giovedì 9 giugno 2011

Brain Damage - La maledizione di Elmer

29
1988, Frank Henenlotter.

Avvertenza: evitare di leggere quanto segue se si hanno remore con la pornografia.
Fino alla prima serie di frame no-problem, be-careful con la seconda... io ho avvisato eh!

Il mostriciattolo di turno che ci propone Henenlotter si chiama Elmer o anche Aylmer. E' fatto a forma di pene (aka: fallo, aka: cazzo/minchia) senza testicoli, di sostanza imprecisata, con la testa dentata dalla quale alla bisogna fuoriesce uno spillone col quale inietta una specie di droga allucinogena direttamente nel cervello del malcapitato (o bencapitato?). Si nutre solo ed esclusivamente di cervelli, e li vuole freschissimi.

All'inizio il mostro vive con 2 anziani che lo nutrono a base di cervelli da macelleria. Glieli servono pure azzimati con un po' di prezzemolo, ma non è il cibo che preferisce, allora fugge in un appartamento vicini e "prende possesso" di Brian, un giovane che diventerà presto dipendente dalla sostanza che lui gli inietta sotto la nuca. In cambio delle dosi di "droga blu" Brian lo scarrozza tenendolo addosso e permettendogli di trovare cervelli ancora caldi da divorare, umani però...

Tutte le aspettative riposte nel regista dalla ormai conclamata fama, in termini di orripilanza generale, sangue a secchi e personaggi tristissimi, oltre al mostro di fantasia perversa, sono attese alla grande da questo film! Persino, e qua tocchiamo l'impensabile, un evidente messaggio sociale vista la chiara manifestazione dell'orrore della dipendenza dalla droga, e da qui si passa a messaggi del tipo "attento, la droga fa male", o anche "se ti droghi poi fai anche il cattivo per procurartela", e via così, ma non si pensi che il film voglia essere moralista o perbenista, termini che mi procurano eritemi solo a pensarli e penso facciano lo stesso effetto a Frank Henenlotter.

Tra i miei Cult, film di puro e assoluto godimento e ocio ai frame sotto, potrebbero scandalizzare qualcuno...

piattino col prezzemolino...

disperazione, elmer è sparito ma perché tanta disperazione?

primi segnali di malessere...

sangue dal collo. troppo per essere frutto di un brufolo esploso

allucinazioni

un occhio non proprio in condizioni di buona salute


cucù !!


il pungiglione

qua ha un musetto sorridente e fin simpatico, vero?


cefalee...

coratelle? noooooooo

ho notato che in tutti i film di Henenlotter c'è una bella passeggiata del protagonista per quartieri malfamati, è una cosa che gli piace proprio fare
strano cerume che esce da quell'orecchio

ohibo, c'è una perdita!

io a questo l'ho già visto da qualche parte ma non ricordo dove.
parlo di film ovviamente, che vi siete messi in testa?



Ed eccoci finalmente al sugo più sugoso!
Anzitutto i frame di questa stramitica scena. Insisto con l'avvertenza di cui in cima, basti sapere che parte della crew (equipe di ripresa) s'è rifiutata di girarla.

si parte bene

ouverture rossiniana

coupe de teatre!

Olé !!!

A pieno titolo negli annali delle scene più perverse si siano mai viste!

La ragazza, gentile e desiderosa di esperienze (com'è giusto che sia!), ad una prima esplorazione tattile sull'inguine del ragazzo avverte la presenza di un Coso dalle dimensioni non comuni. Decide di vedere da più vicino di che si tratta per eventualmente operare, dopo quello visivo, un esame orale adeguato ma... sorpresa! il Coso ha gli occhi e soprattutto una bocca terribilmente dentata! e senza alcun invito si autoinfila nella bocca della malcapitata. Il resto si può immaginare...

La genialità di questa scena sta nel fatto che attinge a piene mani dal morboso (?), primordiale (??), istinto (???) maschile a penetrare, perforare, a pensare al proprio Coso come a una putrella d'inusitata potenza, che rompe e distrugge. I maschi della specie umana hanno questi pensieri, chi più chi meno. Altrimenti come spiegare questo mito sulle dimensioni del Coso? Entro certi termini ha a che fare con la supremazia nella riproduzione là dove la promiscuità domina negli accoppiamenti, ma a parte questo è proprio una fissa.
E' la pornografia a confermare ciò. Negli ultimi anni ha preso una piega sempre più tendente al sadico, all'esibizione di "potenza" dei Cosi maschili nei confronti delle Cosine femminili e, come si dice, "ogni buco è buono". Nello specifico del sesso orale, tempo fa sentii una pornostar italiana (non ricordo il nome) parlare ad una trasmissione-dibattito sulla nota fiction "sex and the city". La donna spiegava che ci sono cose che ormai una professionista del settore non può più rifiutare di fare, e tra queste quella di beccarsi in faccia le eiaculazioni (questa è proprio un must!) e di essere capaci di ingoiare interamente il Coso durante una fellatio, cosa che però non tutte riescono a fare, comprensibilmente. A domanda diretta di una spettatrice "Ma perché?" la donna rispose "Perché agli uomini piace vedere quelle cose!", e altre risposte da dare non ne aveva, né probabilmente ce n'erano, né ce ne sono né mai ce ne saranno. Chi ha visto dei porno-vintage sa che 30anni fa non era così, fatte le debite eccezioni (vedi Marina Lotar in Frajese, una virtuosa del genere, inarrivabile sacerdotessa del tri-sex).

