martedì 27 dicembre 2011

Stone

6
1974, Sandy Harbutt.

[Camminando in un bar]
Stone/Ken Shorter :- “Avete birra da vendere, qui?”

[Al funerale di Go Down]
Undertaker/Sandy Harbutt :- “OK, Go Down, avete capito bene, ma credetemi chiunque ti ha fatto questo avrà molto di più di quel che ti ha fatto, e questa è una promessa”

Undertaker :- “Faremo quello che cazzo ci piace. Non abbiamo intenzione di stare qui fermi con le ami in mano mentre ci buttano giù uno per uno, e quei bastardi sapientoni fanno la loro indagine di routine-”

“Stone” è un film strepitoso, eppure, nella maggior parte dei paesi non anglofoni è quasi sconosciuto, mentre in Australia fu campione di vendite anche per la colonna sonora.
Sulla copertina c'era questo cranio che è anche nel manifesto, con un cappello da scavatore. La colonna sonora è a base di musica molto strana, eseguita da didgeridoo, strumento tribale degli aborigeni, chitarre, a ben sintetizzare tutta la potenza e il senso di caos che avvolge i protagonisti del film. Già solo sentendola, ti rende bene il gusto visivo di “Stone”, tanto che quando lo vedrai non ne rimarrai deluso. Apparentemente è solo un semplice film d'azione su una banda di biker satanisti che si fanno chiamare i “Graveyard Diggers”, i quali otterranno nello svolgimento della trama solamente di essere cacciati e decimati ad uno ad uno. Ma a questo ci arriveremo. Con un cast che sarebbe poi divenuto il gotha del cinema australiano e della televisione, come Garry McDonald, Bill Hunter, Rebecca Gilling (dannazione quant'era stratosferica TOPA!), Vince Gill, Tony Bonner, Roger Ward, Helen Morse e Hugh Keays-Byrne, per un fantastico parterre di personaggi . Produttore, regista e co-sceneggiatore del film è Sandy Harbutt che interpreta anche il leader del Diggers e che se la cava egregiamente. In realtà, l'anello debole del film è proprio il protagonista, Stone; Ken Shorter che lo interpreta è certo un bel ragazzo, ma non proprio un grande attore. O forse semplicemente non è invecchiato bene come personaggio. Stone dal modo in cui è un poliziotto della squadra antidroga che si infiltra sotto una sorta di copertura (uno dei motociclisti sa che è un poliziotto, ma nessun altro) per cercare di trovare l'assassino. Keays-Byrne (in uno dei suoi ruoli da “irregolare” precedenti a “Mad Max”, interpreta il ruolo più difficile dell'assassino sotto effetto perenne di acidi, e che porta il caos nella banda e nelle teste dei Graveyard.

