venerdì 4 novembre 2011

Policarpo, ufficiale di scrittura

15
1959, Mario Soldati.

Comincio con il grande Mario Soldati dal suo ultimo film come regista: "Policarpo, ufficiale di scrittura", che vinse a Cannes nel 1959 il premio come Miglior Commedia. Siamo solo all'inizio quindi, e subito è un Olimpo, film meraviglioso in ogni suo aspetto. Chiudo l'incipit citando cosa dissero 2 illustri personaggi riguardo al Mario Soldati scrittore (fonte wiki):
"Fra gli scrittori del novecento italiano, Soldati è l'unico che abbia amato esprimere, costantemente e sempre, la gioia di vivere. Non il piacere di vivere, ma la gioia; il piacere di vivere è quello del turista che visita i luoghi del mondo assaporandone le piacevolezze e le offerte ma trascurandone o rifuggendone gli aspetti vili, o malati, o crudeli; la gioia di vivere non rifugge nulla e nessuno: contempla l'universo e lo esplora in ogni sua miseria e lo assolve."
Natalia Ginzburg
"L'assoluta leggerezza della scrittura di Soldati significa fraternità. Il suo rapporto col lettore non è autoritario, ma mitemente fraterno."
Pier Paolo Pasolini

Esprimere la gioia di vivere... la sua scrittura significa fratenità...
Chi non vorrebbe parole simili sulla propria lapide, dette poi da cotanti personaggi? Non mi metterò certo a fare la biografia del grande scrittore ed intellettuale italiano, ma quelle 2 citazioni, e se ne potrebbero mettere altre che recitano all'unisono, sono talmente belle che era atto dovuto. E poi ribadisco, sembrano la descrizione della quintessenza di questo film!

Siamo nella c.d. Roma Umbertina (1890 - 1910). Il buon Policarpo De' Tappetti (Renato Rascel, da inchinarsi) è impiegato nella pubblica amministrazione come ufficiale di scrittura. Guadagna pochissimo, malapena ci riesce a mantenere la famiglia ed è costretto ad un vita morigeratissima. Non di meno è fiero e zelante nel suo lavoro, al punto da suscitare ben poche simpatie sia tra i colleghi che nel suo capufficio, il Cav. Pancarano (Peppino De Filippo). La scena iniziale è un gioiello di regia e recitazione, con Policarpo che arriva in ufficio per primo, ignorato persino dall'usciere che dorme; entra nel deserto ed enorme ufficio, controlla che ogni singolo componente l'essenziale cancelleria sia al suo posto, si prepara abbigliamento ed accessori per scrivere (compreso un cuscino gonfiabile per la seduta): un Monologo Muto.
Le necessità della vita impongono a Policarpo qualche piccolo opportunismo e molti piccoli risparmi. Ha l'ossessione di ottenere un passaggio di livello al lavoro, per pochissime lire in più al mese che in qualche modo potrebbero cambiargli la vita. Quando scoprirà la bella figlia (Carla Gravina, un bijoux) è insidiata ai giardini nientedimenoché dal rampollo dei Pancarano (Luigi De Filippo, figlio anche nella vita di Peppino) chiamerà i carabinieri, salvo allontanarli appena chiarità l'identità dell'insidiatore. Svariate gag tra i possibili consuoceri Rascel e De Filippo, finché il gagà dei Pancarano tornerà a rincorrer ballerine mentre la pulzella proseguirà il suo filarino con Mario (Renato Salvatori), bravo "meccanico specializzato" della fabbrica di macchine da scrivere, relazione osteggiata da Policarpo finché non scoprirà la sana agiatezza, fatta di piatti abbondanti e brocche piene di vino (e pure caffé-caffé, non quello d'orzo), della famiglia del ragazzo. Ultimo scoglio da superare l'avvento negli uffici proprio delle macchine da scrivere. A questo proposito, inconsapevolmente, troverà il capo divisione (Romolo Valli) intascare una mazzetta per garantire la fornitura proprio alla ditta dove lavora il vero amore della figlia. Lui, grande artista della scrittura e studioso dei caratteri d'ogni corpo e stile, mal digerisce il macchinario, ma troverà modo di far tornare la cosa a suo vantaggio... finale felice e spensierato ovviamente, con un po' di spettacolo, il recupero d'un cavallo imbizzarrito, nei giardini colmi del passeggio festivo, da parte di un carabiniere molto speciale: Amedeo Nazzari.

