sabato 9 febbraio 2013

Enter the Dragon - I Tre dell'Operazione Drago

3
1973, Robert Clouse.

"Il primo prodotto spettacolare film americano di arti marziali!”
La loro mortale missione: irrompere nell'isola proibita di Han!”
Frasi di lancio originali americane del film

Quest'anno ricorrerà il quarantennale della prima uscita di un film molto importante.
E se mai ci fosse un film che ha ispirato più di questo videogiochi e altri film, fumetti ecc., cioè di “Enter The Dragon”, dovrei ancora trovarlo. Distribuito in tutto il mondo nel 1973, e ultimo film di Bruce Lee ad essere completato, “Enter The Dragon”, “I Tre dell'Operazione Drago” nel titolo italiano, ha come detto ispirato e generato tanti altri film non sempre alla sua altezza, sia in formato di lungometraggi che di videogames, che sarebbe quasi impossibile per chiunque compilare un elenco di tutto ciò che deve un po' ad “Enter The Dragon”. E da dove la visione stereotipata di molte persone del genere di film di arti marziali proviene; esso è fondamentalmente l'apice del genere in termini di accettazione e popolarità, ancora oggi.



La trama del film è piuttosto semplice, e adesso può sembrare anche un po' banale, ma, per quanto ne so, questo è l'inizio del sotto-genere di film di arti marziali incentrati su di un “torneo”, il quale segue 3 uomini che arrivano sull'isola di Han a prendere parte ad una misteriosa sfida di combattimenti ad eliminazione diretta di arti marziali, che si tiene ogni 3 anni su questa isola al largo della costa di Hong Kong, di proprietà del rinnegato monaco Shaolin Han (il grande Shih Kien- “Tiger Claw”, scomparso pochi anni or sono), che ha l'isola come sua personale accademia di arti marziali chiusa al mondo esterno, ma la quale è davvero tutta una facciata di copertura per le sue operazioni di raffinamento e produzione della droga.

Inviati in da un organismo ufficiale da Hong Kong, il marzialista Lee (Bruce Lee - “Game of Death/L'Ultimo combattimento di Chen” [1978] di Robert Clouse, terminato postumo ) non è solo in missione per far venire alla luce le nefaste attività di Han, ma anche per riconquistare l'onore della sua scuola, che era quella a cui Han ha partecipato prima della sua caduta in disgrazia, e anche per cercare la vendetta per la morte di sua sorella, la quale è stata uccisa dopo che alcuni sicari di Han avevano tentato di catturarla per costringerla alla prostituzione.

Nel torneo entrano anche due americani ex compagni nel 'Nam, Roper (John Saxon - Nightmare -Dal profondo della notte” [Nightmare on Elm Street] [1984] di Wes Craven, ma non avrebbe bisogno di alcuna presentazione) e Williams (Jim Kelly - “Johnny Svelto”[Black Belt Jones] [1974] di Robert Clouse, Dinamite, agguato, pistola”[Three the Hard Way][1974] di Gordon Parks), uno è una persona dedita di gioco, e per l'altro le motivazioni non sono mai veramente chiarite, ma tutti loro sono pronti a rendersi conto che Han non è l'accogliente padrone di casa che vorrebbe far creder di essere, e ben presto si troveranno a combattere dalla stessa parte, come Lee, che rende l'obbiettivo non solo di distruggere le operazioni di Han, ma di distruggere l'uomo stesso ...



Gia', quindi non si tratta di un complotto questo è morire vero non letteratura , ma il fatto della questione è, che la storia fa il suo porco lavoro, ed è un film elettrizzante da guardare, e mai noioso. Il fatto che il dispositivo dell'intera trama di un torneo di arti marziali non fosse stato organizzato che per la morte, a questo punto potrebbe effettivamente essere parte del motivo per cui è così esaltante, con gli attori che in realtà erano impegnati con qualcosa che al tempo era fresco e originale, e lo si vede attraverso le loro interpretazioni a differenza di coloro che lavorano su film del genere recenti come “Maximum Conviction” (2012) di Keoni Waxman, con Steven Seagal e Steve Austin, Michael Parè, nei quali tutti sembrano consapevoli di prendere parte a qualcosa di “povero” e fatto appena appena per il più presto possibile.

