mercoledì 6 febbraio 2013

Manta, Manta - Un motore per amico

8
1991, Wolfgang Büld.
"Manta, Manta" ovvero il Fast & Furious ante litteram, tetesken e in salsa vagamente greasiana. Il film, fatto per la tv tedesca ottenne un enorme successo totalizzando quasi 12 milioni di spettatori al primo passaggio televisivo su RTL e lanciò attori come Til Schweiger, che ho ritrovato anni dopo in "Driven" di Stallone e nel tarantiniano "Bastardi senza gloria", Tina Ruland, da noi sconosciuta ma molto famosa in patria e Michael Kessler.

Da urlo la colonna sonora, i primi 2 brani sono una scarica di adrenalina, il secondo credo si intitoli "I'm in love with my car" perché è la frase del refrain ma se lo clicco con questo nome, mi dà sempre l'omonimo dei Queen, il primo invece, ancor più particolare, è tamarrissimo e gasante al tempo stesso, prende il nome dal titolo del film ed è di un certo Manny Icks, vi posto il link tra i commenti comunque, peccato che nella versione doppiata in italiano sia stato tagliato e remixato in modo tale che si senta solo il ritornello tagliando invece le strofe, cantate in tedesco, una delle quali, credo perché non conosco il tedesco, grida "Voglio solo guidare la mia Manta GTE!", assolutamente arrapante anche per chi non è un Mantista.

Il film è stato prodotto dalla "Neune Constantin Film" (Christiane F.) e in Italia fu trasmesso da Rai2 nel settembre 1995 ma per l'occasione il titolo fu cambiato nell'asetticissimo "Un motore per amico", titolo che toglie parecchio signficato al film dato che la Manta oltre ad essere la protagonista indiscussa a 4 ruote fa anche da ambientazione socio-culturale del film, diventando persino bersaglio dell'umorismo dell'odiato DJ di Radio88, il quale tra un brano e l'altro, non perde occasione di raccontare massime e barzellette incentrate sui piloti di Manta un po' come noi in italia le facciamo sui caramba (solo questo basta a rendere l'idea di quanto la Manta sia stata e sia ancora ultrapopolare tra i giovani tedeschi).
Goliardica la sfida tra la Manta di Bertie e una (inevitabile e invidiabile) BMW 325i (E36) occupata da 4 robusti bavaresi: entrambe le auto ferme al semaforo, in attesa di recarsi allo stadio Westfalen di Dortmund dove sta per svolgersi proprio una partita di calcio contro gli odiatissimi bavaresi. Questi ci vanno giù pesante offendendo la sua Manta "la tua auto non fa paura a nessuno figliolo, sembra una cucchiaiata di maionese...", Bertie, in compagnia del fido amico meccanico Gerd, scatta via al verde anticipando la BMW ma fonde ed è costretto a fermarsi, per giunta preso di nuovo in giro dai bavaresi deve rinunciare alla partita nella quale a perdere sarà proprio l'odiato Bayern di Monaco.

Insomma un film imperdibile per qualunque appassionato di auto, molto meno patinato di F&F e, di conseguenza, infinitamente più ruspante, rovinato solo in parte dall'adattamento dei dialoghi italiani i quali, in più di qualche occasione, estromettono il soggetto "Manta".

Trama:
Bertie, è l'orgoglioso proprietario di una Manta pesantemente tunizzata e sobria quanto Cindy Lauper nel video di "Girls just want to have fun" ma, almeno a parere del sottoscritto, molto affascinante, di fatto, è fortemente caratterizzata tanto quanto il proprietario: lui è steroidizzato, la sua Manta invece, allargatissima e quindi estremamente muscolosa grazie a un body kit della Mattig chiamato "Extreme 1".
Dopo aver sfidato e vinto una gara contro una Golf Rally, (non GTi come tradotto nei dialoghi italiani) ha uno scontro verbale con il cattivo yuppie Alex, il quale guida una Mercedes 190E elaborata D&W (per anni ho creduto fosse una 2.3-16 originale dal tanto che è elegantemente bella e moderata). Bertie scommette nella corsa i soldi che dovrà versare per l'acconto dell'appartamento nel quale lui e Ushi, la sua ragazza dovranno andare a convivere, lei si incazza, lo molla e inizia a flirtare col proprietario del "West Side", la disco più cool della città, ricco, figo e munito di Ferrari 328 GTS. Quest'ultimo invita Ushi a partecipare al concorso di bellezza che si terrà al West Side e che il caso vuole, avverrà lo stesso giorno stabilito per la gara, la ragazza accetta ma molla tutto durante lo svolgimento della serata, essendo venuta a conoscenza del fatto di essere incinta di Bertie il quale si reca allo stabilimento chimico dove ad attenderlo c'è l'agguerrito Axel ma è completamente ubriaco essendosi scolato, tra un dispiacere e l'altro, una ventina di boccette di Jaghermeister (ben visibile, chiaro caso di product placement). Alla fine, la Manta di Bertie (dotata di un motore da 270 cv "prestatogli" per l'occasione dall'amico meccanico Gerd) correrà lo stesso ma non sarà l'indisposto proprietario a guidarla....finale col botto, un incidente assolutamente spettacolare, che chiude in bellezza un filmetto di poche pretese ma assai riuscito arricchito da un corollario di altri attori niente male per il livello della produzione pur essendo alla loro prima esperienza.
Max Bramante

La protagonista a 4 ruote del film, la Manta tunizzata col body kit Extreme 1 della Mattig, si notino i doppi fari quadrati e incassati che mutano radicalmente il look del classico frontale Manta ricordando quelli della Delorean DMC12

Til Schweiger e Tina Ruland

L'ultima gara che si chiuderà con un botto sorprendentemente realistico. Suggestiva nell'ambientazione notturna, chiude il film in bellezza

La Mercedes 190E tunizzata D&W di Axel

La banda dei Manta

Quasi perfetta la maggior parte delle scene di guida al limite, talvolta superiori a quelle di acclamate produzioni statunitensi

la 190E di Axel parte in sovrasterzo dopo il contatto con la Manta di Hakan, 'il turco' Leon Omer Simsek



8 commenti:

  1. Risposte
    1. Sempre molto ermetico il Nap ^_^

      Elimina
  2. Spesso basta una sola parola per definire una canzone, un disco, un auto o un film. Trattattasi in questo caso di "CULT".

    RispondiElimina
  3. Un intro simile vale il 50% di tutto il film:) http://youtu.be/cWj1nIu0Cfo

    RispondiElimina
  4. bella Max! vai con questi recuperi che vai forte...
    apoteosi della tamarritudine ottantesca, però appunto ha gli ingredienti base di Fast and furios, e non male davvero alcune scene action

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roby! Temevo il film non ti piacesse invece è davvero difficile che non piaccia. Sia le auto che i personaggi sono estreamamente caratterizzati e in più qui nelle scene action ci ritrovi quel senso di realtà che latita nelle produzioni americane le quali hanno sempre quel non so che di "liofilizzato", a tal proposito ho scovato un altro film fantastico da questo punto di vista ma che purtroppo, dopo quei 10 adrenalinici/realistici minuti inziali diventa un polpettone di nouvelle vague, sto parlando di "Un uomo, una donna, oggi". E posto qui l'eccitante apertura che ho postato sul mio canale YT http://youtu.be/CmQWlK8NSdo

      Elimina
  5. http://youtu.be/UWGHwomXELo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto questo film tanti anni fa sulla rai, ora sto cercando il DVD originale italiano o almeno un divx da scaricare. Qualcuno ce l'ha o sa dove poterlo acquistare?

      Elimina