sabato 6 agosto 2011

La Banda del Gobbo

11
1977, Umberto Lenzi.

AUGURI A UMBERTO LENZI !
AUGURI DI CUORE !

OGGI COMPIE 80 ANNI !

Auguri da parte mia, dai soci del blog, dagli ospiti, abituali e non. Tutti, sono certo, condividono la cosa. Non potevo iniziare diversamente la recensione di questo suo famoso film, interamente dedicata a lui, che già mi ha onorato della sua presenza nei commenti. Grazie al solito a Napoleone che m'ha ricordato l'evento.

Ho avuto l'onore di poter chiedere direttamente al protagonista un resoconto della vicenda. Non ho potuto registrarlo per proporvi la viva voce, è stata una cosa improvvisata. Cerco di riportare così come l'ho sentito, cercando per quanto m'è stato possibile, pur coi miei natali meneghini e le mie origini campane, di rispettarne l'idioma.

E' Er Gobbo in persona che parla:

"M'ero dovuto nasconne in Corsica ma poi so' tornato, diciotto mesi a parla' 'n francese prima de rivede' Roma mia. Gli sbirri forse avevano finito de cercamme dappertutto, forse. 'Na visita a quer zozzo de mi fratello gemello, Er Monnezza lo chiamano anfatti, giusto pe' dirje -frate', sto qua, ma nun rompe troppo li cojoni e se me serve aiuto fa' come te dico, che poi te sistemo pur'a'tte ca'a torta è grossa e ce n'è pe' tutti- . Il Sogliola, l'Albanese... nun me piacciono molto ma 'sto colpo al portavalori del banco de roma 'o devo fa', tanto me conoscono e sanno che se te metti contro Vincenzo Marazzi so' amari cazzi! Un girello a mignotte, ho conosciuto Maria, 'na napoletana che quanno ha capito l'arnese che c'era s'è dimentacata 'a gobba, 'na brava donna eh, una de quelle calde e procaci che regge bene l'argomento quanno se tratta d'affrontallo, e je piace pure Venditti comm'a'mmé, me posso fida' de lei...
Oh, era perfetto il piano, -
el cervello se deve usa'- m'avevan detto, e quello uso, da quanno so' nato, ma quei fiji de 'na mignotta m'hanno voluto incula', proprio l'Albanese m'ha sparato, num me piaceveno ma quello me stava proprio sur gozzo; meno male che so' riuscito ad imbucamme in un tombino da'a fogna, mortacci loro mo' m'hanno fatto veramente 'ncazza'! cavaceci a cammina' 'mmezzo a certi sorci... pieno de'mmerda me so presentato da Maria! nun ha fatto 'na piega, che donna, però è mejo nun darje incarichi difficili, che jo chiesto de comprarme 'na 38 magnum ed è annata a pijalla al supermercato dei giocattoli! 'A devo porta' a fa' 'na serata come se deve, 'ndo ce stanno i ricchi come saremo noi, promesso Mari', tu te devi affida' ammé e finché ce sto qua io hai finito de batte 'a strada, hai capito Mari'?

A uno a uno li ho fatti secchi queji stronzi, l'urtimo m'è morto sotto 'e mani d'enfarto, manco 'l tempo de ficcarje la punta del trapano ne'e gengive, 'fanculo! Tutto perfetto, persino gli sguardi, gli atteggiamenti allo specchio me so' messo a controlla', perché Vincenzo Marazzi è come robbiNudde 'a capito? anzi, come Giuseppe Albano sempre sia lodato, e quanno se pronuncia 'r nome "Er Gobbo" ve dovete scappella', pe' Albano e pe' Marazzi, ficcatevelo 'n'testa tutti, 'a stronziiiii! Er Gobbo nun se batte! Ve mena, ve spara, ve piscia e ve sputa, e quanno more n'artro gobbo a Roma vie' a farve un bucio de culo cosi'! Che diceva 'o stronzo der naitteclebbe al commissario Sarti? -
bisognerebbe ripristinare la pena di morte!- cosi' ha detto, manco m'ha ringraziato che j'ho lasciato ancora tempo de vive, ma er commissa', che pure me va' contro facenno lo ruolo suo, è uno de noi, proprio de noi e no de quelli, ja risposto pe'e rime -ma certo, ripristiniamola! giusto!, e oltre che per i gobbi anche per i matti, per i drogati, per le femministe e per i froci, così risolviamo per sempre il problema dell'ordine pubblico vero?- 'mmazza, manco c'avessi parlato io aho, gajardo commissa'! jo fatto veni' 'na strizza a contesse e principesse de 'sto cazzo là dentro ieri sera, che risate quanno il mitra sventagliava, cantava che manco 'a Callas, 'tacci loro! questo monno è fatto pe' lascia' i grossi ladri in liberta', fanno a vita che vonno, ponno studia', lavora', e noi come stronzi a servilli davanti e de dietro e se famo 'na rapina subbito ar gabbio... m'hanno rotto er cazzo, 'nnassero a fanculo tutti... come dico sempre: il giorno che la merda diventa oro noi poveracci nasciamo senza er culo, ma io il culo jo faccio a loro!

