venerdì 25 febbraio 2011

Thunder on the hill - La campana del convento

23
1951, Douglas Sirk.

In Inghilterra, in un momento di gravi alluvioni portatore anche di epidemie, un convento che funge da ospedale si ritrova ad ospitare numerosi rifugiati. Tra questi Valerie, una giovane donna che deve subire la condanna all'impiccagione per aver ucciso il fratello ed è in trasferimento verso il luogo dell'esecuzione.

Sorella Mary, direttrice dell'ospedale, con una cupa storia alle spalle, da subito capirà che Valerie è innocente e che la sua condanna non può che essere frutto di un errore giudiziario. Inizialmente col solo intento di rendere l'attesa del patibolo, prolungata dagli eventi, meno dolorosa, Mary si troverà quasi per caso ad indagare sulla vicenda...

Un giallo avvincente e rigoroso, con delle recitazioni "vecchia maniera" nel senso buono del termine, quelle da Scuola oltre che da talento, esemplari, in pieno stile teatrale. Forse oggi su questo genere siamo più abituati a scene d'azione, ad aspetti spettacolari e solo nel noir troviamo ancora i tempi lenti e le inquadrature indugianti quanto basta, l'attenzione allo sguardo come alle frasi concise e significative.

Eppure questo stile potrebbe avere ancora il suo bel Perché, così saturo com'è di situazioni sospese e drammi celati, da rivelare solo alla fine. Non sente il trascorrere del tempo e non penso che il suo fascino risieda nell'essere antico. Sarebbe bellissimo vedere qualcuno che, oggi, riproponesse un film con tutto il metodo ed il rigore di questo, senza dare spazio a personalismi od eccessi sia interpretativi che scenografici, mantenendo intatta la storia.

Cosa posso dire di più? Bello, molto bello, 80 min interessanti, avvincenti senza cercare fibrillazioni, e non di rado commoventi, pieni di buone maniere ed alti valori privi di retorica. Consigliato a tutti senza indugi.
Non posso proprio negarmi qualche frame del "mio" amato bianco e nero.




Uno dei tanti consigliati dall'amico Napoleone Wilson, ogni tanto un ringraziamento glielo devo proprio.
edit: anche il caro Harmonica mi ha parlato in più occasioni di questo regista.

23 commenti:

  1. Un film con questo rigore, è roba da Sandro Veronesi e Silvio Muccino, 'sta sicuro. ^__^ vedrai che "domai" inizieranno a girarne uno.
    Belli questi filmoni stile lunedì sera su raiuno, anzi sul primo canale, quando facevano cicli su registi, attori, generi e sui quali mi sono formato.
    Oggi devi avere sky o fare l'allba per riuscire a vederne uno. Poi sono film talmente belli e importanti che anche stamani niente battutacce, mannaggiamaronna,,,,

    RispondiElimina
  2. ahah! e mannaggia sì! anch'io ricordo quando si diceva primo canale, secondo... d'altronde non c'era ragione di nominare la rete televisiva.

    RispondiElimina
  3. questo non ,o concosco proprio,pare imnteressante..sei davvero una miniera..un saluto a napoleone..

    RispondiElimina
  4. Dovrei toglierti dal blogroll!
    Ogni giorno un film. Ogni tre giorni, due film che non ho visto. Ogni mese, venti film che meriterebbero.
    Come te lo devo dire che non riesco a starti dietro?
    :-)

    RispondiElimina
  5. si procede negli scavi caro brazzz... ;-)

    marziano, ahah! mi spiace, tieni duro dai!
    ho l'obiettivo di arrivare almeno a 5000 recensioni, poi mi ritiro in meditazione su qualche monte... col pc ed una connessione ad internet ovviamente :D

    RispondiElimina
  6. Ecco lo vedete che perde chili scavando? ecco com'è… :))))) Che bello. Dovrebbe essere possibile ideare una rassegna RobyDick, tutti davanti allo schermo del comp tre sere a settimana con proiezione di film di questo tipo. Insomma una comunità di cinefili riuniti per godere di tali capolavori! Che bello, poi alla FINE (se sento parlare qualcuno o immagino che qualcuno commenti come nel film di Benigni mi alzo e m'inca) si esprimono commenti, critiche, apprezzamenti e qualsiasi altra diavoleria… mé forza studiate il modo di realizzare questa mia fantastica visione! ;)

    RispondiElimina
  7. Questo mi manca...cavolo...e va beh...comunque Roby a parte i capolavori....ho una richiesta....che ne dici del discorso del re? E di qualche film recente? io la butto lì...ahahah

