venerdì 24 giugno 2011

Necromantik

24
1987, Jorg Buttgereit.

Attenzione: horror estremo.

Attirato fatalmente, amore a prima vista, dal titolo e dalla locandina, mi sono ritrovato davanti un film goticamente minimal come solo un tedesco può fare, digeribile come una ciambotta a colazione: meravigliose sensazioni per un horrorofilo, uno che ama far del male alla propria umanità. E poi c'è una scena, ma facciamo anche 2, che da sole valgono la visione...

Mai avrei immaginato di utilizzare l'avvertimento in testa per un film amatoriale. E' circolata a lungo una vhs che s'è propagata in modo virale, anche nel file-sharing. Ora è commercializzato in dvd. Film capostipite, ho scoperto poi, del sottogenere horror denominato "necro-splatter", è talmente poco recitato da sembrare un documentario o peggio uno snuff. Invece è proprio finzione, fortunatamente.

L'argomento è appunto la necrofilia. Rob lavora per una curiosa società (J.S.A., "Joe's Streetcleaning Agency") che si occupa di ripulire dai cadaveri situazioni d'incidenti, stradali e non. In questo modo riesce a procurarsi qualche pezzo di carne di straforo. Il massimo però è riuscirsi a procurare un cadavere, e ci riuscirà, un bel tronco di scheletro in avanzata decomposizione ma integro quanto basta, per la gioia infinita sua e soprattutto dell'angelica Betty, la sua ragazza, che potrà saziarsene... il resto lo racconto coi tantissimi frame.

Ecco! Dopo la commedia horror di 2 giorni fa, abbiamo riportato immediatamente l'amato genere, che tanta soddisfazione dà alle nascoste e private perversioni, sui giusti binari! C'è molto grasso umano oltre al tanto sangue, per cui, anche se fuori stagione, consiglio un bollito di muscoli, reale con l'osso e biancostato, da condire a piacere e vino, tanto vino!, rigorosamente color cremisi. Eventualmente tenetevi il titolo per una piovosa notte solitaria d'autunno inoltrato, veramente inadatto ad una notte romantica, a meno di non avere "filie" affini a quelle di Rob e Betty...
Io invece non ho pazienza, e quindi appena possibile guarderò anche, restando come si dice "sul pezzo", "Buio Omega" di Joe D'Amato e, naturalmente, il sequel "Necromantik 2".
Robydick


pronti via, alcune immagini che scaldano il cuore

l'insaccamento dei resti dei cadaveri è occasione per procurarsi qualche souvenir

souvenir che poi vanno conservati con cura, vedi anche frame sotto

dolce Betty! non fa il bagno nel latte come cleopatra, lo fa nel sangue, come...
ma sarà ugualmente idratante per la pelle?

parte CulTurale del film. partendo proprio dall'aracnofobia viene fatta un'analisi su come le fobie possano e debbano essere superate. c'è pure un millantato scienziato alla tele che in un'intervista sostanzialmente dice che siccome "la lingua batte dove il dente duole" allora tanto vale affrontare di petto le proprie fobie e trasformarle quindi, con intenti terapeutici, in manie (non dice così, è la mia interpretazione...)

ecco appunto, sono esempi "normali"

tormentone ricorrente, la macellazione di un coniglio, che parte dalle carezze prima della botta in testa  fino all'eviscerazione

un massaggino all'occhio del decomposto appena arrivato a casa e già superstar

ha portato la gioia in famiglia, come quando arriva un bambino, sono fasi dolcissime e commoventi

un bel pezzo di tubo tagliato a giusta misura, piazzato al giusto punto, condom-izzato a giusta prevenzione... e via!

scene volutamente sfuocate dal regista. in ordine di apparizione da sx a dx e dal basso all'alto: il decomposto, Betty e Rob, tutti insieme appassionatamente...

l'occhietto aveva bisogno di una pulitina... e ciucciamolo.

pausa pranzo

appeso al muro, ma con rispetto

dicevo appunto "come un bambino", e infatti una favoletta per fargli prender un sonno più lieto ci vuole

altra sfuocatura... mi chiedo un teschio che cunnilingus potrà mai operare, ma Betty pare apprezzare, quindi... forse coi denti?

perverse o meno, tutte le donne hanno una caratteristica comune: ricattano i compagni in qualche modo. 

se n'è andata la dolce Betty (perché? lascio alla visione)... ma non senza il suo giocattolino preferito.

