giovedì 19 agosto 2010

Great Balls of Fire!

9
1989, Jim McBride.

Rappresentazione della vita di Jerry Lee Lewis, tuttora vivente. Ancora bambino grande ammiratore della musica dei quartieri neri, da grande un cavallo matto del rock and roll. Pianista furioso, fu il primo a riuscire a cantare, ballare, far casino e suonare quello strumento contemporaneamente. All'apice del successo, quando sembrava persino in grado di far le scarpe ad elvis, il suo matrimonio con una cugina di terzo grado tredicenne lo rese inviso all'opinione pubblica, quindi poi declino, alcool, ecc ecc, lenta ripresa, ecc ecc.

A colori stile happy days, un filmaccio da botteghino sul quale non voglio infierire che basta da sé. A guardarlo ci si chiede "ma JLL ha avuto poi questa vita così incredibile da farci un film?". Fortunatamente leggendo la biografia si direbbe che sì, forse un film discreto invece di questa disneyata si poteva fare.

Si salvano le realistiche interpretazioni durante i concerti di Dennis Quaid, attore ottimamente scelto, quasi un'imitazione la sua, momenti entusiasmanti per la musica e l'energia dell'indiavolato musicista.

2 pezzi veri dell'epoca, per concludere in bellezza, Jerry Lee Lewis li merita.





9 commenti:

  1. The killer era il n°1. Il fatto è, che non hanno inserito alcune delle parti più interessanti della sua vita. In una sua intervista ha detto che, un giorno, si è presentato ubriaco davanti al cancello della villa di Elvis, con una pistola in bella mostra sul cruscotto della sua macchina, senza accorgersi di essere stato inseguito dalla polizia. Quando la polizia lo ha fermato gli ha chiesto come mai aveva una pistola in macchina (davanti alla casa del Re), lui rispose "per sparare". E via un casino che non finisce più. Insomma, la vita di the Killer è stata ben più movimentata di quella rappresentata nel film.

    RispondiElimina
  2. vitone, è che sembra han voluto fare più un film "per famiglie", che una vera (e tosta) biografia.

    RispondiElimina
  3. la mia scena preferita è quella dove suonano in mezzo ai bifolchi (texas?) in uno di quei locali con la rete stile blues brothers e la bionda del pubblica si lancia in un ballo scatenato!
    Un ritratto un po più ribelle di jarry lee lo trovi nel film su johhny cash WALK THE LINE altro filmetto "per famiglie" come dici tu!

    RispondiElimina
  4. eh mi sa che allora walk the line lo evito :)
    prossimo film su musicisti sarà bird, è deciso

    RispondiElimina
  5. avevo visto qualche spezzone qualche anno fa quando era passato in tv. ma non mi è mai venuta voglia di recuperarlo tutto e tu mi dai conferma che non vale così la pena di farlo

    RispondiElimina
  6. sai Marco che sono impietoso... pizza-birra con amici può andare, giusto per godersi la musica :)

    RispondiElimina
  7. Spulcia di qua e pulcia di là...oh sììììììììììììì l'ho visto...bella la musica...la biografia secondo me lascia un pò a desiderare...poi la wynona...non mi piace...invece WALK THE LINE... è tutt'altra cosa a mio parere...

    RispondiElimina
  8. brava laura, mi hai ricordato un film che devo vedere.... grazie! :)

    RispondiElimina
  9. Di che Roby...a me era piaciuto un sacco...sempre biografico...ma ha il suo perciòcchè...

    RispondiElimina