una legge iniqua e obsoleta.
Tra gli interpreti principali figurano Sally Hawkins, Bob Hoskins, Miranda Richardson e Rosamund Pike. Il film ha ottenuto 4 candidature ai British Independent Film Awards 2010.

50/50 - 50 e 50

4
2011, Jonathan Levine.

La bella vita di Adam (tipo tranquillo, non fuma, non beve, non ha nemmeno la patente...) viene sconvolta in pochi giorni. Prima viene a sapere che ha un raro tumore alla colonna vertebrale che gli dà il 50% di possibilità di vita, poi l'inevitabile chemioterapia coi soliti effetti, poi scopre che da tempo la sua bella fidanzata, che a lui non la dà mai, lo tradisce. La chemio non produrrà nemmeno gli effetti sperati, servirà un pericoloso intervento chirurgico. Tutti ingredienti per un film pesantissimo, ed invece...

venerdì 21 dicembre 2012

Inception

9
2010, Christopher Nolan.

“La tua mente è la scena del crimine.”
“Il sogno è reale.”
Frasi di lancio originali del film

Inception” così recente è già un'opera sulla quale dire qualcosa “di nuovo” è difficile, un'opera che è come una chiazza di petrolio, spasmodicamente ingrandendosi, che provoca turbolenza visiva in un panorama come quello cinematografico attuale nel quale solamente Nolan e pochi altri riescono a creare qualcosa di veramente geniale, dall'immenso impatto e talentuosità visiva. Il film in questione e dall'enorme successo anche commerciale “Inception”, ha nonostante il suo eccezionale riscontro ottenuto, una trama estremamente contorta e fedele a sé stessa e ai suoi intenti, Si tratta di un contorto e selvaggio racconto di cacciatori e costruttori di sogni, perennemente in bilico tra onirismo e realtà.

giovedì 20 dicembre 2012

Una famiglia perfetta

1
2012, Paolo Genovese.

Da wiki:
Una famiglia perfetta è un film del 2012 diretto e sceneggiato da Paolo Genovese e interpretato da Francesca Neri, Sergio Castellitto, Claudia Gerini, Carolina Crescentini, Marco Giallini, Eugenia Costantini e Ilaria Occhini.
Un potente uomo di mezza età, nonostante la ricchezza, soffre enormemente la propria solitudine. Per le feste natalizie decide così di assoldare una troupe di attori per interpretare la famiglia perfetta che ha sempre sognato di avere...

mercoledì 19 dicembre 2012

Figures in a Landscape - Caccia sadica

7
1970, Joseph Losey.

La libertà non è la forza.”
L'Uccello nero sta arrivando per la sua preda.”
Frasi di lancio originali del film

Due uomini, Mac ( Robert Shaw) e Ansell ( Malcolm McDowell ), sono scappati forse evasi, venendo incessantemente inseguiti dal cielo, da un uccellaccio meccanico ovvero un elicottero nero pilotato da due uomini con il casco nero e senza volto come il camionista di “Duel”. I due uomini in fuga probabilmente non si sarebbero mai neanche guardati, se non fosse per il modo in cui sono stati costretti a unirsi, e qui, come ne “La Parete di fango” (The Defiant Ones) (1958) di Stanley Kramer, sono costretti a fuggire ancora legati ai polsi, mentre litigano l'un con l'altro quando inciampano attraverso la campagna, alla ricerca di acqua e di una sega con la quale tagliare le loro catene. Mentre l'elicottero li cerca sempre, sempre più inesorabilmente in un accrescersi della loro caccia - c'è qualche possibilità che possano farla franca?

martedì 18 dicembre 2012

Marquis de Sade's Justine - Justine, ovvero le disavventure della virtù

6
1968, Jesús Franco (as Jess Franco).

