martedì 4 settembre 2012

Mad Max Beyond Thunderdome (aka: Mad Max 3) - Mad Max Oltre la sfera del tuono

35
1985, George Miller, George Ogilvie.

Max è tornato ... e Tina lo ha preso!”

“Tenete per Mad Max, là nell'Outback. Questa è la sua più grande avventura.”

“Un guerriero solitario alla ricerca di suo destino ... una tribù di bambini perduti in attesa di un eroe ... in un mondo che lotta per sopravvivere, si trovano ad affrontare una donna decisa a governare.”

Mad Max Oltre la Sfera del Tuono” è l'occasione per un tipo per me molto raro di soddisfazione: la realizzazione inevitabile che tutti i film della stessa trilogia realizzati da un regista tecnicamente eccezionale, possono essere parimenti dei capolavori “Mad Max Beyond Thunderdome” è infatti un film eccezionale, quasi buono come il precedente “Interceptor -Il Guerriero della strada” o il segmento girato tra i due film da George Miller per “Ai Confini della Realtà -Il Film”.


E' anche un film d'azione talmente solido, per non dire speciale, talmente tale che per tutto questo non potè non dirsi una completa affermazione artistica. Quest'ultimo capitolo può essere visto come eccessivamente ambizioso e non soltanto come uno sforzo che ha un suo valore, raggiunto e confermato, difatti qui non ci troviamo di fronte ad un medio ultimo capitolo di una trilogia , il quale come spesso accade ci suggerisce che il regista non abbia più ancora un sacco di idee fruttuose da poter trarre utilmente dal suo cesto d'invenzioni, forse già avendoci mostrato tutto quel che poteva. (Per un buon esempio di questo contrasto, confrontare per quanto riguarda Spielberg in quel periodo “1941- Allarme a Hollywood” e “Indiana Jones e il tempio maledetto”. “1941” è stato sicuramente un fallimento commerciale, ma non è stato un fallimento artistico, perché Spielberg aveva cercato di compiere qualcosa di diverso che semplicemente non funzionò. “IJTOD” è invece stato un eminente fallimento artistico perché Spielberg ha pigramente tentato di copiare esattamente quello che aveva fatto prima, piuttosto che realizzare e presentare qualcosa di veramente nuovo.)





Mad Max Beyond Thunderdome”, co-diretto da Miller e George Ogilvie, ecco, non è niente di tutto questo. Pur essendo mbientato nello stesso mondo di “Mad Max/Interceptor” e soprattutto di “The Road Warrior/Interceptor -il Guerriero della strada”, ma diversi anni dopo quest'ultimo film, Mel Gibson, come Max, continua a fuggire impigliandosi in zia/aunt Entity/Tina Turner, la potente leader di Bartertown, un villaggio commerciale dedito come da nome al baratto, e piuttosto vile che ella ha costruito dal nulla. Bartertown funziona con l'energia controllata da Master-Blaster, un genio nano (Master) a cavalcioni su un enorme, muscoloso, e corazzato tizio, noto come Blaster. Auntie Entity vuole però il controllo completo di Bartertown, e per farlo ha intenzione di servirsi di Max. Dopo una serie di colpi di scena, Max si ritrova nel deserto dove incontra una tribù di bambini che si trovano in attesa di un messia. Max assume involontariamente il ruolo, portandosi a complicazioni ancora maggiori.

Se la descrizione di cui sopra suona un po' risentita, non sarà comunque il problema di “Mad Max Beyond Thunderdome”. A differenza di “The Road Warrior/Mad Max 2”, che non ha una progressione pulita della trama, questo terzo e auto conclusivo capitolo ha invece insieme ad un sacco di tesi e impressionanti incidenti una prima parte del film che è forse la migliore. Anche se non fino ai film precedenti, è diretta, frizzante, ha uno scopo ed è efficace. La seconda metà del film è maggiormente confusa ed incerta, ma ci viene comunque fornito il senso di tutto quello che accade in quanto Max ha un piano il quale ovviamente non ci può essere rivelato fin quando egli tornerà a Bartertown. Non sapremo cosa voglia fare, ci sembrerà nemmeno lui. E anche se la scena finale di inseguimento, che ha i suoi momenti, pur se non ha la chiarezza della lunghissima, conclusiva caccia in “Mad Max 2/The Road Warrior”, è ancora una sequenza sensazionale. Nel film precedente, l'inseguimento era stato così perfettamente costruito in modo che ogni singolo episodio sembrava inevitabilmente fosse cristallino e perfezionato. L'inseguimento, la feroce caccia conclusiva, in questo film non è un segmento così autonomo, né vi è il terribile senso di disperata fuga presente in “The Road Warrior”. Ma è sempre estremamente eccitante





