sabato 5 gennaio 2013

The Angels' Share - La Parte degli Angeli

18
2012, Ken Loach.

Riporto da wiki, pagina breve e ne avanza...
Il film è stato selezionato per partecipare in concorso al Festival di Cannes 2012, dove ha vinto il Premio della Giuria.
Quattro amici dal dubbio passato, compreso il neo papà Robbie, decidono di cambiare vita: una visita ad una distilleria di whisky li ispirerà ad intraprendere un colpo che potrebbe rappresentare il loro nuovo inizio.

Inizio caleidoscopico su un tot di sfigati in tribunale, teppistelli e ladruncoli da quattro piotte, pare essere interessante. Poi tutta la storia di Robbie: lui è in tribunale per rissa aggravata, figlio di gente da galera, la fidanzata che sta per partorire, il "suocero" che lo mena, gli altri che lo vogliono menà... se non t'addormenti la prima mezz'ora poi vedi Robbie iniziare la pena, ore ai servizi sociali con altri sbandati. Potrebbero esserci storie interessanti, invece tra le varie il ragazzo scopre che col naso è un drago col Whisky e quindi, molla e tira, faranno un piccolo ma redditizio furto da una botte di preziosissimo distillato che verrà battuta all'asta per cifre da capogiro. Tutto bene, nessun problema, nessuno si fa male, il furto riesce, i ragazzi fanno la grana, Robbie trova persino un lavoro e parte con moglie e figlio. Titoli di coda... io rastrello i resti dei maroni da sotto la poltrona e me ne torno a casa.


Sono esterrefatto. 'Sto filmetto da niente ha vinto a Cannes 2012 nientepopòdimeno che il premio della giuria, e a "Holy Motors" manco la coppa del nonno? Il capolavoro di Leos Carax ha vinto il "Prix de la jeunesse"...
Ma chi cazzo c'era in quella giuriA? Eccoli qua, sempre grazie a wiki: Nanni Moretti, regista (Italia) - presidente; Diane Kruger, attrice (Germania); Emmanuelle Devos, attrice (Francia); Jean-Paul Gaultier, stilista (Francia); Raoul Peck, regista (Haiti); Andrea Arnold, regista (Regno Unito); Alexander Payne, regista (USA); Hiam Abbass, attrice e regista (Autorità Nazionale Palestinese); Ewan McGregor, attore (Scozia). Complimenti vivissimi, dal profondo del mio retto.

Questo è proprio un filmetto da niente, non c'è nulla. Non fa ridere, non fa piangere, non c'è tensione nemmeno quando potrebbe... non fa un beato niente. La vicenda - per come raccontata - è ridicola e pure l'happy ending è forzato.

Una immane delusione, certo rafforzata dalle aspettative che nutrivo in Ken Loach. Se lo faceva mi' nonno in carriola gridavo al capolavoro, ma qua parliamo del regista di "Terra e Libertà" per citarne uno tra tanti di grandissimi film che ha fatto. Cosa diavolo gli è successo?

Orchite e Sbadigli.
Il Nome di Ken Loach offeso dallo stesso. Ade a pieno merito.
Robydick

Giudizio breve di Augusta Proietti
Fijo mio, hai visto quant'era tenero quer bambinello 'mbraccio a papà suo? Certo che tutti quei sordi pe' 'na botte de uischi me sembrano un po' troppi... ma poi scusa, queli c'hanno 'n milione de sterline 'n cantina e manco 'n cane de guardia je mettono? Ma nun so' 'n tantinello rincojoniti?

