venerdì 23 dicembre 2011

Little deaths

23
2011, Sean Hogan, Andrew Parkinson, Simon Rumley.

Salutiamo l'avvento dall'Inghilterra, almeno in DVD, di questo Horror (con la maiuscola) ad episodi, dopo alcuni problemi distributivi evidentemente legati ai contenuti. Arriverà prima o poi la Director's cut che sarà imperdibile a mio parere, ma per ora ci "accontentiamo". Ringrazio subito l'amica e collaboratrice di questo blog Lucia de "ilgiornodeglizombi" che ne ha parlato profusamente, intrigandomi da morire. Lucia sta diventando il mio "wiki" in materia, è bravissima e il suo blog per chi ama il genere è lettura obbligatoria.
Ma veniamo al film...

Da tre mediometraggi palesemente tagliati (soprattutto i primi 2) se n'è ricavato un film appunto ad episodi dove ognuno si prende la sua quota dei 90' totali. Apparentemente sono slegati tra loro, però forse a ben guardare un tema comune lo si può trovare.

1) "House & Home" di Sean Hogan
Una coppia senza figli di medio-alta borghesia ha passione - comprensibile, visto la noia del benessere - per giochi sessuali un tantino violenti che necessitano di carne sacrificabile. Cosa c'è di meglio che procurarsi una donna senza tetto? La si accoglie con cristiana empatia, si fa anche una preghierina durante la cena, e del vino drogato renderà l'oggetto del gioco facilmente ammanettabile a un letto. La pia coppia non immagina però che la vittima ha anch'essa gusti particolari, e non in tema sessuale ma proprio alimentare... ribaltamento clamoroso di ruoli e gran finale pantagruelico. Non posso raccontare molto.
 


2) "Mutant Tools" di Andrew Parkinson
Coppia giovane, lei ex tossica e prostituta, lui che l'aiuta ad uscirne consegnandola in mano a un medico molto poco raccomandabile... Non tutto ciò che fu scoperto da nazisti è stato buttato. Dagli antidolorifici alle droghe il passo è breve, queste ultime sono poi un grande mezzo di potere e controllo delle masse, questo lo sanno anche i bambini e per questo i governi del mondo, soprattutto i c.d. "democratici", si guardano bene dallo sconfiggere il fenomeno. Ho divagato un attimo sul solo episodio che ha - volendo - connotati "politici" e per questo mi ha arrapato la visione, anche se è veramente difficile da seguire a tratti, con aspetti mostruosamente (e quindi meravigliosamente) gore che distraggono. Questa misteriosa droga necessita per la sua produzione di produttori bipedi in carne ed ossa da modificare, nutrire in modo orribile per poi raccoglierne una specie di sperma fuoriuscente da abnorme pene, applicato indistintamente a uomini e donne.


3) "Bitch" di Simon Rumley
Si ritorna all'episodio 1 per qualche aspetto. C'è una coppia, stavolta molto giovane con lei ninfomane e dominatrice che ha il terrore dei cani ma ama alla follia che il suo ganzo faccia il cagnolino in casa, con tanto di maschera, scodella per nutrirsi e cuccia per dormire. Fuori di casa lei si concede ogni extra sessuale senza nasconderlo, ma arriverà a farlo persino in casa, in sua presenza e con un amico comune. Sarà la goccia che... Il ragazzo preparerà con cura e freddo calcolo una vendetta strepitosa, solo peccato non vederne il compimento finale, se ne sentiranno solo i grugniti, ma è molto bello anche così. Quella lacrima renderà "giustizia" al gesto, alla sua inevitabilità.


Indiscutibilmente è "Bitch" l'episodio migliore. Perfetto in regia e soprattutto sceneggiatura, splendido uso delle musiche, tutto ottimo. Oltre all'idea geniale della vendetta finale, ha dalla sua la corretta distribuzione degli eventi, si percepisce come studiato appositamente per un formato del genere. Per gli altri due, comunque splendidi, bisogna applicare le attenuanti generiche e soprattutto attendere con bavosa pazienza le director's cut.
"House & Home" ha un misterioso inizio ben sviluppato. I tagli han massacrato la seconda parte. 45-50 minuti ci stavano tutti e con arricchimenti eventuali potrebbe scapparci anche il lungometraggio. Mi sono piaciute le recitazioni e per quanto sia l'episodio meno "originale" ha i connotati potenziali per un più che apprezzabile zombie-movie.
"Mutant Tools" mi ha fatto letteralmente strabuzzare gli occhi, e grazie a lui quest'opera s'è meritato anche il tag "cyberpunk". La macchina umana per produrre la droga è veramente inquietante. Ci sono momenti onirici/schizofrenici da parte della ragazza che non si capisce in verità dove si trovi fisicamente. Avrebbe meritato per le idee un lungometraggio con approfondimento della tanta "carne al fuoco".
C'è un filo rosso tra gli episodi? Pensiamo intanto alle coppie, protagoniste nel bene e nel male e in particolare alle donne, ma su questo discorso meglio che mi fermo...

