domenica 15 maggio 2011

Kriminal

14
1966, Umberto Lenzi.

Dopo aver visto "Satanik", anche se in un percorso a ritroso ho voluto completare la serie dei film ispirati a fumetti noir italiani degli anni '60-'70. Anche Kriminal fu un fumetto cult, credo anche più di Satanik e degli stessi autori, Max Bunker per i testi e Magnus per i disegni. Tutti personaggi figli del geniale Diabolik, intendiamoci (sul quale Mario Bava ha fatto un capolavoro inarrivabile), e comunque con personalità distinte e riconoscibili.

In breve: Kriminal sfugge ad una esecuzione a morte, cosa in realtà favorita da un investigatore che vuole recuperare la corona della regina d'Inghilterra da lui rubata. Kriminal però riuscirà a seminare chi lo pedina e si concentrerà presto su un furto di una grossa partita di diamanti che lo porterà fino ad Istanbul, prima persino utilizzato abilmente da altri criminali, poi ripreso il dominio della situazione sarà lui ad attuare un ingegnoso piano, sfruttando tutte le sue abilità, sia atletiche che di trasformista, oltre che, inutile dirlo, di conquistatore di cuori femminili.

Non conoscendo i fumetti mi devo basare su quanto letto in giro, e su una cosa il parere è pressoché unanime: il film è molto lontano dallo spirito del fumetto, in particolare per quanto riguarda la "malvagità" di Kriminal. Il film propende invece più per un giallo-thriller, che a me ha divertito anche per il suo gusto che (oggi) sa di retrò, leggero e con delle belle trovate, cosa che confermo, con Kriminal che assomiglia abbastanza ad uno "007 cattivo". Pare che gli stessi autori del fumetto si siano lamentati con Lenzi.

Buono per un pasto di lavoro spensierato, sgranando in scioltezza. Senza infamia e soprattutto senza lode, film fatto un po' "scolasticamente", quella è la sensazione, senza sussulti o invenzioni particolari.














14 commenti:

  1. i fumetti eran belli,il film francamente mi manca e credo che passerò la mano...

    RispondiElimina
  2. Leggo in archivio: Kriminal, morte, dead, terrore! .......
    Mizzega (direbbero taluni) ma una recensione di un bel film strappalacrime? No?
    :D

    RispondiElimina
  3. Fumetto cult per merito di Magnus: lui e Paz dei grandi.

    RispondiElimina
  4. passa pure brazzz... ;-)

    stefi! ce ne sarà giusto uno di strappalacrime domenica prossima, vedrai.
    ehm... si dice "mizzica", ma ti devo proprio dire tutto, ahah!

    RispondiElimina
  5. Roby non c'entra una lippa col tuo film horrifico...ahahah, passa passa da me :)

    RispondiElimina
  6. ahia, temo ci sarà l'ennesimo premio... O_o

    RispondiElimina
  7. Fascino "pop" del tempo, proprio come il citato e già recensito "Satanik". Certo, dal punto di vista dei lustrini retro il Diabolik baviano svetta di brutto più su!
    Quando ho parlato di Hajime Sato, sul mio blog, ho recensito anche il suo "Diabolik", chiamato così proprio per sfruttare l'onda di questi, in realtà è il Golden Bat giapponese, più conosciuto da noi per l'anime "Fantaman"; ha i suoi meriti, ma gli ho preferito questo Kriminal, forse anche per l'indirizzo verso un pubblico più adulto (non che il contrario sia un difetto!).

    RispondiElimina
  8. Pure Kriminal!E ma allora!Lenzi ha sempre sfornato dei prodotti dignitosi che si potevano vendere benissimo negli States e di conseguenza in tutto il mondo.Onore al merito,in ogni caso.La storia dei fumetti italiani al cinema é tutta da raccontare.Immortale la vicenda dello "Zagor" prodotto dai turchi che non pagarono niente a Bonelli!!!Per non parlare di "Tex e il Signore degli abissi"! Gajardo,Robydick, sempre gajardo!!!

    RispondiElimina
  9. occhio, massimo rispetto, vai a sfruculiare certe robe... di Sato non ho ancora nulla, ma a qualcosa sto pensando, almeno una presenza.

    gajardissimo anche belushi, altro sfruculiatore! :D
    azz... zagor e tex li devo cercare!!!!

    RispondiElimina
  10. Sfrucugliando sfrucugliando e restando in tema, anche se non fumettistico in questo caso, qualcuno di voi ha visto "Tre Supermen a Tokyo" di Bitto Albertini ? E soprattutto il grande villain Ennio Antonelli in versione samurai?

    RispondiElimina
  11. 'mmazza harmo, che roba da cantine che vai a ripescare, ahah! negativo, non li ho visti.

    RispondiElimina
  12. Io ti consiglierei il "Pozzo di Satana", molte spanne sopra gli altri, ma potresti vedere quello che ho citato proprio per affinità con i titoli da te recensiti. :)

    RispondiElimina
  13. grazie occhio.
    diavolik e pozzo messi in ordine ;-)

    RispondiElimina