sabato 24 settembre 2011

Dumbo

32
1941, Walt Disney.

Per me questo è un capolavoro che DEVE essere mostrato per la bellezza e spiegato nei contenuti ad ogni bambino sulla faccia della terra. Chi scrive non è certo un disneyano d.o.c., ma "Dumbo" ce l'ho nel cuore da quando sono bambino e da adulto l'apprezzamento è cresciuto ulteriormente. Quest'anno ricorre il 70esimo dalla sua uscita, splendida occasione per parlarne.

Ricorrenza ricordatami e recensione sollecitata, tanto per cambiare, dall'amico Napoleone, il quale ha aggiunto - Mi raccomando, ricordati di citare l'irresistibile Generale fellone interpretato da Robert Stack in "1941: Allarme a Hollywood" ('81) di Steven Spielberg, che va al cinema proprio a vedere "Dumbo" :-"Ah, finalmente qualcosa di bello e positivo.." commuovendosi mentre fuori sulla Figueroa infuria il caos e la distruzione più totale per una supposta invasione dei giapponesi. -
E' uno spunto interessante per me questo generale. Per questo, senza rielaborare nulla, ho riportato la mail di Napoleone così com'era.

Ma veniamo alla storia del film! Anche se nota e arcinota...
In un circo ambulante arriva per mamma Jumbo, trasportato da una cicogna stile delivery-service, un elefantino dall'aspetto dolce e assai bizzarro. Dumbo ha orecchie enormi, talmente grandi che lo si può avvolgere dentro di esse per intero e c'inciampa camminando. Diventa subito lo zimbello delle elefantesse, e proprio difendendolo da umani che si burlano di lui mamma Jumbo avrà un'eccesso d'ira che la costringerà in una carrozza adibita a prigione. Rimasto solo troverà un inatteso amico nel topo Timoteo, il quale riuscirà ad inserirlo in un'acrobatica esibizione piramidale degli elefanti, la quale causerà un disastro distruggendo il tendone proprio a seguito di un movimento maldestro di Dumbo. L'elefantino verrà dirottato nello spettacolo dei clown, cosa che causerà un ulteriore allontanamento dal clan delle elefantesse. Al termine di un sogno-incubo pieno di elefanti rosa, pilotato da un involontario consumo di alcol, Dumbo e Timoteo si ritroveranno, derisi da una ganga di corvi, appollaiati sul ramo alto di un albero. E come ci sono finiti lì? La spiegazione potrà essere una sola: Dumbo, con quelle orecchie, può volare.

Trattasi di film storico, giusto riportare da wiki Storia e Curiosità:

Dumbo fu il risultato di una precisa volontà del Disney Studio di realizzare un lungometraggio semplice e senza il colossale dispiego di mezzi che aveva caratterizzato i lavori precedenti (Biancaneve e i sette nani, Pinocchio e Fantasia), anche a causa dell'iniziale fiasco (in proporzione ai mezzi impiegati) del precedente film Fantasia, ed è oggi considerato uno dei suoi film più belli.
Durante la notte degli Premi Oscar 1942 il film ricevette la nomination come Miglior Canzone per "Baby Mine" (cantata dalla madre di Dumbo in prigione) e ricevette la statuetta per la Migliore Colonna Sonora in un Film Musicale. Non solo, ma quello stesso anno Walt Disney ricevette un Premio Speciale "per lo straordinario contributo al progresso dell'uso del sonoro nel cinema attraverso la produzione di Fantasia", ed il prestigioso Premio alla memoria Irving G. Thalberg. Presentato poi in concorso al 2º Festival di Cannes (dopo ben 5 anni), vinse il Grand Prix du Festival come miglior film d'animazione.