Consigliatissima visione per allietare il santo natale ad ogni horrorofilo che si rispetti.
Robydick


23 commenti:

  1. l'ho visto pochi girni fa..concordo con te..mi è piaciuto..anche dall'inghilterra arrivano finalmente buone cose...ciao auguri carissimo

    RispondiElimina
  2. L'ho scaricato proprio ieri sera, e n'e parla Nocturno di dicembre in un servizio sui film "estremi" comprendente naturalmente anche ". The Human Centipede II (Full Sequence)"...Di Rumley ho scaricato ma non ancora visto il suo primo film "americano", "Red, White, & Blue", di cui si parla meglio di questo. Dall'Inghilterra, arrivano praticamente solo, "cose buone", e quasi in ogni genere. A iosa. E' solo dall' Italia, che tolto Sorrentino e forse altro due o tre, si fanno dieci film all'anno e fanno pure cagare.

    RispondiElimina
  3. Prima di tutto, grazie per la segnalazione e per la qualifica di wiki horror! Sono lusingata ;)
    Per il film, è davvero una bella mazzata tra capo e collo, peccato soprattutto per il secondo episodio che è stato devastato dai tagli, così tanto da renderlo di difficile comprensione. Purtroppo la produzione ha imposto di edulcorare e abbreviare il tutto, e i risultati si vedono.
    DI Rumley consiglio anche The Living and The Dead che è un altro film davvero estremo, anche se si intravede a stento una goccia di sangue.

    RispondiElimina
  4. questo me lo sogno, il regno unito raramente mi delude...
    non è proprio natalizio, però per un alternative christmas potrebbe andare :)

    RispondiElimina
  5. roby tu si che sai far venire la quolina alle persone :D tre hip hip urrà a roby e lucia!

    RispondiElimina
  6. Napoleone, vedrai ti piacerà... anche a me interessa vedere altro di Rumley ma pure degli altri

    RispondiElimina
  7. Lucia, qualifica meritatissima :**
    seguirò i consigli

    RispondiElimina
  8. sì Marco, non è proprio natalizio canonicamente parlando... e a Natale non ti dico cosa uscirà, ahah! ma si può immaginare...

    RispondiElimina
  9. grazie Nick! eh, potrei far carriera come promoter di film, lo dico spesso... :P

    RispondiElimina
  10. Pane per i miei denti! :)
    Red, White, & Blue l'ho visto ma non è un un gran ché per me...

    RispondiElimina
  11. i film di Rumley son tutti lì, pronti x esser visti..Napo..d'accordo su tutto..specie sugli italici film..

    RispondiElimina
  12. non l'ho visto... allora visto il tema faccio gli auguri di buone feste a te Roby e agli autori di questo magnifico blog!

    RispondiElimina
  13. esiste una versione in italiano / sub ita o pure sub eng?

    RispondiElimina
  14. Io nemmeno uno1 UNO, l'ho trovato con i sub. in ita., tutti voi li trovate. Andrew Parkinson aveva fatto anche "I, Zombie" oltre un decennio fa, "The Living and the Dead"('01) è un bel film, ma obbiettivamente poco accessibile, e se lo dico io...Non vorresti mai di certo doverlo vedere una seconda volta.

    RispondiElimina
  15. wilson io addirittura ne ho trovato uno doppiato in italiano O.o

    comunque veramente pesante, nel senso buono del termine. il primo mi vien da dire che è il più stupido, nonostante l'abbondante uso di carpaccio; il secondo è veramente lisergico, se il dottore del centipede umano aveva un fratello, deve essere lui per forza.
    il terzo è godurioso alla foliia. già dopo i primi 5 minuti ti pregusti una sua vendetta che alla fine arriva e, signori, non si fa mancare mica niente. entra [da dietro] su un bellissimo tappeto rosso, come una star.

    RispondiElimina
  16. bravo dr.Nick! e ottima sintesi... :D
    il primo è solo incompleto e frettoloso secondo me

    RispondiElimina
  17. Non posso fare altro che cercarlo dopo questa bella recensione e altre che ho letto!! *__*
    E' così difficile trovare dei begli horror di questi tempi...

    RispondiElimina
  18. merita Babol, vedrai, normale che in molti tra gli amanti di genere ne siano soddisfatti :)

    RispondiElimina
  19. Bellissima o.s.t. dell'episodio "Bitch", la devo trovare e scaricare. Senno chi ce l'ha già me la mandi subitissimo, ddenghiu.

    RispondiElimina