martedì 16 aprile 2013

L'Uomo sul tetto - (Mannen pa Taket aka Man on the Roof)

9


1976, Bo Widerberg.

Lennart Kollberg/Sven Wollter :- “Chiedetevi questo: chi è stato Stig Nyman?”
Martin Beck/Carl-Gustaf Linstedt :- “Io non lo conoscevo molto bene ...”
Lennart Kollberg :- “Non essere evasivo! Chi era costui? O meglio, che cosa era?”
Martin Beck :- “Un ufficiale di polizia.”
Lennart Kollberg :- “Non è una risposta soddisfacente.”
Einar Ronn/Hakan Serner :- “Un tenente di polizia ...? Devo fare una telefonata.”
Lennart Kollberg :- “Bene. Che cosa era?”
Martin Beck :- “Un cattivo poliziotto. “
Lennart Kollberg :- “Sbagliato! Nyman è stato un poliziotto schifoso cazzo!”
Bohlin (civile):- “Perché diavolo non hai sparato? Non capisco...”
Gunvald Larsson/Thomas Hellberg : Bèh nessuno si aspetta che.... Hai una licenza per quella pistola?”
Bohlin (civile):- “... no.”
Gunvald Larsson :- “Allora sei nei guai.”
Lennart Kollberg :- “Sono in India?”
Malm/Torgny Anderberg :- “Un elicottero della polizia è stato abbattuto da un uomo sul tetto] Egli ha abbattuto l'elicottero.”
Gunvald Larsson :- “E' questa la tua conclusione?”
Poliziotto che vomita in ospedale :- “Mi scusi.”
Einar Ronn :- “Tutto ok. Può succedere ai migliori di noi.”
Poliziotto che vomita in ospedale :- “E' sempre così?”
Einar Ronn :- “Scherzi a parte, sono stato un poliziotto per 20 anni, e non ho mai visto nulla di simile...”
Malm :- [dopo che l'elicottero è stato abbattuto] “Dovremo chiamare nelle forze armate.”
Martin Beck :- “Cosa possono fare?”
Gunvald Larsson :- [sarcastico] “Bombardare il palazzo. Portare artiglieria pesante, o ...”
Martin Beck :- “O che cosa?”
Gunvald Larsson :- “O schierare i paracadutisti. Si potrebbe così anche paracadutare una dozzina di cani poliziotto.”
Martin Beck :- “Zitto, Gunvald.”

Nel 1976, il pubblico cinematografico si erano già familiarizzato con Martin Beck. Era il detective della polizia svedese protagonista in una serie di romanzi di Maj Sjöwall e Per Wahlöö. Una sua versione americanizzata, interpretata da Walter Matthau, era apparsa nel bel thriller di Stuart RosenbergL'Ispettore Martin ha teso la trappola”(The Laughing Policeman)(1973), ma ci è voluto un bravo e affermato regista svedese per creare un film davvero emozionante e realistico con il personaggio di Beck. Bo Widerberg sarebbe stato ispirato da “Il Braccio violento della legge”(The French Connection) (1971) e il risultato è stato uno dei migliori film polizieschi d'azione mai realizzati negli anni settanta, e sicuramente il miglior film del genere mai realizzato in Svezia.
La storia inizia in un ospedale di Stoccolma, dove uno dei pazienti Stig Nyman, è praticamente sventrato da un assassino sconosciuto, in una sequenza che ha preceduto e ricorda molto l'analogo primo omicidio di Eva Axén, in “Suspiria”. La vittima era un alto funzionario di polizia e Martin Beck (Carl-Gustaf Lindstedt, bravissimo), il detective incaricato delle indagini, impara presto che era un poliziotto corrotto, il quale spesso utilizzava tattiche brutali che gli hanno procurato un sacco di nemici. In qualità di partner diBeck Lennart Kollberg (Sven Wollter) lo informa, che l'uomo era letteralmente "abominevole".L'indagine continua con metodo e come Beck e i suoi uomini si avvicinano ad arrivare a una identificazione dell'assassino, il colpevole si prepara per il suo atto finale, cioè provocare un bagno di sangue nel centro di Stoccolma. Qui non siamo in un film tratto da un romanzo di Agatha Christie, l'apprendimento su chi è l'autore dell'omicidio in questa storia è certamente interessante, ma non è terribilmente importante. Gli autori del romanzo hanno raggiunto la fama internazionale e ben prima del successo enorme dei Larsson e dell'ondata di romanzi gialli svedesi, principalmente per aver rappresentato una paese e una forza di polizia. La mitica Polis, che si stavano muovendo in una nuova era in cui la tecnologia stava diventando più sofisticata e la criminalità più spietata. Il bravissimo Widerberg è stato attento a far sembrare tutto il più realistico possibile. Così che il sangue nella scena iniziale è vero sangue di maiale, un drogato alla stazione di polizia è interpretato da un tossicodipendente vero e proprio senza metadone e in una vera cella di sicurezza, mentre l'elicottero che si blocca verso la strepitosa fine del film non è sicuramente un aeromodello. Come solito di Widerberg e dello stesso Friedkin, il regista ha incluso molti dilettanti e veri poliziotti, vigili del fuoco ecc., medici, nel cast. Abbiamo quindi davvero un'idea di come siano realmente stanchi e sfiniti i poliziotti, di come sia burocratico il loro lavoro e di come spesso sia per loro alquanto difficile essere lì per le loro famiglie: il matrimonio di Beck grazie a poche interessanti annotazioni sembra morto tanto tempo fa. E non è certo una sorpresa che sia la vittima che l'assassino siano poliziotti disillusi.