Il film a causa della Seconda guerra mondiale, arrivò in Italia sette anni dopo la sua uscita e quindi anziché nel 1941 arrivò nel 1948, ovvero tre anni dopo la fine del conflitto. Al successo in Italia della prima versione contribuirono anche le canzoni della colonna sonora, ai cui cori partecipò anche il Quartetto Cetra.
Per il doppiaggio del film avvenuto nel 1948 i suoi componenti ricevettero una lettera autografa di congratulazioni da parte dello stesso Walt Disney.

È l'unico film Disney in cui il protagonista non dice una parola per tutta la pellicola.

È il primo film Disney (ed uno dei pochi tutt'ora) ad essere ambientato negli Stati Uniti.

È stato il primo film commercializzato in VHS per l'home video (1982).

L'ombra che il topo Timoteo proietta quanto sta per suggerire al "principale" di usare Dumbo nello show, è ispirata all'ombra di Nosferatu.

Secondo quanto riportato nei contenuti speciali del DVD, questo era il film preferito da Walt Disney.

Negli anni 80, la canzone Casimiro a tutta forza va fu usata come colonna sonora di una sigla che apriva ogni film che usciva in VHS.

Alcuni hanno pensato a Dumbo come a una versione più moderna de Il brutto anatroccolo, ma, in realtà, il film è tratto da una fiaba di Helena Aberson.



Un'ora della quale non si butta un solo frame. In questa edizione restaurata non ha perso nulla del suo fascino antico, i colori sono rimasti fedeli a mio parere e è ora di una qualità spettacolare! Le VHS non potevano in particolare rendere giustizia alla scena dell'arrivo del circo nella città dove poi arriverà anche Dumbo. Un "girato" notturno e piovoso, coi colossi neri al lavoro, insieme agli elefanti, e una musica di grande energia ad esprimere il vigore di uomini e animali al lavoro. Ora è godibile con la giusta luce. E' la scena che amo di più, se è possibile stilare una classifica in questo capolavoro; realistica poi, mostra inequivocabilmente il fatto che i lavori pesanti erano svolti da animali e afroamericani, vero Zio Tom? E oggi chi li svolge in italiA, senza guardare troppo lontano? Giustamente famosissima e ricca di colori più che mai la scena del sogno di Dumbo, nella quale gli elefanti rosa sono tutto e possono trasformarsi in tutto, un gioiello di fantasia e di psicologia. Quest'ultima mi ha portato a pensare all'altrettanto famoso, anche se presso altro genere di pubblico, sogno-volo de "Il grande Lebowski". Che si siano ispirati a Dumbo i Coen?

Ognuno scelga la scena che vuole. Freudiani e post-Freudiani si sbizzarriscano se vogliono sul Sogno. I lombrosiani sull'aspetto dell'elefantino. Gli erichfrommiani sull'essere o avere così come inteso dalle papesse pachidermiche rapportato a mamma Jumbo. Se si vuole va benissimo anche solo per sentire le bellissime canzoni (Super Encomio al Quartetto Cetra!) accompagnare le scene con sincronia perfetta, in questo i film di Walt Disney, dai primissimi, sono imbattibili. Questo film va bene per tutti, a tutti risulterà bello per qualche ragione. Fa ridere e pure molto in certi momenti, in altri intenerisce, commuove, e sfuggirà pure del salmastro dalla congiuntiva.
Il generale della chicca ricordata da Napoleone (n.b.: film ambientato proprio l'anno di uscita di Dumbo) cosa stava facendo prima di entrare al cinema e cosa farà all'uscita? Scena geniale ed esilarante quella del film di Spielberg, chiaro che satireggia sul militare e su quel che rappresenta, ma siamo, noi altri, migliori di lui? Forse la satira è di più ampio spettro...