Devo di' de mi fratello gemello che è zozzo, sì, lercio, se lava quanno piove se pe' sbajo se trova all'aperto, manco troppo 'nteliggente è, ma se je dico de fa' na cosa la fa'. Solo che se nun so' preciso a spiegarje che me serve, me pija troppo alla lettera, come quanno je avevo chiesto de trovamme "un albanese vero" e s'è presentato co' uno che se 'antitolava "Albanese" de cognome, nun ce potevo crede... -
'a deficiente!- jo detto. Poi l'avemo trovata 'na albanese, 'n pezzo de' fregna da sturbo dell'ambasciata, robba che te s'arrizza solo a vedella da lontano, e l'Albanese "mio" alla fine s'è trovato colla capoccia che perdeva sangue da 'n foro. So' cose che ponno capita', basta nun farne 'na traggedia... Quanno Sergio (perché è "Er Monnezza", certo, ma solo pe' li amici, e pe' mmé) s'è trovato dar commissario, dopo che s'era magnato sigarette apposta pe' nun dà notizie mie, ha visto pure gesù! e che belle cose c'ha detto, oh, ce sarebbe da 'ncornicialle e appennele a le porte de'e chiese, come fece coso là, come se chiamava, quello de Campo de Fiori, Bru', sì sì, Giordano Bruno! ma no, cazzo sto a di', era n'arto nunn'era quelo, ah sì, mo' me ricordo, era Martin Lutero, 'tacci sua gajardo oh, pure Bruno era gajardo solo che è morto e nun c'è rimasto niente. Ecco, come Lutero, come quello dovemo fa', abbasteresse questa frase de Sergio -quanto si' bello gesù, proprio come nei santini. sai che su la tera stanno a fa' 'n sacco de sordi co' la vita tua? c'ha avuto 'n sacco de successo sa', più de chinghe conghe- ma pure questa -nessuno è perfetto manco te gesù, ch'hai detto "gli ultimi saranno i primi" ma te sei dimenticato de di' "gli ultimi saranno i primi ma su' 'a tera" allora sì che saranno cazzi amari, eh!...[...checcazzo!, n.d.r.]- . Je vojo troppo bene a mi fratello quanno parla così, è solo che pe' di' 'ste cose ha da sta' rovinato de cervello, co' qualcosa, altrimenti pensa solo alla Fregna, nun dice altro, pure al manicomio, fregna, fregna, fregna... j'ha detto allo pissiCologo che diceva -io le dico una parola e lei mi risponda con la prima che le viene in mente- e lui fregna fregna fregna, continuava, e p'esse più chiaro, al pissiCoso je dice -ma se quando me svejo la matina c'ho la fregna qqua ['n testa, n.d.r.], ma che cazzo le devo di' scusi! non so... mozzarella?-.
Me ne so annato via alla fine, 'ndove nun lo sa nisuno, se so' morto, se so' vivo... so' cazzi mia, ma Maria e Sergio li ho sempre ner core, e oggi ecchime qua.
"

Gli ho chiesto un parere sul film, d'altronde lo sa che noi abbiamo potuto prendere conoscenza della vicenda grazie alla rappresentazione che ne è stata fatta. Ecco cosa m'ha detto:

