lunedì 2 febbraio 2009

La samaritana

4

2004, Kim Ki-duk.

Tre episodi: VasumitraSamariaSonata. Apparentemente dissociati ed incredibilmente coerenti tra loro, come lo sono i diversi capitoli del nuovo e antico testamento, o di qualunque testo religioso qualsivoglia.

Vasumitra
2 ragazze adolescenti sognano un viaggio. Per realizzare questo sogno una delle 2, Jae-young, si prostituisce e l'altra, Yeo-jin, le organizza gli appuntamenti e fa il palo durante gli incontri per evitare retate della polizia.
Jae-young, samaritana nel donare, si ispira a Vasumitra, prostituta della mitologia indiana che convertiva col sesso le persone al Buddismo. Morirà precipitando da una finestra per sfuggire ad una retata. Com'è tragica la sua morte. Come lo è la morte di una giovanissima ragazza, vittima di adulti dai quali si riteneva ricambiata ed invece era solo spietatamente usata.
Come può esser bello il viso del peccato se il peccato non viene commesso.

Samaria
"È il nome di una regione geografica, storica e politica ed è la regione centrale della biblica terra d'Israele. La maggior parte della regione si trova nel nord della Cisgiordania... Il termine deriva forse da shâmar, , 'guardare', quindi significa qualcosa di simile a 'prospettiva', 'osservatorio'; ... Lo stesso nome è riferito alla maggiore città samaritana e capitale del regno di Israele durante la secessione in due regni.".
Yeo-jin, samaritana nel ripagare il debito, deciderà di incontrare tutti i clienti di Jae-young, facendo sesso e restituendo loro i soldi che avevano in precedenza guadagnato. Porgi l'altra guancia? Difficile spiegare tanta innocenza.
Il padre di Yeo-jin non la pensa allo stesso modo quando scopre la doppia vita della figlia. Pervaso da un odio crescente verso i suoi committenti, comincia a pedinarla e ad incontrare quegli uomini uno ad uno: il primo lo schiaffeggia, il secondo lo umilia al punto da... il terzo lo uccide con ferocia.
Yeo-jin consegnerà ad ognuno, anche a suo padre, il peso delle proprie azioni. Un buddista direbbe "la retribuzione karmica", l'effetto risiede latente e poi manifesto nella causa.

Sonata
E' il titolo più misterioso, almeno per me, anche se mi ha talmente ricordato un romanzo da sconvolgermi.
Il padre attende la figlia e decide, d'accordo con lei, di fare un viaggio, in un luogo... sacro. Tutto è attesa d'imminente arresto per lui, mentre per lei è un ritrovarsi, avendo visto morire coloro i quali erano destinatari della sua missione. I gesti sono sempre rituali: donare del sushi sul monte, togliere le pietre che ostacolano il percorrere di un sentiero. Yeo-jin prosegue nell'amore del padre la sua missione. Un sogno (riprese cinematografiche da urlo) la aiuterà a risolvere il suo intimo timore verso il padre. Il padre compie gli atti finali del debito che percepisce verso la figlia. La vuole rendere indipendente, la vuole proteggere; lei... lo inseguirà, con un finale di disperazione.

Film straordinario, assolutamente imperdibile e da vedere più volte.
Uno dei più belli che abbia mai visto. Simbolismo degno di Luis Buñuel ne "La Via Lattea".

In Post Scriptum la mia personalissima visione sull'ultimo episodio. Chi ha avuto la fortuna di leggere Sonata a Kreutzer, romanzo breve di Tolstoj ispirato ad un fenomenale concerto per violino e piano di Beethoven, ricorderà come il protagonista racconta la tragica fine della sua vita sentimentale, di come fosse, la vicenda, legata ad un brano musicale (lo stesso citato).
Un peccato svelare tutto. Chi ha visto il film e letto il libro certamente capirà.
Nessuna presunzione da parte mia di "risolvere" l'enigma. Mi limito a registrare una interessante affinità tra le 2 storie.

4 commenti:

  1. Bellissima recensione per un film inquietante. Grazie

    RispondiElimina
  2. concordo recensione davvero convincente, ho letto recensioni che stroncavano questo film, ora mi sa che lo metto in lista XD

    RispondiElimina
  3. arwen, stroncano questo film??? io ne ho distrutto uno di kim, ma questo proprio no, forse è quello che preferisco.

    RispondiElimina
  4. già messo in lista, appena è pronto lo guardo anche io, mi ha convinto la tua recensione, comunque le stroncature le ho lette su ciak, mi sa che hanno preso l'acido prima di scrivere di questo film hahaha ;)

    RispondiElimina