Va bene che è ispirato ad una favola ben precisa e non al "Brutto anatroccolo", ma certe analogie sono innegabili! Come siamo tutti bravi e buoni quando guardiamo film come questo, subito prendiamo le difese del più debole. La maggior parte di noi però, nel reale, sono come le elefantesse che scacciano Dumbo o come il tenutario del circo che non esita a far compiere numeri pericolosi ai suoi dipendenti, animali in primis, pur di attirare il pubblico numeroso. La verità è questa. Già, che tenerezza infinita nella proboscide della mamma che esce dalle sbarre per cullare il piccolo, e altri contatti non possono averne. Solo la mamma può avere quella compassione per lui? Una specie animale evoluta non dovrebbe, nella sua interezza, adoprarsi per i suoi cuccioli e tra questi per i più discriminati? Il film rappresenta uno stato di cose, non il migliore possibile, ma questo non credo lo pensino in tanti, nessuno forse coglie che quanto vede denuncia un'organizzazione sociale che fa acqua da tutte le parti e ancora oggi non comprende che il diverso è occasione per migliorare il DNA collettivo e non un ostacolo. Persino il finale è bello ma di denuncia da questo punto di vista. Sì, una diversità diventa qualità, ricchezza, ma perché? Semplicemente perché può portare soldi negli spettacoli. Dumbo, solo così, con le sue orecchie e basta, non valeva nulla, comincia a valere volando. Ed ecco la "romantica" di turno che pensa al gesto - ecco, vedi?, anche se sei un diverso, anche solo con la mente, tu puoi volare... - non capendo veramente niente. Avete mai visto dei disabili volare? Al limite degli idioti attaccare lucchetti e dire un mucchio di frasette coglionanti, quelli sì... volete vendere libri e farvi intervistare nei talkshow? scrivete quelle cazzate e andrete forte.

Fantastico film! Sembra una favoletta e invece è satira sociale. Ti addolcisce con una nenia, t'ipnotizza con un sogno, e ti risveglia al tuo reale essere. Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andremo?... ma che ce ne frega di 'ste domande da perditempo! Una domanda interessante può essere: Cosa facciamo? O meglio, più banalmente e quotidianamente: oggi come mi sono comportato? Un film come questo, ad ampio spettro nel tirare fuori i nostri sentimenti ci dà un'idea del potenziale che possediamo, ma poi nella vita di tutti i giorni gli stimoli ad esprimere questo potenziale sono diversi, più deboli, o meno evidenti, e non ci escono questi sentimenti. C'è il potenziale ma sono deboli forse i recettori, oscurati da altro di più forte e meno nobile.

Timoteo è un personaggio splendido, simbolo di apertura mentale e privo di pregiudizi, espressione del "Penso Positivo e 'fanculo tutti gli altri". Bellissimo che sia proprio un topo, spauracchio ancestrale degli elefanti, a svolgere questo ruolo pigmalionico, da meditare volendo.

Favolosi anche i corvi, altri animali abbastanza bistrattati nella vita reale eppure tra gli uccelli più capaci e intelligenti. Anche nel film lo saranno, perché riusciranno in un'impresa che per i più è titanica e per i restanti impossibile: cambiar parere.

Basta dai, ne ho scritto anche troppo.
Bellissimo cartone in tutti i sensi, e di formazione.
Da vedere periodicamente, consigliatissimo anche come edulcorante per quando i neuroni sono invasi dall'acido che la vita quotidiana spesso procura.
Robydick

Frameshow ricchissimo, praticamente una sintesi del film. Le canzoni, tutte della o.s.t. ovviamente, sono "Casimiro va" e "Giammai gli elefanti volar" e il gran finale dalla v.o. con "When I see an elephant fly".
video


32 commenti:

  1. Un film meraviglioso, tra i Classici Disney più riusciti.
    A prescindere dall'età del pubblico, una vera meraviglia da guardare e riguardare.

    RispondiElimina
  2. ciao mrford! eh sì...
    bella la tua foto con la chitarra :)

    RispondiElimina
  3. Muchas gracias, Roby!
    Per ricambiare, dico bello il tuo paragone Dumbo/Lebowski, non posso che apprezzare!

