lunedì 9 aprile 2012

The Taming of the Shrew - La bisbetica domata

1
1967, Franco Zeffirelli.

La Bisbetica domata”, questa famosa commedia rinascimentale di Shakespeare, nella sua più famosa riduzione cinematografica, ha la fortuna di avere un mattatore dalla personalità molto sfaccettata come quello interpretato da Richard Burton, il cui personaggio è quello su cui è più incentrato il film,(e sul suo invecchiamento) che su Elizabeth Taylor. Si scopre che dopo tutto, che Burton non voglia particolarmente i soldi. Nonostante le dichiarazioni contrarie, lui è veramente interessato alla Taylor il soggetto perfetto per le sue filosofie sul come trovare moglie.

Negli anni '60, il regista italiano Franco Zeffirelli affrontò due opere scespiriane, “La Bisbetica domata” e “Romeo e Giulietta”. Entrambe furono di enorme successo. I motivi, ma certamente anche i meriti di Zeffirelli per questo successo, furono molteplici. E risiedono in unacombinazione di ottimi attori anche fra quelli non menzionati e più oscuri. Soprattutto per Michael York, ottimo e negli anni '70 notissimo e attivo attore, anche lui di formazione teatrale e scespiriana, il cui biondo personaggio è il più divertente.

Zeffirelli riuscì registicamente a non far vincere nettamente dall'ultima il confronto tra queste due commedie, dirigendo entrambe con la stessa mano.

Essa narra la storia di due sorelle, una delle quali per volere del padre, non può sposarsi finché non lo fara l'altra, Caterina, che ha un carattere indomabile. A Petruccio l'arduo compito. Il valore di quest'opera va valutato su due diversi piani, l'uno estetico e l'altro concettuale, da cui poi derivano gli esiti di un film. Zeffirelli, da buon ambasciatore, affina il gusto dello spettatore americano ed europeo che "dirige" verso le nostre terre. Rompendo questi schemi.

Riassumendo, “Romeo e Giulietta” è una tragedia. “La Bisbetica domata” è una commedia, la quale generalmente è considerata più debole. Le commedie generalmente non possono essere incisive ed emozionanti come i drammi, non importa che uno dei migliori film di Stanley Kubrick sia anche una commedia (“Il dottor Stranamore”) e che sia quasi la sua unica commedia (“Lolita” certo non lo è). In altre parole, essendo una commedia ciò l'ha fatta generalmente percepire come inferiore.
Zeffirelli all'epoca sapeva coniugare bene il teatro e il cinema e, sostenuto come detto da una serie di interpreti che bene lo supportano nella azzeccata e corroborante mescolanza dei due generi, realizzando per una volta un'opera dalla regia eccellente, ricca ma non sovrabbondante, curatissima ma (quasi) mai esagerata. Certo, la prima parte prevale sulla seconda, ma ciò è insito nella trama. Curiose le presenze italiane: Milena Vukotic, Bice Valori, Capannelle

E' anche uno dei migliori Zeffirelli di sempre grazie al fatto che il regista riesce, per una volta, tiene a freno quella che è un po' la sua abituale protervia, confezionando per lo spettatore una riduzione cinematografica sobria e raffinata della commedia scespiriana. Al buon risultato finale concorrono il testo di partenza (ovviamente), i due attori principali (specie Burton) ed una confezione che cura molto l’aspetto visivo con effetti figurativamente molto riusciti.

Elementi di grandezza : Burton e la Taylor sono stati la coppia più famosa di Hollywood durante la metà degli anni sessanta. Burton è migliore quando è pensoso e introspettivo (“La Spia che venne dal freddo”, “Chi ha paura di Virginia Woolf?”). La Taylor era invece migliore quando interpretava personaggi orgogliosi, dalla bellezza rispettabile. Ma nel film di Zeffirelli, Burton deve agire da sciocco, e la Taylor vorrebbe essere un toporagno. Un valore aggiunto è che Burton ha cercato di essere anche divertente. Anche se la grandezza dei loro personaggi è forse un po' fuori fuoco.

Questa scusa può avere un briciolo di verità. Burton e la Taylor possono anche amare le loro parti nel film, e offrire uno spettacolo molto colorato. Ma non sembra vero, perché le loro relazioni nella commedia a volte sono un po' artificiali (e incostanti) in tutto, come il loro vero matrimonio del resto.

Si può certo affermare che “Romeo e Giulietta” avesse un certo ritmo e talento registico, per la rielaborazione e lo svolgimento della trama creata da Shakespeare. “La Bisbetica domata” è più caotica, e quindi richiede maggiori alterazioni del regista per farla funzionare. Focalizzata sulla bisbetica domata, e sull'abbandono dello stupido padre, su di una figlia sapidamente caratterizzata, sugli stupidi pretendenti (tutti e loro tre), così come i loro cartooneschi servi. Naturalmente, questo significa alterare l'opera del maestro esaltato nei palchi inglesi. Ma così com'è, “La Bisbetica domata” rimane pur sempre solo un film. “Trono di sangue” di Akira Kurosawa ad esempio, non incendia “Macbeth” stracciandolo in coriandoli.

