sabato 19 maggio 2012

Hunger

6
2008, Steve McQueen.

Padre Dominic Moran/Liam Cunningham:- “Cos'è successo al tuo occhio, Bobby?” Bobby Sands/Michael Fassbender :-” Cosa?” Padre Dominic Moran:: Hai avuto uno scambio di opinioni? Il tuo occhio. Bobby Sands: -”Divergenza di opinioni.” Padre Dominic Moran::- “Mmm. Come va il tipo che era con gli altri?” Bobby Sands :- “Oh, molto peggio. Credetemi.”

Molte delle recensioni di “Hunger”, il primo, splendido e controverso film di Steve McQueen poi regista di “Shame” (grazie al cui successo è uscito al cinema in Italia, assurdamente dopo tre anni dalla sua presentazione ovunque), sugli scioperi della fame dei prigionieri dell'IRA del 1981 nel carcere di Maze, si sono concentrate sulle scene di brutalità, barbarie e sofferenza. Ma c'è una scena che non può uscire dalla mia mente da quando vidi il film la prima e unica volta, circa tre anni fa, ed è senza dubbio quella più pacifica, il lungo dialogo tra Bobby Sands e il prete, in un film che di dialoghi ne ha pochi.


Il corpo senza vita di Bobby Sands, morto da leader dopo più di sessanta giorni di sciopero della fame dei prigionieri repubblicani nel 1981, viene portato via su una lettiga con le rotelle, lungo il vuoto e inquietante corridoio dell'ospedale della prigione coperto da un lenzuolo sopra la sua testa. Tipicamente, la cinepresa si sofferma su ogni aspetto di questo lungo e lento trasporto, la rimozione silenziosa e meccanica del cadavere fino a quando finalmente le porte alla fine del corridoio si spalancano e il suo corpo viene spostato in un veicolo lì in attesa. Con questa lunga sequenza anche il film finisce, iniziano a scorrere i titoli di coda e dopo un breve silenzio di tomba in ogni proiezione pubblica in Irlanda, e in tutti i festival internazionali nei quali è stato presentato con enorme successo, è stato perorato da un forte scoppio di applausi.

La scena è inquietante in parte perché trasmette un forte senso del puro isolamento, del silenzio e della natura solitaria della morte. E' così disturbante e inquietante che per il recensore diventa quasi disperante riuscire a restituirla con un qualche aggettivo all'altezza. La morte di Bobby Sands nella realtà non fu però una morte solitaria. Certo, il film non mostra ciò che successe dopo, ma nei molti modi in cui venne accolta e recepita la notizia della morte di Bobby Sands, la quale è comunque stata una delle meno solitarie, meno isolate, meno solitarie morti nella storia.

Il film però non può mostrarci le migliaia di persone che spontaneamente si riversarono nelle strade per protestare contro questa morte, in tutto il mondo, e che, mentre quel corridoio dell'ospedale era così mortalmente silenzioso ci fu il boato di un così potente rumore esterno che esplodeva, da parte delle donne che sbattevano i coperchi delle pentole e dei giovani uomini che stavano costruendo le erigende barricate . Che le proteste non erano limitate solo alle roccaforti repubblicane, ma anche in aree nord irlandesi precedentemente pacifiche come Antrim, Omagh, Dungannon, Ballycastle e in decine di altre città in tutta l'Irlanda del Nord. McQueen ha però scelto di non mostrare un solo scatto del funerale, laddove 100.000 persone camminarono dietro la bara di Sands, dopo che una grande campagna elettorale, con la quale l'uomo che Margaret Thatcher aveva bollato come un caso isolato, un criminale omicida, venne eletto alla Camera dei Comuni Britannica come membro del Parlamento per Fermanagh e South Tyrone. Sicuramente una sequenza delle arrabbiate e enormi, manifestazioni di solidarietà a Dublino, Sydney, Parigi, New Delhi e New York, sarebbe stata dovuta.