Mel Gibson, inoltre, rimane una presenza forte come lo era in ognuno dei primi due film, con in più un'aura di maggiore maturità determinatagli da ciuffi di capelli imbiancati. Anche in questo terzo capitolo della storia, egli è veramente il centro degli avvenimenti, colui a far sì che le cose possano andare avanti. In questo film, oltre che il perno dell'azione sembra in più che venga fino ad un certo punto utilizzato da Aunt Entity.
Ma nel suo carattere vi è sempre presente quel nucleo d'acciaio che abbiamo imparato a tenere sempre ben presente nei due film precedenti. Elemento diverso di questo film è che Max non possa fin dall'inizio distinguere bene chi sono i veri cattivi contro cui agire. Tina Turner fu una scelta geniale come Aunty Entity, ma non è la pura forza del male e distruttività di cui erano incarnazione i precedenti cattivi. Miller, che ebbe co-scritto la sceneggiatura con Terry Hayes, non rende volutamente chiaro il motivo per cui Max dovrebbe opporglisi. Il Master-Blaster sembra certamente più sgradevole e pericoloso. L'opporvisi da parte delle azioni di Max potrebbe essere stato congegnato per far procedere la narrazione, ma Miller, Hayes, e Ogilvie riescono, o vogliono motivarle solamente a tratti. I ruoli di supporto sono molto ben svolti, anche se l'inclusione nel casting di Bruce Spence, il Capitano Gyro del quale ho parlato diffusamente nella recensione di “Interceptor-Il guerriero della strada”, in una parte completamente diversa eppure simile ingenera un poco di confusione.

Ma a parte questo, non si può non essere altamente positivi nel trarre le conclusioni di “Mad Max Beyond Thunderdome”. E' un film che possiede tante sequenze bellissime, una colonna sonora anch'essa bellissima, la più bella dell'intera trilogia, e c'è un punto fermo dietro l'intera trama (molto più chiaro ad onor del vero, dopo aver letto una lunga intervista a Miller, rendendo maggiormente evidente e diretta l'intenzione che il film volesse seppur con minore successo, rendere anche un messaggio simile a quello espresso dal coevo e splendido “La Foresta di Smeraldo” (The Emerald Forest) ('85) di John Boorman), mentre tutte le persone coinvolte in questo terzo capitolo meritano un elogio per aver tentato più -come spiegato sopra- di una semplice ricostruzione di “Interceptor -Il Guerriero della strada”. Un elogio particolare deve andare a Grace Walker, la scenografa. Non era facile far apparire allo spettatore la visione di “Mad Max Oltre la Sfera del Tuono”, come un'esperienza nuova, grazie solamente alle molte e sottili differenze fra le scene e i costumi di esso rispetto a “The Road Warrior”, ella ci riuscì con grande mestiere. Ovviamente, il pensiero è molto andato a decidere quanto gli artefatti e le comunità stiano andando a degenerare insieme a tutte le cose e agli oggetti, sempre più esauriti e logori, ed i risultati divennero a volte uno degli aspetti più interessanti della stessa trama.





La Co-regia è estremamente rara negli Stati Uniti e nella maggior parte dell'Europa, ma a quanto pare nel cinema australiano succede/va molto più spesso. Contrariamente ad alcune voci, George Miller e George Ogilvie hanno diretto insieme l'intero film, immagine per immagine, sequenza per sequenza, fianco a fianco in tutto. Il background teatrale di Ogilvie si mostra apertamente in qualche parte del lavoro insieme con i bambini e gli abitanti di Bartertown, ma per il resto all'apparenza sembra contribuire poco. O egli è stato dunque annacquato dalla forte carica di Miller oppure Ogilvie si è evaporato, dato che anch'egli è noto per la sua incredibile capacità di sostenere la tensione di sequenze d'azione notevolmente estese, che qui non ovviamente non mancano, ma che certo sono capacità le quali all'epoca non mancano anche a George Miller. Comunque, non si può certo addossare eventuali carenze di “Mad Max Beyond Thunderdome” rispetto ai primi due film della trilogia ad Ogilvie, il quale tuttavia, come Miller, che del film è stato anche il produttore, avrebbe potuto facilmente fare la regia da solo, se voleva

