martedì 7 giugno 2011

Cactus Flower - Fiore di cactus

24
1969, Gene Saks.

E' proprio un regista di piece teatrali portate nel cinema Gene Saks, e bravissimo! Se con "La strana coppia" lo avevo un po' messo in second'ordine rispetto a Neil Simon, autore del testo, stavolta devo davvero elogiarlo a scena aperta perché sì, anche questa commedia di Abe Burrows è scritta benissimo, ma il ritmo giusto, i tempi comici e pure quelli romantici, l'armonia realizzata fra i bravissimi attori, non possono essere opera casuale.

A New York Julian (Walter Matthau) è un dentista. Toni (Goldie Hawn) è la sua fidanzata, molto più giovane di lui alla quale, per evitare di sposarla, ha detto di esserlo già e di avere pure 3 figli. C'è poi Stefania (Ingrid Bergman) che è la segretaria, da tanti anni nello studio di Julian, zitella attempatella dai modi e costumi rigidamente "svedesi", più che algida è spinosa, proprio come il cactus che accudisce sulla sua scrivania.

A un bel momento Julian deciderà di sposare Toni, ma dopo tante balle raccontare la verità alla ragazza sarà difficilissimo anche perché c'è un problema: Toni è un po' svampitella però ha un rigore morale sorprendente e non tollera in alcun modo le "bugie", chi gliele dice con lei ha chiuso. Julian dovrà inventarsi una moglie anche se si sta separando, dei figli, un altro monte di bugie per tamponare e chi coinvolgerà? Stefania ovviamente, che seppur restia alla fine cederà a svolgere la parte, che si rivelerà un'arma letale perché lei in realtà è sinceramente innamorata di Julian, è solo il cinico dentista a non capirlo subito.

Una serie esilarante di sotterfugi, espedienti, ed equivoci inevitabilmente. Tutto emergerà e a stupire più di tutti, grazie a dosi abbondanti di "champagne americano" come disinibitore, sarà Stefania, che come il suo cactus finalmente, dopo tantissimi anni, potrà fiorire, una Ingrid Bergman più che cinquantenne ma... Al solito eccezionale Matthau, e carinissima con 2 occhi chiari enormi Goldie Hawn che per questa interpretazione ha vinto oscar e golden globe.

Visione più che consigliata!

I frame che seguono a me, solo a vederli, mi fan venire le lacrime agli occhi dal ridere ripensando alle scene. Li ho scelti in modo da ripercorrere un po' tutto il film. Sono curioso se anche ad altri fanno lo stesso effetto...



























p.s.: un bacio all'amica Grazia che mi sta spronando a vedere, per bene, questi gradevolissimi film.

24 commenti:

  1. mi manca pure questo! poi a me le piece teatrali (stile Neil Simon) mi garbano parecchio. lo recupero di sicuro. grazie roby ;)

    RispondiElimina
  2. è un piacere frank, e con i gusti che descrivi vai a colpo sicuro !

    RispondiElimina
  3. Decisamente bello, ben scritto, ben recitato, godibile, anche se non è il mio preferito fra quelli interpretati dal grande Walter.
    (Fra l'altro me lo sono ribeccato, a sorpresa, l'altra sera: un western - IL CACCIATORE DI INDIANI - in cui, giovanissimo, faceva la parte del "cattivo", che proprio non gli si addice... Burbero sì, avido e stronzo e assassino proprio no!)

    RispondiElimina
  4. ti dirò zio... prossimo film col walter in arrivo sarà avido e stronzo e non poco! ma poi nel finale... ;-)

    RispondiElimina
  5. che attoreame! :) bellissimo! mi ci vorrebbe proprio!

    RispondiElimina
  6. petro', questo è perfetto per rinfrancare lo spirito, un film-cordiale :D

    pssttt... a pranzo mi sparo un PPP, eheh....

    RispondiElimina
  7. non l'ho visto, ma mi piacerebbe molto dato che ho da poco visto il remake sguaiato con Adam Sandler

    RispondiElimina
  8. perso, non sapevo ci fosse un remake... farò a meno, grazie dell'info ;-)

    RispondiElimina
  9. A'Cinefilo!Mi fai venire voglia di riguardare tutto il catalogo Matthau!Gajarda anche la Goldie,però.Sempre sugli scudi!Robydick, nun se batte!Ciao!