Sorprendentemente efficaci le scene d'azione
La lenta indagine della prima parte arriva alla sua brusca conclusione quando conseguentemente l'assassino sale su un tetto vicino al famoso Odenplan di Stoccolma e inizia ad abbattere le persone con un fucile, ma solamente i poliziotti. La seconda metà del film è una corsa thriller formidabile e terrificante in cui un tentativo dopo l'altro delle forze di polizia per cercare di fermare il cecchino barricatosi così in alto falliscono miseramente. Riesce persino a colpire l'elicottero della polizia di cui parlo sopra facendogli bloccare il motore e precipitare nel mezzo della folla di spettatori, evitando miracolosamente vittime civili. Le sequenze d'azione sono sorprendentemente efficaci, senza dubbio aiutate da approccio temerario del regista nelle inquadrature e nell'utilizzo della camera a mano incollata sui personaggi, che non sono nel classico stile hollywoodiano del tempo, e rischiando pure la vita riprendendo ravvicinatamente la speciale sequenza dello schianto dell'elicottero.Martin Beck si fa da parte per un po' qui ed i suoi colleghi, Kollberg e Gunvald Larsson (Thomas Hellberg), finiscono nella linea del fuoco. Sono una coppia interessante e divertente da seguire, in particolare per tutto il tempo in cui Larsson se ne deve andare in giro durante l'azione con un grande asciugamano avvolto intorno alla testa dopo essere stato sfiorato da un proiettile.

Il cast può avere dei non professionisti nelle parti di poliziotti, giornalisti ecc., ma i protagonisti sono interpretati da professionisti. Nessuno ha ritratto Beck meglio di Lindstedt, persino Matthau, mostrando al pubblico che avrebbe potuto fare molto di più delle semplici commedie che ha in gran parte interpretato nella sua carriera di famoso attore svedese, Hellberg Serner è anche lui molto bravocome l'arrogante Gunvald e Einar Rönn anch'esso è molto bravo come l'assolutamente privo di senso dell'umorismo vice di Beck. Una parola irrinunciabile sulla colonna sonora: è discreta, ma anche insolita e stranamente agghiacciante, nelle sue sonorità elettroniche e di fiati ricorda in alcuni passaggi il famoso e strepitoso album “Cyclone” dei Tangerine Dream con Steve Jolliffe . Il bambino figlio di Wollter è interpretato da Johan Widerberg, figlio del regista, che avrebbe in seguito ottenuto una carriera di successo come attore in film svedesi.
Un ancora doveroso cenno sulla trama e un po' di analisi:

A circa le 02:00 di una mattina di marzo a Stoccolma, un ispettore di polizia ricoverato per malattia in ospedale, dal nome Stig Nyman è aggredito a morte nella sua stanza con una baionetta.