Decapitazioni, esplosioni e poi un fantastico giro su una rupe che per l'epoca era una prima mondiale, un salto in piedi su una moto da un dirupo nell'oceano. Sequenza ancora oggi strepitosa! Mentre per la stupefacente sequenza del funerale, Harbutt era riuscito a raccogliere 400 motociclisti che guidarono lunga l'autostrada F3 di Gosford in quello che ora è un momento seminale del cinema australiano degli anni' 70. Incredibilmente quando hanno ricreato la scena del film, per le celebrazioni del 25 ° anniversario nel 1998, sono stati radunati oltre 30.000 motociclisti.(!) Ma torniamo al film ...
Vince Gill dà tutto il meglio di sé come Dotctor Death, che recita il tipo di sermone che voglio al mio prossimo funerale, urlando "Saaaaattttaaaaannnn!", a pieni polmoni prima di seppellire -in piedi- il loro compagno. “Stone” mostra poi anche e fino in fondo quanto è profondo il solco estetico così anni '70 del film, il protagonista Ken Shorter è un ragazzo belloccio e selvaggio, nei suoi bianchi abiti,il panciotto di pelle, e con la sua bionda coda di cavallo. Che certo si integra bene in “un branco di bastardi bikers”, per parafrasare il titolo italiano di uno dei migliori film americani del filone, che hanno appena seppellito il loro compagno e incazzati, vogliono ottenere vendetta.. Ma dopo aver salvato uno dei bikers da un attacco di balestra (?), Shorter riesce a ottenere il via libera a condurre la sua moto con la banda.(finché però rimane nelle retrovie). Quindi, con tanta amarezza, si allontana dalla sua fidanzata Helen Morse e dal suo circuito di tennis, andando a convivere con questa schiuma puzzolente di “famiglia” motociclistica, in un'antica fortezza sulla cima di una scogliera. Riesce a dimostrare il suo valore da corsa ad un membro della banda dei Midnight intorno al circuito e a non vincere, ma a farsi vedere dannatamente di buon occhio. E questa è una delle cose si questo film che ne fanno inconfondibilmente un film aussie. In un film yankee avrebbe dovuto vincere Stone. E un'altra cosa, Bindi Williams come interprete di Midnight - un attore aborigeno in un ruolo principale? Nel 1974? Questo film fu stato finora dunque in anticipo sui tempi. Ed è qui che si deve andare a parare. Perché questo è molto più che solo un altro film di aussie explitation degli anni '70. o un altro film di bikers con protagonista un poliziotto che deve vedersela con i colpi di una banda di motociclisti. Il film parla anche di una banda composta da veterani del Vietnam e della Corea, guerre a cui l'Australia partecipò con propri contingenti in appoggio agli Stati Uniti, i quali si sono riuniti per cavalcare le loro moto nelle banda dei Graveyard, perchè non hanno un altro posto in cui andare.
Quando si pensa che questo film era probabilmente uno dei primi se non il primo, ad affrontare davvero l'idea che i veterani non fossero stati tanto ricercati, quando erano tornati a casa. A causa dell'appoggio all'intervento in Vietnam, le posizioni e le opininioni nel paese si erano polarizzate, nessuno voleva più parlare di questo, o ammetterlo. Certo non si tratta di una vera e propria connotazione politica del film, ma ne rimane la sensazione di fondo, la dichiarazione qui posta di un grido di comprensione per il veterani del Vietnam, per la libertà di fottere il sistema che invece gli ha immancabilmente fottuti, quando sono tornati dalla guerra. E il film affronta anche l'idea del business che fa regolarmente passare in secondo piano 'gli interessi delle persone e dell'ambiente e la loro difesa, con l'apertura del film sull'assassinio di un politico ad una manifestazione per un nuovo e diverso, sviluppo del territorio. Questa era una parte della popolazione agli inizi degli anni '70, e questo film che li aveva rappresentati era in anticipo sui tempi. Oggi che su una trama di questo tipo possiamo essere molto più disincantati, non possiamo non riconoscere che comunque era giusto pensarla così, fin da quel tempo? Devo ammettere che alcune cose del gergo e degli indumenti del film possano risultare datati, occasionalmente, ma le scene motociclistiche sono ancora impressionanti, le scene di combattimento anche, e l'accerchiamento alla fine, quando Stone , dopo aver fatto alla sua ragazza un discorso sull'onore e sull'integrità, ottiene di fare piazza pulita di quelle merde dei Diggers. Voglio dire, come altro sarebbe potuto finire il film?
“Stone” non è mai stato, dato anche il suo tipo di storia, molto famoso fuori dall'Australia, perché, francamente, il cinema australiano “d'autore” di quel periodo aveva un po' imposto che certi film non dovessero essere troppo esportati con l'idea che avrebbero potuto rafforzare il preconcetto che i film australiani in definitiva, fossero un po' rozzi. Poi, è venuto “Picnic ad Hanging Rock” e quella sorta di "arte" che ha fatto sì che tutti si accorgessero che il cinema australiano non produceva solo commedie sexy come la famosa serie tv aussie degli anni '70 “Alvin Purple”, o crassi film di bikers d'exploitation come “Stone”. Per fortuna il pubblico dei film non ha avuto sempre la testa infilata nel culo come i critici cinematografici illustri da noi come in Australia, (che sono stati quasi sempre e solamente dei poveri idioti!), e in un certo senso, anche della miopia dell'AFC (l'Australian Film Council), per concorrere a finanziare solamente i film più pretenziosamente “artistici”, e “contenutistici”. Ma invece, il pubblico accorse a vedere questo film, molto più di altri dell'Ozploitation di quel periodo, appena uscì sul grande schermo. Ciò fu ottenuto senza soldi, con i passaparola a dare una mano decisiva, un risultato di vero, sincero ed enorme gradimento. Ciò nonostante Harbutt passò degli anni a cercare di realizzare un altro lungometraggio, senza riuscirvi e senza ottenere un finanziamento dagli enti statali, nonostante l'enorme successo del suo primo, infernale, film di bikers. I critici però, resta che come al solito si erano sbagliati in partenza. “Stone” è oramai uno di quei film della First Wave che vivrà per sempre. Se non lo avete visto, mi dispiace dover dire così, ma non siete minimamente dei veri interessati né tantomeno appassionati cultori della cinematografia dell'Australia, questo Big Country, in tutti i suoi estesi sensi possibili. E se invece lo avete visto, beh allora saprete già cosa intendo e di cosa sto parlando, essendo un film che uno vorrebbe avere sempre la minima scusa per poterlo rivedere, e vedere..., di nuovo. Un film e un'esperienza veramente potente, dall'inizio alla fine.

