venerdì 10 maggio 2013

Maniac

33

2012, Franck Khalfoun.

Come già annunciato a Cannes a maggio da parte del regista francese Franck Khalfoun, Elijah Wood è il protagonista nel ruolo iconico di Frank Zito, del remake di uno dei più classici horror di culto mai realizzati, quel " Maniac" girato nel 1981 daWilliam Lustig, e grazie al quale ha trovato la sua strada sugli schermi del FrightFestcercando di disturbare e terrorizzare il suo pubblico, e riuscendo in entrambe le aspettative.

giovedì 9 maggio 2013

Oblivion (Review #2)

4

2013, Joseph Kosinski.

Prima di andare a vedere questo film era forte il timore dell'effetto Total Recall: film pessimo, pubblicizzato molto bene. Ci siamo dovuti subito ricredere. La trama è ben costruita con un crescendo di colpi di scena. Ottima la scenografia (del resto il regista è un architetto) e gli effetti speciali che ci regalano scene mozzafiato. C'è anche una buona dose di suspense, specie quando il protagonista si trova a dover affrontare gli scavenger all'interno di un edificio sommerso dai detriti. Ne consigliamo caldamente la visione. (cfr. anche la rece di Napoleone)

lunedì 6 maggio 2013

The Lords of Salem - Le streghe di Salem

19

2012, Rob Zombie.

“Ti stavamo aspettando ... abbiamo sempre aspettato.”
“I Signori Stanno Arrivando”
“Eretica. Strega. Diavolo.”
Frasi di lancio originali del film

Sonny/Dee Wallace :-”Satana! Vieni da noi! Noi siamo pronte! Satana! Vieni da noi! Noi siamo pronte! Satana! Vieni da noi! Noi siamo pronte!”
Megan/Patricia Quinn :- “In una rara occasione, appare un bambino speciale.”
Heidi Hawthorne/Sheri Moon Zombie :- “Ho appena visto una persona 10 minuti fa in piedi sulla porta.”
Lacy Doyle/Judy Geeson :- “Oh, mi dispiace deluderti ma non c'è nessuno nella numero 5.”
Sonny :- [Osservando il corpo gonfio] “Che spreco di un uomo buono.”
Lacy Doyle :- “Sì, un vero peccato. E lui non sarebbe mai stato in grado di fermarsi di fronte a niente.”
Megan :- [sospira] “Importa a qualcuno una fresca tazza di tè?”
Lacy Doyle” :- “Amata cara.”
Margaret Morgan/Meg Foster :- “Benvenuta!”
Conte Gorgann/ Torsten Voges :- “Non siamo le pecore di un Dio piangente. Siamo il possente caprone!”
Margaret Morgan :- “Abbiamo aspettato, Heidi ... Siamo sempre stati in attesa.”
Lacy Doyle :- [a Matthias] “Penso che tu sia venuto qui per entrare nella testa della mia cara piccola Heidi. Entrare nella sua testa e nel suo cazzo di cervello. Sei venuto qui per attaccare il tuo cazzo ficcanaso dentro la sua testa e il suo cazzo cervello, vero signor Matthias?”
"Satana! Vieni da noi! Noi siamo pronte! "

sabato 4 maggio 2013

Sinister

6

2012, Scott Derrickson.

Gli hanno voluto tutti bene, a Scott Derrickson, ma non era certo l'ammirazione per un talento né manifesto né latente, ma proprio illusorio, a determinare elogi ed encomi nei suoi confronti, bensì quel sentimento venato di tenerezza che si concede a un fratellino scemo; quel bamboccio che devi imboccare quando mangia, a cui devi sistemare le coperte e raccontare le fiabe, e che soprattutto devi magnificare quando fa il mattatore nella recita scolastica. D'altronde riservare un trattamento normale a una persona che di normale non ha niente, né l'intelletto né il conto in banca, sarebbe impresa ardua e tutto sommato persino sbagliata, anche considerando che dal nostro mestierante finora non abbiamo visto nulla più di qualche pellicola rincretinita e brutalmente stitica. Un esempio? Hellraiser 5: Inferno (2000), The Exorcism of Emily Rose (2005), Ultimatum alla Terra (2008), e nelle vesti di sceneggiatore il capolavoro al contrario di Wim Wenders, La terra dell'abbondanza (2004). Film orripilanti che, non si capisce per quale ragione, tutti noi siamo stati costretti a vedere.

venerdì 3 maggio 2013

Oblivion

7

2013, Joseph Kosinski.

La Terra è una memoria per cui vale la pena lottare.”
Frase di lancio originale del film