    RispondiElimina
  4. grazie! :)
    è un po' che non vengo a trovarti mrford, faccio ammenda, e non voglio campare scuse. appena riesco ... ;-)

    RispondiElimina
  5. Tranquillo!
    Passa quando vuoi, il saloon è sempre aperto!

    RispondiElimina
  6. Caro Dumbo!! Non ricordavo più....stupendo cartone animato come tanti di Walt Disney, semplice e rilassante! Grazie per questo ritorno al passato! Che tempi!! Ciao e buon weekend! : )

    RispondiElimina
  7. prego cristina, è un piacere! :)

    RispondiElimina
  8. Tenerissimo Dumbo! che bellissima sorpresa il suo arrivo, anche perché so che sei abbastanza tiepido verso Disney.
    Recensione superbissima, comunque credo che per ogni essere "pensante" sulla terra il farsi domande tipo "perché esisto, chi sono, da dove vengo, dove vado?" sarà pure una perdita di tempo, ma tant'è, inevitabile, ogni tanto accade. Se poi ci sprechi la vita... allora non va bene!
    Buona domenica!

    P.S.: restando in tema mi piacerebbe vedessi fra qualche mese o fra qualche anno quel piccolo (nemmeno tanto "piccolo") gioiello di animazione che è "Mary and Max" (2009) dell'australiano Adam Elliot. Non credo sia mai stato distribuito in Italia, ma si trova di ottima qualità con i sottotitoli.
    Buone le recensioni sul web, anche quella di Mymovies.

    RispondiElimina
  9. di Dumbo credo di aver rimosso quasi il 70% dopo gli incubi che mi causò.. devo rivederlo al più presto!

    RispondiElimina
  10. eh sì grazia, inevitabili quelle domande, ma ti avviti dentro senza mai che ne venga fuori una soluzione. :)
    grazie mille, anche per la grande dritta del film, è già in approvvigionamento... ;-)

    rivedilo oneword, davvero... poi questa edizione restaurata è uno spettacolo!

    RispondiElimina
  11. Grandissimo Roby, un film così merita una recensione di questa portata, sei stato superlativo! Mi ha colpito una cosa che hai scritto, e cioè che si tende a prendere sempre la difesa del più debole, in questo caso dell'unico personaggio Disney che non parla mai (eheh, è vero, nonostante sia lampante non te ne rendi conto senza che ti venga fatto notare), ma la maggior parte...della gente direi, penso che noi non siamo così, nel reale, è come le elefantesse che scacciano Dumbo! Infatti, questo film ha ancora tanto da insegnare!
    A presto Roby, un abbraccio

    RispondiElimina
  12. anch'io non sono un disneyano ma la scena del loro sogno onirico dopo l'ubriacatura di champagne è un cult!!!

    RispondiElimina
  13. grazie nico. be', hai ribadito il concetto che ho espresso e mi fa solo piacere... a presto sì! :)

    ciao cirano! nulla da aggiungere ;-)

    RispondiElimina
  14. di nulla amico mio, è un piacere leggere le cose che dici e, soprattutto, gustare la competenza con cui sono scritte.
    ma...ué ué, noto che non hai ancora aggiornato sopra la lista degli amici collaboratori!!! assafamaronna, ripara subito eh :-)))

    RispondiElimina
  15. Eh sì, non sono domande banali, basta solo non avvitarcisi sopra.
    Dumbo non ha bisogno di parlare quando l'animazione è a questi livelli... La Disney d'allora aveva una troupe d'eccellenza di disegnatori e registi, ma io non snobbo (in generale) la grafica computerizzata di adesso: quando è ben fatta sempre di arte si tratta.
    Lo rivedrò senz'altro nella nuova versione restaurata!

    "Mary and Max" in realtà per me è un vero capolavoro, film divertente e insieme amarissimo, prima per adulti che per bambini. La tecnica è quella dei pupazzi in plastilina, forse meno "poetica", però rende superbamente tutta l'espressività dei personaggi.
    Vedilo... vedilo!!!