Mad Max Oltre la Sfera del Tuono” è in conclusione un eccellente film d'avventura e anche molto divertente, il quale ha da subito potuto assurgere alla statura di classico realizzato con una buona disponibilità di mezzi e di denaro, ben rappresentativo del filone postatomico, così esemplare degli anni '80. Se certo non si è visto prima “Interceptor -Il Guerriero della strada”, probabilmente si è ancora più alla perfezione soddisfatti di questo film. Purtroppo, se si è invece visto prima “The Road Warrior”, (e io lo avevo già visto due volte, prima di vedere questo per la prima questo al cinema nel 1985), e considerandolo probabilmente il miglior film d'azione degli anni ottanta, fino ad ora, con tutte le migliori intenzioni l'impatto di “Mad Max Beyond Thunderdome” può venirne sminuito. D'altra parte, penso sempre alla possibilità di sedermi di nuovo a vedere “Mad Max Beyond Thunderdome” come ad un grande piacere, se soltanto si decidessero finalmente a pubblicarne una Special o Collector's Edition con degli extra, magari in Blu-ray, visto che è ancora l'unico dei tre ad essere disponibile in tutto il mondo nella sola medesima edizione in dvd e senza uno straccio di extra, pubblicata dalla Warner a partire dall'ormai lontana 1999. Per quanto mi piace talmente tanto il carattere e l'impostazione, che Miller riesce sempre a trovare quando lavora su un progetto di “Mad Max”, non posso quindi che aspettare con uno estremo interesse, e in trepidante attesa, l' annunciato, ma sempre abortito, e infine avveratosi quarto capitolo della serie “Mad Max -Fury Road”, al quale Miller sta lavorando alle riprese nel deserto della Namibia, con nuovo e giovane protagonista nel ruolo mitico di Max Rockatansky, come detto, Tom Hardy.





Scene filmate, ma tagliate dal montaggio finale del film: Max Ghekko conforta i moribondi, mentre di fronte si staglia Bartertown dalle dune del deserto, dicendogli che è la terra del Dopodomani/Tomorrowmorrow (questa scena si intravede nel video dello splendido tema del film di Tina Turner “We Dont Need Another Hero”). Max si risveglia di botto per terra nel mezzo della notte e ricorda piangendo la moglie Jessie, rendendosi conto che egli non è migliore di coloro che per tanto tempo ha cacciato.

Academy of Science Fiction, Fantasy & Horror, USA Anno 1986 Nominato al Saturn Award per i Migliori Costumi
Norma Moriceau
Miglior Regista
George Miller
Miglior Film di Fantascienza
Miglior Sceneggiatura
Terry Hayes
George Miller
Golden Globes, USA Anno 1986 Nominato al Golden Globe per la Miglior Canzone Originale per un Film
Terry Britten
Graham Lyle
Per la canzone "We Dont Need Another Hero".

Imagine Awards Anno 1986 Ha Vinto l'Imagine Award per la Miglior attrice protagonista in un film a
Tina Turner
Motion Pictures Editors audio Anno 1986 Nominato al Premio Golden Reel per il Miglior Montaggio Sonoro - Effetti sonori
Tim Chau

Lo script richiedeva che anche Aunt Entity (Tina Turner) guidasse un veicolo. Tutti i veicoli erano stati costruiti utilizzando trasmissioni con il cambio manuale, che la Turner non sapeva utilizzare, quindi dovette essere costruita una macchina dotata di un cambio automatico.

Furono ingaggiati due registi in modo che George Miller potesse concentrarsi sulle acrobazie e le scene d'azione, mentre George Ogilvie avrebbe gestito le prestazioni del grande cast di attori.

Originariamente il film doveva essere incentrato su di un gruppo di bambini senza genitori che vivevano allo stato brado. Si stava cercando di decidere quale personaggio adulto li avrebbe trovati, quando qualcuno pensò a Max. Dopo l'irrompere di questa suggestione, diventò un altro film di "Mad Max".

I riferimenti letterari dell'opera cinematografica sono ad un romanzo di Russell Hoban chiamato "Riddley Walker" di un eroe viaggiatore in una Inghilterra post apocalittica.

I risultati possibili sulla ruota sono: - Morte – Duro Lavoro - Assoluzione - Gulag - Scelta della zia (Aunt Entity) – Gira ancora – Grazie passo- Inferno - Amputazione - Ergastolo

Gli occhi di Max sono diversi, la pupilla del suo occhio sinistro è permanentemente dilatata. Si tratta di un cenno a “Interceptor -Il Guerriero della strada”: quando la sua auto è costretta fuori strada e si schianta per opera di Wez, Max subisce delle gravi lesioni, tra le altre parti del corpo, a l'occhio sinistro. La disparità è più facile da vedere nei primi piani, e molto facile da vedere nelle versioni del film in HD. Nella versione normale, è più importante quando Max si affaccia per la prima volta sul Thunderdome.

Il manifesto per questo film è stato uno degli ultimi fatti dal grandissimo Richard Amsel.

Aunty Entity (Tina Turner) vestiva un corpetto in acciaio che pesava più di 55 chilogrammi.