"Io so' Er Gobbo e come detto, sempre ce sarà 'n gobbo a Roma, e sempre ce sarà da esse! E' bravissimo Umbe', ce sa ffa', er mejo a mio parere, nun se batte co' 'sti filme, insieme a Carlo Lizzani che fece er Gobbo, quello da'a guera mondiale, se ne parlava no?, diciassettanni prima de questo. C'ha 'n po' 'n carattere da toscanaccio, ma alla fine m'ha lassato fa', nun je posso proprio di' nniente e il filme m'è piaciuto. Bravissimi pure l'altri attori, tutta gente d'esperienza che fa' quanto deve senza tirassela troppo, mo' nun c'ho voja de nominalli tutti, tanto ce sta' wikkieppidia pe' qquesto. Se me permetti Robbé ringrazio tutti indistintamente, con un riguardo, me so'o deve da permette, pe' Umberto Lenzi che c'ha avuto na pazienza salammonica e Franco Micalizzi, è bbravo sai?, ch'ha fatto certe musiche gajardissime oh, manco in scarfeisse ce l'aveano così belle. E poi, ma che t'ho dico a'ffa', un pensiero de core, dal profonno, a Antonello Venditti, se nun fai er freimsciowe co' llui te sputo 'n faccia! co' le sue canzoni d'allora c'ha fatto compagnia, che 'n'fonno questo filme è storia de' popolo, de ggente che se deve fa' er mazzo pe' campa', pure rubbanno so'o fa', 'na necessità ma anche 'na ribellione, 'na rivolta, e bisogna 'sta attenti, che ogni tanto de' gobbi nun ce n'è solo uno, ma ce n'è tanti e a quel punto so' cazzi no amari, no... so' amarissimi!! Ciao Robbé, fa' 'l bravo e porta pure i miei saluti all'ottantenne fresco de' conio, je vojo bene. Er Gobbo nun scherza su 'ste cose."

Non aggiungo altro, non vorrei rovinare tutto. Solo un sentito Grazie a "Er Gobbo/Er Monnezza", interpretati entrambi da Tomas Milian, per avermi dato quest'esclusiva.
Robydick

Mi sono attenuto, con prono rigore, al diktat de Er Gobbo ovviamente. I 2 pezzi di Antonello Venditti che compaiono a più riprese nel film sono "Sora Rosa" e "Roma Capoccia". Nel lungo frameshow che segue li ho usati entrambi. Buona visione.
video

IMPORTANTE P.S.
Ho contattato tramite Facebook Umberto Lenzi, sempre disponibile, e quello che segue è il suo commento che mi ha lasciato dopo la lettura:
Grazie per gli auguri. Il pezzo è eccellente, ma non mi piace il rapporto (inesistente) con Il Gobbo del Quarticciolo Giuseppe Albano. Il mio gobbo era un macellaio di Massa Marittima, si chiamava Orlando N., l'ho conosciuto nei primi anni '40. Un individuo aggressivo, sarcastico, anticonformista, cinico e diverso (era omosessuale). Questo voglio precisarlo, perché a lui mi sono ispirato (vedi la scena oniziale del film al mattatoio).

11 commenti:

  1. bè auguri.e buone vacanze a tutti...

    RispondiElimina
  2. Robero Moretta6 agosto 2011 09:23

    Mi unisco agli auguri a Lenzi, questo poi è uno dei miei preferiti tra i suoi polizieschi.