Altri premi furono il David di Donatello 1959: Targa d'oro a Renato Rascel per la migliore interpretazione. Il Nastro d'argento 1960 per i migliori costumi.
Commedia piacevolissima, garbata e ricca di battute e sfarzo storico nei costumi e nelle ricostruzioni ambientali, con dei colori sgargianti curatissimi dalla fotografia di Giuseppe Rotunno. Cast incredibilmente ricco. Oltre ai già notissimi citati ci sono piccole apparizioni anche di Vittorio De Sica (prestigiatore), Alberto Sordi (ombrellaio ambulante), Ugo Tognazzi (un professore), meno piccole quelle di Ernesto Calindri (collega di Policarpo), Tony Soler (moglie di Policarpo), e tanti altri nomi pregiati del cinema dei '50 italiani, come Memmo Carotenuto, Mario Riva, Maurizio Arena... Una particolare menzione, con l'occasione, per i genitori del meccanico Mario, interpretati da due grandi del teatro dialettale romano, icone storiche del noto Teatro Belli e coniugi anche nella vita: Checco Durante e Anita Durante (nata Bianchi).

E' un ritratto corale di un periodo particolare. L'Italia sognava il boom della democrazia e alcuni personaggi come Policarpo sognavano il personale boom economico, si ponevano come borghesia intermedia ai piedi di scale difficili da superare ma non impossibili. Fatto senza polemiche, con piccole satire sociali sempre all'impronta della verità storica, del rispetto delle persone in ogni loro ruolo e posizione sociale con tanto, tantissimo buon gusto.
Lezione di vita non solo di Cinema. Nel mio Olimpo personale, non si discute.

Robydick

Una bella carrellata di frame accompagnata dalla canzone di Renato Rascel "Il mondo cambia", nel film cantata durante il dopocena dalla famiglia di Mario.
video



15 commenti:

  1. gran bel recupero questo..bravo come sempre,robi..anzi,sempre meglio..ciao

    RispondiElimina
  2. Bellissime le parole della Ginzburg.
    Grazie per aver ancora una volta proposto all'attenzione qualcosa che ha tutta l'aria di valere MOLTO, e di cui l'ignorantone che sono non sapeva NULLA... :)

    RispondiElimina
  3. grazie a voi cari amici, sempre gentili.

    Zio, vale veramente MOLTO. quella "gioia di vivere" che dice la Ginzburg è palpabile, difficile esprimere meglio di lei il concetto.

    RispondiElimina
  4. Il grande Renato Raschel...grazie per questa recensione. E' sempre un piacere rientrare in quel clima e in quegli anni in cui nel cinema italiano circolavano i giganti.

    RispondiElimina
  5. Lo vidi 6 anni fa sotto consiglio del mio insegnante del pianoforte al Conservatorio, un grande.
    Che pellicola che hai recuperato, me l'hai fatta venire in mente:D. Grande. E' ottima recensione.
    Essendo che l'ho visto molto tempo fa, non lo ricordo molto bene, ma mi piacque moltissimo e mi feci tante risate:D.
    Ora che me l'hai riportata alla memoria, provvederò alla sua seconda visione:D

    RispondiElimina
  6. ciao cinefatti! merita presenza anche da te questo film :)

    RispondiElimina
  7. Portento ddè Renato Rascel...!!!! In questo che è il suo miglior film insieme almeno a "Il Cappotto" di Lattuada. Grande Rascel,in vita non gli avrebbe fatto ciondolà l'uccello manco Akeem Olajuwon.

    RispondiElimina
  8. P.S.: E sicuramente aveva anche un grand'uccellone, come avrebbe detto ir Torsolo Vanni.

    RispondiElimina
  9. sinceramente napoleone... tutta 'st'uccelleria non l'ho capita tanto.
    "il cappotto" invece mi è chiaro che s'ha da fare :)

    RispondiElimina
  10. E' estremamente piacevole quando con le tue recensioni mi porti indietro nel tempo.
    Mario Soldati e Renato rascel fanno parte non della mia giovinezza ma della mia infanzia visto che sono del 1958.
    Mi è piaciuta anche "Il mondo cambia" canzone che sicuramente ho già sentito ma che non ricordavo.
    Ciao orsonmic.

    P.S. Lungi da me incensare, a prescindere, i vecchi tempi. Succedevano grandi porcate anche allora.
    I ricordi sono pericolosi.
    Resta il fatto che il "mio" cinema nasce ai primi del 900 ed al momento si ferma verso la fine degli anni 70.
    Ovviamente ci sono cose da Olimpo anche dopo.
    Ma se potessi viaggiare nel tempo andrei a trovare Buster Keaton e subito dopo andrei a salvare Marilyn.

    RispondiElimina
  11. Sei un grande anche quando dai certe risposte.
    ;)

    P.S. Ovviamente è Rascel (non rascel)

    RispondiElimina
  12. ciao michele! :)
    è un po' che non ci vediamo...
    hai nominato 2 gran personaggi che ancora mi mancano. so dei tuoi gusti, ogni tanto c'è qualcosa anche per te, mi fa solo piacere.

    RispondiElimina
  13. "è arrivata la bufera, è arrivato il temporale, chi sta bene e chi sta male, e chi sta come gli par".

    RispondiElimina
  14. Harmo, un gran contributo musicale da par tuo! :D

    RispondiElimina