La tempesta di sabbia alla fine del film era reale, e la cinepresa ha effettivamente compiuto un piano sequenza dentro di essa per alcune inquadrature. La tempesta nella sua interezza ha colpito la troupe nel deserto, costringendoli a rifugiarsi nelle loro auto e ovunque si poteva trovare copertura.

Il fucile di Max in questo film differisce da quello che aveva usato in “Interceptor” e “Interceptor -Il Guerriero della strada” Questo ha il caricatore esposto e un'impugnatura differente

L'aereo di Jedidiah è un Transavia PL-12 ''Airtruk'', un monomotore biplano agricolo, della Transavia in Australia. La prima volta che aveva volato fu nel 1965, e circa 120 volte da che era stato costruito, prima che fosse utilizzato in questo film.

Tutti i suini presenti prefigurano il coinvolgimento di George Miller nel film "Babe -Maialino coraggioso” e nel suo sequel, dieci anni dopo.

Il primo della serie realizzato con il finanziamento americano. Il che spiega perché alcune stelle americane, come Tina Turner, fossero presenti nel film.

I certificati di classificazione per i primi due film di “Mad Max” scesero da 18 a 15 e con “Oltre la sfera del tuono” ad un PG (Parental Guidance, bambini accompagnati da un adulto). Poiché i film si appellavano principalmente a un pubblico adolescente, George Miller potrebbe essere stato spinto a dirigere la serie verso un pubblico più mainstream. Il che spiegherebbe perché la metà del cast è costituito da bambini.

George Miller aveva perso interesse nel progetto dopo che il suo amico e produttore Byron Kennedy era rimasto ucciso in un incidente di elicottero mentre faceva dei sopralluoghi. Questo potrebbe spiegare perché Miller curò solo le scene d'azione, mentre George Ogilvie gestì il resto. Il film è dedicato a Byron Kennedy.

Il video musicale di Tupac Shakur e hit del 1996 "California Love" è stato girato sul set del film e le caratteristiche dei veicoli e dei vestiti sono ispirate dalla serie “Mad Max”.

Bruce Spence, che interpretava il Capitano Gyro in “Mad Max 2/The Road Warrior” impersona qui Jedediah, un diverso personaggio, che all'inizio del film ruba a Max. Confusamente, entrambi i personaggi usano macchine volanti (in “Mad Max 2” si trattava di un ''Girocottero'', in “Mad Max 3” un Transavia PL-12 ''Airtruk'') e poco viene fatto per differenziare i due distinti personaggi.

Il nome di Max nel film viene pronunciato solo una volta. Subito dopo l'incontro con Master Blaster nei sotterranei. Il Maestro dice "Io sono Master" e si presenta, quindi Max dice: "E io Max" facendo la stessa cosa.

Nelle interviste su “Interceptor -Il Guerriero della strada”(aka "The Road Warrior"), George Miller disse che mentre il mondo Max era quello sopravvenuto dopo il crollo del sistema sociale / politico / economico che sappiamo, non era comunque un mondo post-terza guerra mondiale. Tuttavia, "Beyond Thunderdome" contraddice esplicitamente questo.

Questo film è considerato un "Ozploitation" (di exploitation australiana).

Il personaggio di Tina Turner è classificato come Aunty Entity, ma in nessuna parte del film qualcuno la chiama così. E' sempre chiamata semplicemente zia.


Spoilers
Le voci di curiosità qui seguenti possono rivelare importanti aspetti della trama.

Due scene sono state tagliate dal film onde abbattere il tempo di durata. Una dove Max sogna di sua moglie e del figlio assassinati, si sveglia e piange. Rendendosi anche conto che è diventato proprio così incattivito quasi come gli animali assassini a cui dava la caccia quando era ancora un poliziotto. L'altra è con Max che conforta i moribondi, mentre di fronte si staglia Bartertown dalle dune del deserto, dicendogli che è la terra del Dopodomani/Tomorrowmorrow

Napoleone Wilson















35 commenti:

  1. m'è piaciuto più di quanto non pensassi prima di vederlo. l'ho messo nel Partenone perché appunto, purtroppo (per modo di dire), il confronto con road warrior è durissimo per chiunque.

    sembra un 3 + 4, quando entra in scena la comunità dei bambini per un attimo si ha la sensazione di cambiare completamente storia, poi come dici tutto torna alla fine, ma lo stacco è quasi brutale, si resta a lungo sconcertati.

    bellissima la o.s.t. anche secondo me.

    Tom Hardy è, credo, il solo in grado di confrontarsi oggi con quel ruolo, hanno scelto benissimo.

    RispondiElimina
  2. Mel Gibson è veramente bravissimo in questo film. Come impersonificazione del celebre personaggio,è la migliore e più carismatica della trilogia. Così precocemente incanutito.