Una bella porzione di trama da wiki:
Chiuso in carcere, il Marchese De Sade trascorre le giornate tra deliranti visioni che gli ispirano il manoscritto del romanzo dedicato alle avventure di Justine e Juliette, due giovani sorelle che vivono nella Francia del XVIII secolo.
Rimaste improvvisamente orfane, Justine e Juliette sono costrette ad abbandonare il collegio per procurarsi da vivere. Le loro strade a questo punto si dividono: la bionda e viziosa Juliette va a lavorare nel bordello di Madame de Buisson, a Parigi, e di lì fa fortuna passando di delitto in delitto, uccidendo senza esitare chiunque si ponga sulla sua strada, per diventare infine la mantenuta di un Conte. La mora e virtuosa Justine invece si stabilisce a casa di Monsieur de Harpin, lavorando come sguattera, ma quando rifiuta le avances di Monsieur Desroches viene accusata ingiustamente di furto, mandata in prigione e condannata a morte.
Evasa in modo avventuroso al seguito della Dubois, la più celebre delinquente di Francia, Justine deve difendersi dalla foia degli accoliti della donna che l'ha salvata. Finché, durante una fuga, ha la fortuna di imbattersi nel romantico pittore Raymond, che la ospita nella sua casa.
Ricercata dalle guardie, Justine deve abbandonare il nido d'amore e nascondersi nel palazzo del marchese di Bressac, dove lavora come cameriera personale della marchesa. Il marchese, omosessuale, uccide la moglie e si libera della cameriera, che aveva messo a parte dei suoi progetti criminali, non prima però di averle impresso a fuoco sul petto la lettera "M", che al tempo costituiva il marchio dell'infamia. A Justine non resta che cercare ricovero in un convento, dove è accolta molto affettuosamente da fratello Antonello e dai confratelli. I frati tuttavia si rivelano ben presto un manipolo di sadici e iniziano a sottoporla a torture, come fanno da tempo alle altre giovani ospiti del convento. Approfittando di un incendio, Justine riesce anche questa volta a fuggire...

lunedì 17 dicembre 2012

The Thing - La Cosa

10
1982, John Carpenter.

Quello che temono di più ... è in mezzo a loro.”
L'uomo è il posto più caldo in cui nascondersi.”
Guardate con attenzione i vostri vicini. Non fidatevi di nessuno.” [Video box cassetta UK]
Il massimo in termini di terrore alieno.”

Frasi di lancio originali del film.

La Cosa” è da molti considerato il capolavoro assoluto di John Carpenter e sicuramente anche dal sottoscritto uno dei suoi film più grandiosi sotto ogni aspetto, e uno dei veri classici degli anni '80. Recensire perciò un'opera così rappresentativa e stratificata, densa di così tanti significati richiede uno sforzo non comune solamente per portarsi al suo livello. La “cosa” ironica, è che quando uscì al cinema nel 1982, in abbinamento suicida a poca distanza con la visione dell'alieno ben più rassicurante e buonista di “E.T.-L'Extraterrestre”, (scelta sciagurata da parte della Universal che produsse entrambi), fu un sonoro insuccesso, un flop storico che avrebbe tagliato il credito al box-office fin lì ottenuto da Carpenter per molti anni a venire. Eppure, negli anni successivi e adesso, a trent'anni di distanza e un buon “prequel” realizzato da un esordiente regista olandese, esso si è guadagnato la statura del più grande remake mai realizzato, forse alla pari soltanto con “Scarface”di Brian De Palma e “Il Salario della paura” di William Friedkin. Ma ciò nonostante l'ombra lunga del fallimento commerciale di questo film molto cupo e pessimista fu talmente lunga sulla propria carriera che Carpenter cercherà di mondarsene tre anni dopo, con la realizzazione di un film vertente la venuta di un alieno sulla terra ma completamente sotto un altro registro, positivo, nostalgicamente romantico e melò, il diversamente splendido “Starman”. Film prodotto in questo caso dalla Columbia e che fu un medio successo, portando un meraviglioso Jeff Bridges alla Nomination agli Oscar come Miglior Attore Protagonista, e avere a vantare una luminosa Karen Allen e una struggente colonna sonora di Jack Nitzsche.

domenica 16 dicembre 2012

Man on the Moon

19
1999, Milos Forman.

La biografia dell’attore Andy Kaufman, vera star della trasmissione mito Saturday Night Live, interpretata da un grandissimo Jim Carrey, ancora una volta in un ruolo impegnativo. Andy Kaufman era un comico sui generis, diverso dagli altri che fanno solo battute e ti fanno ridere; lui preferiva fare spettacoli, e la sua forza stava nell’interpretare personaggi stralunati come lo straniero diventato celebre nella sitcom Taxi come Latka Graves o anche il suo alter ego Tony Clifton che beve, fuma e urla alle persone.

sabato 15 dicembre 2012

Womb

4
2010, Benedek Fliegauf.

