sabato 7 marzo 2009

Skinheads - Romper Stomper

3

1992, Geoffrey Wright.

La vita di una banda di teste-rasate filo-naziste di Melbourne. Hando (un bravissimo Russel Crowe) è il capo e l'ideologo della banda, "la sua bibbia è il mein kampf di hitler".
Tutti i nemici storici dei nazisti sono loro nemici, e vanno pure oltre se possibile, ma i numeri uno sono i "musi gialli" vietnamiti che stanno "colonizzando" il loro quartiere, comprando case e gestendo attività commerciali.

Dopo l'ennesimo pestaggio subito i vietnamiti però reagiscono in massa, in un numero tale da mettere in fuga la banda. Più di uno skin viene linciato, e inizia la guerra. Una guerra contro tutto e tutti, una degenerazione continua, fino al finale.

Violento e crudo, la narrazione mantiene un ritmo continuo e costante nella violenza. E' questa mancanza di "picchi" che mi ha stupito, a sottolineare l'assurda vita e mentalità di questi pazzi furiosi che poi, salvo eccezioni, presi singolarmente manifestano tutte le loro debolezze. La loro è una inettitudine da branco e questo messaggio emerge perfettamente.

Merita una visione.

3 commenti:

  1. orkusss....lhai guardato allora meretrice che nn sei altro...meritava anche il tuo tempo personalmente l'inserirei in un programma didattico per le superiori ...anche le medie ,dai ;)

    RispondiElimina
  2. ahah! wé, gola profonda! non rivelare la mia vera professione, sto facendo di tutto per mantenere un po' di riservatezza su di me

    RispondiElimina
  3. ahahahah la tua fama ti precede (..forse lho sentita in qualche film sta battuta) :D

    RispondiElimina