    RispondiElimina
  3. Questo film è nel mio palinsesto personale di questa settimana, dato che la scorsa ho rivisto i due precedenti capitoli. Nonostante sia il più famoso dei tre è quello che attualmente ricordo meno.
    Che dire degli altri due? Sinceramente, a parte le lodevoli intuizioni di ambientazione e della tipologia dei personaggi che entrambi hanno fatto storia e sono state fonti di ispirazione per innumerevoli altre pellicole, videogiochi, fumetti e racconti, rimangono pur sempre dei film low budget sulla soglia dei b-movies. Soprattutto ne "Il Guerriero Della Strada" la trama è pressochè inesistente, i personaggi delle macchiette caricaturali senza nessuna connotazione specifica o un filo di caratterizzazione (Max compreso) e la recitazione è a tratti imbarazzante. Questo non toglie che comunque ogni tanto mi piaccia rivederli...tengo le dita incrociate per Thunderdome per il quale ho dei ricordi confusi ma piacevoli...

    RispondiElimina
  4. Grazie del commento e della dotta enunciazione/partecipazione, Viktor. Io però penserei che basti solamente la sequenza del primo "Mad Max/Interceptor" -splendida- nella quale Max in ospedale ascolta involontariamente la conversazione fra i due medici circa la morte del figlioletto e le condizioni della moglie, resa efficacissimamente dagli occhi,dal volto impazzito di Mel, che è sempre bravissimo in questi momenti di insostenibile stress emotivo, per scusami, contraddire l'osservazione che la recitazione sia a tratti imbarazzante. Secondo me, neppure a tratti. Sono per cominciare proprio gli attori ad essere bravissimi,in questi film. Steve Bisley che fa Jim Goose,Tim Burns/Johnny the Boy, Roger Ward/Fifi, Hugh Keays-Byrne/Toecutter, Vernon Wells/Wez, Bruce Spence/Capitano Gyro...Il meglio del meglio degli interpreti della "First Wave" cinematografica australiana...Màh...Questi parametri, gli altri che enunci, potresti applicarli anche a "1997:Fuga da New York", allora.
    Assolutamente, con bonarietà, per capire io meglio ti posso chiedere di che classe d'età sei, Viktor?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, non penso c'entri la mia età,i miei gusti sono assolutamente trasversali, a prescindere dalla pellicola. Il mio è semplicemente un punto di vista su ciò che non mi ha convinto. Detto questo non significa che non mi piaccia guardare questi film, anzi, ambientazioni e atmosfera sono molto convincenti, solo non sono dell'avviso che sia un capolavoro di sceneggiatura e recitazione, tutto qui. Poi sono anch'io un appassionato di fantascienza e mi piace molto il filone "post- atomico/ barbarico" ;)

      Elimina
  5. accidenti, certo che il mondo è veramente vario, mai letto un parere così tranciante sui primi 2 Mad Max! :)
    però low-budget, se parliamo squisitamente di soldi, è solo il primo, questi son dati ufficiali, non opinioni...

    pensa Viktor, io continuo ad adorare soprattutto il primo proprio per le interpretazioni e riconosco al secondo una spettacolarità unica.

    RispondiElimina
  6. Folla della Città di Bartertown:-"Due uomini entrano, uno,rimane!"


    Dr. Dealgood/Edwin Hodgeman : Ascoltate tutti! Questa è la verità.Il lottare porta ad uccidere, e le uccisioni arrivano all guerra. E questo ci ha portato dannatamente vicino alla morte di tutti noi. Guardate ora! A cosa ci ha portato, e tutti a parlare di Pioggia radioattiva! Ma abbiamo imparato, dalla polvere di tutti ... Bartertown ha imparato. Ora, quando gli uomini vogliono combattere, lo facciamo succedere qui! E finisce qui! Due uomini entrano, uno rimane."

    Dr. Dealgood :- "Signore e signori, ragazzi e ragazze ... Qui è il tempo di morire."

    Aunty Entity/Tina Turner :- "Benvenuti,ad una nuova edizione del Thunderdome!"

    Max/Mel Gibson :- "Thunderdome. Come faccio ad arrivare lì?"
    Aunty Entity :- "Questa è facile. Scegli una lotta!"

    The Collector/Frank Thring :- "Forse hai qualcosa da scambiare, dopo tutto."
    Max :- "Smetti di chiaccherare."
    The Collector :- "Ventiquattro ore della tua vita, in cambio, potrài riavere indietro ciò che ti è stato rubato."
    Max :- "Suona come un affare."
    The Collector :- "Non lo è. È la legge."