Ken Shorter ideò i suoi abiti.
L'attore Vincent Gil ha lavorato nel film anche come fonico per la presa diretta.
Quattrocento reali bikers hanno partecipato come comparse nella famosa sequenza del corteo funebre lungo l'autostrada, vista all'inizio di questo film.

Rebecca Gilling venne originariamente scelta per il ruolo di Euridyce. Tuttavia, dopo che Ambra Rodgers lo abbandonò, è stata ri-lanciata come Vanessa, e sua sorella Jane Gilling ha sostituito Rebecca.

Vanessa si riferisce a Stone come "... un ragazzo telegramma della PMG ...". La PMG è stata il reparto più importante delle poste in generale, una singola organizzazione responsabile per la posta e i telefoni in tutta l'Australia fino al 1975.

Questo film è stato girato nei mesi di ottobre e novembre 1973.

Sandy Harbutt effettuò una serie di ruoli in questo film. Harbutt è stato il regista, il co-sceneggiatore, produttore, scenografo, compositore e attore nel ruolo dell'antagonista di Undertaker, il capo della banda Bikie dei Grave Diggers.


Primo lungometraggio cinematografico diretto da Sandy Harbutt.

La banda di bikers dei Grave Diggers è caratterizzata da una serie di personaggi che hanno nomi colorati. Questi includono Bad Max, Blue, Boots, Buzzard, Captain Midnight, Dr Death, Euridyce, Ferret, Go Down, Hooks, Karma, Midnight, Pinball, Scrag, Septic, 69, Skunk, Stinkfinger, Sunshine, Tiger, Toad, Undertaker and Zonk.

Questo film è stato un grande successo d'incassi al box-office in Australia, quando uscì nel 1974.

Lo script per questo film nasce nel 1970 come episodio della serie televisiva australiana drammatico-poliziesca “The Long Harm”. Sandy Harbutt stava interpretando un detective nello show televisivo. Quando la serie fu cancellata, Harbutt ne ha rielaborato lo script per un lungometraggio.

Il film si distingue per una trovata motociclistica, quando uno stunt si getta in mare da una scogliera alta 80 piedi.

Questo film è da sempre l'unico lungometraggio cinematografico diretto da Sandy Harbutt.

Le riprese di questa produzione durarono cinque settimane.

Questo film è considerato un "Ozploitation" (film di genere australiano).

Questo film è in qualche modo considerato un precursore di "Mad Max”.. David Stratton nel suo libro “The New Last Wave” afferma che questo film "... ha molte somiglianze con il successivo “Mad Max” ed è, in un certo senso, il suo precursore. Entrambi trattano di bande di motociclisti anti-sociali e entrambi hanno come protagonista del film un poliziotto che è ruvido come i criminali che sta cercando di sgominare, entrambi i personaggi hanno la caratteristica di avere dei nomi bizzarri... ". Anche le versioni in DVD di questo film hanno vantato una tagline che suggerisce questo: "Prima di Mad Max e The Road Warrior (Interceptor – Il Guerriero della strada), c'era STONE".

Un numero di attori del cast di questo film è apparso più tardi nel simile film australiano di culto "Mad Max”. Cioè gli attori Hugh Keays-Byrne, Roger Ward, Vincent Gil, David Bracks e Reg Evans.

Quando otto anni dopo la sua distribuzione australiana, questo film è uscito in Gran Bretagna per la prima volta, "Time Out" affermò: "Otto anni dopo il suo debutto australiano, "Stone" è uscito nel circuito britannico, chiaramente inseguendo da parte dei distributori il pubblico che ha fatto di “Mad Max” un ciclo di tanto successo".

Il montaggio originale cinematografico di questo film durava 132 minuti. Secondo quanto riferito, il regista Sandy Harbutt era relativamente infelice con questa versione. Durante gli anni '80, quando il film è stato infine opzionato per l'uscita in home video dalla Roadshow Video (una divisione della Roadshow Film Distributors), Harbutt ha chiesto di essere messo in grado di ri-montare il suo film in modo che riflettesse la sua visione originale. L'uscita del video originale australiano (circa nel 1985) è lunga 98 minuti e ha scritto “Director's Approved" accoppiato con la firma di Harbutt. È questo un montaggio significativamente più breve del “Director's Cut", comprensivo della versione Cinematografica Premium del 1995, per la riedizione del 21° Anniversario, che ha sostituito tutte le precedenti versioni del film. Il DVD australiano contiene anche questa versione più corta della durata di circa un'ora e mezza. Harbutt ha detto della versione più breve di circa mezz'ora, l'unica disponibile in video prima dell'uscita del dvd: "Mi basta guardare la pellicola come è e come è stata e per quanto mi riguarda, il film dovrebbe essere così com'è adesso. Ecco. Questo è quello che voglio far vedere al pubblico internazionale".
Il significato e la rilevanza del titolo di questo film ''Stone'' è che si riferisce al nome del personaggio principale, un poliziotto, interpretato da Ken Shorter, il quale si infiltra in una banda di moticiclisti. La parola "stoned" era comune nella contro-cultura degli anni '60 e '70 relativamente allo stato di ebbrezza che si ottiene dal prendere farmaci, e dando allo stesso il titolo di qualche film. Un riferimento alla battuta sul nome di Stone e alla sua somiglianza con uno "stoned" è fatto in questo film.

