venerdì 1 febbraio 2013

Samsara

1
 2011, Ron Fricke.

Le meraviglie del mondo, grandi e piccole, e una colonna sonora strepitosa di Michael Stearns, attendono gli spettatori di “Samsara”.

Qual è il rapporto dell'umanità con il mondo e sè stessa? Qual è l'eredità dell'umanità culturalmente, spiritualmente, architettonicamente, politicamente e come è questa eredità è cambiata nel corso dei secoli? Non esiste una risposta unica per una di queste domande, ma l'esercizio di riflettere sulla questione dovrebbe fornire abbastanza cibo per la mente per durare il tempo di una vita e anche qualcosa in più. Si tratta di dimensioni talmente grandi che richiedono impostazioni di ricerca esaustive e documentate, come praticate dagli storici, dai filosofi e dagli altri professionisti i quali dedicano la loro vita a esse. Raramente un film documentario è stato abbastanza maturo per la cattura delle immagini e dei pensieri che ci ha potuto aiutare a fare i conti con noi stessi. L'acclamato regista e operatore Ron Fricke, l'uomo che ha curato l'aspetto visivo e fotografico per “Koyaanisqatsi” (Usa 1982) di Godfrey Reggio, è anche un regista in proprio le cui realizzazioni sono meglio apprezzate per la loro vertiginosa qualità piuttosto che per la quantità, ritorna infatti dopo una lunga assenza di vent'anni, che si spiega con il fatto che egli stava lavorando diligentemente su “Samsara”.

Samsara” è simile al flusso della coscienza, a cui è collegata ogni immagine successiva e la sequenza fino alla fine, anche se non sempre per i motivi più chiari. Proprio come con il precedente documentario di Ron Fricke di proporzioni epiche, “Baraka” (1992), questa sua nuova riuscita trasporta il pubblico paziente in una sorta di tableau, una finestra verso il mondo in generale, dove e come l'uomo vi si adatta, questioni che richiedono degli sguardi a un'architettura storica , e come ho detto un significato politico e religioso di tale architettura, di Madre Natura e l'amore-odio che la lega con la specie dominante della Terra, le molteplici culture incredibilmente diverse che caratterizzano i vari paesi, le regioni, le comunità, e così via. Per tutti gli scopi di una, e in un tentativo di eventualmente fare un confronto, “Samsara” è come una versione di 90 minuti dei famosi 100 gradi di separazione. Fricke, dopo aver attraversato il mondo per un periodo di cinque anni, costruisce un collage di immagini senza narrazione, ognuna di appena un minuto di lunghezza o poco più, ma ognuna rivelante qualcosa su ciò che significa essere umani. Non ci sono domande esplicite né viene richiesto, né un qualsiasi individuo o gruppo catturato dall'occhio della cinepresa a 70 mm. su cui poter teorizzare la questione, ma è del tutto evidente che, a parte i suoi appelli visivi, il film è destinato ad essere profondo e speranzoso di ottenere il pensiero degli spettatori.... Alcuni dei momenti migliori in assoluto nel resto della pellicola vertono interamente sull'impatto delle immagini e le conseguenti reazioni immediate, la soggezione che esse ispirano rispetto alla travolgente bellezza visiva del film, esaltata al massimo dalla doppia definizione offerta dal formato in 70 mm. su pellicola con cui è stato interamente girato... Questo è il commento che il regista può tentare di trasmettere al pubblico.

In tema di fascino visivo, molto è stato scritto e detto a proposito del processo di ripresa, uno sforzo che ha divorato un sacco di tempo al regista Fricke. Quelli che ne stanno anticipando l'uscita in download del film nei loro rispettivi mercati (e che sta ricevendo la cosìddetta distribuzione "roll out", con la quale viene fatto uscire solo in alcuni mercati selezionati aggiuntivi ogni paio di settimane) non devono temere: è un vero capolavoro. Ancora una volta, le immagini sono presentate in modo tale da provocare il pensiero e la riflessione , ma per coloro che sono particolarmente sensibili alla bellezza e all'arte e potranno essere così fortunati da vedere il film su grande schermo -in Italia non temete, ovviamente non uscirà mai-, si potrà apprezzarne maggiormente il modo superbo in cui è girato e la creazione delle sequenze in primo luogo, e sembra davvero impossibile che “Samsara” possa deludervi. In realtà, si può affermare che alcuni dei momenti migliori in assoluto nel resto della pellicola vertono sull'impatto delle immagini e le conseguenti reazioni immediate, la soggezione ispirata dal sottile, e altre volte meno sottile, commento che il regista può tentare di trasmettere al pubblico. Un esempio molto eloquente di tutto questo è all'inizio del film, quando una classe di giovani monaci buddisti in apprendistato, bambini in realtà, si stringe intorno, sulle ginocchia e le mani intorno ad un Mandala. La cornice cattura il piccolo gruppo da un punto di vista più alto, guardando verso il basso su di loro come ogni bambino sembri toccare e osservare il pezzo d'arte dai colori vivaci sotto il loro naso. Taglio del montaggio su una mano ed una inquadratura stretta e molto più intima sopra uno di questi ragazzi il quale picchietta ritmicamente sopra di un piccolo cilindretto di metallo, dalla quale si riversa una sabbia colorata, e centinaia, migliaia di queste polveri colorate vengono riversate dai bambini che stanno infatti componendo la complessa immagine di un nuovo Mandala.

Ci sono molte di queste immagini singolari e giustapposte che causano le prime reazioni emotive. Come uno sfarzoso, magnifico tour di lusso in tutto il mondo, il film è l'occasione per gli spettatori di scoprire luoghi che non potrebbero avere altrimenti modo di conoscere. Se c'è un unico aspetto negativo per la sua presentazione visiva, è il fatto che come detto “Samsara” è stato realizzato in 70 mm, ma sarà solo apparentemente presentato su proiettori digitali 4k durante la sua limitata esibizione cinematografica. Non sembra che le proiezioni specifiche a 70 millimetri siano più disponibili se non in pochissime sale selezionate, il che è un po' strano considerando il recente interesse per il modo più grande e migliore di presentare i film al cinema,e l'IMAX 3D e il 70mm i quali sono divenuti o tornati temi caldi, con il secondo che ha anche guadagnato in generale un notevole e caloroso bentornato dagli spettatori e dalla critica.
Discernere perciò che ha da dire “Samsara” come un pezzo d'arte è una sfida di gran lunga più alta del decantare e tesserne le lodi della bravura cinematografia mostrata sullo schermo. Come è stato detto dagli stessi registi, l'immagine non ha un racconto da offrire, ma molto altro se si è disposti a descrivere una serie di immagini volte a essere collegate direttamente, ed altre volte immagini connesse ad episodi come la ''narrazione del posto dell'uomo sulla Terra.'' Ciò che ne viene fuori è la maestria nell'ottenere un maggiore impatto solamente con la ricchezza delle idee e dei dispositivi cinematografici che la incorniciano, con cui Fricke apre la finestra del pianeta davanti ai nostri occhi. Considerate le immagini di paesaggi mozzafiato in cui il vecchio incontra il nuovo, in cui l'uomo ha eretto le sue creazioni, come i monasteri, le quali riposano in un panorama di selvaggio, naturale splendore, particolarmente studiato, o le hall di alberghi immaginifici e istoriati di Abu Dhabi, le quali sono girate in modo in modo da farle apparire come labirinti psichedelici piuttosto che ponendocele come oasi di riposo e tranquillità.


"Considerate le immagini di paesaggi mozzafiato in cui il vecchio incontra il nuovo, in cui l'uomo ha eretto le sue creazioni, come i monasteri, le quali riposano in un panorama di selvaggio, naturale splendore..."

Il processo di mediazione di Fricke assicura che, come accennato in precedenza, ogni breve segmento si evolva dal suo predecessore, ispirato da un segnale visivo nella maggior parte dei casi, mentre in alcuni casi più rari sulla base di un racconto di sorta. E' nelle ultime parti in cui queste iniziali qualità di “Samsara” ispirano e provocano una sequenza più strutturalmente pura di immagini in misura diminuente. Il miglior esempio è quando il film porta il pubblico in un viaggio per osservare come la carne di maiale e di manzo arrivi ben confezionata in pacchi al supermercato o in gustose piccole polpette al comune locale fast food. Suinetti si nutrono dalla loro madre bloccata nella stessa medesima posizione come in una fabbrica di maiali, lastre di interiora di animali sono trasportate su ganci, incise in pezzi, ecc., Pochi sarebbero d'accordo che, come argomento di un documentario il materiale sia poco interessante, ma solo che molti di questi film sull' argomento siano già stati fatti, alcuni molto competenti verso lo studio della materia come principalmente proprio Koyaanisqatsi. Vi è un altra breve sequenza in cui il tema si sposta verso la guerra e le armi, molto bella e poco indulgente nella quale Fricke raggiunge forse la massima ispirazione. Anche in questo momento, “Samsara” riesce a tirare fuori dalle immagini l'oro, ad esempio, come quando uno sfortunato giovane gangster nero viene sepolto in una bara scolpita a forma di una pistola, o una caratteristica ed eccitante danza di centinaia di detenuti in tuta arancione in un penitenziario asiatico.
Chiunque io conosca che abbia visto un trailer, un frame o un poster del film ha avuto dentro di sé suscitata la curiosità di vedere “Samsara”. Certo, è solo ricevendone una limitata uscita cinematografica (un anno intero dopo la prima al TIFF (Toronto International Film Festival nel 2011, un'altra indicazione che non è in cima alla lista delle priorità del mercato), rendendo così quasi impossibile per molti di vederlo in sala come avrebbe meritato, e il che è veramente una sfortuna. Tuttavia, “Samsara” è naturalmente appena uscito in Blu-ray + dvd negli Stati Uniti e in U.K., ed è possibile finalmente goderlo nel formato in HD, per questo contemporaneamente grande documentario e grande opera d'arte, il quale è certamente un reperto unico ed eccezionale del suo genere.

American Cinema Editors, Stati Uniti d'America Anno 2013 Nominato all'Eddie come Miglior Documentario – Caratteristiche di FictionRon Fricke
Mark Magidson

Miglior Film Documentario a cura diRon Fricke
Mark Magidson

Dublin International Film Festival Anno 2012 Ha Vinto il Dublin Film Critics Award come Miglior Documentario Ron Fricke
Mark Magidson

San Diego Film Critics Society Awards Anno 2013 Nominato al SDFCS Award come Miglior Documentario
Ron Fricke
Mark Magidson


Samsara (una parola sanscrita che significa letteralmente "flusso continuo") è il ciclo continuo di nascita, vita, morte e rinascita (reincarnazione) in Induismo, Buddismo, Bön, Giainismo e Yoga. Nel Sikhismo questo concetto è leggermente diverso e riguarda le nostre azioni nel presente e le conseguenze nel futuro.

"Bali Dance" e "1000" Hand
Sulla base di "Omaha Sky Cancelled"
Dal CD "Songs Star" © 2010
Con Bonnie Jo Hunt & Ron Sunsinger
Bonnie Jo Productions & Productions Sunsinger

"Byssan Lull, Koka Kittelin complete"
Dall'album "Night Light".
Eseguita da Vidia Wesenlund
Pubblicata da Stone & Star Publishing (BMI)

"Sphere"
Scritta e interpretata da Keith Jarrett
Pubblicata da Musica Cavelight (BMI)
Per gentile concessione di ECM Records

"Sayat Nova"
Scritto e interpretato da Dijan Gasparyan
Pubblicato da EMI-Virgin Songs, Inc.
Per gentile concessione di All Saints Records

"Kothbiro"
Cantata da Ayub Ogada
Scritto da Ayub Ogada e Mbarak Achieng
Pubblicata da Womad Music, Ltd
(Ammin. da EMI-Virgin Songs, Inc.) (BMI)
Per gentile concessione di Real World Records

"Shengshik Pema Jungne"
Scritta e Cantata da Choying Drolma e Steve Tibbets
Per gentile concessione di Hannibal Records
In accordo con la Warner Music Group Film & TV Licensing

"Call to Prayer"
Cantata da Radio & Television Symphony Orchestra della Bosnia-Erzegovina
Organizzata da Resad Arnautive
Pubblicata da Sounds True.
Per gentile concessione di Sounds True, Inc.


Il primo lungometraggio dall' “Amleto” di Kenneth Branagh, ad essere stato girato interamente su pellicola a 70mm.

Secondo i realizzatori, Michael Stearns (compositore) ha creato la colonna sonora originale per “Samsara” dopo che il film era stato "curato in silenzio" da Ron Fricke e Mark Magidson . Questo è diverso dalla loro precedente collaborazione su "Baraka” per cui le immagini erano sono state in gran parte realizzate sulla colonna sonora.

Per diversi anni i realizzatori hanno tentato di ottenere il permesso di girare in Corea del Nord, ma alla fine gli è stato negato l'accesso.
Napoleone Wilson


1 commento:

  1. mi spiace Napoleone, non sono riuscito a trovare il tempo di mettere dei frame, e il film per il momento l'ho visto solo a metà...
    in ogni caso quanto basta per dire che è veramente una cosa meravigliosa, mi ha dato una pace interiore la visione. penso che l'indugiare sulla costruzione del mandala non sia casuale, è proprio questo film ad essere un mandala.

    RispondiElimina