Naturalmente, bisogna parlare anche di un'ultima motivazione. Romeo e Giulietta e Amleto sono due delle opere favorite di Shakespeare. Mentre La Bisbetica domata non è così popolare, e anzi se vogliamo era un'opera molto più oscura. E' una commedia in cui certo si sollevavano temi interessanti. Come dovrebbe parlare una donna, e una moglie, come comportarsi? Se il suo comportamento è inaccettabile, come e cosa dovrebbe fare, un marito corretto? Shakespeare suggeriva che la moglie dovrebbe essere obbediente, anche quando il buon senso impone un corso e un comportamento diverso. Se lei è una bisbetica disobbediente, allora meriterebbe, una forte riduzione delle comodità matrimoniali, questo sempre secondo Shakespeare. Queste conclusioni non sono divertenti, né illuminanti/te, e lo stesso si può dire per la stessa commedia. Imporre alla propria figlia di sposare uno temerarioe sconosciuto mercenario non sembra essere un buon piano, anche se la natura delle commedie garantisce che tutti vivranno felici e contenti.

Il film venne girato negli studi della compagnia cinematografica Dino De Laurentiis a Roma.

Il film fu un campione d'incassi, raddoppiando il budget di partenza con i soli incassi nel mercato statunitense.

Zeffirelli originariamente avrebbe voluto come protagonisti Sophia Loren e Marcello Mastroianni.

L'abito indossato da Elizabeth Taylor durante il monologo finale di Caterina è ispirato al quadro di Lorenzo Lotto Lucrezia”.

Elizabeth Taylor e Richard Burton hanno co-prodotto il film con un milione di dollari a testa e preso una percentuale sugli incassi del film.

Elizabeth Taylor , durante le riprese del film, venne a sapere della morte del suo più caro amico, l'attore Montgomery Clift: nonostante il pesante lutto, ha continuato professionalmente a lavorare sul set, alternando momenti di pura comicità per le scene ironiche del film, a momenti di triste silenzio tra un ciak e l'altro.

Il quinto di undici film in cui Elizabeth Taylor e Richard Burton hanno recitato insieme.

Prima di interpretare Katherina, Elizabeth Taylor non aveva mai recitato Shakespeare (a differenza di Richard Burton, che ne era un esperto e aveva già interpretato ruoli scespiriani come Amleto, Iago, Edgar, Hotspur e Romeo sul palco), e fu detto che era comunque molto nervoso prima dell'inizio delle riprese del film. Mentre la Taylor ha trovato la sua chiave per il ruolo, ed è diventata più sicura, chiedendo anche al regista Franco Zeffirelli se poteva di nuovo girare tutto dal primo giorno di riprese, in quanto non pensava che la sua prestazione fosse stata all'altezza. Zeffirelli le assicurò che lo era, ma lei era insistente, e l'ultimo giorno delle riprese, tutto il giorno prima venne rigirato di nuovo.

Dopo che “Cleopatra” aveva fallito al botteghino, portando quasi in bancarotta la 20th Century Fox, quando il regista Zeffirelli suggerì per questo suo film la coppia Elizabeth Taylor e Richard Burton, gli venne detto che non sarebbe mai stata accettata dai dirigenti della Fox. Tuttavia, Zeffirelli fu insistente, e alla fine, riuscì a convincere la Fox che la coppia aveva ancora potenziale di successo al box-office. In definitiva, è stato dimostrato che aveva ragione, dato che il film divenne un enorme successo al botteghino.

Nelle sue memorie, Zeffirelli ha detto che la realizzazione di questo film è stata l'esperienza più divertente che ha fatto in tutta la sua carriera.

Anche se la commedia venne rappresentata per la prima volta a Londra nel 1593, non fu pubblicata fino al 1623, pochi anni dopo la morte di Shakespeare.

La versione precedente film di “La Bisbetica domata” presentava Mary Pickford e Douglas Fairbanks che, come Elizabeth Taylor e Richard burton, erano sposati al momento del film. Il matrimonio della Pickford e Fairbanks , tuttavia, si deteriorò rapidamente, mentre quello di Burton e della Taylor non sarebbe finito (la prima volta) per altri sette anni.
Napoleone Wilson


1 commento:

  1. Per quanto Zeffirelli l'abbia quasi sempre evitato come la peste, "Romeo e Giulietta" e il film in questione rimangono delle opere che ancora guardo con piacere, come del resto "Il Campione", eh già, e pure l'"Amleto" con Mel Gibson non mi dispiacque, o almeno non ne ho un brutto ricordo, ma non faccio testo, ahah, che ve lo dico a fare. Però Burton è gajardo sempre. Thanks!

    RispondiElimina