Così inizia "Man on the Roof" , un sanguinoso, ma appassionante per gli occhi e con pochi pari nel cinema poliziesco d'azione anni '70, spietato e coinvolgente, film svedese dalle molte stratificazioni, e che venne distribuito in tutto il mondo, Italia compresa.

Scritto e diretto da Bo Widerberg, che probabilmente era ricordato fin qui per i suoi titoli migliori come "Elvira Madigan" (1969), gli splendidi “Adalen '31”('71) su di un famoso sciopero e la lotta operaia svedese nei primi anni trenta, “Joe Hill”('71), sorta di “Sacco e Vanzetti” scandinavo,"Man on the Roof", “L'Uomo sul tetto” secondo il titolo con cui venne distribuito nei cinema nostrani nel 1977, si basava su invece su di un libro giallo "The Abominable Man” , uno dei romanzi della molto apprezzata serie incentrata sul Detective Martin Beck scritta dal compianto e riscoperto Per Wahlöö e da sua moglie, Maj Sjöwall. I quali elevavano questi romanzi al di là delle tradizioni del genere su di un piano che da parte degli autori era di utilizzarli come base per l'esplorazione della società svedese, e il regista Widerberg rimase fedele a questo intento.

Da una parte, "Man on the Roof" si pone infatti come un semplice thriller. Chi ha ucciso Nyman e perché? Ma per scoprire la risposta, è necessario prima sapere chi era Nyman. Un poliziotto, naturalmente. Ma che cosa può anche essere è un poliziotto? Un uomo brutale, a quanto pare, o era un altro stimabile protettore delle persone più decenti della società? E infine, quando l'assassino si rivela e comincia uno di quei folli spettacoli per uccidere delle persone, in questo caso i suoi colleghi, proseguendo nel suo personale e dettagliatissimo piano di vendetta, barricandosi con due fucili telescopici e di grande gittata su di tetto tra i più alti della città, così attirando una folla assetata di spettacolo e i direttori del circo sotto forma di giornalisti televisivi importuni, e squadre speciali di polizia appositamente addestrate ed equipaggiate e dei loro elicotteri, il film diventa anche un meticoloso studio sulla razionalità della risposta.

Come condotta thriller, "Man on the Roof" non è un puzzle difficile. Semplice, con le procedure di polizia di routine, svolte in una modalità di dato di fatto con gli uomini a volte stanchi, a fornire le risposte.

Che investe però questo film di serietà e donandogli un credito verso la nostra attenzione, oltre che per i personaggi stessi. Essi vivono e agiscono infatti in un mondo reale, e Widerberg abbozza loro, il loro ambiente e le loro relazioni in modo rapido e con rara destrezza. Questo è vero anche per alcuni dei pochi caratteri che appaiono per pochi secondi, scompaiono per non essere mai più visti e, di cui probabilmente, si sarebbe anche potuto fare a meno in nome della brevità.

I ruoli principali sono riprodotti notevolmente: è doveroso riparlare di Carl-Gustaf Lindstedt come Beck, la cui economia e grandezza interpretativa ricorda Gabin come Maigret: Einer Ronn come suo assistente austero e malinconico, con un solco verticale tra le sopracciglia che la dice lunga, Sven Wollter e Thomas Hellberg come i due detective più giovani e d'azione che come detto si mescolano quanto l'olio e l'acqua.

Ma dietro a tutto si profila sempre Widerberg. "Man on the Roof" avrebbe potuto un po' soffrire di una parte molto più lenta quale è la prima metà, ma per tutta la sua lunghezza, il regista dimostra diverse varietà di eccellenza, dalla minacciosità horror del solo occhio dell'assassino visto nel buio scrutando attraverso una tenda scura, nella scena citata in apertura , alla affettuosa raffigurazione di una bellissima città come Stoccolma di sfondo, alla rivelazione dal carattere succinto, al miscuglio di eccitazione, terrore e suspense nella fase culminante. Non è l'ultima delle sue eccellenze ma è la sua volontà unitaria, in un momento in cui sembra che la tecnica è tutto e nulla sia la coerenza, di avere cura del pubblico e della sua intelligenza, attraverso una purissima idea di cinema.