    RispondiElimina
  10. grande belushi! molto gajarda la goldie, certissimo...
    ciao! :D

    RispondiElimina
  11. Goldie è fantastica, ma come balla Ingrid: non ci sono rivali! Con quell'abitino azzurro....
    Ogni volta lo guardo volentieri!

    RispondiElimina
  12. Un pò datato,irrimediabilmente, ma Matthau, al solito..Grandioso.
    Sulle stesse situazioni e tematiche, di ambientazione e periodo...Rimane un bellissimo film "Petulia"('68)di Richard Lester. con George C.Scott e Julie Christie.

    RispondiElimina
  13. grazie napoleone, petulia segnato! :)

    RispondiElimina
  14. ciao cri! hai buon gusto...
    faccio ammenda, stavo dimenticando di salutarti :P

    RispondiElimina
  15. Pet vorrebbe sapere quale.. e intanto 'Petulia' non vede l'ora! :)

    RispondiElimina
  16. non è mia abitudine anticipare, ma per te... il decameron :P

    RispondiElimina
  17. L'ho visto un sacco di volte, e hai ragione: tempi comici perfetti. Grande anche "Petulia", ma quello è più intellettuale, questo è più fisico e diretto ...

    RispondiElimina
  18. ciao alli! mmmm... intellettuale, non m'attira molto. questo fa ridere, meglio :)

    RispondiElimina
  19. Al ritorno dal solito periodico tour enologico nel Collio ho trovato questa bella sorpresa con dedica e bacio incluso, grazie Roby!
    A dirla tutta, "Fiore di Cactus" l'avevi scovato tu, dato che io lo confondevo con "E' ricca, la sposo e l'ammazzo"...
    Anche qui Matthau è inevitabilmente il solito istrionico e impareggiabile mattatore, ma la compagnia è ottima con una Bergman perfetta anche nei ruoli della commedia sofisticata e una Hawn giovanissima, ma già talmente brava da vincere appunto Oscar e Golden Globe (io l'adoro). Questi film mi fanno star bene, secondo me giovano pure alla salute! Purtroppo Gene Saks ha una filmografia scarsa, dopo "La strana coppia", forse il suo migliore, e "Fiore di cactus", rimane poco oltre l'ottimo "A piedi nudi nel parco", celeberrima commedia romantica di Simon, però con Redford al posto di Matthau.
    Un grazie a Napoleone per aver ricordato Petulia di Richard Lester, un grande della commedia surreale e cattivissima (famoso anche per i suoi film con i Beatles), da tempo mi propongo di rivedere qualcosa di suo.
    A presto Roby, ricambio il bacio!

    P.S.: A me Matthau piace moltissimo anche in "E io mi gioco la bambina" di Walter Bernstein, con Tony Curtis. Se ti capita... Vedi, più che spronare io suggerisco discretamente...

    RispondiElimina
  20. oh grazie per i baci grazia :***
    e per il copioso commento...

    "a piedi nudi" segnato, mentre "e io mi gioco la bambina" l'ho già visto pochi gg fa, la rece uscirà presto ;-)

    a me fa star bene tutto il Cinema (mi pare evidente visto quel che faccio...) e come detto spesso, devo variare molto e... Virare!
    domani infatti ci sarà un gran bel pezzo di horror, ahah!

    ciao :)

    RispondiElimina
  21. ahahah, immagini con quanta ansia attendo domani, non sto nella pelle...! ok, allora al prossimo Matthau.
    Sullo "star bene", volevo dire che se vedo, cito a caso, Katyn o
    Johnny prese il fucile, dopo NON mi sento particolarmente felice, rilassata e in pace col mondo...
    arriciao!

    RispondiElimina
  22. chiarissimo! :D
    domani lassa sta', davvero, ho persino dovuto mettere un'avvertenza in cima alla rece, figurati....

    CIAO !!!

    RispondiElimina