sabato 5 febbraio 2011

Cyrus

25
2010, Jay Duplass, Mark Duplass.

Udite udite! C'è qualcuno che sa fare un bel film di dialoghi, persone semplici che cercano di uscire da piccole e normali difficoltà esistenziali, ad infilarci persino un finale lieto per quanto aperto, senza retoriche mielose e melense! Sono cose che fan notizia, fatico a crederci.

John (John C. Reilly) è separato da anni, ha un buon rapporto d'amicizia con la ex moglie che sta per risposarsi ma è sentimentalmente depresso. Incontra ad una festa, una di quelle piena di gente molto "in" che gli sono poco congeniali, una donna carina e "alla mano" come lui, Molly (Marisa Tomei) e sarà amore immediato, passionale e pacato. Lei però non si fermerà a dormire da lui per tutta la notte. Dovrà tornare a casa, dove l'aspetta un "bimbo" obeso di 22 anni: Cyrus (Jonah Hill).

John e Molly si vogliono proprio bene, sono fatti l'uno per l'altra, 2 eccezioni di sincerità in un esercito che bada alle apparenze. Cyrus però tiene Molly sotto ricatto morale, è immaturo, sola cosa che sa fare è musica coi sintetizzatori. Non vuole perdere la madre, farà qualche piccolo dispetto a John per allontanarlo, userà diverse strategie fino a che uscirà allo scoperto e a quel punto sarà guerra aperta tra loro, con tanto di dichiarazione affatto diplomatica. E insomma, quel ragazzotto quando vuole rompere le uova a qualcuno ci sa fare, e mi fermo qua.

Trama semplice semplice, insufficiente persino per una terza pagina d'una volta. Non aspettatevi nemmeno 'sti gran casini tra i 2 contendenti per Molly; poca roba, nessuna spettacolarizzazione, niente parossismi. Può sembrare strano a dirsi ma l'originalità del film, che m'è piaciuto tantissimo, l'ho trovata proprio in questo. Si potrebbe parlare a lungo del mammone Cyrus, un "altezzoso tam quam brevilineo" ministro attuale lo farebbe con piacere. Dà il titolo al film ed è il solo personaggio un attimo inquietante, ma a me sono piaciuti da morire i 2 fidanzatini di mezza età e di loro voglio parlare.

John e Molly sono 2 persone adorabili, deboli senza ambizione d'essere forti, incapaci di cattiverie, con un gran bisogno d'amore, di sesso e d'affetto che non si preoccupano di celare, che non fanno alcuno sforzo d'apparire diversi da come sono. Sono le persone che amo!! La cosa più artisticamente bella è quando la macchina da presa li inquadra, in diversi momenti, facendoci sentire la loro voce come fosse un pensiero e continuandola poi nelle parole veramente espresse. Centrando su di loro il punto di vita Cyrus diventa semplicemente un incomodo, l'ostacolo finale da superare perché altro non può intromettersi.

Mai troppe parole, mai troppe. E' per quello che non sopporto certi film di un notissimo regista americano che ogni volta che ritrae sé stesso e/o i suoi compatrioti come stressati, depressi piuttosto che ipocondriaci e polifobici, ci mostra persone che parlano a mitraglia, frasi a raffica, ognuno che parla per conto suo poi, senza ascoltare gli altri. Sarà anche quello il mondo che vuole ritrarre ma mi danno sui nervi. Chi è? Provate a indovinare. Un aiutino? Ricorda un certo picchiarello.
Qua siamo agli antipodi, si parla il giusto, uno per volta, ci sono persone che sanno ascoltare.

Si potrebbe dire ancora molto ma direi basta. Il tempo di lettura della rece non può superare la durata del film. A mio parere un vero gioiellino, che fa pensare e trasmette una piacevole serenità, strappando più di un sorriso. Ognuno ci troverà qualcosa di suo e forse anche un piccolo consiglio su dove poter migliorare il proprio carattere, chi può dirlo?
Bravissimi i 3 attori. Decisamente da vedere.

alla festa "in", con quella panza ... mi ci sono molto identificato.

da ridere!

Cyrus serissimo durante una performance musicale

John è sempre più perplesso sul rapporto che hanno quei due

belli, e bravi... quanto mi sono piaciuti entrambi gli attori!

qua è da ridere ancora


Un caro grazie all'amico eustaki che me l'ha consigliato anche con una certa insistenza.

25 commenti:

  1. Ho individuato il regista picchiarello, sarà mica la voce di Oreste Lionello doppiata in video da Woody Allen ? ;o)
    Anch'io ultimamente sto trovando film semisconosciuti, mai usciti in Italia, come ad esempio "Easy A" e "Flipped".

    RispondiElimina
  2. proprio quella harmo :)
    li consigli quei film che citi? vado a dare un'occhiata...

    RispondiElimina
  3. Consigliati; flipped è l'ultima fatica di Rob Reiner, cito da MyMovies.it: "Una storia d'amore adolescenziale in cui i due protagonisti raccontano dei medesimi eventi ma ognuno dalla propria prospettiva. All'inizio Julianna si innamora di Bryce, o per essere più precisi dei suoi occhi azzurri... Naturalmente a 7 anni, Bryce non è interessato. I bambini crescono e le loro emozioni cambiano drasticamente."
    Easy A è una commedia ambientata in un liceo americano, lontana anni luce dal muccinismo e dal moccismo tricolore.

