sabato 16 aprile 2011

Buddy Buddy

17
1981, Billy Wilder.

La ineguagliabile ed incommensurabile coppia Jack Lemmon - Walter Matthau, nell'ultimo film diretto da un altro personaggio parimenti ineguagliabile ed incommensurabile, Re della Commedia e non solo di quel genere, Billy Wilder. Insomma, un film a visione obbligatoria.

Matthau è un killer al servizio della mafia. Pignolo, glaciale, abitudinario, sta uccidendo tutti i testimoni chiave per un processo, ne è rimasto uno solo e per farlo fuori ha preso una camera nell'albergo di fronte al tribunale dove dovrà comparire.
Lemmon lavora per un canale televisivo, si occupa di censura. Si troverà nello stesso albergo, stanza affianco. E' disperato perché la moglie lo ha lasciato per una specie di guru del sesso (Klaus Kinski) e tenterà di suicidarsi più volte. Coinvolgerà Matthau in una serie di casini, equivoci, rogne che renderanno quest'ultimo "lavoro" un inferno da portare a termine.

La Triade di cui sopra è garanzia di altissimi coefficienti di ritmo, battute intelligenti, satira sociale e zero volgarità, qualunque sia l'argomento trattato. Lezione di Bel Cinema, non ho molto altro da dire.

tormentone del killer: "uno alla volta!", a cominciare dai sigari

la lettera è pronta, non rimane che suicidarsi


qua ci sono dei dialoghi... qualche esempio:
lemmon: "lei è mai stato sposato?" matthau: "una volta ma me ne sono liberato. adesso le noleggio."
lemmon: "lei in che ramo lavora?" matthau: "disinfestazioni"

in questo giro si ritroveranno anche ad accompagnare d'urgenza una donna incinta, proprio alla clinica dov'è finita la moglie di lemmon e un infermiere li accoglierà così:
"questa è una clinica del sesso, noi non trattiamo il prodotto finito qui!"


lemmon guarda un curioso pendaglio: "è da 4 asterischi" dice!
è un censore alla tv, ricordate? ogni parola o situazione scabrosa la misura in numero di asterischi con cui marchia tutto


sull'isola dove finalmente s'è trasferito
matthau: "ah sì, sei il casinista! e quando parti?"
lemmon: "non posso ripartire, sono ricercato"
matthau: "non da me!"

Direi, vista l'occasione, che una foto di Billy Wilder ci sta proprio bene per una volta.

Non è uno scherzo, ecco cosa c'è scritto sulla sua tomba.


17 commenti:

  1. Visto al cinema da ragazzino e poi tantissime volte in vhs. Mi fa piacere che ne parli bene, perché mi pare che i nostri criticozzi imbalsamati, sempre allergici a tutto ciò che è divertente, non vadano mai oltre le solite stitiche "due palle", e rammaricandosi che sia stato l'ultimo film di Billy Wilder. (Cosa doveva fare, per farli contenti, trasferirsi in Cecoslovacchia per girare una tragedia in bianco e nero?)
    Non il migliore del duo Lemmon-Matthau (personalmente preferisco di gran lunga La strana coppia) ma una commediola godibile, carina, brillante (ma anche cinica e tutt'altro che stupida), con momenti davvero spassosi.

    RispondiElimina
  2. condivido in toto il tuo giudizio zio! :)

    RispondiElimina
  3. davvero un bel film! però per me resta un wilder minore. della coppia lemmon matthau anche io preferisco la strana coppia e prima pagina.
    l'originale francese è anche il primo film con il celebre personaggio di Francois Pignon che Veder ha riproposto in quasi tutti i suoi lavori, e che rappresenta nel cinema francese Il Rompiballe per eccellenza.

    RispondiElimina
  4. Concordo con i commenti già inseriti e la tua recensione è, al solito, perfetta. Forse sì, è un film "minore" se paragonato a capolavori come "Viale del tramonto", "L'appartamento" e altri, ma il tocco di Wilder è sempre impareggiabile, la sua apparente leggerezza non è MAI banalità, anzi. Se poi alla coppia Lemmon & Matthau, che adoro sempre incondizionatamente, ci aggiungi anche Kinski...!
    Hai ancora tanto di suo da ripescare, vuoi farlo ogni tanto? é un Grande in tutti i generi, ma questo lo sai già. Conosci "Stalag 17, l'inferno dei vivi"? Ciao Roby!

    p.s.: devo avertelo già detto tempo fa, io adoro "Uno, due, tre" con James Cagney, un vecchio film del 1961, potrei rivederlo tutti i giorni senza stancarmi!