    RispondiElimina
  8. petrolio, mannagg... m'hai fatto troppo ridere!
    per la rassegna, non male l'idea. aspettiamo quota 5000 ok? :D

    ciao Laura. ma dai, di quel film ne leggi a centinaia in giro di rece! lo guarderò sicuramente prima o poi... cmq di film recenti, anche non ancora usciti in italia, ne ho visti ultimamente, come Mammuth e The Human Centipede questo mese, Enter the void e Yatterman a gennaio... ogni mese almeno 2 o 3 chicche recenti ci sono più o meno :)

    RispondiElimina
  9. anch'io faccio magari un po' fatica a tenerti dietro, ma ti assicuro che davanti alle molte proposte che meritano (fra cui questa!) non solo ringrazio (te e in questo caso Napoleone Wilson), ma prendo nota nella mia lista, e prima o poi (anche se non tutti) cerco di guardarmeli.

    RispondiElimina
  10. grazie a te Zio, da molto tempo sostenitore ed estimatore del blog. :)

    colgo l'occasione per annunciare che Napoleone Wilson, nella veste che gli compete, è di fatto diventato membro dello staff!
    a presto l'ufficializzazione.

    RispondiElimina
  11. Roby....oh io ci ho provato...ahahahah...!!!!

    RispondiElimina
  12. ahah! un bacio Laura, sei troppo simpatica! :***

    RispondiElimina
  13. Sai che scrivi proprio bene le recensioni, a volte sei anche poetico! : )

    Credo sia un film drammatico con quella drammaticità e stile come solo una volta erano capaci di fare....Ciao Cri : )

    RispondiElimina
  14. grazi Cri, molto gentile. :P
    mi chiamano "il virgilio del parco lambro" effettivamente, ahah!
    ciao

    RispondiElimina
  15. ...Vedo con piacere che si sta anche iniziando un cammino nella filmografia sirkiana, grande cineasta di rara sensibilità poetica, laddove il melodramma ew anchec di vera rara, intensità drammatica, non alla latina, ma secondo le coorinate dritte e precis di un'autentica etica protestante, "il fattore morale" come si potrebbe dire oggi...

    RispondiElimina
  16. eh sì wilson, regista che dovrà avere la sua fetta di blog assolutamente!
    ho fatto un edit nei ringraziamenti finali, mi sono ricordato che anche Harmonica insisté nel consigliarmi Sirk.

    RispondiElimina
  17. Film da cineeteca caro Roby, i Film con il quale i cinefili come me sono cresciuti...
    grande Clodette Colbert

    RispondiElimina
  18. vero magar! grazie, a nome del film.

    stavo riflettendo mentre hai commentato su "il fattore morale" che cita Napoleone, che differenzia il mondo anglosassone da quello latino nel vivere i drammi, così come poi nel rappresentarli.

    RispondiElimina
  19. Grazie per la citazione. Sirk insieme a Pietro Germi sono due tra i miei registi da Olimpo.
    Magnifica ossessione, Come le foglie al vento, Lo specchio della vita, per Sirk, L'uomo di paglia e Il ferroviere, di Germi su tutti, ma scartare gli altri film dei due registi sarebbe fargli un torto. Per troppo tempo ritenuti dei polpettoni melodrammatici, i film di Sirk sono stati rivalutati con opera meritoria dalla nouvelle vague della critica che ha trovato in questi film una perfetta rappresentazione delle contraddizioni e della fragilità umana da una parte e dell'intuito di Germi nell'essere il primo a mettere su pellicola il privato dell'operaio italiano, cosa che allora era pericolosa da raccontare se non volevi incorrere negli strali deil'intellighentzia di sinistra (questa storia, da uomo di sinistra, ma libero da dogmi vari, mi ha sempre fatto girar le palle).
    Comunque Lo specchio della vita e L'uomo di paglia, sono due capolavori che andrebbero imparati a memoria, altro che Bertolucci.
    Ti segnalo anche un film che è un'omaggio a quella stagione del melò, il regista è Todd Haynes, il film è "Lontano dal paradiso" del 2002, con una splendida Julianne Moore. Un film che nel suo essere un esercizio di stile sirkiano, riesce ad avere una sua autonomia e la dimostrazione che quando si hanno delle solide sceneggiature, si riesce a fare ancora del melò senza cadere nelle "scemeggiature" che ammorbano come un cancro il cinema italiano di oggi. Sono talmente presuntuosi che ritengono il melò roba da fiction tv di quart'ordine, ma forse è bene così; se non hai le palle per raccontare certe storie, che si divertano pure con le loro operine carine; il guaio però, è che si credono dei geni.

    RispondiElimina
  20. hai citato film che dovrei già avermi procurato, ma vado a controllare. ad ogni modo tengo in evidenza questo ricco commento Harmo, ti ringrazio tantissimo e ti dico che, non so quando, ma sono tutti film che DOVRO' vedere.

    RispondiElimina