    RispondiElimina
  16. uno dei miei cult di qnd ero piccina, e pure di adesso. indimenticabile davvero!

    RispondiElimina
  17. nico macheddici, guarda bene! :D
    ahah! è vero, ho messo a posto ora l'elenco...

    grazia, plastilina in stop-motion??? bene bene, non vedo l'ora

    ciao over! e ciao anche a liber@! :D

    RispondiElimina
  18. Posso garantire che ai bambini di oggi piace ancora! E questo é quello che conta, direi.

    RispondiElimina
  19. non avevo parlato di "stop motion"...
    vedo che SAI!
    bene bene... :)

    RispondiElimina
  20. E pensare che, come qualcuno ha giustamente scritto su YouTube, ed e' stato il commento che mo ha colpito ed i e' piaciuto di piu' fra mille, mentre negli Stati Uniti migliaia di mamme coi loro bambini vedevano questo film in cui poter rivedere una delle piu' potenti restituzioni visive e cinematografiche dell' amore di una madre per il figlio, dicevo nel frattempo, proprio in quel 1941 in Europa, migliaia milioni di altre mamme e bambini venivano trucidati, bruciati, o mandati direttamente nelle camere a gas dagli aguzzini nazisti.

    RispondiElimina
  21. ciao adriano! ne sono convinto di quel che dici.

    carissima grazia, riguardo allo stop-motion... in un periodo di tua non assidua presenza questo umile blog ha svolto una rassegna pressoché completa di un certo Jan Svankmajer, non so se mi ho stato buono spiegato, ahah!

    bellissimo quel commento napoleone, hai ragione

    RispondiElimina
  22. Uno dei film d'animazione più belli .Di quando ero piccola,una vita fa, ne ricordo tre con infinito amore: Biancaneve e Bamby, oltre a Dumbo.
    Appena il mio nipotino avrà l'età....
    Perché,sì concordo, è un film che tutti i bimbi dovrebbero vedere.
    Sandra

    RispondiElimina
  23. ciao sandra! un saluto al nipotino :)

    RispondiElimina
  24. stupend0; per me uno dei film più angoscianti e tristi di sempre.

    stupendi i corvi "afroamericani" caricaturali fino a sfiorare l'insulto razziali, ma determinanti nel creare Dumbo, altra questione sociale toccata dal film

    RispondiElimina
  25. grande lake! non avevo pensato alla negritudine dei corvi, ne ho colto un altro aspetto, ma hai ragione, anche quella metafora c'è... incredibile questo film.

    RispondiElimina
  26. ciumbia. dove sono, che ore sono, cavolo lo sapevo che non dovevo mangiar troppe salsicce la sera. ho la bocca impastata e mi girano le palle, manca poco che ho sognato anch'io gli elefanti rosa. boh. 'gnamo a' letto va'. bello dumbo però.

    RispondiElimina
  27. Ahi ahi... chiedo umilmente scusa! però sai bene che sul blog passo quotidianamente e leggo sempre TUTTO, anche quando non commento. La rassegna su Svankmajer la ricordo: nonostante i miei limiti col genere horror, mi sono pure messa alla prova con Otesànek e Cospirators. Io sperimento sempre, magari prima o poi... ma mi era sfuggita la citazione sulla stop motion di Alice.
    Però Dumbo, che successo, eh?

    RispondiElimina
  28. bella harmo, ahah! sempre il solito... :D

    grazia, ma cheeee. questo blog ti deve solo ringraziare, niente scuse :)
    dumbo, per il quale ringrazio ancora napoleone, è ancora apprezzatissimo e mi fa solo piacere, ma tanto tanto!

    RispondiElimina
  29. Onore a Te, bel pezzo. Un toccasana. Mejo der Bloody Mary.

    RispondiElimina
  30. Arrivo tardi ma da Disneyano convinto non posso che apprezzare.

    RispondiElimina