L'Uomo sul tetto” d opo il passaggio nelle sale nel 1977 non è naturalmente mai uscito in home video italiano in alcuna forma, ma se ne ricorda un lontanissimo passaggio televisivo su Raidue per un ciclo cinematografico ad opera del benemerito Claudio G.Fava. E' stato altresì distribuito nel 1997 in vhs NTSC dalla New Yorker Video come “The Man on the Roof” , in una ottima edizione widescreen in svedese sottotit. in inglese. Lo si trova in dvd svedese nella collana “SvenskaKlassiker” della SF(Fox) - Svenk Film Industry - in una splendida edizione dal package sovracartonato, restaurata e rimasterizzata in HD nel 2004 e che venne in seguito ridistribuita nei cinema svedesi nel 2005. E' disponibile anche una edizione a doppio disco (“Dubbeldiskutgava” in svedese), con un documentario di oltre un'ora sulla lavorazione del film, e interviste a Widerberg e ai protagonisti.

Guldbagge Awards Anno 1977 Ha Vinto il Guldbagge per il Miglior Attore (Bästa manliga huvudroll)
a Hakan serner
Anche per "Bang!” (1977).
Miglior Film (Bästa film)
Valutazione qualità: 3.02

La scena di apertura, quando il killer pulisce il coltello e lascia la sua casa, non faceva parte del copione originale, ed è stata girata dopo che la sparatoria principale era finita. Ingvar Hardvall ha ammesso di non avere interpretato l'assassino in questa scena, ma non ha rivelato chi l'ha fatto davvero.
La maggior parte dei poliziotti e giornalisti nel film sono interpretati da veri poliziotti e giornalisti.
Sangue reale (da suini) è stato utilizzato in questo film.
L'incidente di elicottero è stato girato senza permesso il Venerdì Santo, causando alcune proteste dalle chiese locali.

Le compagnie di assicurazione hanno affermato che l'incidente di elicottero sarebbe stato troppo pericoloso per essere ripreso da una distanza ravvicinata, in modo che il regista Widerberg ha realizzato personalmente la sequenza con una camera a mano dagli angoli più rischiosi.
Widerberg aveva visto “Il Braccio violento della legge” e ha voluto fare un equivalente svedese di quel film.

La breve scena con la giovane donna che grida sul bus è stata realizzata con una candid camera su un vero autobus con i passeggeri reali. La loro reazione al grido è reale.

Il film è molto vicino al romanzo. Per esempio molto della finestra del libro incentrata sull'assedio sopra i tetti è conservato per il film. Una differenza importante è però l'incidente di elicottero. Nel romanzo si blocca in Vasaparken (un parco che si trova non lontano da dove si svolge l'azione). Widerberg ha cambiato il luogo in un incidente più spettacolare sul Odenplan - pieno di gente.

L'uomo arrabbiato alla stazione di polizia di Klara è interpretato da Torbjorn Tonnsjo, che sarebbe divenuto un professore di filosofia pratica presso l'Università di Stoccolma.

Widerberg scelse l'attore Carl-Gustaf Linstedt- uno dei più amati comici della Svezia al momento - per interpretare il ruolo principale drammatica dopo aver visto Lindstedt come ospite in un talk show alla ricerca di essere serio, non rendendosi conto che era in onda.

Ogni membro del cast principale, con l'eccezione di Martin Beck (interpretato da Carl-Gustaf Linstedt) indossa una specie di berretto o un cappello. Widerberg ha poi commentato su questo, dicendo che voleva vedere bene la faccia infreddolita di Beck (fu girato durante l'inverno) in tutto il film.

Il ambino di Kollberg è interpretato dal figlio del regista Johan Widerberg che in seguito divenne un attore professionista. In “Mannen på taket” egli pronuncia la sua prima battutadi sopra, la parola ''palla''.

Carl-Gustav Lindstedt è il terzo attore che ha interpretato Martin Beck. Il primo Martin Beck fu Keve Hjelm in “Roseanne” (1967). Dopo di lui Walter Matthau ne ha interpretato la parte in “ L'Ispettore Martin ha teso la trappola”(The Laughing Policeman) (1973)-il nome del personaggio venne cambiato in Jake Martin. Dopo Lindstedt la parte è stata interpretata da Derek Jacobi, Gösta Ekman e Peter Haber.

Non un solo treppiede è stato utilizzato per questo film - tutto è girato con la cinepresa a mano e sempre in azione, unico per l'industria cinematografica svedese al momento della realizzazione.

