Visualizzazione post con etichetta José Giovanni. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta José Giovanni. Mostra tutti i post

lunedì 12 dicembre 2011

Comme un boomerang - Il figlio del gangster

12
1976, José Giovanni.

Dopo "Due uomini contro la città" (Deux hommes dans la ville) ('74) sempre con Delon e un'immenso Jean Gabin,  e “Lo Zingaro" ('75) precedentemente da me affrontato, Alain Delon  collabora per la terza volta consecutiva con Josè Giovanni, nel duplice ruolo di attore e produttore.

sabato 26 novembre 2011

Le Gitàn - Lo Zingaro

5
1975, José Giovanni.

“Lo Zingaro” (Le Gitàn) ('75) del grande Josè Giovanni, è un film alla maniera di Giovanni e delle sue eccellenti qualità di narratore, sceneggiatore e romanziere, piacevolmente amorale. Una delle motivazioni principali che spinge il protagonista Alain Delon è in primo luogo, una sorta di guerra personale contro l'autorità, la legge e la polizia in particolare. Oltre all'assunzione tipica di quell'atteggiamento tanto verso il crimine che verso la polizia. Se qualcuno è alla ricerca di una sorta di film pro-polizia, questo certamente non lo è. Come certamente tutti i film di Josè Giovanni, e leggendo al seguito alcuni cenni della sua incredibile biografia, non sarà difficile coglierne le motivazioni. In secondo luogo, il finale farà semplicemente infuriare coloro che hanno bisogno di un senso chiaro e definitivo di chiusura di un film. Nessuna di queste cose mi ha mai dato particolarmente fastidio, ma purtroppo quando questo grande noir uscì al cinema in Francia nel 1975, molti vi ravvisarono perciò delle gravi mancanze e trascuratezze.