Mi pare chiaro no? Quella del film (che è del 1988) è una fellatio violenta che supera persino i dettami attuali del porno a riguardo. Mette il "maschio", anche il più perverso, di fronte agli effetti sanguinari di quello che è il suo recondito pensare. Uno specchio per la nostra coscienza, e parlo ovviamente come maschio.

Quindi? E' una scena troppo, troppo eccitante!
Stavolta parlo, "ovviamente", da cinefilo horror-culturista...

Sempre ringrazierò l'amico Frank che mi ha fatto conoscere il suo omonimo Henenlotter.
Napoleone ha insistito a più riprese su questo film, grazie anche a lui e... penso di aver capito perché.

29 commenti:

  1. beh, a me elmer mette tenerezza, poverino. film culto, riguardo ai pornazzi meglio roba vintage, a me tutti quei "randelli" esibiti adesso fanno proprio senso, non son mica una pulzella eh?!

    RispondiElimina
  2. già harmo, meglio il vintage... ;-)

    RispondiElimina
  3. ciao ernest! sì, anche se è vero, come dice harmo, che ernest fa un po' di tenerezza... è il mostriciattolo che non ne fa, ahah!

    RispondiElimina
  4. vediamo un pò..la rece è notevole,amico caro

    RispondiElimina
  5. grazie roby...
    lunedì ti chiamo per altre amenità ;-)

    RispondiElimina
  6. Questo proprio non lo conoscevo. Grande rece. Sulla stessa linea di condotta ultimamente ho visto "Bad Biology" che non ho assolutamente apprezzato :(
    L'hai visto?

    RispondiElimina
  7. grazie eddy! bad biology è il prossimo e ... non garantisco sulla obiettività delle rece, ormai sono un fan di henenlotter :)

    RispondiElimina
  8. Tu me vuoi fà morì,a' Gajardo. Non solo hai trattato Henenlotter da par suo, ma citi pure Marina Lotar Frajese.E il porno vintage tricolore,imparagonabile alle produzioni odierne.Ma chi t'ammazza a te!Ottima l'idea di mostrare i frame della scena "incriminata";per anni, in Inghilterra e U.S.A, il film é girato epurato da queste immagini.Recupero filologico!Che altro dire se non "Grazie!".Fa come se ti avessi offerto un bicchiere de uva, a' Gajardo!Un saluto!

    RispondiElimina
  9. cazzarola belushi, sei mejo de wiki. non sapevo della censura su quella scena.
    sempre onorato dei tuoi gajardi complimenti! :D

    RispondiElimina
  10. Ma non era la "patata" ad essere "dentata"? Bella la spiegazione psicologica, ma sai che ridere guardare negli occhi un coso del genere! Eh Eh!!

    RispondiElimina
  11. Simo !!!! O_o

    mitica...
    prima donna ad aver "osato" leggere 'sta roba, meriti un premio.
    ti sarà dedicato un film alla prima ed opportuna occasione, stay accuort ;-)

    RispondiElimina
  12. Grazie per la citazione ma è immeritato. Sei andato troppo avanti :D
    Come sempre grandissimo... spettacolare la scelta dei frame!!!

    RispondiElimina
  13. frank, le citazioni te toccano e te le meriti! :)

    ahahah! napoleone, ti stavo aspettando. leggo che ti sei anche "contenuto" nelle citazioni, nel descriverle più che altro...
    solo una domanda: ma al sondaggio di cuore hanno risposto sia uomini che donne?

    RispondiElimina
  14. Comunque, i cumshots facials o oral che siano sono stati da sempre l'immagine più "spettacolare" dell'hrad sia Usa che tricolore, dai tempi della "Golden Age". E fin dai tempi di quell'oro, famosissime leggendarie actress come Georgina Spelvin di "The Devil in Miss Jones"('72)di Gerard Damiano, capolavoro, o come fra i tanti e le tante, premiate nelle rispettive categorie di "performance", Marilyn Chambers nel capolavoro "Behind the Green Door"('72)dei Mitchell Brothers, o Ginger Lynn in "Odyssex"('76)sempre di Damiano, ne fecero la loro "specialità" di "performance"...
    Bellissimo te l'avevo detto "Brain Damage-La Maledizione di Helmer", a tutt'oggi sicuramente il film migliore, di Henenlotter.
    P.S.: Se qualcuno fra voi se lo ricorda, il sesso orale praticato dall'adorata/nte compagna, fu votato e presente -ininterrottamente- nelle sue infinite possibili "variazioni" e fantasie, tra le prime "cinque ragioni per vivere" del "referendum" omonimo dell'indimenticato e indimenticabile giornale satirico Cuore. Una ragione ci sarà. Tutte. Se si è un essere umano maschile biologicamente di pelle ossa e sangue e non -per tornare citazionisticamente ar mitico ddè ieri- "de travertino" de "Ku Fu?Dalla Sicilia con furore".Io ovviamente, sarà perchè sono comunque "latino"in quanto italofrancese, non posso che essere d'accordo. All'inizio o alla fine, comunque non c'è nulla, di meglio.