18 commenti:

  1. parole sante!
    finalmente un'opinione illuminata su un filmetto davvero da niente.
    a cannes quest'anno si sono fatti troppe canne :D

    RispondiElimina
  2. ciao Marco! mi fa pensare il tuo "finalmente", detto da uno preparatissimo... dici allora che siamo una minoranza a pensarla così? ahia, mi arriveranno delle invettive allora :)

    RispondiElimina
  3. quello sciagurato di ford l'ha messo persino tra i suoi film dell'anno. fai te... :)
    e pure un sacco di altri blogger ne hanno parlato con toni entusiastici. una cosa davvero inspiegabile

    RispondiElimina
  4. davvero? 'sta schifezza? O_o
    capisco beghine e sbarbatelli, ridere perché il marsupio del kilt rimbalzava sul prepuzio del deficiente, ne ho sentiti in sala. ma chi ha un po' di esperienza di cinema mi stupisce...

    RispondiElimina
  5. quest'anno trascorso, tra cannes e venezia, non so davvero chi s'è fumato di più il cervello... hai visto Pietà? ecco, siamo al nomen omen per i film

    RispondiElimina
  6. ken Loach ha sempre alternato filmetti super sopravvalutati da una certa critica organica agli apparati di centro-sinistra socialdemocratica come questo, ad altri invero notevoli. Anche "Terra e libertà" è enormemente sopravvalutato, così come "Il Vento accarezza l'erba". A me oramai basta vedere le locandine e se c'è la distribuzione/produzione della BIM, so già cosa aspettarmi, quindi evito. Il fatto che Nanni Moretti fosse presidente di giuria già ti fa capire tutto. quale film potesse essere premiato e quale no.

    RispondiElimina
  7. ho visto pochi gg fa "Family Life", sembra di un'altra era geologica...

    RispondiElimina
  8. mmm... io ce l'avevo in cima alla lista, più che altro per il nome del regista, e credo che prima o poi me lo vedrò comunque... però di te mi fido, e devo dire che questa stroncatura netta e controcorrente è parecchio coraggiosa e ti fa onore... se hai ragione vien da pensare che, più che vittima di "canne", la giuria di Cannes possa essere stata vittima di... una generosa fornitura di assaggi di whisky? :-))))

    RispondiElimina
  9. guardalo Nicola, posso sempre sbagliarmi, o avere l'umore sbagliato... però guarda anche Holy Motors, poi mi dici ;)
    per un attimo ho avuto il sospetto che ci fosse qualche sponsor "distillato" dietro sai? ahah! non saprei però...

    RispondiElimina
  10. Faccio parte dei blogger che ne hanno parlato con toni entusiastici, mi è piaciuto: ho riso, mi sono commossa e l'ho trovata una commedia sociale intelligente, ambientata nei sobborghi di una Scozia piena di sfaccettature. Un po' lento nella prima parte, è vero, ma riesce a riscattarsi con i toni più leggeri della seconda.
    Non ho visto ancora Holy Motors, ma penso anch'io che il Gran premio della giuria a La parte degli angeli sia un po' eccessivo visto che Loach è già affermato e ha fatto di meglio!

    RispondiElimina
  11. grazie Lisa, un parere contrario ci voleva, se no... ;-)

    RispondiElimina
  12. Non posso provare che ammirazione per te che sei riuscito anche solo a vederlo... la prima volta che ho adocchiato il trailer, ho avuto una crisi di nervi, la seconda bestemmiavo al contrario...

    RispondiElimina
  13. ahah! Marco, sei terribile... che vuoi fare, faccio anche un po' di "servizio pubblico". settimana prossima vado a venire persino quello di Tornatore, pensa ;)

    RispondiElimina
  14. Anche "Kes"(1971), tra i 100 conservati migliori film britannici realizzati, dal BFI- British Film Institute. Anche l'!Agenda Nascosta"(The Hidden Agenda)(1999), e "The Route for Baghdad", il penultimo di due anni fa, sempre sceneggiato da Laverty, sono molto belli.

    RispondiElimina
  15. D'altronde nessuno ha puntualizzato che Loach fa un film anche due all'anno, da oramai quarantacinque ani di carriera.Dall'alto di una simile prolificità di carriera e di titoli, guardate cosa è diventato Woody Allen...

    RispondiElimina
  16. Napoleone, li guarderemo quei film da queste parti, certamente.

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina