martedì 8 gennaio 2013

La migliore offerta

8
2012, Giuseppe Tornatore.

Anziano battitore d'aste ricchissimo, esperto d'arte, misantropo, pure truffatore, contemplatore di ritratti di donna in caveau privato cerca donna bella, giovane e misteriosa. Trova un'agorafobica depressa tra le sue clienti, da adolescente chiusa in camera e invisibile a tutti, che lo intriga. Riesce a vederla, bellissima, incredibilmente s'innamora di lui ed accetta di vederlo. Lui, vergine, mai stato con una donna, ben pilotato da un aggiustatutto geniale, riesce a corteggiarla come si conviene, ma poi tutto si rivelerà per quello che è realmente...

"E' da solo?" chiede il cameriere. Tic tac tic tac tic tac... interminabile. Risposta: "Aspetto una persona". Zoomata ad allontanarsi dal protagonista. Brividi. Di noia.
Ecco la scena emblematica di questo patinatissimo film. Tempi inutilmente dilatati, 2 ore e passa di una storia che poteva essere interessante se solo, evitando lungaggini ed autocompiacimenti barocchi, fosse durata meno e con più tensione e verve. Invece è talmente prolissa che l'enigma lo risolvi presto e il fatto che la ragazza non è credibile solo un ... ma non offendiamo.

Sonno. E' vero che personalmente il Tornatore degli ultimi anni incontra i miei gusti come l'onestà la politica italiana, però accidenti!, che flemma! Si salva dall'Ade per la profusione di qualità nelle immagini, la bellezza delle opere d'arte e dei luoghi interni.
Non si cerca il cinema movimentato, non è questo il punto, ma quello che usando sia il lento che il veloce ti trasporta dentro una storia senza ripetizioni, con emozioni diverse.

E poi, vuoi provare la storia mostrandola in anteprima a qualche cinefilo un po' più sgamato della media? Magari, lavorando anche solo al montaggio, riesci a migliorare qualcosa. E ad accontentare tutti.

Sopportabile.
Robydick

Giudizio breve di Remo e Augusta Proietti
sai robbé, quanno avemo visto 'sta ragazzetta bbella 'nnamorasse de quer vecchio ce semo rimasti male... pensa che quanno l'hanno gonfiato de botte avemo pensato fossero li parenti de lei e che ci avevano pure raggione!

8 commenti:

  1. Che stronzata. Tornatore ti prego, no.

    RispondiElimina
  2. Insomma Robydick! Io avevo molto aspettative per questo film.. e ne avevo letto altrove anche molto bene.. ma così me lo hai davvero stroncato! Andrò lo stesso a vederlo .. e ti farò sapere!!

    RispondiElimina
  3. Napoleone, io ci provo ad andare a vedere il cinema "italiano", poi mi tocca parlarne...

    RispondiElimina
  4. veramente France', sono stato anche buono co' 'sta roba modaiola, lassa stà! :D

    RispondiElimina
  5. Ma poi Napo l'hai già detto che odi tornatore. Ma perché?
    Cos'hanno che non va 'nuovo cinema paradiso'(capolavoro) e 'la leggenda del pianista sull'oceano'?
    Sulla scena italiana odierna Tornatore è uno dei migliori penso..

    PS: Ho visto the master, interpretazione suprema di Phoenix, ma se qualcuno mi spiega in modo approfondito perché è un capolavoro lo ringrazio..

    RispondiElimina
  6. Ti dirò, a me invece è piaciuto, anche se le mie passate esperienze col Beppe durante un'intervista mi avevano spinto a boicottarlo per principio. Non un capolavoro, ma raffinato e di classe.

    RispondiElimina