Rob si consola con un gatto percolante sangue in vasca, bella scena

si esce al cinema! bisogna distrarsi... un posto assurdo, buio e tetro, z-movie horror in proiezione... bella gente.

dallo z-movie

ancora z-movie

sogno rivelatore: ma non è che Betty mi vuole morto? dubbi amletici

questo e il prossimo frame parlano con i sottotitoli

gli ho voluto bene per un attimo

basta dai, sono già abbastanza spoiler i frame, ci mancano solo altri commenti! 

apoteosi orgasmica

quando vedrete questo tutto diventerà logico, comprensibile, cristallino...

Concludo parafrasando in "latino de noartri": Mors sua goduria mea!
Alla prossima...

24 commenti:

  1. Ti manca anche "Der Todesking"....Di Buttgereit....Visti tutti i suoi film, compreso però sinceramente mai amato...

    RispondiElimina
  2. "appeso al muro, ma con rispetto" haha :D

    In questi giorni parlavi di un horror estremo, e devo dirtelo, mi veniva in mente proprio questo
    (sospettavo anche angst visto in questi giorni).

    Io questo film faccio pure fatica a dire di averlo visto, c'è gente che non può capire! haha
    La scena principe ho davvero davvero davvero fatto fatica a guardala, non ero rimasto seduto, la guardavo camminando avanti e indietro :)
    Davvero soffocante! è un gran film, che merita,(c'ha pure un finale intelligente) ma non credo lo guarderò ancora :P

    Del 2 e Buio Omega ho letto anch'io.. chissà forse più avanti! :)

    RispondiElimina
  3. urca napoleone! "der todesking"... guarderò sicuro!
    non è un regista da amare credo, poi dovremmo intenderci sul significato del verbo "amare" al limite, ahah!

    gus, cominciamo ad essere telepatici? :D
    questa è roba che può capire ed apprezzare solo una "elite" ristretta, gente di frontiera e noi, modestamente... elitiamo! :P
    io come scena principe non so se scegliere la doppietta o la fontanella, ahahah! eh, son dilemmi...

    RispondiElimina
  4. Mamma mia... certo che una roba del genere è davvero extreme... pazzesco e curioso, a dir poco. Grande!
    Vedo di recuperare in velocità!!

    RispondiElimina
  5. ciao eddy! vai vai, e mi raccomando, il bollito durante la visione... :D

    RispondiElimina
  6. Attenzione, horror estremo!
    Ok, questo film non fa per me!

    RispondiElimina
  7. ciao adriana! allora gli avvisi servono!
    grazie del feedback :)

    RispondiElimina
  8. lo conoscevo ma non l'ho visto..rmedio subito..a giovedi carissimo...indivina chi si cela dietro questo anonimo..eh

    RispondiElimina
  9. brazzz l'anonimo, ahah! mannagg... ma ancora non ti funziona il profilo? :)

    RispondiElimina
  10. questo è uno di quei film che rimando la visione ormai da anni!
    ho doppio timore rispetto ai film che si portano dietro quest'aurea leggendaria di essere totalmente "estremi".
    il primo è di farmela davvero sotto e di rimanerci... come se tutto l'allenamento su certo cinema non sia servito a niente.
    il secondo è, contrariamente, di rimanere totalmente delusi.

    RispondiElimina
  11. frank, lo sai ma lo dico anche con l'occasione del tuo commento: questi film vanno visti con curiosità e senza dimenticare mezzi usati e anno di produzione... col giusto approccio insomma :)

    RispondiElimina
  12. non mi funziona..ma in effetti postando i commenti nell'altro modo il problema non si pone..qui da te vorrà dire che mi firmerò a fine scritto..ciao caro..

    RispondiElimina
  13. ho letto molto di questo film... in giro lo si vedeva come una sottospecie di cult.
    strano però, che non mi abbia mai davvero attirato.

    boh.