Trama, essenziale, da wiki: "Rebecca e Tommy sono due ragazzi che si piacciono sin da piccoli, ma si perderanno l'uno con l'altro fino a rincontrarsi da adulti e fare sbocciare di nuovo il loro amore. Ma la fortuna sembra abbandonarli, quando Tommy muore presto in un incidente. Il dolore di Rebecca è così forte che decide di rivolgersi ad un Istituto di Replicazione Genetica, dove si fa trapiantare nell'utero un clone di Tommy a cui lei darà una nuova vita."

venerdì 14 dicembre 2012

Moonrise Kingdom

17
2012, Wes Anderson.

Eccolo qui, l'ultimo Wes Anderson, il registucolo da Sundance eletto per votazione plebiscitaria di stampo radical nume inconsapevole del (contro)cinema americano riformato; il prescelto tra i chiamati, il delegato favorito tra le liste di proclamazione redatte in carta pergamenata dai più fini giornalisti, l'ambasciatore della resistenza cinematografica il cui titolo nobiliare eccelle tra i consimili poiché stampigliato in suggelli di ceralacca da pennivendoli domenicali al soldo dei circuiti d'essai.

giovedì 13 dicembre 2012

Holy Motors

11
2012, Leos Carax.

Leos Carax ritorna alla regia a oltre tredici anni da “Pola X” e quattro dall'episodio “Merde” del film corale “Tokio!” realizza uno dei film più audacemente stravaganti e visivamente affascinanti degli ultimi anni dandosi licenza di fare ciò che vuole, “Holy Motors” di Leos Carax è narrativamente scardinato, benissimo girato e spesso esilarante ma coerente - probabilmente, e comunque con quello che è un viaggio vivido attraverso le ossessioni cinematografiche di un autore come Carax che definire imprevedibile è dir poco -, il film segue un (forse) attore camaleontico, interpretato dal suo camaleontico “attore feticcio” Denis Lavant, che compie quasi una dozzina di scandalosi ruoli i quali collettivamente permettono al film di diventare uno scandaglio selvaggio dei generi filmici, tutto questo per la incerta gioia di un cinema veramente artistico che non ha nessun timore di non salvaguardarsi da alcun probabile danno rispetto all'appeal commerciale. Gli appassionati di cinema “cultuale” si entusiasmeranno, ma anche le reazioni negative saranno estreme.

mercoledì 12 dicembre 2012

Supēsu Batorushippu Yamato - Space Battleship Yamato

2
2010, Takashi Yamazaki.

Qualche info e un po' di trama (tagliata) da wiki: "... è l'adattamento ci nematografico live action giapponese dell'originale anime del 1974 Star Blazers ideato da Leiji Matsumoto. È stato distribuito in Giappone in DVD e Blu Ray il 24 giugno 2011.

Siamo nell'anno 2199, dopo più di cinque anni di attacchi senza soluzione di continuità da parte d'una misteriosa razza aliena conosciuta solo col nome di Gamilas, la "Forza Difesa Terra" decide di lanciare una controffensiva nei pressi del pianeta Marte, cercando di prendere alla sprovvista gli extraterrestri. La forza terrestre viene però irrimediabilmente decimata dalle potentissime armi nemiche. La flotta è facilmente sbaragliata, ma prima della completa disfatta il capitano Mamoru Kodai usa la sua nave Yukikaze oramai in avaria contro le astronavi degli spaziali frapponendosi come "scudo umano" ... Sulla Terra nel frattempo il fratello di Mamoru, Susumi, attende fiducioso il ritorno del congiunto ... Okita crede fermamente che l'unica speranza per l'umanità si trovi ormai solamente sul pianeta Iskandar, un lontanissimo pianeta governato da una regina benevola che ha offerto provvidenziale aiuto ai poveri umani: si appresta una missione di volontari per dirigersi in direzione del pianeta amico... Susume e pochissimi altri riescono a far ritorno, inseguiti fino all'ultimo a loro insaputa da Deslok, l'imperatore dei Gamilonesi che cerca di annientarli; l'ultima battaglia s'approssima...
"

martedì 11 dicembre 2012

The Constant Gardener - La cospirazione

1
2005, Fernando Meirelles.

