sabato 4 settembre 2010

Maniac

13
1980, William Lustig, Joe Spinell.

M'è sembrato giusto citare Joe Spinell. Anche se regista è solo Lustig, Spinell è scrittore, ideatore e pure attore protagonista di questo "falso" B-movie, e dico falso perché se tra locandina ed incipit lo si può pensare alla fine risulta di ben altra categoria e dei B conserva solo il budget ridotto.

La storia di Frank Zito a New York, serial killer che fa lo scalpo alle donne sue vittime col quale adorna i manichini che riempiono la sua squallidissima casa. Un trauma infantile e un uomo normalissimo, ancora perfettamente in grado di comportamenti normali, diventa misogino alla pazzia, la sua violenza è una sorta di vendetta inconscia.

Un film cupo e umanamente sconfortante, il protagonista è spietato ma mentalmente debole quanto fisicamente forte. Parte nella testa di Zito e molto spesso ce ne fa sentire il respiro. Tra l'espediente audio e le riprese ravvicinate anche delle aggressioni se ne ricava un'esperienza sensoriale molto coinvolgente. Piuttosto splatter, gli effetti speciali "economici" stigmatizzano le violenze che pure colpiscono per l'intensità delle stesse, tranne nel finale, summa ed effetto dell'operato di Zito.

Film consigliato dall'amico "Napoleone Wilson", che con l'occasione ringrazio.
Personalmente lo consiglio a tutti, soprattutto a chi ama l'horror d'annata.

13 commenti:

  1. me lo cerco di sicuro..un saluto a napoleone..

    RispondiElimina
  2. Visto all'epoca dell'uscita in Vhs, una venticinquina di anni fa. Film impressionante per la rappresentazione realistica della violenza e per la pazzia del protagonista, contrapposta agli splatter patinati che arrivarono dopo. Un film malato, che all'epoca mi fece un bel po' di paura. Girato alla stregua di uno snuff movie, non ho più ritrovato un horror così disturbante come questo.

    RispondiElimina
  3. brazzz, ne vale la pena.

    harmonica, grazie del commento, farà molto piacere anche a Wilson, quando me lo ha consigliato (insieme ad altri) ho pensato che in italia lo avesse visto solo lui :)

    RispondiElimina
  4. Cavolo, la locandina è stupenda. Credo si riferisca agli attimi immediatamente successivi all'omicidio della Brambilla, a giudicare dalla chioma

    RispondiElimina
  5. hanno fatto secca la brambillona e non lo sapevo? :)

    RispondiElimina
  6. non ancora, ma spesso il cinema ci vede giusto

    RispondiElimina
  7. ...Caro Robydick, lo sai che, il famosissimo "Maniac" ha forse ispirato il mostro di Firenze, o i mostri,secondo la sciagurata e cialtronissima inchiesta-indagine giudiziario-processuale di Giuttari-Canessa-Vigna, in quanto fu programmato anche nella città toscana in quei mesi di primavera 1981 che precedettero di poco i delitti di quell'anno. E, come avrai visto il terrificante, raccapricciante, e davvero insostenibilmente angoscioso (grande parte la fa anche qui come in tutto il film, la colonna sonora meravigliosamente tetra e minacciosa del sempre eccelso Jay Chattaway), omicidio della coppia in macchina sotto il ponte-con Tom Savini stesso interprete- con Spinell che affiora magistralmente dall'oscurità illuminato, una volta accesi i fari...Il balzo scioccante sul cofano, e la fucilata che fa esplodere letteralmente la testa di Savini inondando di sangue e materia cerebrale la ragazza terrificata, in uno dei sicuramente più spaventosi, e iperrealistici, quindi tanto più,momenti di grande effetistica e makeup splatter, mai visti al cinema, ancora oggi, altro che CGI , che "Hostel" e "Postel"(per dire, che non esiste)..Che poi vedrà la morte in faccia uccisa col secondo colpo di pallettoni ad alta dirompenza come un animale terrorizzato e intrappolato...Questo bellissimo film di Lustig, e non scherzo, è proprio fra gli atti del primo processo Pacciani, come fra quelli dell'indagine, in quanto si è sempre pensato che, date le molte analogie fra l'agghiacciante omicidio perpretato da Spinell nel film , e quelli seguiti poi sulle "dolci colline di sangue" fiorentine, con ben pochi precedenti cinematografici di aderenza alla dinamica dei successivi omicidi delle coppiette, se non quelli reali precedenti di "Zodiac killer" a San Francisco e poi a New York, e di "Son of Sam"- Alan Berkowitz nella torrida estate newyorkese del '77.Su cui entrambi sono stati poi realizzati due bellissimi film di Spike Lee e David Fincher.
    Comunque, tornando al grandioso "Maniac" di Lustig-Spinell, forse davvero fu uno dei film preferiti in una fredda sera fiorentina da gustarsi in sala, per il misterioso e non ancora identificato vero Mostro di Firenze, quanto più che per i nostri strampalati compagni di merende, "Torsolo"ir' Vanni, "Vampa"ir' Pacciani, "Katanga" ir'Pucci, er Faggi e strampalata compagnia, che magari di sicuro avrebbero preferito trascorrere ben più per loro piacevole serata con il coevo e storico hardcore tricolore "Tre uomini e una porcona", in programmazione in quei giorni in una sala fiorentina.
    P.S.:Ragazzi, ora passate al più presto a "Vigilante", sempre di Lustig, ascoltatemi, è ugualmente elettrizzante.