    RispondiElimina
  15. faccio outing: non sono fatto de travertino! :D

    RispondiElimina
  16. come dimenticare cuore?..anche se come giornale satirico preferivo il Male..

    RispondiElimina
  17. cosa aspettarsi da uno con un cognome così? Ecco che si rischia quando una è rosa dalla curiosità! 666)

    RispondiElimina
  18. grande milena!
    donne, con te, a quota due, chapeau a entrambe :D

    RispondiElimina
  19. e poi digiamolo; meglio la boscaglia che la patonza rasata come va di moda adesso.

    RispondiElimina
  20. ok harmo, senza esagerare però eh! :)

    RispondiElimina
  21. Peccato, ieri avrei potuto veramente essere la prima femminuccia a commentare, di solito ti leggo ogni mattina facendo colazione. Mi scappava di scriverti che se dei film, magari capolavori nel loro genere, non piacciono, non sempre è perché scandalizzano, impressionano o ci sono delle "remore"... :-)
    A proposito, quel simpatico diavoletto l'avrà mica fatto Rambaldi??? Una vaga rassomiglianza con E.T. ce l'ha! ;-)
    Sì, è proprio vero che l'argomento è stato più volte trattato al contrario: quindi, per par condicio, a quando "Gola profonda"? Si dice sia il primo hard della storia del cinema, magari non è vero, certo che a suo modo è un vero cult anche quello! e poi, la Lovelace... ;-)
    Ricordo pure un horror americano, piuttosto bruttino, intitolato "Denti" (2008), da non confondersi con l'omonimo film di Salvatores (a mio parere il peggiore che ha fatto).
    Ora passo doverosamente alla RECE di oggi :-D

    RispondiElimina
  22. ahah! grande grazia, non finirai mai di stupirmi! :D
    vero, è una specie di et cannibale quello, ahahah!

    in generale...
    qua mi pare che certe "remore" me le faccio solo io! annuncio ufficialmente che arriverà anche qualche "grande film porno-vintage" nel blog! chiederò per la cosa consulenza/collaborazione a napoleone, peraltro già offerta e messa da me in stand-by a causa, ripeto, di mie remore ;-)

    l'ho visto poco tempo fa gola profonda, in occasione di non ricordo cosa, è che poi al momento di scrivere non sapevo proprio "che cazzo dire"... :D

    RispondiElimina
  23. Quindi film tipo Gola profonda (guarda che la Lovelace ha una interessante storia tutta sua) ed Emmanuelle sarebbero porno vintage??? Quante ne imparo qui, eh? e Histoire d'O l'hai visto? Dovrebbe essere vintage anche quello. Sia horror o hard, o ambedue (il che succede spesso) mi scoccia passare per bigotta o impressionabile, solo che o mi annoio a morte, o mi diverto troppo quando lo scopo del film non sarebbe tutt'altro... La prima parte di Gola profonda la ricordo divertente e originalissima, la seconda un po' noiosa, dopo un po' anche il gioco stufa...

    RispondiElimina
  24. porno-vintage è un modo "stiloso" per indicare i porno della "golden age" (come la chiama napoleone) degli inizi del genere. gola profonda è storico perché il primo di grande commercio del porno, ma pare che i migliori siano altri... comunque appena il Sommo Consulente di questo blog passa ci facciamo dire.

    @napoleone: non sparare tutte le cartucce eh! tienile per la rece... ;-)

    RispondiElimina
  25. Oddio Roby, questo me lo sono perso nuuuuuuuuuuuu....grandioso te, i commenti. Ieri ero in "trip" con la scuola...ahahah oddio sto ancora ridendo...ma è l'alien dei pantaloni questo qua? No ma dai ma mica vogliamo scherzare? ahahahah, oddio sto morendo dal ridere...ma senti ma...sti denti? ahahahah, oddio fermatemi che sto morendo dal ridere.

    RispondiElimina
  26. ahahah! sei forte laura, chapeau anche a te! :D

    RispondiElimina
  27. Mitico Brain Damage!Uno degli horror più anarchici e underground in circolazione,roba che sembra essere uscità da un amalgama dei fumetti di Crumb con il body horror anni 80.

    RispondiElimina
  28. eheh... fra, tu hai decisamente gran buon gusto ;-)

    RispondiElimina