Ma l'opera cinematografica di Steve McQueen non fa contesto, né di raccontare tutta la storia, o del prendere posizione, o di contenere messaggi. In una serie di interviste, McQueen ha insistito sul fatto che questo non è un film politico e che lui non ha risposte alle più grandi domande politiche insite negli avvenimenti narrati nel film. Per McQueen, il film era un'esplorazione del fascino proprio di Bobby Sands che egli aveva visto in TV da bambino nei servizi giornalistici. ''La gente dice che è un film politico, ma, per me, è essenzialmente ciò che noi, come esseri umani, siamo in grado di sopportare e a cui reagire, moralmente, fisicamente, psicologicamente. '

E per tutto questo noi sicuramente gli dobbiamo essere grati. Alla fine, ha realizzato un film su un evento politico che né George Clooney, né stelle del recente filone documentaristico d'indignazione come Michael Moore, hanno affrontato, e senza pretendere di insegnarci ciò che è stato giusto e sbagliato, ha fatto in modo che come spettatori non siamo lasciati in nessun dubbio su chi siano stati i buoni e i cattivi. McQueen è pronto a lasciare che gli eventi parlino da soli e a fidarsi del suo pubblico: ''Quello che ho cercato di fare è stato rendere il più forte possibile, il film più potente che potevo realizzare, tratto dalla storia di questi eventi.'' Quando gli è stato chiesto se si è preoccupato che egli possa essere accusato di glorificare una certa visione filo romantica del repubblicanesimo irlandese, che storicamente include il martirio, McQueen ha detto: ''Non ho mai pensato a cose del genere. Forse sarà strano, ma non mi passa nemmeno nella mia mente, quando penso ad un argomento come questo.'' Nonostante il mio personale desiderio di raccontare ciò che ha portato agli scioperi della fame dei prigionieri irlandesi anche da parte inglese, credo che la rigenerante mancanza da parte di McQueen nel fornire una motivazione politica esplicita ed enunciata renda questo un film incredibilmente onesto. Il quale ci permette di raggiungere le nostre conclusioni, e in questo McQueen attribuisce ai suoi spettatori un'intelligenza molto più raffinata di quella che le produzioni di Hollywood hanno offerto sullo stesso argomento, in verità alcune anche molto buone, come “In Name of the Father”(Nel Nome del Padre)('93), e “The Boxer” ('98) entrambi di Jim Sheridan.

Gli eventi ritratti in Hunger” sono stati una reazione ai tentativi del governo britannico di rimuovere lo status politico ai prigionieri repubblicani. Gli uomini all'interno della prigione di Long Kesh nel 1970 si erano politicizzati a causa della diffusa discriminazione contro la comunità cattolica, la brutale repressione dei cortei dei diritti civili - compreso ovviamente il massacro dei 14 civili disarmati nella tragicamente celeberrima Domenica di sangue, “Bloody Sunday”, ad opera dei paracadutisti inglesi nel gennaio del 1972 (avvenimento al centro dell'omonimo, splendido, “Bloody Sunday” diretto nel 2002, trentesimo anniversario della strage, da Paul Greengrass)- e l'introduzione dell'internamento di massa senza processo . I prigionieri politici non si erano mai per un attimo visti come criminali comuni e insistevano sul fatto che nessuno di loro avrebbe mai visto l'interno di una prigione se non fosse stato per il conflitto politico nel loro paese.

Questo status politico è stato effettivamente riconosciuto dalle autorità carcerarie, con i prigionieri autorizzati a mescolarsi fra di loro, frequentare le lezioni e indossare i propri abiti. Come lo scrittore ed ex prigioniero repubblicano Ronan Bennett sottolinea in una nota che ho trovato su internet a riguardo del film, ''Lo status di prigioniero politico non è stato un divertimento, ma un tacito riconoscimento del governo che quello che stava accadendo nel nord dell'Irlanda, non era una inspiegabile epidemia di criminalità di massa, ma il risultato di una crisi politica.'' Tuttavia, all'inizio nel 1976, l'allora governo laburista annunciò che tutto questo sarebbe cambiato e che i prigionieri sarebbero stati rinchiusi, obbligati a indossare divise carcerarie e classificati come criminali.

