giovedì 3 maggio 2012

Private Lessons - Lezioni Maliziose

9
1981, Alan Myerson.

Commedia sexy americana che sfrutta la sensuale presenza dell' Emmanuelle originale, la bellissima Sylvia Kristel, alle prese con un classico plot da exploitation: donna matura seduce giovane in fregola. Il giovane Philly (Eric Brown) viene lasciato dal padre nelle confortevoli mani della bella francese Nicole (pensate che culo) che non si pone alcun problema nel turbare il ragazzo spogliandoglisi di fronte e invitandolo nella vasca. Ma dietro c'è tutta una storia di ricatti e truffe a cui non è estraneo l'autista Lester (Howard Hesseman).



Il regista Alan Myerson regista di una valanga di serie televisive, da "Laverne & Shirley" a "Archie Bunker's Place" passando per "Miami Vice"e "Knight Rider" (ma pure "Una Squillo per Quattro Svitati/Steelyard Blues" [1973] con Donald Sutherland e Jane Fonda), confeziona una commedia gradevole in puro stile early eighties, pruriginosa ma non troppo e assolutamente innocua nonostante le premesse. La versione UK é stata alleggerita di almeno 3 min 20 sec dalla BBFC (alleggerita poi di che cosa non si sa, la Kristel si avvalse pure di un body double), specialmente nelle scene dello strip-tease e della vasca da bagno.

Sceneggiatura di Dan Greenberg dal suo romanzo "Philly", sceneggiatore poi di "Private School/American College" (1983) di Noel Black con quel bel pezzo della Phoebe Cates e di "L'Albero del Male/The Guardian" (1990) di William Friedkin. La pellicola conosce un sequel/remake giapponese di Seiji Izumi, "Private Lessons 2" (1993) con il cantante Goro Inagaki e Joanna Pacula nel ruolo della Kristel (delirio assoluto e proprio per questo imperdibile) più un altro capitolo apocrifo noto come "Private Lessons: Another Story" (1994) di Dominique Othenin-Girard. Fotografia di Jan De Bont. Penso che possa bastare. Gli italiani comunque nel genere nun se battono. Dvd della Lions Gate NTSC Region 1, ratio 1.33 :1.

Buona visione.
Belushi




















9 commenti:

  1. non l'ho visto ma mi offrirei volontario per qualche lezione con quella professoressa. Mi fa venire in mente un caso di "cronaca" avvenuto in Italia in cui una prof 31enne ha iniziato alle gioie del sesso un suo alunno 15enne. E i genitori di lui l'hanno denunciata perchè ha determinato gravi anomalie nello sviluppo psicofisico del ragazzo! A parte che secondo me un po' di sesso conseziente non ha mai fatto male a nessuno ma vuoi mettere la reputazione che si è fatta adesso quel ragazzetto a scuola? Su questo tema, non so se lo avete visto a bottega, un film che amo particolarmente è L'amante tascabile del 1977 con Mimsy Farmer e un giovane Pascal Sellier.La storia di un quattordicenne all'incirca che ha una relazione con una escort di categoria extralusso. Carinissimo ma anche amaro.Impagabili le scene quando lei lo va a prendere col macchinone a scuola oppure quando mamma e papà scoprono che ha fatto le cosacce nel lettone: schiaffoni da parte di mamma, pacche d'approvazione sulle spalle da parte di papà.Non lo fanno in tv dal 192, io ho la mia vhs gelosamente registrata da TMC.

    RispondiElimina
  2. non dal 192 d.C. non sono così vecchio, dal 1992...

    RispondiElimina
  3. Non è film da "sotto bocchini"...Visto recentemente. Non sapevo fosse uscito anche in Italia sotto la Pulp Video,mai riuscito a vederlo in italiano. Mi ricordo uscì anche al cinema, pochi mesi prima era uscito sempre con la Krystel il patinatissimo e al solito noiosissimo "L'Amante di Lady Chatterley", distribuito nel mondo addirittura dalla Columbia.
    Non ho mai amato questi film di erotismo algido, innocuo e patinato,quasi sempre noiosissimo. Alla Just Jaeckin appunto di "Emmanuelle",e alla Brass anni '80, tanto per intenderci. Non vanno bene neppure per farcisi una bella sega.
    "La Professoressa in lezioni anali" con Moana Pozzi, Angelica Bella, Deborah Wells,ecc., quasi "in tema", quello sì, è un film bello e allora "utile".
    Intanto, senza fare manco una pompa di fronte alla cinepresa che fosse una, grazie a questi film la krystel diventò una delle amanti di Giscàrd-D'Estaing.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. "Una Squillo per quattro svitati", uscito al cinema italiano del 1974 anche assurdamente come "Pezzo per pezzo spudoratamente"(!?), ce l'ho in una splendida vhs da nolo Warner, degli anni '80.
    "Squillo" per richiamarsi data la presenza della Fonda, al successo di "Klute".

    RispondiElimina
  6. Ciao Bradipo, infatti non ti facevo così vecchio...ahhaha, si, si, me lo ricordo il film con la mitica Farmer, mè cojoni un periodo di registrazioni selvagge quello. Concordo in pieno, una sana chiavata non può fare solo che bene, anzi.

    Napoleone, minchia, Angelica Bella, Angelica Bella, Angelica Bella, un nome che mi provoca dolore fisico. Si, concordo, è meglio andare direttamente sull'hard da "sotto bocchini". "Pezzo per Pezzo Spudaratamente" è impagabile come titolo, da porn, ma anche un qualunque "Atti Impuri all'Italiana" del buon Oscar Brazzi je dà la stura al prodotto innocuo del Myerson.

    Vai, Ernest! ma anche se nun risponde, nun te perdi gnente! Puoi guardarlo per scrupolo filologico.

    RispondiElimina
  7. Belu' , qua 'mmepare te stanno a provocà... carica l'obice e spara qualche colpo dei tuoi in materia de topa & affini, ahah!

    RispondiElimina