Probabilmente, questo fu il primo bikers movie prodotto in Australia. Un numero, per lo più a basso budget, di film di questo genere era stato prodotto negli Stati Uniti nel corso delgli anni '60 e '70.

Le moto della banda dei Grave Diggers utilizzano radio CB, perché il gruppo è composto da ex-militari (conosciuti colloquialmente in Australia come "Searchers"), reduci delle guerre del Vietnam e di Corea.

Questo film è stato completato solo tre giorni prima della sua prima mondiale il 28 giugno 1974 al Cinema Forum di Sydney, New South Wales.

Secondo quanto riferito, questo film è andato in profitto entro sei mesi dalla sua uscita cinematografica australiana, a metà del 1974.

Questo film venne portato al Festival di Cannes del 1980 per cercare una distribuzione in tutto il mondo. Questo è stato a circa sei anni dalla sua uscita cinematografica in Australia. La scintilla per questo fu una somiglianza di questo film al successo internazionale al box-office “Mad Max”, che era uscito un anno prima nel 1979.

Una vera e propria gang di motociclisti nella vita reale ha interpretato la gang rivale al funerale di Black Hawk.

Bikers nella vita reale e motociclisti furono pagati con della birra, per la partecipazione come attori e comparse in questo film.

Nonostante questo film divenne un fenomenale successo al botteghino in Australia, Sandy Harbutt non venne mai finanziato dal governo australiano per fare un altro film.

Un circolo motociclistico denominato “Stone Social Club” è nato come un omaggio a questo film.

Un'ora di documentario making-of sul film intitolato “Stone Forever” è stato realizzato nel 1999.

Questo film quando uscì in Australia fu aspramente criticato dalla critica cinematografica.

Sandy Harbutt non aveva visto la stampa finale di “Stone” (dall'inizio alla fine) fino alla prima mondiale del film.

Interpretante Stone, un poliziotto, in questo film, l'attore Ken Shorter era un ex poliziotto anche nella realtà.

Cameo:
Garry McDonald: il popolare comico australiano interpreta il meccanico delle moto. Nel 1975, McDonald è diventato famoso alla televisione australiana come protagonista del personaggio normanno a fumetti Gunstan. Questo è stato il secondo film di McDonald dopo "Avengers of the Reef” (1973) di Chris McCullough.

Napoleone Wilson


6 commenti:

  1. dev'essere veramente uno sballo questo film. mi sono riletto ancora la rece, e mi girano troppo che non riesco a trovarlo :(

    sulla questione dei reduci condivido tantissimo le tue osservazioni. comunque vada la pagano sempre quelli che vanno a combattere, se è giusto farlo perché ci crepano o restano invalidi, se non è giusto farlo perché poi la gente li identifica come assassini... e chi la guerra l'ha decisa raramente ne paga le conseguenze.

    RispondiElimina
  2. Si' grazie Roby, difatti non si trova nel peer to- peer. In DVD originale aussie R4 come ho io. Doppio disco S.E. 25th Anniversary. Della Roadshow prima, della immancabile Umbrella adesso. Da pochi mesi, e' stato editato anche per il mercato R1, medesima edizione di quelle aussie, dalla Shriek Show. Prezzo ca. 25/28€. Se si e' veri appassionati, non sono niente.Ciao!

    RispondiElimina
  3. Mè cojoni, bellissimo, ce l'ho pure io, se non l'hai ancora trovato ti mando un rip, sempre che il pc la smetta di rompermi i cojoni.

    RispondiElimina
  4. e magari mi dite anche dove trovare Threads...

    ps siete dei grandi e siete nella mia top 5 di blog che seguo assiduamente. anche grazie a voi tengo un cineforum tutti i giovedì.
    ho visto circa 3000 film ma più si va avanti e più s'impara e si resta frustrati da quanto ancora c'è da scoprire e da quanto poco tempo si ha per farlo...

    RispondiElimina
  5. ciao simo! grazie, ci fa solo piacere e complimenti per quello che fai :)
    3000 non sono pochi...

    RispondiElimina