Amore. Ad ogni costo
Frase di lancio originale del film

Sir Bernard Pellegrin/Bill Nighy :- “Avete nulla di buono per andare a frugare sotto le rocce, Justin. Alcune cose molto brutte vivono sotto le pietre, in particolare nei giardini stranieri.”

Justin Quayle :- “Arnold Bluhm è gay, Bernard. Gli uomini gay non violentano le loro amiche.” Sir Bernard Pellegrin :- [confuso] “Bèh, ho conosciuto un paio di regine molto selvagge ai miei tempi.”

Tim Donohue/Donald Sumpter :-[dopo un inseguimento nel deserto] “Chi credevi che fosse stato?” Justin Quayle/Ralph Fiennes :- Vaffanculo, Donohue! Questo è un paese bandito!.

Tessa Quayle/Rachel Weisz :-” E' una cosa scandalosa. E' quasi se è: è un matrimonio di convenienza, e l'unica cosa che sta per produrre come prole è morta.”

Tessa Quayle :- “Pensavo che le spie sapessero tutto.” Tim Donohue :- “Solo Dio sa tutto. Infatti lavora per il Mossad.”

Lorbeer/Pete Postlethwaite :- “Le grandi compagnie farmaceutiche sono proprio come i trafficanti di armi.”

lunedì 10 dicembre 2012

Morando's Music

10
2012, Luigi M. Faccini, Morando Morandini.

Dal sito ufficiale, a parlare è lo stesso Faccini:
"Chi avrà dormito in questa bella stanza, in cui una mano femminile ha lasciato segni indelebili? Non siate impazienti. Presto farete conoscenza con un uomo speciale, al quale in molti vogliamo bene... Ed eccolo qua il nostro uomo, alle prese con il ticchettio quotidiano della sua Everest di annata e il fumo delle sue infinite sigarette, Morando Morandini, il critico che fa inviperire chi flirta senza talento con il mercato e che strappa all'anonimato gli esordienti, i filmaker e i fuori strada di ogni sorta. E che fa Morando questa mattina? Si specchia nel disagio esistenziale di un Re del Cinema: Buster Keaton. Per un articolo? Per un libro? Per decifrare il segreto della solenne malinconia di chi fu perfino più grande di Charlie Chaplin?
E' addirittura dal 1969, 43 anni fa, che ci scriviamo con Morando. In una delle mie ultime lettere gli annunciavo la conclusione del film su Rudolf Jacobs, il capitano tedesco passato alla Resistenza italiana nel 1944: una scelta che lo aveva indotto a scrivermi una lettera di dolorosa riflessione autobiografica..."

domenica 9 dicembre 2012

Tao Jie - A Simple Life

2
2011, Ann Hui.

Visto per ammirare la prestazione attoriale di Deanie Yip, vincitrice del premio Coppa Volpi migliore attrice Venezia 2011, s'è rivelato una grande visione.Da Hong Kong arrivano "non solo" thriller ed action - per altro spesso di qualità eccelsa - ma anche, come questo "A simple life", film di una delicatezza e poesia davvero unici. L'incipit è scritto perfettamente nel film:


Prima di morire ha perfino fatto in tempo a vedere la quinta generazione. Non a servirla però, ormai debilitata da 2 infarti e da un enfisema, costretta alla sedia a rotelle.

Faust

15
2011, Aleksandr Sokurov.