Ingvar Hardwall , che interpreta l'uomo sul tetto, soffriva di vertigini nella vita reale.

La lavorazione del film venne fermata per una settimana in modo da dare a Widerberg la possibilità di riorganizzare la sua squadra dopo il direttore della fotografia si era sentito male.

L'arma usata dal killer nell'ultima parte del film è un fucile mitragliatore americano M1941 Johnson.

Spoiler
Le voci di trivia qui seguenti possono rivelare importanti aspetti della trama.

Durante l'attacco alla macchina della polizia, il giovane ragazzo che trascina il piccolo bambino sulla bicicletta via dalla linea di fuoco era effettivamente caduto con il bambino durante la ripresa. La scena è stata mantenuta nel film.

L'omicidio in ospedale è stato ripreso 7 volte con ca. 8 litri di sangue di maiale per volta.
                                                  
                                                  Napoleone Wilson














Wilson


9 commenti:

  1. Interessante vedere in testa alla rece una foto di Bo Widerberg durante le riprese nel centro di Stoccolma, o di Svenn Wollter/Lennart Kollberg. Bo Arne Vibenius già autore dello splendido, "stracultuale" "Thriller - A Cruel Picture/en grym film" (1974) con la stupenderrima Christina Lindberg, è qui presente come Direttore di Produzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonami l'off topic Napoleone, peraltro non conoscendo questo film non sarei all'altezza di formulare un commento di un certo spessore in merito. Volevo chiedere se qualcuno di voi voleva recensire "Il Sorpasso" che si trova nella lista dei 100 film italiani da salvare. Vorrei farlo io ma il finale nel suo essere cosi' affrettato mi disturba a tal punto che potrei criticarlo piu'che elogiarlo la qual cosa mi spiacerebbe non poco perche'trattasi di film "quasi" perfetto,dalla sceneggiatura ai dialoghi passando per la splendida fotografia e la caratterizzazione dei personaggi. "Quasi", proprio perche'rovinato da un finale che pare smanioso di chiudere prima di subito un film altrimenti eccezionale. Ringrazio anticipatamente per le risposte.

      Elimina
  2. Ma non ti preoccupare penso anzi che nessuno potrebbe farla al meglio anche per i sicuri rimandi automobilistici sull'Italia degli anni '60 e il suo parco macchine-stradale che ci potrai dare, e gustose curiosità a riguardo della famosa Lancia Aurelia del film.La conclusione tragica e "a doccia scozzese" dei road-movies è iniziata forse proprio con il film di Risi, il primo vero esempio di tale aureo filone che si concludeva infatti propriamente così, con una nota drammatica e inaspettata. E poi si conclusero tutti in questo modo: "Easy Rider", "I Selvaggi", "Punto zero", "Electra Glide", "Zozza Mary, pazzo Gary/Dirty Mary, crazy Larry", ecc., ecc.,

    RispondiElimina
  3. mi scuso per la veloce risposta a Max ma... certo! scrivila come vuoi, ogni considerazione è lecita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatta e inviata! Ma potrebbe non piacere a molti, del resto criticare la regia di Risi e' una cosa che ho visto fare pochissime volte:-)

      Elimina
  4. Anch'io non dico niente sul film, solo che il citato a cruel picture sono anni che devo vedermelo. ho un off-topic anch'io, lo so che è brutto ma i vostri pareri sono quelli che m'interessano di più..
    la domanda è: avete visto la serie televisiva Spartacus? Ed il suo finale? Se si cosa ne pensate? per me è secondo solo al finale di Lost..

    RispondiElimina
  5. Troppo sesso in "Spartacus" mai vista sono poi già giorni che non "svuoto"....Quindi. Comunque mai interessata a dire il vero. Piuttosto in tema, hai visto le prime due puntate di "Hannibal" -La Serie, che te ne pare...?

    RispondiElimina
  6. Allora ti sarà preclusa anche la visione di Game of Thrones!
    Di Hannibal ho visto la prima, non mi ha fatto una grande effetto, ricorda criminal minds.. però dal trailer sembra che possa migliorare.. vedrò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto anche il secondo episodio. Macabro davvero! Mi prende, mi prende.. :)

      Elimina