La prima parte del film di McQueen è una emanazione diretta e terribilmente grafica delle proteste denominate degli “sporchi”, che fu la prima reazione a questa politica di criminalizzazione. Come McQueen ha sottolineato in una intervista, gli inglesi possono ricordare dai loro rapporti che i prigionieri repubblicani avevano scelto di non indossare le loro divise carcerarie e di ricoprire i muri delle celle della prigione con la propria urina ed escrementi, ma molto similmente che nella Guantanamo di oggi, ai giornalisti non fu mai concesso il libero accesso alle prigioni . Il conto scioccante e brutale di questo film - che è stata verificato da molti che vi avevano preso parte - sarà per molti inglesi la prima vera intuizione della brutalità del governo e della straordinaria capacità dei prigionieri repubblicani di sopportare condizioni terribili alle quali furono sottoposti, nel perseguimento del loro status politico.

La parte più discussa del film è la lunga sequenza di 22 minuti in cui Bobby Sands/Michael Fassbender racconta ad un sacerdote, Padre Dominic Moran, interpretato dall'attivissimo e bravo Liam Cunningham (non ufficialmente basato sul defunto Padre Dennis Faul) della sua decisione di intensificare la campagna contro la criminalizzazione attraverso l'iniziativa di intraprendere uno sciopero della fame, fino alla morte, se necessario. Il dibattito tra i due uomini ci permette di ascoltare e prendere in considerazione gli argomenti a favore e contro un gesto così drammatico e, ancora una volta, McQueen ci permette di decidere che parte prendere. Il sacerdote usa argomenti contrari convincenti - accusa Sands di essere un egoista e cercare una sorta di status di icona martire, senza delle reali possibilità di vincere.

Le sfide del sacerdote fungono da piattaforma per Sands, interpretato da Michael Fassbender nella sua prima intensa collaborazione con McQueen, e attore tedesco-irlandese, di far valere la difesa più eloquente e potente dello sciopero della fame che abbia mai sentito. Ma ciò per cui essere d'accordo con l'importanza di questa scena è proprio in quanto a Sands viene data una voce e una umanità che gli è stato negata dalle autorità britanniche e dai media britannici, nella vita. In quei 22 minuti di scena, ci sono anche delle intuizioni molto potenti su che cosa si sono trovati a dover affrontare Sands e i suoi compagni di prigionia, che hanno ispirato tante persone come me a credere che avremmo potuto cambiare il mondo negli anni '70-'80 e a sfidare le ingiustizie. Qui all'inizio del film era ancora soltanto un giovane e ordinario uomo di una famiglia non eccezionale in un quartiere operaio di Belfast, che si era trasformato nel notevole leader di una straordinaria lotta per l'uguaglianza e la libertà. Mentre molti intorno a lui lo pregarono di compromettere i suoi ideali e accontentarsi di meno, Sands ci ha mostrato che alcune persone credono ancora che ci siano cose per cui valga la pena di lottare.

In un momento in cui la politica è scesa in una gara carrieristica di mediocrissime personalità, putrefatta come non mai, ed i nostri “eroi” principali sono vittime o personaggi famosi per essere famosi, Sands si distingue come un vero eroe. Il fatto che un gruppo di giovani in realtà abbiano creduto di poter cambiare il mondo in meglio, e fossero pronti a morire per dimostrarlo, mette oggi in forte rilievo la presso chè totale mancanza di idealismo.

E la fame ha un forte significato contemporaneo in altri modi, di drammaticissima attualità come ben sappiamo in questi giorni nei quali “Il destino è ad Atene”. Si tratta anche di uno schiaffo in faccia per i molti accademici e politici che sono oggi impegnati in una massiccia campagna per riscrivere la lotta repubblicana come settarista, e descriverla un conflitto criminale. Bobby Sands, e gli altri nove repubblicani che morirono dopo di lui, e le migliaia di nazionalisti che li hanno sostenuti mostrano invece incontrovertibilmente che al centro di questa lotta è stata la determinazione a porre fine all'ingiustizia, che non dovrebbe essere scritta fuori dai libri di storia.

In una intervista, McQueen ha detto: "Che cosa mi ha portato al soggetto era la nozione di ciò che un individuo è capace di fare proprio per essere ascoltato." McQueen non può essere politico, ma consentendo la voce allo sciopero della fame irlandese, affinchè potesse essere ascoltata in tutto il mondo, proprio nel momento storico in cui molti stanno ancora cercando di criminalizzare la lotta, è garantire che il silenzio, all'interno di quel corridoio della prigione, alla fine del suo film sia stato nuovamente rotto.