    RispondiElimina
  8. Se l'avete notato, nella bellissima locandina originale americana, utilizzata anche sulle copertine dei dvd Blue Underground (benemerita e famosa etichetta indipendente del cinema "ddeggenere" di tutto il mondo fondata e di proprietà dello stesso Lustig),che ritrae Frank Zito dalla cintola in giù con la testa mozzata in una mano e il coltello nell'altra insanguinata,affiora dai suoi jeans rubizzi pure una vistosa erezione...Ragione per cui, oltre al film, venne duramente osteggiata e perseguitata pure quest'immagime pubblicitaria invero davvero bellissima anche per come rende bene appunto tutta la "malsanità" del protagonista, dai vari gruppi di loro sì davvero minacciose, femministe e movimenti censori contro la "violenza al cinema"...

    RispondiElimina
  9. Wilson, mi inchino a te davvero, ti ringrazio per il ricchissimo commento, ben più ricco della mia recensione. Non sapevo nulla del collegamento con il cosiddetto "mostro di firenze".
    Persino una chicca sulla locandina! Sei incredibile.

    Vigilante è già pronto, come da tuo precedente consiglio. E' pronto anche DeadBeat At Dawn ma non trovo i sub-ita, alla fine me lo guarderò in inglese, pazienza :)

    RispondiElimina
  10. Eh lo sò, per "Deadbeat at Dawn" non si trovano sottotitoli in ita. da nessuna parte manco in rete, io però mi riferisco ad almeno due anni fà, se adesso qualche benemerito appassionato vi ha provveduto, nìn szò...Su film seminali dell'horror metropolitano duro, crudo e cruento anni '70-'80, come "Maniac" di gente irripetibile e pressochè irraggiungibile quanto Lustig e il compianto Spinell, ti/vi potrei poi anche facilmente apparire come torrenzialmente logorroico, ce ne sarebbero ancora da scrivere di cose, curiosità, influenze, citazioni, considerazioni, apprezzamenti, da fiumi d'inchiostro, nonostante quanto già nei decenni vi sia stato scritto sopra.

    RispondiElimina
  11. "logorra" pure Wilson! :)
    magari fra un horror e l'altro. ora sto producendo la serie pressoché completa di Bava, auspico tuoi ricchi interventi...
    ciao!

    RispondiElimina
  12. io amo questo film e venero joe spinell,non ho molto da dire a parte che è uno dei miei serial killer movie preferiti insieme ad angst.
    capolavoro

    RispondiElimina
  13. ciao trita! non ti sentivo da un po' ... :)
    interessante Angst, messo in ordine.

    RispondiElimina