sabato 6 maggio 2006

Match Point

5

2005, Woody Allen.

Film atipico per Woody Allen, che lo ha scritto e diretto.
Io perlomeno ero fermo a "Provaci ancora Sam", ecc..., questo è decisamente differente. Poi il fatto stesso che sia ambientato a Londra, nella sua aristocrazia, lo rende ancora più difficile da credere.

Trama: un irlandese arrivato a londra, intelligente quanto ambizioso e bello (chiedere alle donne per credere), ottimo tennista, sfonda sposando la figlia di un ricchissimo finanziere, ma... è innamorato della "quasi" cognata. Cognata non lo diventerà mai, però diventerà amante, un'amante scomoda e pericolosa per la sua carriera e la sua felicità familiare.

M'è piaciuto parecchio, pur senza suscitarmi entusiasmi particolari.

5 commenti:

  1. ciao Ale, vedo che i commenti hanno ripreso a funzionare. :)
    sì, ho letto che l'hai apprezzato moltissimo questo film, tu poi ormai sei un cultore di Allen.

    RispondiElimina
  2. sì, pare che ora funzioni tutto di nuovo...boh!
    Eh oggi ho finito: ho recensito tutti i suoi film (da regista); ora rimango in attesa dell'uscita nelle sale del prossimo, che avverrà a breve credo :)

    RispondiElimina
  3. Premessa non mi piace Woody Allen...ma in questo film io credo superi se stesso. Il leitmotiv del film sopraognicosa è la casualità umana e le azioni irresponsabili e responsabili che porteranno alle conseguenze più estreme. No, ma voglia parlare dell'inizio quando la pallina da tennis in ralenty può andare di qua o al di là della rete? la pallina che rappresenta il caos del mondo...finchè il caso prende il sopravvento.

    *"Chi disse: preferisco avere fortuna
    che talento
    percepì l'essenza della vita.
    La gente ha paura di ammettere quanto conti la fortuna nella vita .
    Terrorizza pensare che sia così fuori controllo.
    A volte, in una partita
    la palla colpisce il nastro
    e per un attimo può andare oltre
    o tornare indietro.
    Con un pò di fortuna va oltre
    e allora si vince.
    Oppure no.
    E allora si perde"*

    RispondiElimina
  4. sottoscrivo la Premessa! lo reggo a fatica... ma questo film non sembra nemmeno suo. ;-)

    bellissimi il commento e la citazione! :***

    RispondiElimina