    Aunty Entity :- "Questo non è un nemico.E' quasi di famiglia."
    Max :- "Oh, cosa vedo, vera civiltà!"
    Aunty Entity :- "I motivi non riguardano solo le condizioni. Vuoi fare l'affare o no?"
    Max :- "Mmmh.."
    [Annuisce]
    The Collector :- "La prima è, che nessuno sa che sta lavorando per la zia. Lei quello che dice di fare, si fa. Il secondo è,una lotta giusta. Il terza è che è fino alla morte.
    Max :- "Chi è il coniglio?"

    RispondiElimina
  7. Guarda che proprio l'incontrario. Sono anch'io un appassionato di post-atomico e filoni della fantascienza survivalista ed "escapista". Avanti negli anni sono io, secondo me volevo soltanto dire che te forse sei troppo giovane, come formazione visiva e di gusti, per apprezzare e "situare" pienamente film come questi,di trenta o quasi, anni fa. tutto qui.

    RispondiElimina
  8. sì Viktor, condivido la sostanza della domanda di Napoleone. senza voler essere invasivi sulla privacy eh, ci mancherebbe, ma proprio per le ragioni che dice è un dato interessante, per parlare non per far statistiche...

    io l'ho vista solo di recente tutta la trilogia, ma è indubbio che il mio gusto tende diciamo "al vecchio", di questo ne sono cosciente.

    porta pazienza! :)
    sono proprio i pareri diversi dai nostri che ci danno motivo di dibattito, ben vengano.

    RispondiElimina
  9. anch'io penso che l'età come la quantità di film visti possa a volte incidere sulle preferenze verso certi film..
    e in effetti ad esempio Mad Max e 1997:Fuga da New York(non uccidetemi) non mi hanno entusiasmato un gran ché.
    magari tra dieci anni..

    RispondiElimina
  10. Si vabbe', dopo quest'ultima per oggi ve saluto, vado a prendermi un liqu(VO)rino. Romanamente ve saluto. Se vedemo.

    RispondiElimina
  11. ahahah! Napoleò, nun te ce strozzà col liquorino...
    'namo su, ce vò sportività
    i gusti sò gusti, 'nutile fasse 'n cruccio pe' 'ste cose

    Gus, non hai di che temere, qua al massimo possiamo dare 2 calci alla tastiera :D

    RispondiElimina
  12. Napo, non capisco se sei arrabbiato seriamente o cosa...

    il pensiero unico è una barba mortale.
    per me leggere pareri contrastanti è solo divertente, almeno quando come qua si rimane in termini di comportamenti civili. un po' come ci si può divertire tra tifosi di calcio avversi, sempre che si rimane - insisto - entro certi termini.

    RispondiElimina
  13. a cadenza mensile riesco a dire qualcosa che a napoleone proprio non va giù. hahaha :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah Gus, ti supero allora! ma lo frequento - sempre virtualmente - molto più di te

      Elimina
  14. Caro Napoleone, non voglio tirarmi addosso le tue ire, anche perchè a forza di calci alla tastiera finiresti per distruggere la tua postazione, ma mi sa che proprio non ci siamo capiti.
    Cerco di chiarire un po': la tua domanda sull'età l'avevo interpretata bene, ed è proprio lì il problema! Come ti dicevo, il cinema mi piace tutto, trasversalmente, a prescindere dalla data di pubblicazione delle pellicole e, per la fantascienza, potrei dirti che la guardo tutta, da Melies a JJ Abrams; la mia, quindi, è una semplice questione di gusti. Ma forse, dato che è sempre un po' complesso accettare i gusti altrui quando diversi dai nostri, abbiamo bisogno di un'altra spiegazione; ed ecco che sorge la tua ipotesi sulla mia età secondo la logica "se non gli piace il film (fatto strano), è perchè ha poca esperienza, quindi è giovane". E io ti dico che non è così e che questi assunti stanno poco in piedi: per quel che ne sappiamo entrambi, io potrei avere il doppio della tua età. Il film non mi fa impazzire per i motivi che ti ho descritto, nulla hanno a che fare la mia formazione visiva o i miei anni. A volte è difficile accettare una semplice questione di gusti differenti senza andar a cercare altre cause.
    Ho solo voluto precisarlo perchè di fronte a tesi come questa qualcuno potrebbe rimanerci male, leggendo tra le righe "se non ti piace questo film è perchè sei o troppo giovane o devi comunque far esperienza, ma una volta fatta vedrai che mi darai ragione"...
    Oh, che sia chiaro, io non me la son presa eh, questa precisazione l'ho fatta solo per amor di dibattito, così anche Robydick è contento. Viuuuuleeeenz'!
    Ciao! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cazzo che chiusa Viktor, con l'urlo di battaglia del flagell di ddio... massima stima, ahah! :D

      Elimina
    2. Beh, a proposito di (S)barbari, mi sembrava aderente al tema!

