martedì 14 settembre 2010

Buryure (aka Brulee) - The Burning

0
2008, Kenta Hayashida.

2 gemelle legate da un passato drammatico, dopo la morte del padre in un incendio e rimaste orfane sono state separate, una delle 2 a vivere con uno zio pasticciere, l'altra no. Si ritrovano dopo 4 anni, la pasticciera è patologicamente una piromane, l'altra ha un brutto male.

Scapperanno, andranno in giro insieme, incontreranno un inutile ex kick-boxer che grazie a loro ritroverà ispirazione e coraggio per tornare a combattere e il finale (pezzo forte del film) sarà un drammatico deja-vu dell'ultimo evento vissuto insieme prima del distacco, che ha segnato la loro vita.

Il film dura solo 70 minuti ma ce ne sono almeno 30 di troppo. Primo ed ultimo lungometraggio di Hayashida (a quanto ho letto, è morto poco dopo averlo finito) ha trama sufficiente per un corto, non oltre, e il brodo è allungato a dismisura, personaggi inutili (non solo il boxer), scene allungate con primi piani prolungati, c'è tutto il peggio del japan-style quando non serve a nulla.
Sempre a quanto ho letto in giro è parecchio apprezzato da appassionati del genere asiatico; non so che dire, a parte quel che ne penso personalmente.

Mi fermo, non voglio infierire sul buon Hayashida, r.i.p. .
Lo salvo dall'Ade per le 2 belle protagoniste, per la trama il cui spunto poteva essere interessante (ma non è stata né approfondita né sviluppata) e l'ottimo finale.

0 commenti:

Posta un commento