domenica 20 maggio 2012

Irréversible

14
2002, Gaspar Noé.

Fuori dall'orgiastico locale gay Rectum ci sono ambulanze e polizia. Due amici sono entrati dentro a cercare tale Tenia e poi c'è stata una violenta rissa. Erano andati a cercarlo su indicazione di un trans. Avevano trovato il trans su indicazione di due specie di vigilantes. I due vigilantes, indagando per proprio conto, avevano trovato i documenti del trans nel sottopassaggio dove era stata violentata e ridotta in fin di vita una giovane donna, compagna di uno dei due ed ex dell'altro...

Macchina da presa in acido già dai titoli di testa, fluttuante senza forza di gravità, questo strano film che procede negli eventi interamente a ritroso parte con una scena avulsa, mostrandoci due personaggi degni di "cinico tv" enunciare il concetto base: Il tempo distrugge tutto. Ubriacatura visiva, per i miei gusti entusiasmante, fino allo stupro compreso. Due terzi del film, poi si torna a qualcosa di più convenzionale, a spiegare i personaggi in condizioni meno estreme. La sorpresa non sta mai nello scoprire l'evento, visto in anticipo, ma ciò che lo ha anticipato. L'ultima mezzora circa, tolti i nudi di Monica Bellucci (decisamente un bel vedere, 10 anni fa poi non era ancora plastificata) e di Vincent Cassel (per altri, dipende dai gusti), che erano già coppia anche nella vita, è piuttosto "moscia", ma è quasi inevitabile visto l'espediente narrativo. A restare costante per tutto il tempo è il notevole accompagnamento fornito dalle musiche di Thomas Bangalter, elemento del duo Daft Punk del quale abbiamo parlato in occasione dell'ottimo "Daft Punk's Electroma".

Gaspar Noé scuote ai tempi Cannes con un film ad alto tasso di violenza (anche gratuita) e sesso (anche esplicito). Intendiamoci, è uno scuotere relativo a quella platea. Chi scrive a visto con godimento cose ben peggiori in ambo i sensi, ma capisco che non era certo roba che si poneva il problema di passeggiare per la Promenade de la Croisette.

Due scene sono davvero da incorniciare.
Il volutamente disgustoso cercare Tenia nel Rectum (un nome, una garanzia...) in un concerto di orgasmi, amplessi orali, anali, sadomaso, di semplici amanti o di più perversi. E' una scena che puzza letteralmente e dichiaratamente di merda e termina con un sublime omicidio a colpi d'estintore.
Il lunghissimo stupro (chi l'ha cronometrato parla di 9 minuti) nel quale la Bellucci nazionale viene sodomizzata senza pietà, e senza lubrificante né preservativo, in quel tunnel rosso-incubo da un personaggio mostruoso, che mi ha ricordato quelli descritti da William Burroughs ne "Il pasto nudo" (1991, David Cronenberg), orribile nell'aspetto e nella morale, e quindi, proprio per questo, narrativamente succulento.

E con questo i 3 lungometraggi di Gaspar Noé, argentino di nascita e francese per tutto il resto, li ho visti e recensiti tutti. Posso quindi fare un temporaneo bilancio. "Seul contre tous - I Stand Alone", contenutisticamente parlando, è secondo me il migliore. Questo "Irréversible" non è affatto male, e nel suo percorso artistico lo vedo come tappa di avvicinamento nella sperimentazione narrativa e visiva al quasi-capolavoro "Enter the Void", quest'ultimo talmente bello esteticamente da ingenerare aspettative non facilmente esaudibili in eventuali future opere.
Robydick

























14 commenti:

  1. l'ho visto in streaming tempo fa, non mi ha toccata più di tanto, nel senso che non mi è piaciuto molto, ho visto film migliori :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah certo Arwen, di migliori ne ho visti anch'io ;-)

      Elimina
    2. Caro Roberto devo concordare con Arwen, diciamo che curiosamente interessata la ero , ma piacermi è un'altra cosa...Buona settimana...

      Elimina
    3. ciao Nella, grazie della visita intanto. va be' dai, per proseguire quanto risposto ad Arwen, diciamo che ho visto anche di molto peggio. ;-)

      Elimina
  2. la tanto strombazzata scena dello stupro mi è sembrata solo un modo gratuito per far parlare di sè questo film, una scorciatoia insomma. Mi ha disturbato molto più l'omicidio nella discoteca a colpi di estintore...per il resto il film non mi ha entusiasmato più di tanto anche se Noè con la cinepresa è veramente bravo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, non so se tanto gratuito... penso che alla Monica abbiano scucito parecchi soldini per girarla, ahah!

      Elimina
    2. eh eh e anche questo è vero...chissà se gli ha fatto lo sconto...

      Elimina
  3. Cara, hai mica un pruritino. Ar buciolo del c







    ulO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Napoleone, abbiamo scoperto una cosa: il culo piace bisex :)

      Elimina
  4. C'iaie mai provato Roby a spanà ir buciolo di una donna senza preservativo e lubrificante, te lo abrasi. Che cosa cià alla fava quello lì che sfonda alla Bellucci nella famosa lunghissima sequenza del sottopassaggio, de bandone o de travertino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, così "a secco" no, ci vuole veramente una fresa in mezzo alle gambe...

      Elimina
  5. è uno di quei film che guardo per caricarmi e poi andare a caccia di maschi stronzi di tutti i tipi, trans compresi.

    divento sanguinosa. creativamente parlando.

    rob, come stai?!

    love, mod

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sweet mod, vedrò di non farmi trovare in quelle tue battute di caccia :)
      come sto... fammi la domanda di riserva va, che l'è mei...

      Elimina