mercoledì 3 maggio 2006

A history of violence

10

2005, David Cronenberg.

Grandissimo regista Cronenberg, devo assolutamente approfondirne la conoscenza.

Trama:
Chi sei? Tom Stall o Joe Cusack? Gestore d'un bar o killer fenomenale?
C'hai provato a crearti una vita normale, ma la violenza è un turbine dal quale non si esce.
C'è violenza sempre in questo film, soprattutto a partire da un certo momento, quando l'equilibrio che Tom ha faticosamente cercato s'incrina per un episodio fortuito.

Film stupendo.

10 commenti:

  1. ma hai visto solo questo di Cronenberg? Imperdonabile!
    No scherzo, però è davvero un grande, tutti i suoi film sono meritevoli, dai primi (più sull'horror) agli ultimi (non mi esprimo su "Fast Company", che è l'unico che mi manca). Spero di poter leggere qualcosa di tuo a proposito di film quali "Inseparabili", "Il pasto nudo", "videodrome", "Crash" e tutti gli altri!

    RispondiElimina
  2. hai ragione.
    videodrome ed existenz sono già approvigionati... arriveranno anche gli altri :)

    RispondiElimina
  3. Solo per dire che confermo i consigli di Alessandro.

    Saltando di palo in frasca potresti vedere , anche se non so se è il tuo genere, The Stupids di John Landis dove Cronenberg appare insieme ad altri personaggi del calibro di Gillo Pontecorvo , Costa-Gavras, Robert Wise ecc..

    Ciao Michele

    P.S. Porca vacca ho appena scoperto (stavo cercando di scoprire cosa avevi visto di Landis)che Grazia ha visto dei film di John Waters e sembra che gli siano pure piaciuti.

    RispondiElimina
  4. faccio tesoro Michele, grazie. :)

    RispondiElimina
  5. Eddai Roby! Lo sai: l'Orso ti - vi (grazie Grazia ;) - legge. Adoro Cronenberg. Il finale seduto a tavolo è bellissimo. Tom Stall ha accettato Joey Cusack - la violenza che c'è, tutta la violenza che c'è -, a quel punto tocca al resto della famigliola.

    Vecchioni anni or sono - anche se non lo sapeva :D - dedicò una canzone a Tom Stall... "Dormi, forse c'è qualcuno, dormi, forse non sei solo... Si svegliò, guardò nell'alba e l'alba era lì senza memoria; camminò la terra ormai da anni senza tempo e senza storia e fin dove gli occhi andavano non un suono, non un fiore... rise e raddrizzò le sagome dei suoi alberi in cartone, strinse in tasca i semi inutili come il torto e la ragione: nel cervello già sfumava l'ombra e con l'ombra ci viveva... s 'infilò come abitudine l'ago, quello di ogni sera e i fantasmi ritornarono per tenerlo vivo ancora (...) Ma il silenzio dei fantasmi intorno si riempì con un rumore e un cavallo appena nato un giorno lo guardò senza capire; annusò quel poco d'alba fece un passo ma cascò. Cercò per valli e giorni e mesi l'erba e l'erba non trovò e sudò per farlo stare in piedi ci provò e ci riprovò... qualche favola degli uomini ogni sera gli inventò... ma era disperato e inutile dargli fiato vicino, era come allontanarsi un po' la pistola di un mattino (...)"
    Eh, eh... L'ULTIMO CAPOLAVORO (ma non ultimo, ovvio ;)).

    Ps_ Obbligatorio recuperare "L'Uomo che Verrà" e "Lourdes".
    E anche "El secreto de sus ojos": 'poliziesco' intimista un po' melò, che guarda al passato. Occhi e passioni. Soprattutto occhi. Bravi tutti, ma Darìn di più. Commovente.

    Pps_Tra poco "Un Profeta" è al Cinema! Invece l'ultimo Scorsese si può saltare benissimo (ma se lo si ama no): Di Caprio bravissimo, due, anzi facciamo tre va', sparuti 'wow!' e il resto due palle. Flashback bruttissimi...

    RispondiElimina
  6. Ops... seduto a tavolA. :)

    RispondiElimina
  7. bad, lo so che leggi, ma siamo noi che non ti leggiamo, poi è Grazia che ti cerca, cioè non è che io non ti cerco, solo che lei, ma pure io, però io so che tu sai e tu sai che io so, ma lei non sa, allora dice, che poi direi anch'io...
    non so se mi ho stato spiegato :D

    p.s.: Il Profeta andrò a vederlo con Michele, amico presentato da Grazia :)

    RispondiElimina
  8. @ BadGuy: bello risentirti! ci mancavano davvero i tuoi commenti. Grazie di avermi ricordato quella splendida canzone di Vecchioni che ho subito riascoltato (adoro Vecchioni!)

    @ Roby: io ci aggiungerei anche "La promessa dell'assassino", che dovrebbe essere l'ultimo di Cronenberg. Bellissimo!

    @ Michele: vedo che riesco ancora a stupirti... Ma c'è una sfumatura di ironia nel commento... o mi sbaglio?

    RispondiElimina
  9. Uno dei più bei film mai girato. Eccezionale.

    RispondiElimina
  10. il mio "primo" di Cronenberg, una rece un po' misera... ma mi sono poi rifatto

    RispondiElimina