lunedì 18 ottobre 2010

Grotesque

14
2009, Koji Shiraishi.

C'è molto, ma proprio molto poco da dire su un film del genere. Che genere? Horror splatter d'inusitata violenza gratuita. Nessun altro scopo: rappresentazione di torture quasi fine a sé stessa. Ho chiarito subito, così chi non gradisce 'ste cose può interrompere qua la lettura.

Come ci sono arrivato a questo film? Tutta colpa dell'amico vitone, che non me l'ha consigliato per la verità, solo lo ha citato commentando la mia sceneggiatura horror che compare in handyfobia, un articolo che ho scritto su Fanfare.

Che poi dovrei dire Merito più che Colpa al bravo vitone! Io il film, con molta leggerezza, perfetto per distrarmi ed assentare i neuroni da compiti impegnativi, me lo sono goduto in tutto relax, ormai "ho il pelo" come si dice, tra l'altro tra questo e il mio articolo non so davvero quale sia il peggiore, propendo per il mio torturatore, decisamente più scientifico e spietato di questo, anche se qua c'è un personaggio di indubbie qualità mediche.

Tanto per menzionare la trama: un sadico rapisce un coppietta di giovani ed inizia a torturarli. Solo suo tormentone psicologico è chiedere ad entrambi se sono disposti a morire per l'altro/a, lui deve provare eccitazione percependo la loro voglia di vivere ed amarsi pur nella consapevolezza che moriranno fatti a pezzi. Li taglia e li cura pure, poi darà loro una tregua in una specie di camera d'ospedale promettendogli liberà, solo che...

Devo dire che se in handyfobia il torturatore aveva un motivo di vendetta forte e motivante, qua solo alla fine emergerà qualcosa ma sarà abbastanza pretestuoso, solo che posso anche dire chissenefrega, non era nelle mie aspettative chissà quale piacere intellettuale da questo film! Ottime a mio parere alcune torture come fantasia e tecnica rappresentativa, ed estremamente coerente col titolo la fine che faranno tutti e 3, un po' da fumetto, m'ha pure strappato una risata. I chiodi nello scroto invece m'hanno istintivamente causato atteggiamento protettivo verso il basso ventre, quando si toccano quelle "zone" un po' di immedesimazione è inevitabile.

Va be', penso di aver reso abbastanza l'idea del film in questione, non sto a consigliare o meno. Se ci si diverte con questo genere e per gustarsi un buon piatto di bollito e mostarda vista la stagione, che accompagno per il dolce contorno con del marsala secco, val bene la visione.

una via di mezzo fra una sala per vivisezione ed una officina meccanica

il pezzo che m'è piaciuto di più. il frame risulta poco comprensibile, ma per me che l'ho visto è un ottimo promemoria


14 commenti:

  1. Questo finirà dritto dritto nella rubrica "vicini di casa". Sabato sono andato a vedere "Buried": soldi buttati. E non aggiungo altro. Grazie per la citazione Roby :)

    RispondiElimina
  2. vitone, citazione doverosa! :)
    grazie per la dritta su Buried...

    RispondiElimina
  3. Interrotta, grazie dell'avviso. :-))

    RispondiElimina
  4. prego Zio, grazie del commento, m'informa che gli avvisi sono quindi efficaci... bene :)

    RispondiElimina
  5. siamo dalle parti di Hostel o peggio?

    RispondiElimina
  6. ma sì, più o meno... secondo alcuni questo è peggio, sicuramente perde molto meno tempo in "convenevoli" di hostel ;-)

    RispondiElimina
  7. roby passavo di qui per un saluto :)

    RispondiElimina
  8. ciao darko! :D
    grazie per il saluto, ricambio. :*

    RispondiElimina
  9. il filmetto è solo per appassionati di splatter e torture-movie.

    Divertente e SOLO per gli amanti del genere! Per i restanti cercate di astenervi... vedere tagliare parti di corpo può fare "brutto"
    ciao
    Daniele

    RispondiElimina
  10. ciao Daniele! :)
    mi raccomando, quando ti capita, come fa anche vitone, non lesinare dritte su questi generi...

    RispondiElimina
  11. Onestamente a me non è dispiaciuto: certo alcune trovate erano abbastanza trash per i nostri standard, e non sarebbe dispiaciuta una trama un po' più dinamica ma tant'è... un film piuttosto estremo (si astengano i più sensibili) e secondo me volutamente provocatorio, oltre che (per una volta) senza neanche un reale messaggio di fondo. Da vedere più che altro per insana curiosità, certamente non da stroncare apriosticamente.

    RispondiElimina
  12. sc, sai che non lo ricordo nemmeno benissimo? muovevo i primi passi nell'horror, non so se oggi scriverei le stesse cose onestamente. mi fido del tuo - equilibrato - giudizio

    RispondiElimina
  13. ...non mi sento affatto di suggerirti di rivederlo!! (sono Salvatore di recensionihc.info, comunque :) ) Il mio giudizio è rimasto in bilico fino alla fine, alla meglio qui si tratta di un esperimento (un po' da svitati) che ha voluto fare il regista di Noroi - The curse (che invece ti suggerisco alla grande)

    RispondiElimina