mercoledì 16 novembre 2011

The Human Centipede 2 (Full Sequence)

30
Attenzione! Horror estremo.

2011, Tom Six.

Finalmente visibile anche l'attesissimo (da chi scrive) secondo episodio della Trilogia del Centipede, dopo "The Human Centipede (First Sequence)" che qua ha fatto tanto discutere. Esagerata la locandina vero? Altro Cult per quanto mi riguarda. L'avvertenza iniziale è ancora una volta doverosa, alla quale aggiungo che qualche spoiler sarà inevitabile in quanto segue.


Martin (un simpaticissimo Laurence R. Harvey) è un dolce bambinone, asmatico e pinguediforme, che vive con la mamma e si prende grande cura di una scolopendra. Di lavoro fa il guardiano notturno in uno stabile, e mentre cura i monitor guarda continuamente il capolavoro del cinema che l'ha folgorato, il citato "The Human Centipede (First Sequence)". Grande fan e ammiratore del Dr. Heiter, prende scrupolosi appunti sulle lezioni che lo stesso tenne ai suoi bipedi prima di operarli. Anche se non apprezzato dalla madre, che vorrebbe accarezzarlo a coltellate e per tutta risposta si ritroverà il cranio arieggiato, Martin coltiva il sogno di realizzare in concreto un film come quello di Tom Six, superando persino Heiter. C'è qualche problema sul quale il nostro sorvola, tipo che lui non ha competenze mediche né una sala operatoria, per dirne solo 2, ma non saranno insormontabili. Dopotutto, dipende uno che aspettative di vita si attende dal Centipede...

Studia che ti ristudia il film in ogni fotogramma, ormai è tutto pronto per cominciare, a livello di know-how. Manca cosa? Una location, e per questa rimedierà il più disgraziato dei capannoni industriali. Poi occorre fare del casting ovviamente. Il Q.I. di Martin, uomo serafico eppur capace di grandi slanci, è sufficiente a comprendere che non troverà dei volontari per la cosa, allora se li procurerà nel garage di notte (e altri casualmente altrove) a suon di colpi di pistola non mortali e mazzate in testa con un piede di porco, dopodiché carica la carne sul furgoncino e via!

I primi 50 minuti sono questo: casting, preparazione location, definizione attrezzature, aggiustamenti alle relazioni familiari e di vicinato. Propedeutica.


Il film è in b/n ed ha, urli di disperazione e dolore a parte, una "industriale" gestione dei suoni, soffocata da alcuni momenti di silenzio assoluto. Nelle scene d'interno a casa di Martin, con quel contesto surreale, mi ha ricordato "Eraserhead" ma andiamoci piano coi paragoni. Non è il caso forse di fare troppo i "critici", qua siamo nel genere di film che vogliono stupire e sconvolgere, creare un caso, farsi amare o disprezzare. Un filo inferiore come livello generale secondo me, rispetto al precedente a colori, riesce però a superarlo largamente in violenza e sangue, e in schifezze. Dall'orrore, alle sensazioni di dolore, al rischio di vomitare, tutto è possibile per chi guarda. Vediamo in breve che succederà in quel capannone, dove si realizzerà un "decipede"...




Tutto quanto segue avverrà senza la minima forma né di anestesia né di profilassi: tranne alla destinata ad esser prima della fila, a tutti gli altri verranno spaccati i denti a martellate; a tutti saranno tagliati i tendini/legamenti al ginocchio per agevolare anzi costringere la camminata a quattro zampe; fatto un primo tentativo di scuoiare le natiche per attaccarvi la faccia di chi segue, si passerà ad una più pratica pinzatrice da falegname, senza ottenere la stessa tenuta che comunque risulterà bastante.





A chi urla troppo una piediporcata in testa fa anche da sedativo. Se necessario si strappa la lingua, le urla disturbano. Tra una soffiata di broncodilatatore e un'altra, Martin si gode la sua creatura che sembra fargli le fusa, ma non c'è molto tempo, bisogna finire il film.

Si passa alla nutrizione, per la prima della fila, con metodi "gentili". Come fare poi per velocizzare il travaso di cibo da un tassello all'altro? Le pernacchie si riveleranno insufficienti come stimolante, anche i massaggi all'addome, quindi non è difficile immaginare cosa farà. Sarà orribile vederlo, e che odore!, persino Martin ne proverà disgusto! Potrebbe anche fermarsi a questo punto, in poche ore ha fatto tutto, ma... quel che ancora resta, ed il finale scolopendrico-rettale, ve li lascio godere.



Sì, forse il primo film della trilogia rimane il migliore per ora, ma questo è un degno successore, esplora altre strade estetiche ed anche narrative. A chi ha fatto schifo il primo qua potrà solo peggiorare ulteriormente il suo giudizio, si risparmi pure la visione. Chi invece come me lo ha apprezzato non resterà deluso e si farà anche un bel po' di risate nella prima parte.
Per quelli che riescono a ridere anche dal minuto 51 in poi senza sboccare propongo di fondare un Club, siamo un'elite. E ci salutiamo con un bel sorriso, un momento di gioia del nostro "eroe".


