domenica 29 maggio 2011

Plaza Suite - Appartamento al Plaza

16
1971, Arthur Hiller.

Come per "La strana coppia", anche qua siamo di fronte ad uno splendido adattamento cinematografico di una commedia di Neil Simon. Stavolta c'è il solo Walter Matthau a farla da mattatore, in tre atti/episodi tutti nella stessa identica stanza al Plaza, in ognuno dei quali interpreta diversi personaggi accompagnato di volta in volta da eccellenti coprotagoniste femminili.

Atto I: Il matrimonio fallito
Una coppia attempata, lei (Maureen Stapleton) molto innamorata ma poco corrisposta, lui imprenditore sempre super impegnato il quale, salterà fuori, ha una relazione extraconiugale. E' il giorno del loro anniversario e in quella stanza ebbero la loro luna di miele...

Atto II: Il matrimonio tradito
Un produttore di Hollywood cerca una donna per sfruttare "al meglio" alcune ore libere che ha e troverà una vecchia fiamma (Barbara Harris), dopo tanti anni sposata con prole, la quale però, con le giuste "stimolazioni" alla sua vanità...

Atto III: Il matrimonio temuto
Una ragazza che sta per sposarsi si chiude in bagno facendo scena muta. Disperazione ed ogni sorta di espediente dei genitori (lei è Lee Grant) per tirarla fuori da lì e convincerla a raggiungere ospiti e prete che da tempo l'attendono...

Il secondo episodio è divertente, col tira e molla della donna sul "glie-la-do-sì-o-no?", ma certamente il "minore". Gli altri 2 invece eccellono per motivi diversi.
Il primo per drammaticità e qua un encomio enorme va all'attrice di grande scuola, Maureen Stapleton, che interpreta un "caso tipico" non solo americano di casalinga che ha dedicato tutto al successo del marito e si ritrova in una condizione di totale distacco da lui, perché il suo dedicarsi ha voluto dire vivere lontano.
Il terzo richiede assolutamente pannolini o pannoloni a scanso di rischi se si hanno anche minimi problemi d'incontinenza perché c'è da morire dal ridere letteralmente! Il non-sense della situazione, con cappottamento sul finale, porterà i 2 genitori alla disperazione, con gesti conseguenti.

Immenso Walter Matthau! Nel terzo episodio "è lui", il burbero cattivo che tutti amiamo con aggiunto un attaccamento ai soldi che creerà un tormentone di quella scena. Nei 3 atti però lo si può ammirare in tante diverse modalità interpretative e per chi non l'ha mai visto in simili parti risulterà sorprendente. Non solo burbero quindi, ma attore a tutto tondo. Mito.

Nei miei Cult. Se amate come me il Teatro molto ben portato nel Cinema è una visione obbligatoria, e divertente per tutti.

Visto alla tele, non ho frame da me salvati. Ho trovato in rete questa immagine con 3 riquadri, uno per atto, molto belle. Sono in bianco e nero ma il film è a colori.


16 commenti:

  1. Sempre in palla,Robydick.Direi che è il film giusto con cui spezzare il flusso di visioni "infami".Eh,eh!Un grande saluto a'Gajardo!!!

    RispondiElimina
  2. sì belushi, proprio così, se deve spezza'... ;-)
    un salutone anche a te!

    RispondiElimina
  3. Con Neil Simon si va sul sicuro. Un salutone, mi appresto al desco e stasera gelato festival in Piazza Pitti. Ciiiiaoooo.

    RispondiElimina
  4. ciao harmo! buon pranzo e buon gelato :)

    RispondiElimina
  5. Perfetto, non mi perdevo manco un passaggio tv da ragazzino ...

    RispondiElimina
  6. Forse in assoluto il film che più mi ha fatto amare quello che tu, giustamente, definisci "immenso Walter"!

    RispondiElimina
  7. veramente poco da dire. un grande attore, un grande drammaturgo... cioè poteva essere diretto da una scimmia e ne veniva fuori comunque un capolavoro. non per sminuire il lavoro di Hiller, che resta comunque eccellente, ma con presupposti del genere sono buoni tutti ;)

    RispondiElimina
  8. ciao alli! :)

    eh zio, qua è veramente poliedrico il walter...

    frank, che volevi fare con walter? gli davi il copione, e via! :D

    RispondiElimina
  9. gran film..ciao amico..forse riesco a postare in questa maniera

    RispondiElimina
  10. oh brazzz, bentornato! tra i commentatori intendo... :)

    RispondiElimina
  11. Il Walter che preferisco anche Simon ha scritto egregie cose. E il film in questione lo vidi e lo apprezzai.

    RispondiElimina
  12. ciao adriano! mi piace che su walter e simon siamo tutti d'accordo :)

    RispondiElimina
  13. Mi fa piacere che ti sia piaciuto.
    In effetti quello che ricordo di più è il terzo episodio.
    Perchè "è Lui".

    RispondiElimina
  14. michele! mannagg... ma che film devo vedere per farti venire nel blog? ahah!
    e certo che m'è piaciuto! può non piacere un film così?

    RispondiElimina
  15. Non é colpa tua.
    Io ci verrei spesso a commentare.
    Avrei voluto dire qualcosa su "1 2 e 3" e anche su altre recensioni ma lo stress della vita moderna mi logora e un cynar non basta.

    RispondiElimina
  16. ok, scuse accettate...
    e vediamo di organizzare un'uscitina a breve, altro che cynar! :D

    RispondiElimina