      Elimina
    3. mi rendo anche conto che, colpevolmente, manca qua la rece di quel meraviglioso film. DEVO rimediare!
      ti ringrazio per l'involontario invito a farla

      Elimina
    4. Allor, le recension le facc solo quant tic io, è chiarr?..Mument mument...mument mument....m'è venut un'itea, quas quas ci facc la recension d Attila!
      Cett che sò fenomenalo! Non a cas sò sempr io Lo Re!

      Elimina
    5. vuoi fare tu la rece di Attila? dai, con molto piacere!
      la voglio in lincua oriccinalo ...
      seriamente: quando vuoi entri nella grande banda dei collaboratori. parliamone per email se ti va.
      robydick@gmail.com

      @Gus: guarda che anche te, se vuoi...

      Elimina
    6. No, guart, ti rincraz, ma io non ho lo spessore. Lascio volentier a te e al tuo gruppett di scribacchin l'onor di farc far quattro grass risat a quest discraziat chius tutt'i ciorn in un gabbiotto a lavoraro.
      Però tengo presente l'offerta collaborativa che mi lusinga moltissimo. Purtroppo non ho molto tempo da dedicare alla scrittura, infatti anche il mio blog solitamente puzza di pesce rancido. Comunque, la prossima rece che scrivo per il mio blog, sempre che non l'abbiate già fatta voi (e ne dubito), magari ve la sottopongo così vediamo se si riesce di portare a casa una cosa in condivisione, che mi garberebbe parecchio!...

      Elimina
    7. Mi sa che ora Napoleone s'inkazza sul serio: ci siamo appropriati indebitamente dello spazio adibito ai commenti della sua ottima recensione...

      Elimina
    8. no anzi, ne sarà contento, fidati...
      ok dai, la mail te l'ho data. se non la ricordi vieni nel blog e clicca in alto su "Redazione..." che c'è. aspetto una tua proposta.
      per ora ti dico che è stato un piacere :)

      Elimina
    9. Minchia, ma spulciando nei "collaboratori" ti trovo la Chiara Tiani, che è una mia collega!!!

      Elimina
    10. eh be'... con la chiara facciamo anche insieme Malastrana.
      vai nella home e leggi l'ultimo articolo ;-)

      Elimina
    11. Ah grazie Roby ma non credo proprio di esserne capace. In realtà ti ho scopiazzato facendo un blog simile al tuo ma dove mi limito a dare un voto e esprimere, non sempre, un breve commento. Non ritengo sia bello da seguire per la gente, più che altro è utile a me per via della catalogazione dei tag :)
      Comunque tengo buona la proposta per un futuro lontano :D

      Elimina
    12. ma pensa, c'era un Gus-Blog e non lo sapevo! :)
      ecco, tieni buona la proposta. lascia perdere napoleone come modello di rece, lui è un pianeta a parte. tu pensa semplicemente a un film che ti piace e parlane, alla fine è tutto qua.

      Elimina
  15. Napoleone, tu non t'incazzi vero, anche se parliamo di Abatantuono vicino a Mad Max/Mel Gibson? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che ci tocca far colletta per una tastiera nuova...

      Elimina
    2. ahahah! ahia, stasera rischio di dover mettere il catetere, fatico a tenerla :D

      Elimina
  16. No Viktor continui tu a non avermi capito e comunque non sono incazzato di certo figurati. Sono un'anima in bilico, lavorativo e abitativo e tutto il resto, se c'e qualcuno contro cui dovrei/potrei scaricare tutta la mia vera incazzatura e' casomai un politicante venduto a gente come B. e Verdini, e a 10/15'000€ al mese come Taradash, che mi capita di vedper pure spesso, e poi tutti gli altri, non te. Ma continui a non capirmi, non ho messo in dubbio e non potrei che tu abbia visto tanti film e ti sia formato una tua conoscenza e gusto personale.Bisognerebbe pero' vedere come si e' anche formato il gusto. Ma forse tra le righe me lo riveli tu stesso. Io, anagraficamente come anche Rick, film come questi l'abbiamo visti al cinema, la prima volta. Oltre trent'anni da o quasi. Non abbiamo prima visto e/o siamo cresciuti con J.J.Abrams, "Lost", "Cloverfield",ecc.,ecc., Forse questo può fare la sua differenza per apprezzare e riconoscere maggiormente con entusiasmo e partecipazione il valore e gli enormi pregi di film che comunque per me come per la maggioranza, /e forse almeno in alcuni casi può voler significare qualcosa- sono ancora e chissà per quanto ancora ineguagliabili.

