mercoledì 9 gennaio 2013

Bad Biology

5
2008, Frank Henenlotter.

Non c'è miglior apertura della rece de l'incipit della protagonista Jennifer (Charlee Danielson) con cui si apre il film:
"Sono nata con sette clitoridi. I sette che conosco e che posso toccare. Sette clitoridi ognuno dei quali chiede continue attenzioni. A dire il vero, penso di averne più di sette. Gli altri sono così ben nascosti che solo un dottore può trovarli. Ne ho abbastanza dei dottori. Medici che indagano sulle cause... toccano... Dottori e ancora dottori... Per alcuni, io sono l'esempio perfetto di una sindrome d'eccitazione ai genitali persistente. Ma per la maggior parte di loro, sono la ragazza con la figa stramba. [guarda ragazzi in un locale] Guardateli, non vedono niente. Non lo sanno che c'è una stranezza che si nasconde dentro loro. Quello che sono ora è un mutante. Un abominio grottesco. Un piccolo obbrobrio. Un attimo... guardate quel tipaccio che se la tira. Che dite che faccia? Ruba le auto, ne sono certa. Possesso di droghe... aggressione, stupro, omicidio? Inizia ad essere interessante. [lui la guarda, lei distoglie lo sguardo] Beccata. Non è il suo Q.I. che mi interessa. Servirà per nutrire la fame della bestia. Una bestia così rara che credo d'essere l'unica della specie. Una nuova specie. I dottori pensano che io sia un errore genetico, ma io credo di essere un prodotto dell'evoluzione. Le donne del futuro si nutriranno di orgasmi come voi vi nutrite di hamburger e patatine."

La "trombamica" che ogni uomo etero-praticante vorrebbe avere, capace di orgasmi interni da far crollare i muri, ma c'è un problema. Dopo la scopata il malcapitato viene ucciso a mazzate, a meno di non sparire immediatamente dalle sue grinfie. Esige di non usare preservativi, solo che il suo ipermetabolismo le fa terminare una gravidanza in due ore! Gli piace anche sgravarsi, non ha proprio freni...
Jennifer è una fotografa di soggetti "abbastanza" erotici, alla ricerca del godimento perfetto. Darà grande prova del suo talento artistico fotografando donne con la testa di vagina, un servizio che le provocherà problemi professionali. La sua passione è però privata, immortalare Eros e Thanatos negli orgasmi dei suoi partner. La sorte le farà incontrare l'agognato "Dio dei cazzi" che per Jennifer diventerà "Il cazzo di Dio", Batz (Anthony Sneed) un poveraccio che alla nascita gli tagliarono il pene insieme al cordone ombelicale e che a furia di cure ormonali da tirannosauuro s'è visto spuntare una specie di putrella di carne degna di Tetsuo. Nemmeno il - citato nel film - John Holmes era capace di tanto, ed in più questo è un cazzo pensante, tossicomane, dotato di personalità perversa e sperminatore instancabile.

Non entro in ulteriori dettagli. Lascio godere questo delirante e divertentissimo film agli appassionati. Gli altri di Frank Henenlotter che ho visto sono tutti esperienze assolutamente uniche, anche se non per tutti: "Frankenhooker", "Basket Case" e "Brain Damage" navigano a testa alta fra i Cult e i Trash, categorie qua stimatissime.

Temi su cui riflettere? Ci sono volendo. Per chi vuole perder tempo...
Si può elucubrare sul fatto che l'orgasmo femminile è grande protagonista e quindi, forse, potrebbe questo film fare da Terapia Ludovico a gente demente che taglia persino il solo clitoride che normalmente la natura fornisce alle donne per renderle pure. Farebbe bene anche ad altri più a occidente eh, ma non proseguo...
Più terra-terra - e ci viene ben detto da un'adolescente - sfatiamo tutti i miti sul "basta che sia duro e che duri", ci vogliono anche un minimo di misure, meglio se un po' più del minimo.

Momenti commoventi? Il finale, che mi spiace ma non posso proprio evitare di spoilerare.
Ci sarà una fuga del cazzo deambulante, che come un cobra s'introdurrà in case di belle donne a fare quel che deve. Gran carrellata di gnocca ed orgasmi, ma quando tornerà a casa, atteso come il messia da Jennifer, sarà in fin di vita. La stessa gli praticherà un massaggio "cardiaco" ed una respirazione "bocca a bocca" da lacrime agli occhi per il ridere! E non basta... dopo essere riuscita a godere dell'immane penetrazione, in preda ad un raptus mistico iperclitorizzato, sparerà fuori questa chiusura:
"Ora capisco perchè sono stata messa al mondo. Da molto tempo sospettavo che Dio avesse un piano ben preciso per me. Speravo che prima o poi, saremmo stati amanti. E finalmente lo siamo. Tengo Dio dentro di me, fino in fondo. E' un sentimento che va al di là del semplice rapporto sessuale, che va al di là di qualunque tipo di sesso che chiunque abbia mai sperimentato. Riesco a sentire tutto quello che è dentro di me: il giardino dell'Eden, Sodoma e Gomorra, l'Armageddon, tutto è dentro alla mia fica. La peste, la carestia, le locuste. Giosuè, Giacobbe, Geremia, Pietro e Paolo e tutti i discepoli ficcati fino in fondo alla mia vagina. Paradiso e Inferno. E' un miracolo. Sono un miracolo vivente. Padre nostro, che sei in Jennifer, sia santificato il Tuo nome. Finalmente Dio mi scopa. Tutto ciò che desidero adesso, è che mi riempia con il Suo sacro seme."

Amabilmente trashissimo, blasfemo, scorretto, al limite del sopportabile...
Per me è imperdibile, film di svago assoluto!
Robydick
Giudizio breve di Remo e Augusta Proietti
Non pervenuto, film per loro improponibile.



























5 commenti:

  1. ho saltato lo spoilerone finale che leggerò dopo aver visto il film perchè questo lo cerco subito!

    RispondiElimina
  2. hai fatto bene Bradipo!
    normalmente non metto i finali, solo che questo è testualmente meraviglioso, dovevo per forza fissarlo a fuoco nella rece :D

    RispondiElimina
  3. Lo voglio! Credo sia meglio che specifichi... parlo del film!

    RispondiElimina
  4. ahah! sì Jenny, hai fatto bene a precisare :D

    RispondiElimina
  5. Ciao Roby, sono wizjoner. Ultimamente ho fatto un bel pò di cambiamenti e dopo un periodo di pausa quì su blogger, sono nuovamente attivo con un nuovo account che ho utilizzato per aggiornare il mio vecchio blog ad una versione fresca fresca e completamente nuova. Volevo dunque informarti che da ora utilizzerò sempre questo profilo per lasciare i miei (rari, lo so... chiedo venia :) commenti.
    Con il piacere di poter continuare a condividere questa esperienza e di averti magari ancora tra i lettori, ti auguro un buon proseguimento, continua così :)
    Salutoni e a presto!
    P.S. Ho sfogliato tra i tuoi articoli più recenti e ho approfittato di questo per lasciarti il messaggio (Travolta e Willis cozzano un pò con i miei gusti :), visto che fin dal suo fulminante esordio con Basket Case, considero Henenlotter uno dei più geniali re-inventori dell'horror/gore. Bad Biology sinceramente all'epoca in cui lo vidi non mi fece letteralmente impazzire, ma è da un pezzo che mi riproponevo di dargli una rispolverata. Bene, dopo questa tua recensione penso sia ora di farlo. A mio modesto parere comunque Brain Damage è il suo cult per eccellenza! Che ne pensi?

    RispondiElimina