Jack Harper/Tom Cruise :- [Julia] “Cos'è che non mi stai dicendo? Chi sei?”
Victoria/Andrea Riseborough :- “Solo due settimane in più, Jack, e possiamo finalmente uscire e raggiungere gli altri. Ti prego, prego non correre rischi ...”
Malcolm Beech/Morgan Freeman :- “Sono stato a guardare te, Jack. Sei curioso. Cosa stai cercando in quei libri? Fanno riportare vecchi ricordi? Non farti troppe domande. Ti hanno mentito. E' il momento di conoscere la verità.”
Malcolm Beech : [a Jack] Se siete alla ricerca della verità, qui è dove la troverete.”
Julia/Olga Kurylenko :- [si sveglia] “Jack?”
Jack Harper :- [tra le rovine dello stadio] “L'ultimo Super Bowl è stato giocato proprio qui.”
Victoria :- “Ti prego, non dirmi che era un classico.”
Jack Harper :- “Uno sport classico. 80.000 persone in piedi. Secondi rimasti sul cronometro. Così Hubie getta un'Ave Maria. Touchdown!”
Jack Harper :- “60 anni fa, la Terra è stata attaccata. Abbiamo vinto la guerra, ma hanno distrutto metà del pianeta. Ognuno è stato evacuato. Nulla di umano rimane. Siamo qui per la riparazione dei droni. Siamo la "squadra manutenzioni".
Jack Harper :- [preparando il suo aereo futuristico] “Questo è Jack Harper. Io sono a posto.”
Jack Harper : “E' possibile perdere un luogo dove non sei mai stato? Per piangere una volta su dove non hai mai vissuto?”
Jack Harper :- “Voglio che l'umanità sopravviva. Questo è l'unico modo.
Jack Harper :- “Io ti conosco, ma non ci siamo mai incontrati. Io sono con te e non so il tuo nome. Lo so che sto sognando, ma sembra di più. Lo sento come un ricordo. Come può essere?”
Jack Harper :- “Le domande che mi faccio, lei non, le cose che ho da chiedergli, lei non mi risponderà.”
Jack Harper :- “Non riesco a scuotermi dalla sensazione, che la terra, nonostante tutto quello che è successo, la terra è ancora la mia casa.”
Jack Harper :- “Oh no, dai, non la mia moto dannata!”
Julia :-”Io non so cosa sia successo. Ma tu non sei chi ti credi di essere. Jack, siamo stati qui. Mi hai chiesto di incontrarti con te e mi hai portato fino in cima al mondo. Potrei dire che eri nervoso quel giorno. E' stato proprio qui, Jack. Tu mi hai detto: Guarda da qui ...”
Julia , Jack Harper :- [insieme] “... e ti faccio vedere il futuro.”
Jack Harper :- “Sogno di noi.”
Jack Harper :- “Mi chiedo, se io vengo a te, di notte, nei sogni, nel corso della giornata, come nei ricordi. Devo tormentare le tue ore nel modo in cui tu hai ossessionato le mie? E mi chiedo se mi vedi, quando ti guardo.”.
Jack Harper :- “Se noi abbiamo un'anima, siamo fatti per l'amore che condividiamo. Non offuscato dal tempo, non legato dalla morte.”
Jack Harper :- “Per tre anni ho cercato la casa che avevo costruito. Sapevo che doveva essere là fuori. Perché io lo so. lo sono. Io sono Jack Harper, e sono a casa.”
Malcolm Beech :- “Mi hai fatto preoccupare per un secondo. Ho pensato, che non saresti tornato.”
Jack Harper :- “Beh, ho dovuto dimostrare che avevi torto.”
Malcolm Beech :- “Stai di merda.”
Jack Harper :- “Eh, dovresti vedere quell'altro.”
Malcolm Beech :- “Te 'ho detto, quello che potevi trovare là fuori. Ma avevi pensato, che ero pazzo.”
Jack Harper :- “Bèh, lo faccio ancora.”
Jack Harper :- “No, è solo una macchina, io sono l'arma.”
Jack Harper :- “Buongiorno, capo.”
Sally/Melissa Leo :- “Torre 49, questo è il controllo missione. Cosa state facendo tutti in questa bella mattina?”
Victoria :- “Un altro giorno in paradiso, Sally. Caricamento dei dati ora.”
Victoria :- “Attenzione là fuori.”
Jack Harper :- “Lo faccio sempre io.”
Victoria :- “Come fai a saperlo?”
Jack Harper :-”Hai ragione. Devo lavorarci su questo.”
Julia :- “ Moriremo?”
Jack Harper :- “No! ... Forse!”
Jack Harper :- “Mi vuoi perdere? Mi mancherà questo posto. Sarebbe stato fantastico. Sarebbe stato fantastico.”
Malcolm Beech :- “Questo è un'arma incazzata.”
Jack Harper :- “No, è solo una macchina. Io sono l'arma.”
Malcolm Beech :- “Bèh, vorrei essere lì per vedere la loro faccia , quando questa si spegnerà.”
Jack Harper : “Sì, soltanto che sarà un viaggio di sola andata.”
Malcolm Beech :- “Sì! Ma ne sarà valsa la pena.”
Jack Harper :- “Come può un uomo morire meglio di così ...”
Sally :- “Non dovete morire, Jack. Tu non devi morire.”
Jack Harper :- “Ognuno muore, Sally. Il fatto è come farlo bene.”
Sally :- “C'è stato un modello di comportamento insubordinato recentemente.”
Jack Harper :- “Già. Mi sento male per questo.”
Jack Harper :- “Come può l'uomo morire meglio: di fronte a uno svantaggio pauroso, per le ceneri dei suoi padri, e ai templi del suo dio.”
Sally :- “Ti ho creato, Jack. Io sono il tuo dio.”
Jack Harper :- "Vaffanculo, Sally."
Dal trailer.

mercoledì 1 maggio 2013

Reds

9

1981, Warren Beatty.

Parte come una commedia, senza mai perderne certi tratti; si sviluppa come un dramma e finisce in tragedia. È la storia di John Reed ( Warren Beatty) il reporter americano che scrisse “I dieci giorni che sconvolsero il mondo”, (cfr. anche la rece dell'omonimo film di Ejzenstejn) il bestseller che racconta la Rivoluzione di Ottobre. Ma è anche la storia di sua moglie, Louise Bryant (Diane Keaton).