    RispondiElimina
  5. p.p.s.
    @ Frank Manila
    ah, sì! di Veber conosco alcuni film, "L'apparenza inganna" è quello che preferisco, con la coppia Auteuil&Depardieu che funziona alla grande! Anche questo da vedere e rivedere...

    RispondiElimina
  6. Oggi ci starebbe benissimo un film con la strana coppia! propongo ;) ^^ ******

    RispondiElimina
  7. @grazia: io invece quello che adoro di più è La Cena dei Cretini... Pignon dà il meglio di se in quel film!

    RispondiElimina
  8. Ovviamente grande film.
    Con un grande regista e due grandi attori.
    Consiglio, se non visti, per Walter Matthau “I ragazzi irresistibili” con George Burns,
    “E' ricca la sposo e l'ammazzo” e “Appartamento al Plaza” film a episodi.
    Per Jack Lemmon “Il prigioniero della seconda strada”.
    Ovviamente ci sono molti altri film dei due attori segnalo solo quelli che mi sembrano un po' meno famosi.
    Ed infine segui il consiglio di Grazia e guardati,se non l'hai visto, "Uno, due, tre" con un grande James Cagney e con una grande presa per il culo delle multinazionali e della Russia dei tempi del “Muro”
    Come promemoria ,ne abbiamo parlato recentemente, Edward G. Robinson (“Piccolo Cesare”, “Tutta la città ne parla “,”La donna del ritratto”).

    RispondiElimina
  9. un saluto e grazie a tutti! caspita, quanti consigli di visioni mi ha procurato questo film "minore" :)
    promessa solenne: ho segnato tutto e sarà visto tutto.

    RispondiElimina
  10. Io confermo che Robydick sta dietro al monitor del mio pc.
    Non è possibile che ogni volta che scrivo nel giro di pochi minuti risponde :)

    RispondiElimina
  11. ahah! ma no mic, è tutto il giorno che sono in giro, sono appena rientrato a casa :D

    RispondiElimina
  12. @Frank Manila
    Quello non l'ho ancora visto, quindi consiglio preziosissimo che seguirò immediatamente perché Veber mi piace assai, grazie!

    RispondiElimina
  13. Di Jack Lemmon dirò sempre tutto il bene possibile, è un mio feticcio personale, non sai quante volte mi son visto i suoi film, specialmente "L'appartamento", "A qualcuno piace caldo", "Prima Pagina" e quel capolavoro di interpretazione drammatica che fece in "Missing".
    Walter Matthau mi ricorda un carburatorista sempre incazzato del paese di mia suocera, mentre chi osa criticare Billy Wilder è un fregnone.

    RispondiElimina
  14. effettivamente Matthau è proprio così, ahah!

    RispondiElimina
  15. ..Anche l'originale di grande successo in Francia e non solo, "Il Rompiballle" (L'Emmerdèur)('73) del grande Edouard Molinaro è tanta roba, con la coppia formata da Lino Ventura e Jacques Brèl nei rispettivi ruoli di Walter Matthau e Jack Lemmon.
    Certo poi "Buddy Buddy" non si discute, mi fa strano che nessuno abbia ancora citato tra i tanti titoli del grande Billy e non solo, "Fedora"(Usa/Germania Ovest'79)il penultimo bellissimo, unico e misterico film del nostro, e anche il quart'ultimo di William Holden. Mi fa piacere che qualcuno si ricordi ancora qui in Italia di uno dei film più strepitosi e irresistibili di Walter Matthau, da sempre uno dei miei attori preferiti ma penso che sarà così per milioni di veri appassionati di cinema, cioè lo stupendo "E' Ricca, la sposo e l'ammazzo"(A New Leaf)('71) di Elaine May. Il gigante dinoccolato Walter è stato magnifico anche nei suoi ruoli più completamente seri e duri come in "Chi ucciderà Charley Warrick?"(Charley Warrick)('72)di Don Siegel, e "L'Ispettore Martin ha teso la trappola)(The Laughing Policeman)('73) di Stuart Rosenberg.

    RispondiElimina
  16. segnato da vedere nella mia Watchlist ...grazie per la recensione... ;)

    RispondiElimina
  17. grazie napoleone! segnato tutto. fedora era già in lista. non conoscevo proprio quelli di Matthau...

    prego francesco, buona visione :)

    RispondiElimina