Riporto da wiki:
... scritto e diretto da Aleksandr Sokurov. È stato premiato con il Leone d'oro dalla giuria della 68ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia ed è uscito nelle sale italiane a partire dal 26 ottobre 2011. Il film - ultimo capitolo di una tetralogia sul potere iniziata con Moloch (1999) e proseguita con Toro (2000) ed Il Sole (2005) - rilegge l'opera del Faust prendendo ispirazione dall'opera omonima di Johann Wolfgang von Goethe.
Il Dott. Faust è un uomo tormentato che lavora nel suo studio sporco, che somiglia più ad una bettola che non ad un laboratorio di ricerca scientifica. L’incontro con il demonio, che prende le forme di un abominevole vecchio, ed il desiderio che nutre di possedere la giovane Margarete, lo porteranno ad intraprendere un viaggio attraverso il senso stesso dell’esistenza. Il protagonista diventa così un pensatore e un anarchico, un farabutto e un sognatore che desidera spingersi oltre, anche al di là del concetto stesso di “tentazione”.

sabato 8 dicembre 2012

Alles auf Zucker! - Zucker!... come diventare ebreo in 7 giorni

1
2004, Dani Levy.

“Una commedia poco ortodossa.”
Frase di lancio originale del film

Le barzellette ebraiche della comicità Yiddish hanno avuto tanto successo per molti comici che si potrebbe pensare tali situazioni come esaurite. Tuttavia, il pensiero di alcuni tedeschi che fanno una commedia ebraica suona come una prospettiva intrigante. Il fatto che la fama di Dani Levy stesse facendo sì che negli anni in cui realizzò questo “Zucker!”, progettasse anche di realizzare una commedia musicale su Hitler, rende questo doppiamente intrigante. “Zucker!” fu un grande successo e un improbabile hit in Germania, apparentemente superando la sua atmosfera da sitcom televisiva e narrativamente piuttosto piena di cliché.

venerdì 7 dicembre 2012

Kotoko

12
2011, Shinya Tsukamoto.

Una ragazza madre, sola col figlioletto e con le sue tremende psicopatie: vede doppio in modo particolare; pericolosamente schizofrenica per sé e per gli altri; autolesionista, con lame affilate si procura ferite e sanguinamenti. Affideranno il bimbo alla sorella e nel mentre conoscerà uno scrittore che da una parte s'infatuerà di lei, dall'altra sembrerà volerla plagiare. Il figlio le ritornerà, ma per poco, dovranno toglierglielo ancora, e stavolta per sempre... per lei nessuna salvezza possibile.

giovedì 6 dicembre 2012

Cross of Iron - La Croce di Ferro

6
1977, Sam Peckinpah.

Il potere di Peckinpah non è mai stato così reale ... O così brillante!”
Gli uomini in prima linea dell'inferno.”
Frasi di lancio originali del film

Era un brutto bastardo. Ma una volta visto il film finito, ti rendevi con ammirazione conto che tutto era giustificabile.”
James Coburn su Peckinpah e la lavorazione del film, nell'intervista contenuta nel Blu-ray statunitense.


mercoledì 5 dicembre 2012

Star Trek II: The Wrath of Kahn - L'Ira di Kahn

8

1982, Nicholas Meyer.
Le origini di Kahn
In questo secondo film viene definitivamente coronato come il più grande cattivo di Star Trek il personaggio di Khan Noonien Singh (Ricardo Montalbàn). Durante la serie classica, nell'episodio “Spazio profondo” l'allora Capitano James T. Kirk (William Shatner) con l'equipaggio dell'Enterprise incontra il Botany Bay, che si rivela essere una nave stellare risalente al 1996 – secondo l'universo narrativo della saga – quando una genia di uomini e donne geneticamente modificati vennero ibernati e spediti nello spazio. Il motivo di questo esilio sta nella loro estrema pericolosità, questa razza umana aveva infatti preso il potere sulla Terra, guidati da Khan, che impersona in sé le capacità strategiche e politiche dei grandi condottieri della storia, come Napoleone o Cesare. Alla fine dopo un tentativo di prendere il controllo dell'Enterprise per tornare a dominare il mondo, Kahn verrà esiliato su un pianeta di tipo M (in grado di ospitare la vita) denominato Ceti Alpha 5, lì verrà dimenticato, dagli stessi autori, per tutto il resto della serie. Un'occasione perduta alla quale il regista Nicholas Meyer cerca di porre rimedio. Kahn è un cattivo perfetto: non è solo forte e spregiudicato, ma anche colto e dotato di fascino, gli stessi Kirk e Leonard McCoy (DeForest Kelley) amico e primo ufficiale medico di Kirk ne restarono affascinati.

martedì 4 dicembre 2012

The Dalì Dimension

8
2004, Joan Ubeda, Susi Marques, Eli Pons.