Un saluto finale anche a chi ha gestito le due scolopendra utilizzate nel film, tal Michael Fordham, e pure un plauso proprio ai due artropodi che compaiono nei titoli di coda coi loro nomi propri!! Sono Kirsty e Gladice.


Cult da non perdere, per chi se la sente di vederlo.
Attendo con bava pendula il terzo episodio, nel quale mi attendo, spero, di veder concretizzata la locandina di questo secondo.
Robydick



30 commenti:

  1. Adesso rigetto la colazione...ahahah. pensa che bella una catena fatta da parlamentari, banchieri, finanzieri, tutti a mangiarsi un po' di sana merda, quella che vorranno invece farci ingollare a noi.

    RispondiElimina
  2. Harmo te vojo bbene... splendida idea. è un "pensiero" il tuo che mi rasserena, ahah!

    RispondiElimina
  3. il primo mi aveva "divertito" molto..proviamo questo..grande rece robi..e sottoscrivo l'idea di harmonica.

    RispondiElimina
  4. sei sulla retta via brazzz! :D
    più che una rece è uno spot promozionale. scritta "a caldo", stavo ancora ridendo...

    RispondiElimina
  5. Ma davvero è già uscito....!!!!???? Non l'ho ancora visto io....!!!!

    RispondiElimina
  6. Ok, ammetto di essermi fermata ai "preparativi per il casting".
    Il fatto è che The Human Centipede (First Sequence) lo avevo visto, e lo avevo odiato. Stupido, stronzo, schifoso, mii che voglia di spaccare i denti al regista!!!
    Però... però la curiosità di vedere il seguito è davvero troppa, e lo so già che lo cercherò e lo guarderò, dandomi della stupida per i giorni a venire.
    Quindi voglio evitare commenti pregressi e spoiler u__u
    Tornerò se e quando lo avrò visto!!

    RispondiElimina
  7. sì Napoleone! in inglese eh, ma non è che ci siano 'sti gran dialoghi da sentire. ci sono in giro degli streaming coi sub-ita ma sono brutti da vedere.

    Bollalmanacco, hai fatto bene a fermarti :D
    non ti darai della stupida, perché?, avrai fatto un'altra orrida esperienza, ahah!

    RispondiElimina
  8. devo ancora recuperare il primo, aspetto di vederlo quando ho voglia di un film davvero bello tosto...
    e poi eventualmente passerò anche al 2

    RispondiElimina
  9. ciao Marco. la visione del primo è direi fondamentale prima del secondo. non li guarderei troppo ravvicinati, ecco... ;-)

    RispondiElimina
  10. Roby, non sapevo fosse già recuperabile il secondo.
    Pare talmente terrificante che temo dovrò darci un'occhiata! ;)

    RispondiElimina
  11. eh MrFord, un'occhiata come minimo se la merita :)

    RispondiElimina
  12. appena visto(saltellando qua e là,ma poco importa..diciamo che si capisce..niente sottotitoli,ma idem come sopra)..mamma mia..estremo di sicuro..divertente,a modo suo...vale la pena vederlo, sapendo che è DECISAMENTE stremo..ciao robi

    RispondiElimina
  13. ti stimo troppo brazzz!
    benvenuto definitivamente tra gli onnivori :DDDD

    RispondiElimina
  14. Visto, superiore e molto più estremo del secondo. C'è tutto quello che mancava in dettaglio di sangue e mutilazioni, che a molti è "mancato" nel primo.Ma il feto schiacciato contro l'accelleratore della Mercedes, era/è vivo...? Il finale sembra/potrebbe suggerire che si trattava solo di un lungo incubo di una mente follemente allucinantemente deviata.

    RispondiElimina
  15. mmmm... speriamo bene (e sembrerebbe di si) perché il primo è una corrazzata potionkin coi fiocchi ;)

    RispondiElimina
  16. oddio è già uscito?! non posso leggere la recensione prima di vederlo, mi rovinerei il film. grazie dell'agiornamento comunque.

    RispondiElimina
  17. Napoleone, superiore sicuramente dai punti di vista che segnali, non ci piove! grande scena quella, ma sulla parte finale ho evitato di spoilerare... nei commenti non c'è problema! :D

    Eddy, non capisco il paragone, perché guarda che "La corazzata Potëmkin" è un capolavoro assoluto, altro che le balle raccontate nei fantozzi ;-)

    Lekahurst, è un piacere. cmq leggi pure, non ti rovino la visione, anzi... :P

    RispondiElimina
  18. Stamattina apro per dare un occhiata veloce e che mi tocca vedere? la locandina del Centopiedi Umano nuovonuovo! Locandina da paura. mi piace proprio. una delle migliori che ho visto almeno per quanto riguarda il genere horror! Così mi metto subito alla ricerca "sul mio mulo" e poco c'è voluto ;)
    arrivo a casa e lo guardo. sono fresco di visione!
    Il protagonista è fantastico, per carità anche il Dr. Heiter non scherzava col suo accento tedesco e la sua professionalità, ma qua abbiamo un psicotico nel pieno di un delirio coi controcazzi!! Davvero unico fin da subito. Il suo sguardo poi?? Che pazzo! Ben costruito, tra panza, asma, QI, e occhi sporgenti, la sua mammina e suo padre un po' troppo premuroso(battuta di cattivo gusto? se si mi scuso, è per stare in linea con film e rece) è un capolavoro di psicopatico.