Michael Fassbender ha dovuto assumere una dieta drastica medicalmente controllata al fine di ritrarre Bobby Sands durante il suo lunghissimo digiuno, con grande orrore di chi lo circondava.

La scena della conversazione tra Sands e un prete cattolico è stata girata in una ripresa continua di 16 minuti durante il primo giorno di riprese in Irlanda del Nord, e ha impegnato Michael Fassbender e il co-protagonista Liam Cunningham in quattro tentativi per portarla a termine.

Il film contiene una ripresa unica di 16 minuti e mezzo.

Il secondo operatore medico (quello con i baffi) che si prende cura di Bobby Sands in ospedale, ha un tatuaggio con la sigla "UDA" sulla sua mano sinistra. UDA è l'abbreviazione di Ulster Defence Association, una organizzazione paramilitare lealista in Irlanda del Nord.

BAFTA AWARDS Anno 2009 Ha Vinto il Premio Carl Foreman per l'Esordiente più promettente a Steve McQueen (regista / sceneggiatore) Nominato al BAFTA Film Award come più Sorprendente Film Britannico aLaura Hasting-Smith
Robin Gutch
Steve McQueen

Enda Walsh
Independent Film Awards Britannico
Anno 2009 ha Vinto l'Independent Film Award Britannico per il Miglior Attore aMichael Fassbender
Miglior realizzazione tecnica Sean Bobbitt
Per la cinematografia. Douglas Hickox Award a Steve McQueen
Nominato all' Independent Film Award Britannico per il Miglior Film Britannico Indipendente
Miglior Regista Steve McQueen
Migliore Sceneggiatura Steve McQueen

Enda Walsh
Miglior attore non protagonista Liam Cunningham

Festival di Cannes Anno 2009 Ha Vinto la Camera d'oro a Steve McQueen

Chicago Film Critics Association Awards Anno 2009 Nominato al CFCA Award al Regista più promettente Steve McQueen

Chicago International Film Festival Anno 2009 Ha Vinto l'Hugo d'Oro come Miglior Film a Steve McQueen
Silver Hugo per il Miglior Attore Michael Fassbender

CineManila International Film Festival Anno 2009 Ha Vinto il Lino Brocka Award a Steve McQueen

Dinard British Film Festival Anno 2009 Ha Vinto il Coup de Coeur a Steve McQueen

Empire Awards, UK Anno 2009 Nominato all'Empire Award per il Miglior Film Britannico

European Film Awards Anno 2009 Ha Vinto per la Scoperta europea dell'anno Steve McQueen
Nominato all' European Awards per il Miglior Attore Michael Fassbender
Miglior Regista Steve McQueen

Evening Standard British Film Award Anno 2009 Ha Vinto l' Evening Standard British Film Award per il Miglior Film Steve McQueen
Nominato all' Evening Standard British Film Award per il Miglior Attore Michael Fassbender
Miglior realizzazione tecnica Joe Walker
Anche per “Prison Escape” (2008).

Ghent International Film Festival Anno 2009 Ha Vinto il Premio Giuria dei Giovani a Steve McQueen
Independent Spirit Awards Anno 2009 Nominato all' Independent Spirit Award per il Miglior Film Straniero aSteve McQueen
Inghilterra / Irlanda.

Irish Film And Television Award Anno 2009 Ha Vinto l'IFTA Award per il Miglior Attore in un ruolo da protagonista in un film Michael Fassbender
Miglior attore non protagonista in un film Liam Cunningham
Miglior Film Laura Hastings-Smith
Robin Gutch
Miglior colonna sonora originale David Holmes
Miglior Production DesignTom McCullagh
Miglior SuonoRonan Hill

Mervyn Moore
Nominato all' IFTA Award come Miglior attore non protagonista in un film Stuart Graham
Migliore sceneggiatura per il film Enda Walsh

Ljubljana International Film Awards Anno 2009 Ha Vinto il Kingfisher Award a Steve McQueen

London Critics Circle Film Awards Anno 2009 Ha Vinto l'ALFS Award al Regista Britannico che ha sfondatoSteve McQueen
Attore britannico dell'AnnoMichael Fassbender
Nominato all'ALFS Award per il Regista britannico dell'anno aSteve McQueen
Film Britannico dell'anno
Attore Britannico non protagonista dell'anno Liam Cunningham