La trama di “Enter the Dragon” non opta per eventuali colpi di scena o grandi misteri, è fondamentalmente solo la motivazione per mostrare tutti i combattimenti durante il film, ma non rimane del tutto impassibile ad altre variazioni e sotto-trame, e che introducono l'elemento comico sparigliante, come ad esempio l'appetito sessuale di Williams, tuttavia va detto che un certo grado del suo ricorso alla commedia viene più da come esso sia essenzialmente settantesco, soprattutto l'obbiettivo della cinepresa che riprende Williams sull'isola di Han e la sua grande capigliatura afro, ma anche questi intermezzi non sono fuori luogo, e non fanno che dare allo spettatore un sorriso e l'indicazione di quando è stato fatto fin lì. La trama ha dei buchi, ma ad essere onesti, non è niente che non possa essere trascurato, l'unica nota che si può fargli è la morte seppur in una sequenza di altissimo profilo, del personaggio di O'Hara/Bob Wall ad opera di Lee, essendo forse troppo presto nel film.

Ora, come ho detto, la storia è fondamentalmente ciò che collega insieme le sequenze d'azione, e l'altissimo livello con il quale sono state realizzate dette sequenze. Ogni volta che ho visto i film di grandi nomi, le vere stelle delle arti marziali, se si paragonano a quelle di “Enter the Dragon” c'è quasi sempre stato un certo grado di delusione nelle loro lotte, non risultando quasi mai feroci, travolgenti, e spettacolarmente realistiche come quelle girate magistralmente da Robert Clouse con Bruce Lee. In ogni caso, ma specialmente qui, e questa è la realtà, l'uomo Bruce Lee pare semplicemente avere nelle scene di combattimento la potenza del tuono, sferrando pugni veloci come fulmini, calci e colpi di nunchaku a tutti quanti coloro che osino sfidarlo o minacciarlo. Jim Kelly dal grande karateka che è stato se la cava eccellentemente quando si tratta del suo karate o, ed è impossibile non ricordarlo, ci sono alcuni veri combattenti di grandissima classe riuniti anch'essi tutti insieme nel cast, tra cui Bolo Yeung (accreditato come Yang Sze) dalla fama di protagonista anche per “Bloodsport” (Senza esclusione di colpi!) (1988) di Newt Arnold, con Jean-Claude Van Damme, Bob Wall, Sammo Hung, Yuen Biao, e pure un cameo di un giovanissimo Jackie Chan. Mentre questi combattenti non possono tutti avere parti enormi, il fatto che questo film possa permettersi di avere loro e non sfruttandoli in maniera estesa, ma ancora distaccandosi in maniera assolutamente elettrizzante in termini di sequenze d'azione dovrebbe dirvi qualcosa.



Il film in sé è fantastico, diretto magistralmente da Clouse che a questi livelli nel cinema d'azione non si sarebbe più potuto ripetere se non a sprazzi, e rimane a quarant'anni di distanza un capolavoro e un kolossal del genere, stando alle arti marziali come per fare un esempio, “Zombi” (Dawn of the Dead) di Romero può stare al genere new-horror.
Lee offrì in questo film la sua più grande, completa e carismatica interpretazione, in un ruolo nel quale nessun attore-marzialista potrebbe reggere il confronto, ancora al giorno d'oggi. Jim Kelly grande karateka americano di colore, come attore è invece sempre stato un po' roccioso, e persino statico, e il cui personaggio può talvolta risultare un po' fastidioso per la troppa virulenza, ma d'altronde viene descritto bene dalla sceneggiatura per quanto riguarda il suo background, mentre le interpretazioni di tutti gli altri, Saxon e il cattivissimo Shih Kien/Han in primis, sono di quelle che conquistano. E certamente non c'è nessuno -nessuno- nel film per la cui recitazione del personaggio non abbia offerto definitivamente il meglio di sé.
Gran parte della spettacolare riuscita del film fu dovuta anche e soprattutto alla celebre partitura composta dal grandissimo Lalo Schifrin, che è molto tipicamente settantesca, ma allo stesso tempo molto, moolto fresca ancora oggi, e grazie al perfetto montaggio delle sequenze d'azione con i diversi brani. Il sound molto orientale, molto funk anni '70, è del tutto entusiasmante, e questo risultato è rimasto uno dei più iconici e brillanti nella storia del cinema (non a caso è stata regolarmente inserita in classifiche votate delle migliori colonne sonore realizzate), e alla pari delle musiche composte da grandi compositori del calibro di John Williams per “Lo Squalo”(Jaws) e “Star Wars/Guerre stellari” nei confronti dei loro diversi generi, è la musica che regolarmente ritorna più in mente quando si pensa a questo tipo di film.