    La scelta del B/N mi è piaciuta assai, anche se sbaglio o nel momento di massimo godimento si è visto un po' di marrone schizzare sulla telecamera??

    Mamme: che pazze ste mamme.. prima quella del parcheggio che tenta la fuga lasciando il pargolo in mano a Bigboy Martin. e poi quella che schizza la testa del neonato con l'acceleratore!! Risate!! :D

    Il finale io l'ho visto più come un messaggio che dice: Martin l'ha visto e ha fatto questo, è un film, ma un vero pazzoide schizzato la fuori può anche esserci!

    RispondiElimina
  19. E' evidente quanto Six (che comunque è un regista dotato e da tenere d'occhio, qui lo dimostra in maniera efferatamente eminente, anche rispetto al primo film) si sia ispirato a "Eraserhead" di Lynch, come tu dici Roby, è talmente scoperta la cosa che è certa. Anche e non ultima, per la componente assolutamente angosciosa, deviata e malata oltre ogni limite e dire, di personaggi e situazioni, e poi sì, anche per il non indifferente "lavorio" lynchiano sul suono. Strepitoso protagonista, non fa rimpiangere il Dr.Heiter interpretato dal veramente inquietante Dieter Laser.
    P.S.:per chi non l'avesse ancora visto date una guardata su Youtube al secondo teaser trailer del film,per il medesimo parcheggio sotterraneo in cui è ambientata gran parte della pellicola si aggira sornione e beato della estrema e efferata fama raggiunta Tom Six, con in testa l'inseparabile Stetson a "presentare" muto e con indosso il medesimo camice bianco lordo di sangue del protagonista, lo stesso ma nascosto nel volto da uno "slasheriano" sacchetto di cartone della spesa.

    RispondiElimina
  20. bella Gus! con te allora si fonda il club che dicevo, ahah! giusto, brandelli (è il caso di dire) di colore anche nel feto spiaccicato ad esempio. ma proprio brandelli...

    grazie Napoleone. questa rece è scritta senza alcun riferimento, in giro c'è poco o nulla, e quel poco che c'è liquida anche con poche righe e pessimo giudizio il film, che invece è notevolissimo, ma insomma, non è roba da giudizi "intermedi".

    veramente contento di trovare i vostri illustri riscontri! tra l'altro Napoleone parlava di topolini nell'ano con Mondo Candido, qua si va di scolopendra... miezzeca! :DD

    RispondiElimina
  21. Il primo non mi era piaciuto per nulla, poverissimo dal punto di vista visivo (non solo nella regia ma anche nel chiacchierato estremismo che, boh, ho trovato molto pallido), e nullo per quanto riguarda la sceneggiatura, piena di buchi e con il monologo del giapponese che se ci penso mi fa ancora ridere.

    Da come descrivi il secondo, però, sembra che Six abbia fatto un lavoro assai migliore. Vedremo di dargli una possibilità, sennò al terzo centipede umano lascerò perdere volentieri. :)

    RispondiElimina
  22. ciao Simone! penso che questo, almeno dal punto di vista delle violenze, non potrà non piacerti. ho scoperto però, con messaggi privati, che anche amanti dell'horror hanno remore verso alcune di queste in particolare, per cui non so. per me, in un film che vuole essere estremo, tutto è concesso, anzi!, tutto è auspicato. :)

    RispondiElimina
  23. Concordo con te, se dev'essere estremo che estremo sia. Chiaro che poi non basta solo questo fattore per rendere interessante un film (penso ad A Serbian Film, che considero molto brutto proprio perché al di là dell'estrema violenza, concettuale e non, non ha alcuna sostanza narrativa). :)

    RispondiElimina
  24. DEVO ASSOLUTAMENTE VEDERLO SUBITO!

    RispondiElimina
  25. per chi può, gli amici di Domenica Uncut lo trasmetteranno fra 2 domeniche e con i sub in italiano! LINK

    RispondiElimina
  26. Visto. Geniale. Però perché dici "decipede"?... Alla fine è un "quarantipede", a contar tutte le...zampette umane!
    Mi voto per il club.
    Ciao!

    RispondiElimina
  27. ciao Buitre. mi sa che hai ragione, ho fatto male i conti :)

    RispondiElimina
  28. Ottima recensione e film spettacolare. Uno dei migliori protagonisti psicopatici mai visti. Personalmente lo reputo migliore anche del primo. Riguardo alla vaga somiglianza con Eraserhead è la prima cosa che ho subito pensato anch'io con le cupe ambientazioni e il sonoro.

    RispondiElimina
  29. ciao Luigi, benvenuto!
    be', sei probabilmente nel giusto, questo è certo più inquitante del primo, ma io a quell'apripista ci son troppo affezionato...

    RispondiElimina