    RispondiElimina
  4. Io ci vedo un modo per rimanere normali, non pretendere troppo da se stessi e godersi la vita! oh yes!
    @Harmonica: che schifo… muccinismo e moccismo tricolore mi fan pensare a una sostanza viscida tipica dell'infanzia! XXX:D

    RispondiElimina
  5. TEST NON LEGGERE QUESTO POST!?! :OOOOOO te possino! :)))) *****

    RispondiElimina
  6. brava milena e guarda, lo definirei anche un po' dudeista come film, eheh!

    il post di test era necessario per iscrivermi ad un aggregatore di blog :)

    RispondiElimina
  7. ahahahahha! viva Dude! per il test: vaffa bonario e affettuoso! :)

    RispondiElimina
  8. ahahah, pure io come petrolio avevo finito col cliccare: per tutta la mattina mi son detto: "Se ha dei lavori in corso e non vuol essere disturbato non andrò a rompergli i coyotes, e se invece è la solita psicotrappola col cavolo che ci casco..." ma poi la curiosità è stata troppo forte... :-))

    p.s. evviva il dudeismo, naturally...

    RispondiElimina
  9. raga', come dudeisti cominciamo male, non penso la curiosità sia una dote della "new corrent of pensier" :D
    onoratissimo cmq, c'è gente che per un vaffa di petrolio darebbe un dito con lo smalto verde... :P

    RispondiElimina
  10. Me lo sono perso ...sì, ha un bel cast e la storia interssante.

    RispondiElimina
  11. questo cyrus era da tempo tra "i film da vedere"... ora sta salendo in cima alla lista!
    NON TI PIACE WOODY??? ERETICO!!!

    RispondiElimina
  12. un "altezzoso tam quam brevilineo" ministro attuale

    questa mi fa ha fatto scompisciare...

    Comunque non so se l'hai visto, ma anche l'altro film dei fratelli Duplass è carino (anche se molto più indie).Si chiama Baghead è del 2008, eccoti il link http://www.imdb.com/title/tt0923600/. Niente da dire oltre alla ottima recensione che hai postato. E' al numero 41 della mia top 100 del 2010...Piaciuto tanto.

    RispondiElimina
  13. alli, ti piacerà. anche a te frank, che ultimamente poi ti sei parecchio "rammollito" coi film, ahah! scherzo...

    france', me ne invento di ogni pur di non far nomi e farmi capire :D

    ma poi oh, chi ha detto che non mi piace woody? io forse? è vero! ihihih!

    RispondiElimina
  14. mi incuriosisce abbastanza. anche se il fatto che sia fatto davvero di poco o niente non mi provoca poi tutto sto entusiasmo di vederlo...

    RispondiElimina
  15. marco e adriano, che vi posso dire più di quanto scritto nella rece? secondo me è un film molto carino... certo, non è mica Morte a Venezia eh! :)

    RispondiElimina
  16. film intelligente, direi lo-fi.
    non che abbia insistito, te l'ho solo dedicato.
    insisto invece per la visione del film pervert's giude to cinema. mi ripeto, un amante del cinema come te, come tutti noi, non può perderlo.

    l'altro giorno al cinema ho visto un buon film, berlin calling, lo consiglio, senza insistere, sia chiaro!!!

    stay free, great roby or big dick?

    RispondiElimina
  17. ah ecco, l'insistenza era per pervert's... :)
    lo guardo a brevissimo, è già sul disco

    però no, big dick non è passabile, ahah!

    RispondiElimina
  18. ho visto da poco John C. Reilly in "Sidney", di Paul Thomas Anderson, a John gli si addicono i film col titolo di nome di persona, evidentemente:)

    RispondiElimina
  19. ahah! chi lo sa francesco, forse, sagace osservazione :)
    sidney ce l'ho tra quelli da vedere, chissà quando...

    RispondiElimina
  20. Discreto, ma per me un po' incolore, mi aspettavo qualcosa di più. Va bene la commedia minimalista, il low-budget, ecc.. però questo stile al Sundance festival comincia ad essere anch'esso uno stereotipo.

    RispondiElimina
  21. l'ho visto a torino a inizio dicembre ed è stata una delle più belle sorprese del festival. Uno dei migliori film che ho visto di recente, davvero un peccato che qui da noi sia passato inosservato ...

    RispondiElimina
  22. ciao Luca. :)
    buon per te che ti vedi i festival...

    Lucien, m'era sfuggito il tuo intervento, scusa. mha... certo, se uno di film del genere se li guarda in serie l'effetto poi è negativo. variare sempre! regola d'oro ;-)

    RispondiElimina
  23. L'unica cosa che mi era parsa stonata nel complesso del film, è la regia a mo' di reportage, stile cinema verità, che ho trovato in diversi del tutto fuori contesto. Per il resto, come hai sottolineato anche tu, grande sceneggiatura e grandi attori (Reilly, Tomei e Hill fantastici)!

    RispondiElimina
  24. è vero Luca, il fatto stesso che non accadano poi chissà quali cose... giusta osservazione

    RispondiElimina