Gli unici effetti speciali sono le lotte, e sono spettacolari. Oltre questo non è veramente strano che venga versato un bel po' di sangue, che non è “Over the Top”, ed è anzi gestito bene, a parte il famoso goof con riferimento a quante cicatrici siano attraversanti sul petto di Lee nella storica famosissima battaglia finale, ma se si sta prestando attenzione a cose come queste, mentre uno dei duelli più iconici della storia del cinema si svolge, ignorando il sublime combattimenti in corso, allora si è davvero piuttosto pedanti.

In generale, le parole non possono davvero fare giustizia per “Enter The Dragon”. E 'uno di quei film che è quasi al di là e al di sopra di ogni critica, e come un fan di film di arti marziali e non solo, è quasi dovere dargli sempre il massimo possibile della valutazione e della considerazione. Si tratta di uno dei più grandi e alti esempi di cinema spettacolare che chiunque abbia interesse per il genere d'azione, in particolare per il ricchissimo e importantissimo sotto-genere di esso delle arti marziali, dovrebbe avere in realtà visto da sempre, io posso definirmi così fortunato da averlo visto la prima volta al cinema in piena esplosione italiana del successo dei film di arti marziali di Hong Kong. Ma è e rimane proprio “I Tre dell'Operazione Drago” uno dei pochi veri capolavori del genere, e un film che è così divertente ed elettrizzante che mai, mai diventerà vecchio, non importa quante volte lo si abbia già guardato. E' un vero peccato che Lee non abbia avuto modo di vedere veramente come il suo più classico e impegnativo, personale capolavoro, si sarebbe affermato con enorme successo in tutto il mondo -uno dei più grandi risultati commerciali al box-office della Warner Bros., negli anni '70 e in seguito con le cassette, i dvd e i Blu-ray, il quale permane ancora oggi-, e l'influenza che avrebbe avuto sui decenni di cinema a seguire; ma come spesso vanno le cose, la sua unica visione sarebbe destinata a rimanere anche l'ultima, dal momento che il film non ha mai avuto una prima proiezione pubblica fino a 3 settimane dopo la sua morte. Eppure, se questo è l'ultimo film che l'uomo Lee ha visto prima di morire in quelle circostanze molto dibattute, almeno era una gran bellezza di film.

National Film Preservation Board, Stati Uniti d'America Anno 2004 Ha Vinto la registrazione al National Film Registry

Per celebrare il 25 ° anniversario del film, 10 minuti originariamente non presenti nella versione americana (ma mostrati nella versione cinese) sono stati ripristinati, anche se sono solo 3 minuti sul box. Secondo Linda Lee Cadwell, vedova di Lee, questa è la versione non tagliata. Vi è incluso anche "Bruce Lee: his words," il trailer originale cinematografico, uno speciale documentario "Dietro le quinte: le riprese di ''Enter the Dragon'" , e filmati mai visti prima..

Nel Regno Unito, il film era passato classificato come 'X' dal BBFC con tagli per la distribuzione nelle sale nel 1973. 5 tagli vennero effettuati alla violenza compresa la rimozione dell'attacco con la bottiglia rotta alla fine della lotta tra Lee e O'hara. Nel 1979, il film è stato ripresentato in modo che una sequenza in cui Lee compie dei ghirigori usando dei nunchaku potesse essere soppressa, insieme a un'altra sequenza in cui sono stati visti nunchaku in azione. Nel 1988 la versione video è stata approvata con un vietato ai minori di anni ''18'' e con 1 minuto e 45 secondi di tagli. Tre dei tagli sui cinque effettuati nel 1973 alle scene di violenza sono stati reintegrati, ma due sono stati mantenuti (il primo taglio è quello di un osso del collo rotto fuori campo - questa versione taglia dal momento che Lee si acquatta e poi scuote Bolo fino a fargli scattare colonna vertebrale, Il secondo taglio si verifica quando con una presa immobilizza Bolo. l'avversario finale, al fine di rompergli la schiena lentamente - il processo e l'effetto sonoro di questo atto era stato accorciato). I tagli al nunchaku attuati nel 1979 sono stati ripetuti per il video. Tuttavia, nel 1991 il Consiglio censorio britannico ha modificato la sua politica in modo che l'arma non era più stata rimossa alla vista. Dopo che nel 1991 la serie di rappresentazioni di nunchaku furono passate, ma solo quando non erano in realtà in uso. La video di "Enter the Dragon" è stata ripresentata di nuovo nel 1993 per l'uscita nella versione in widescreen. Questa volta sono stati reintegrati i due tagli di violenza rimanenti, così come la vista breve dei nunchaku in uso, in conformità con la nuova politica. L'unico taglio fatto e rimasto anche questa volta è stato di una ripresa di Lee che fa roteare brevemente un nunchaku (21 secondi di taglio). "Enter the Dragon" è stato ripresentato nella sua forma non tagliata nel 2001 e, in conformità con la politica di revisione della BBFC, ha ormai superato il divieto ai minori di ''18'' senza tagli.