    RispondiElimina
  3. Il tuo miglioro lavoro di scrittura in campo cinematografico di sempre Roby, da meneghino- napoletano come dici te, sei riuscito a coglierne lo spirito romano "tranchànt" in pieno, e i frameshow con "Sora Rosa" e "Roma Capoccia" del sommo Venditti anni '70, sono di una rara sensibilità e competenza, solo per le facce che hai colto vale già di per suo, Luciano Catenacci, Sal Borgese l'albanese, Ennio Antonelli l'"Albanese" sì, ma ddè Frascati,il siciliano Guido Leontini -grandissimo nell'imperituro ruolo di Mario di Gennaro detto "Er Sogliola"folgorante nomignolo romanesco-, con cui parlavo sempre da Rosati, l'immancabile Nello Pazzafini, Franco Odoardi e Francesco D'Adda, irresistibili nei panni degli psichiatri alle prese con Milian/...Livio Galassi che fa Giggi, nà forza. Pierangelo Civera nei panni dell'agente Esposito, lui avrebbe meritato maggiori ruoli e presenze nel cinema poliziesco italiano di quegli anni perchè era bravo, Pino Colizzi uno dei più grandi doppiatori della storia del doppiaggio, il Commissario Sarti...Hai notato la tappezzeria "boscaiola" a quadrettoni neri sul bianco dei sedili della sua Alfetta 2000 GT, nell'inseguimento sul raccordo...? E non poteva che, a "semi-chiudere" Jimmy Il Fenomeno ovvero Origine Soffrano, naturalmente nei panni per lui "calzanti a pennello" di un ricoverato al "Santa Maria della Pietà", ovvero il celeberrimo Ospedale Psichiatrico di Roma...Strepitoso Milian al "nigteclubbe" de "Lo Scarabocchio"(che mi pare, esistesse davvero), doppiato magistralmente dal solito Amendola, fu lasciato improvvisare e andare a briglia sciolta, forse esagera ed è volutamente anche un pò eccessivo, in preda alla coca e ai fumi dell'alcool e chissà cos'altro, come forse sarà stato al momento realmente, sempre secondo alcune sue interviste su quel periodo, però, che sequenza e monologo memorabile...

    RispondiElimina
  4. ahah! "la tappezzeria "boscaiola""... vero, na robba de buon gusto proprio :D

    grazie napoleone, so che non sprechi complimenti, mi hai dato un ritorno importante, tu che Roma la conosci bene. qualche dubbio si ha sempre nello "sconfinare" territori non propri. mi sono divertito tantissimo, ma è stato anche un lavoro di fino, l'impegno ce l'ho messo tutto, ogni termine limato e corretto, le troncature riviste 10 volte... sì, alla fine m'è piaciuto molto!

    grazie per il completamento della rece. un conto è citare gli attori in stile enciclopedia, un conto come fai te rendendo loro "giustizia" e merito, ammetto che ci contavo su questo.

    sarai d'accordo anche su l'Olimpo assegnatogli. non è stato per far un piacere al "nostro" Umberto, questo film per divertimento, azione e, soprendendomi ché non ricordavo, per CONTENUTI, è degno del titolo. Il monologo al naitte, quello der monnezza al commissariato, battute volanti qua e là... quando er gobbo dice a maria, che gli dava raccomandazioni - ...de mamma ce ne ho avuta una, e se n'è ita - mado', mi sono piegato, ahah!

    FILM ESAGERATO!

    un salutone anche ai 2 roberti dei commenti sopra eh! buone vacanze anche a te brazzz.

    RispondiElimina
  5. In ritardo, ma comunque giù il cappello. Me sento mejo dopo 'sta lettura, ah ah credimi. Ancora auguri al Maestro Lenzi.

    RispondiElimina
  6. grazie belu'! un po' de buonumore nun guasta mai :)

    RispondiElimina
  7. Mi associo in ritardo agli auguri per il Maestro.
    Roby, niente niente la banda del gobbo è quella di Antonio Conte?
    Grande rece però.

    RispondiElimina
  8. grazie harmo! ihih... dopo la triade quella banda è comunque da preferire, nonostante tutto :DD

    RispondiElimina
  9. ehi! il grande Umberto Lenzi su invito ha letto la rece e lasciato un parere, con una precisazione importante. La trovate in calce alla rece, l'ho appena aggiunta :)

    RispondiElimina
  10. Eh si caro omonimo, concordo con chi dice che è un gran bel pezzo di recensione! L'avrai anche cesellata e limata di fino, ma alla fine scorre che è un piacere e sembra buttata giù di filato. Che dire, mi manca solo di vedere il film e sono a posto....! Ciao e grazie ancora per la convocazione di ieri, nel posto giusto che più giusto non si può!

    RispondiElimina