    RispondiElimina
  14. ebbè uno si deve inventare sempre qualcosa per diversificare il rapporto… :/

    RispondiElimina
  15. dr.nick, dopo la visione di questo film ci vorrebbe una delle tue "cure"... ;-)

    hai ragione cara petrolio... per ora però continuo a preferirle vive. carne morta solo per magna', ahah! :***

    RispondiElimina
  16. Già il warning "horror estremo" me fa' impazzì!Gajardo piu' che mai.Film da prendere o lasciare, indubbiamente interessante.Buttgereit ha continuato su questa linea, se ti va daje uno sguardo anche a "Schramm".E,a proposito di necrofilia Mon Amour, ma magari l'hai già visto, prova con "Aftermath/Genesis" di Nacho Cerdà.Er gruppo de progressive nun c'entra niente,eh!Ah!Ah!un grande saluto!

    RispondiElimina
  17. questa volta passo, io la ciccia morta me la magno, ma non me la scopo.

    RispondiElimina
  18. peccatoi belu', i genesis furono il primo amore musicale della mia vita, ahah! consigli segnati eh... ;-)

    harmo, ti ha proprio preso male. mi aspettavo una battuta sul macellaro delle tue parti, e invece ... :)

    RispondiElimina
  19. Buttgereit almeno ai tempi ('87/'88) in cui divenne universalmente celebre con questo primo "Necromantik" nei festival specializzati di horror come il più estremo e grezzo regista indipendente della persino e già di suo al solito estrema produzione tedesca degli horror amatoriali, ai tempi dicevo, era solito in conferenza stamapa accovacciarsi improvvisamente, cacarsi in mano attraverso una vestaglia aperta dietro da degente ospedaliero, giochicchiare cataconicamente con il malenco caldo e fumante plotto raccolto nelle sue manine, spalmarselo magari un poco sul viso con delicati e soffici tocchi, a mò di crema idratante per il dopo rasatura, eppoi subito dopo incominciare a tirarla giocosamente e gagliardamente sugli astanti convenuti, ma in particolare predilezione, ai soliti giornalisti...I filmati di ciò sono ovviamente molto presenti -o almeno lo erano quando ancora gli cercavo perdendo tempo in queste squisitezze- qui in rete...E non sto scherzando, l'è tutto vero.

    RispondiElimina
  20. porc... pure coprofilo... ma che razza di personaggio, ahah!

    RispondiElimina
  21. Ormai sei nel vortice Rob, ti tocca quasi tutto Buttgereit. :D Anch'io mi unisco a Napoleone, consigliandoti "Der Todesking" e dicendo di aver compreso Jörg pur non ritenendomi un fansissimo. Sul blog ho uno specialone su tutta la filmografia.
    "Nekromantik" mi è piaciuto, è davvero un horror sentimentale, niente da dire! D'altronde in quante coppie c'è una parte aliena e che non ricambia? Poi quella realizzazione grezza e arronzata riesce a maggiorare il messaggio...
    Ah, io sono uno di quelli che non apprezza le uccisioni di animali fatte APPOSTA per girare il film, ma fortunatamente in questo c'è il gatto che è finto, mentre le immagini del coniglio sono documentaristiche, a scopo di illustrazione del consumo (nel film immesse per un altro senso, ovvio) e prese chissà dove... PARE (non le digerisco lo stesso, ma neanche si può essere ipocriti e fare gli amanti con il piatto pieno).

    RispondiElimina
  22. ciao occhio! la penso come te eh. sì, il gatto è palesemente un pupazzo. i conigli sai, pe' magna' se ne ammazzano tanti ed è pure una carne che apprezzo molto :P
    confermo: buttgereit è uno di quelli che mi devo vedere :)

    RispondiElimina
  23. sono convinto che, quantomeno come idea, "Der Todesking" sia il capolavoro di buttgereit ma ovviamente dovrò per forza dare un occhio a schramm e a questo, prima o poi... certo si tratta di produzioni artigianali forse addirittura inferiori a quelle bistrattate di Fulci di fine anni 80, ma credo che le buone idee ci possano essere anche qui.

    RispondiElimina
  24. sc, con fulci sono in rassegna ma sono arrivato agli inizi '80 e so che mi aspettano alcune perle... :)

    RispondiElimina