    RispondiElimina
  17. Aunty Entity :- "Congratulazioni! Tu sei il primo a sopravvivere all'audizione!"

    Max :- "Io non so niente di metano."
    Aunty Entity :- "Di spalare merda, sai niente?"

    Master/Angelo Rossitto :- "Questa è la nostra testimonianza, zia. Chi ha già sofferto sta ancora troppo male. Vogliono giustizia. Vogliamo il Thunderdome!"
    Aunty Entity :- "Conoscetela legge: Due uomini entrano,uno soltanto resta."
    Maestro :- "Questo è il Blaster! Venti uomini entrano lui soltanto rimane!"
    Aunty Entity :- "Allora è la tua scelta. Thunderdome."

    Pigkiller/Robert Grubb :- "Ricordate: non importa dove lui vada, se ci sarà ancora."


    Aunty Entity :- "E che cosa hai fatto prima di tutto questo?"
    Max :- "Sono stato un poliziotto, un guidatore."

    RispondiElimina

  18. Aunty Entity :- "Ma come il mondo gira,un giorno, puoi essere il gallo del pollaio. Successivamente, un piumino."

    Master :-"Chi sei?"
    Max :- "Mi chiamo Max."

    Aunty Entity :- "Sai chi ero? Nessuna. Tranne che il giorno dopo, ero ancora viva. Questa nessuna aveva la possibilità di essere qualcuna."

    Aunty Entity :- "Noi lo chiamiamo Underworld. Ecco dove Bartertown ricava la sua energia."
    Max :- Che cos'è,olio? Gas naturale?
    Aunty Entity :- "Maiali."
    Max :- "Vuoi dire maiali come quelli?"
    Aunty Entity :- "Esatto."
    Max :- "Stronzate!"
    Aunty Entity :- "La merda dei maiali."
    Max :- "Che cosa?"
    The Collector :- "Merda di maiale. Le luci, i motori, i veicoli,sono tutti gestiti da un potente gas chiamato metano. E il metano viene ricavato dalla merda di maiale."

    Aunty Entity :- "Tu pensi che io non conosca la legge? Non sono stata forse io che l'ho scritta? E io dico che quest'uomo ha infranto la legge. Giusto o sbagliato, abbiamo avuto un accordo. E la legge dice: rompi un accordo e devi affrontare la ruota!"

    Max :- [Max riconosce Jedediah] "TU!"
    Jedediah il pilota/Bruce Spence :- "Io?"
    Max :- "Si, è il tuo giorno fortunato!"
    Jedediah il pilota :- "Eh?"
    Max :- "Eh eh. Hai un aereo."
    Jedediah il pilota :- "Ho?"
    Max :- [Fuori, l' aereo è in fase di avvio] "Potrebbe semplicemente salvarti la vita."
    Jedediah il pilota :- "Cosa farai?"
    Max :- "Eh, eh."

    Max :- "Il primo pozzo si trova in uno sporco posto denominato Bartertown. Ora, se la terra non ti inghiottirà in questo primo luogo, quel luogo sarà per te sicuro come l'inferno!"

    Master :- Per Me! Io, il Maestro! Io comando qui a Bartertown!"
    Max :- "Certo, è per questo che si vive nella merda!"
    Master :- "Non merda! Energia!"
    Max : "Chiamatela come volete. Profuma ancora di merda per me!"

    Jedediah il pilota :- "Non siamo sicuri che ce la farà."
    Max :- "Non abbiamo altra scelta."
    Jedediah il pilota :- "Tra noi e loro, non c'è pista a sufficienza.
    Max :- "Ci sarà."

    Max :- "Non sono capitano Walker. Io sono solo il tipo aveva in tasca la foto di questo tipo morto."

    Max :- "Allora, qual è il piano?"
    Pigkiller :- [Ridendo] "PIANO? Non c'è nessun piano!!

    [Ultime battute]
    Savannah Nix/Helen Buday :- "Il tempo conta e mantiene i conti, e ora anche lui sa di dover trovare il tempo di ricercare di ciò che è stato e non ha perso del tutto. Non sarà un compito facile. Ma questo è il nostro lento e faticoso viaggio, dobbiamo dunque viaggiare. E non c'è nessuno che sappia dove stiamo andando e dove arriveremo. Sempre e in tutto, ogni sera ci ritroveremo a raccontarci, in modo che arriveremo e ci fermeremo come i fratelli che eravamo da dove proveniamo,... Ma la maggior parte di noi tutti saremo i fratelli dell'uomo che ci ha ritrovati, colui che è venuto per il nostro salvataggio. E noi accenderemo di nuovo le luci della città, non solo per lui, ma per tutti."

    RispondiElimina