Los Angeles Film Critics Association Awards Anno 2009 Ha Vinto il New Generation Award a Steve McQueen

Festival Montréal del Nuovo Cinema Anno 2009 Ha vinto Vinto l'Acting Award a Michael Fassbender

New York Film Critics Society Awards Anno 2009 Ha Vinto il Premio NYFCC per la Miglior opera prima aSteve McQueen

On-line Film Critics Society Awards Anno 2009 Nominato al CFO Award al regista che ha sfondatoSteve McQueen

Stockholm Film Festival Anno 2009 Ha Vinto per il Miglior Attore a Michael Fassbender
Miglior esordio alla regia Steve McQueen
Nominato al Cavallo di Bronzo per Steve McQueen

Sydney Film Festival Anno 2009 Ha Vinto il Premio ufficiale della Competizione a Steve McQueen

Tallinn Black Nights Film Festival Anno 2009 Ha Vinto il Gran Premio a Steve McQueen

Toronto Film Critics Association Awards Anno 2009 Ha Vinto il TFCA Award Miglior opera prima a Steve McQueen
Miglior Film
Insieme con “Bastardi senza gloria”(Inglorious basterds) (2009). Nominato TFCA Award come Miglior Attore aMichael Fassbender
Miglior Regista Steve McQueen

Toronto International Film Festival Anno 2009 Ha Vinto il Discovery Award a Steve McQueen

Festival del Cinema di Venezia Anno 2009 Ha Vinto il Premio Gucci per Steve McQueen

Writers' Guild of Great Bretaign Anno 2009 Ha Vinto il Writers 'Guild Award of Great Britaign per la Miglior Sceneggiatura di un lungometraggio a Steve McQuenn
Enda Walsh

Doppiatori italiani
Edoardo Stopacciaro: Bobby Sands
Luca Biagini: Padre Dominic Moran
Andrea Mete : Davey Gillen
Alessandro Rigotti : Gerry Campbell

Napoleone Wilson


6 commenti:

  1. Un film silenzioso che fa parlare molto spesso più le immagini, fino appunto a quel lungo dialogo tra il prete ed il protagonista. Anche il modo di narrare è particolare, presentando il protagonista non immediatamente. Un film originale ed interessante....

    RispondiElimina
  2. fantastico! Fassbender bel oltre le righe. ho appena terminato di vederlo e non ho altre parole...
    d'altra parte aggiungerne alla tua onniscente rece, sommo Napoleone, è quasi impossibile. solo una cosa: un piccolo accenno alla protesta delle donne che picchiano i coperchi c'è, piccolo piccolo, nell'incipit del film.
    la solitudine che nei fatti non fu sostanziale in occasione della morte, lo fu sicuramente però nella decisione e nella determinazione di portarla a compimento ad ogni costo.
    ripeto: film meraviglioso

    RispondiElimina
  3. Purtroppo, non sono ancora riuscita a vederlo... spero di recuperare.

    RispondiElimina
  4. Bellissima la lunga dolorosissima sequenza con l'inquadratura fissa del comodino e del letto di Sands e gli altri, allorquando le guardie carcerarie inglesi depositano l'uno dopo l'altro vassoi di colazioni, pranzi e cene luculliani per far cedere gli irlandesi, i quali si stanno spegnendo lentamente fino a morire, con sempre maggiori, penosissimi, terribili effetti fisici provocati dal prolungatissimo digiuno...Mentre i vassoi verranno ritirati uno dopo l'altro,mai neppure sfiorati...Come anche quella della pulizia dei pavimenti del corridoo del carcere da parte dei secondini,sul quale da sotto le porte delle loro celle, gli irlandesi fanno scivolare l'urina. Il tutto con in sottofondo un lungo discorso dalla voce metallica, impersonale e inconfondibile, della Thatcher.

    RispondiElimina
  5. A mio avviso un bellissimo film, quasi un capolavoro.La conversazione fra Bobby Sands e il prete è talmente magistrale da lasciare senza parole.

    RispondiElimina
  6. Uno dei film più belli che io abbia mai visto, struggente e intenso, diciamo da vedere assolutamente, una bella lezione di storia. Imperdibile.

    RispondiElimina