La produzione è stata interrotta per breve tempo quando il corpo di una giovane donna venne ritrovato vicino al set.

I titoli di testa appaiono dopo 8 minuti e 30 secondi del film.

Bruce Lee è morto a Hong Kong, tre settimane prima della premiere del film nel 1973. Il film “L'Ultimo combattimento di Chen”(The Game of Death)(1978) di Robert Clouse, che è stato completato dopo la sua morte, comprende riprese dal reale funerale di Lee.

Lee in realtà ha colpito in faccia Jackie Chan con uno dei suoi bastoni da combattimento, i nunchaku. Lee si è subito scusato e ha insistito che Chan potesse lavorare in tutti i suoi film successivi. Purtroppo, Lee morì prima di poter mantenere la sua promessa.

Il personaggio di Williams era stato destinato per Rockne tarkington.

La leggenda dei film di Biker, William Smith, avrebbe dovuto interpretare Roper, ma non era disponibile al momento delle riprese.

Oltre 8.000 specchi sono stati usati per impostare la "Sala degli Specchi", dove avviene il combattimento con Shih Kien/Han e culmine del film.

Uno dei due film in inglese in cui Lee parla con la sua voce naturale. L'altro è “L'Investigatore Marlowe”(Marlowe, the detective) (1969)di Paul Bogart.

I cortili in cui Han insegna le arti marziali agli studenti sono stati effettivamente modificati da campi da tennis.

Lee ha subito alcune lesioni sul set. La sua mano è stata gravemente tagliata durante la ripresa della scena in cui muore O'Hara, quando Bob Wall va fuori tempo con la sua bottiglia rotta verso Lee (il vetro falso non era disponibile). E ancora quando Lee ha davanti il serpente velenoso che proteggeva l'entrata segreta al laboratorio chimico di Han, il serpente morse Lee. Fortunatamente, la ghiandola di veleno del serpente era stata ovviamente rimossa.

La Warner Brothers aveva voluto chiamare il film ''Han Island''perché pensava che il pubblico internazionale sarebbe stato confuso con un film d'azione dal titolo ''Enter the Dragon''. Altri titoli alternativi furono stati "Blood and Steel" e "The Deadly Three", un riferimento ai personaggi di Lee, John Saxon, e Jim Kelly.

La sequenza di combattimento in apertura tra Lee e Sammo Hung Kam-Bo è stata girata dopo le riprese, e completata su richiesta di Lee.

La scena in cui Han si dirige assieme a Roper nei sotterranei verso la sua fabbrica di oppio tramite il suo ''ascensore ghigliottina'' è stata l'ultima scena interpretata nel film da John Saxon.

Il film è stato girato senza sonoro. Tutti i dialoghi e gli effetti sono stati doppiati in fase di post-produzione.

Questo è stato il film finale completato da Lee prima della sua morte.

Dopo che Lee si è tagliato la mano sulle bottiglie rotte(un errore di misura di Bob Wall), lo ha colpito fino ad un muro con un calcio "reale" che lo fa volare in una scena successiva. Anche se si sapeva che dietro c'era la parete, è stato buttato così forte su di un uomo dietro di lui che entrambe le braccia gli si sono rotte.

Lee sconfigge 50 avversari nella scena di lotta in una grotta.


Cameo

Jackie Chan -: Verso la fine del film, nella scena della grande lotta nella grotta. Lee gli afferra i capelli per un po' prima di rompergli il collo.

Sammo Hung Kam-Bo: è lo sparring partner di Lee durante il combattimento prima che partano i titoli di testa.


Spoiler

Shih Kien non parlava inglese, e recitò le sue battute come meglio poteva. L'attore sino-americano Luke Kien sovra incise il suo dialogo. Luke ebbe anche ri- doppiato una scena precedente raffigurante la morte della sorella di Lee.

In origine, Han avrebbe ucciso Roper e Williams e Lee avrebbe combattuto l'esercito di Han alla fine. I ruoli di Roper e Williams sono stati invertiti dall'agente di John Saxon.

Napoleone Wilson

























3 commenti:

  1. L'hai visto Roby? Come ti è parso?

    RispondiElimina
  2. eccerto che l'ho visto! cosa ti posso dire, io solo a vedere Bruce Lee mi gaso, è un mito totale per me.
    grandissimo film

    RispondiElimina