«Gli intellettuali e i letterati non possono darmi nulla. Gli scienziati mi danno tutto, perfino l'immortalità dell'anima».
Salvador Dalì (1904-1989)

"The Dalì Dimension" (2004), regia di Susi Marques, è un documentario (sito del film) tanto eccellente quanto raro. Ne ho cercato, invano, i sottotitoli in italiano per anni. La Marques in appena 53 minuti immerge lo spettatore nelle trame che legano strettamente l'eccentrico artista catalano con la scienza moderna e i suoi protagonisti. Dalla Relatività alla psicoanalisi, dalle geometrie non-euclidee alla genetica, dalla fisica nucleare alla meccanica quantistica fino ai sistemi complessi: queste discipline tanto hanno influito sull'opera del pittore e alimentato gli scambi intellettuali con illustri scienziati. James Watson gli chiese perfino di illustrare il suo celebre libro "La doppia elica". Dalì tenne libri di Hawking e Schroedinger sul comodino fino agli ultimi giorni di vita.

Verso un mondo nuovo

1
2006, Alberto Castiglione.

«Puoi, in un giorno / scoprire un nuovo punto / di prospettiva; / puoi scoprire, cercando, / quanto non hai appreso in una vita: / dentro di te, o in quanto pare fuori- / non arrivi soltanto alla tua pelle. // Un giorno: può essere un granello / di sabbia nella spiaggia, o nel deserto, / può essere Hiroshima / o il giorno in cui tu nasci.»
(da "Poema umano", 1974, di Danilo Dolci)

lunedì 3 dicembre 2012

La bella vita

4
1994, Paolo Virzì.

Primo film di Paolo Virzì, vinse 2 Nastri d'Argento (miglior attrice a Sabrina Ferilli e miglior regista esordiente) e il Premio speciale Ciak d'oro a Venezia. Dopo quasi vent'anni ed alla luce di quanto fatto in seguito dal bravo regista livornese, oggi appare come una dichiarazione d'intenti: fare cinema mostrando gente di ogni classe e censo, nelle piccole cose e negli eventi sociali, mai dimenticando che la vita è dramma e commedia. Fatti recenti che riguardano Taranto rendono poi quanto mai attuale questo film, per certi aspetti.

domenica 2 dicembre 2012

Kinky Boots - Decisamente diversi

3
2005, Julian Jarrold.

Cosa saresti disposto a fare per salvare l'attività di famiglia?
Frase di lancio originale del film


Chiwetel Ejiofor (“Melinda e Melinda”, “Love Actually”) all'epoca di “Kinky Boots” del quale fu protagonista, era uno degli attori britannici più in ascesa, e questo film è proprio quello che si dovrebbe prendere come prova per il suo talento, se non si va appunto oltre la sua magistrale performance in “Kinky Boots”. Certo, egli non è quella che si potrebbe pensare che sarebbe una donna credibile, non importa quanto il make-up o gli abiti sexy indossi ma comunque lui li fa funzionare, e funzionare molto bene. All'inizio dello stesso anno il 2005, Ejiofor ha anche interpretato un personaggio ben più minaccioso, come il gangster spietato in “Four Brothers”, ed era altrettanto convincente. Si può immaginare Marlon Brando, Al Pacino, Robert De Niro, o uno qualsiasi degli altri attori che sono stati anche interpreti di banditi minacciosi, cantare e ballare come dragqueen e farlo bene? L'interpretazione sottotraccia di Ejiofor in “Kinky Boots”, è infatti altrettanto buona.

sabato 1 dicembre 2012

Iep! (aka: Eep!)

3
2010, Rita Horst, Mieke de Jong, Joke van Leeuwen.

Ai più il nome di Kanadie Jourdin-Bromley non dirà assolutamente nulla, eppure basterebbe una veloce scorsa su internet, sezione immagini, per individuarne una pletora di fotografie e (purtroppo) vaghissimi stralci biografici, utili a sapere che questo “piccolo angelo”, tale l'azzeccato epiteto internazionale, è nato nel 2003 ed è uno dei circa cento casi mondialmente noti di nanismo primordiale.