giovedì 23 giugno 2011

La casa del sorriso

20
1991, Marco Ferreri.

Adelina è una bella vecchina, non tanto anziana ma abbastanza da vivere in un ospizio. Ha perso il figlio da poco morto e la nuora con le 2 nipoti la va a trovare solo per interesse su eredità. Tutti gli uomini la tengono d'occhio, nella sua "categoria" si distingue per bellezza e soprattutto per il suo sorriso dolcissimo, e sarà Andrea quello che saprà corteggiarla ed ottenerne le grazie. Inevitabile suscitare invidie agli altri ospiti e imbarazzi al personale gestore del centro.

Adelina e Andrea però hanno le idee chiare e soprattutto lei, Miss Sorriso nel 1947 in non ricordo che concorso, saprà sempre reagire con un sorriso appunto alle piccole e grandi cattiverie che toccherà loro subire, cosa che aumenterà ancora di più l'amore di Andrea. Se le citate invidie dei "colleghi" sono tutto sommato comprensibili (maggiori quelle degli uomini che non delle donne), meno lo sono i sempre citati imbarazzi del personale che arriveranno a tradursi in vera e propria persecuzione rubando alla donna ciò che le è più caro ed eterno, inattaccabile persino dal tempo: un sorriso amabile. Le faranno sparire la dentiera, la sola cosa che le poteva causare depressione e tristezza, e il fatto di aver dato tutto quello che aveva alla nuora l'ha messa in una indigenza che non le permette di provvedere in breve tempo ad una nuova. Come ogni favola che si rispetti, anche questa storia troverà una soluzione, solo che non sarà quella che le favole normalmente propongono e Adelina troverà una strada tutta sua, nonostante Andrea e nonostante tutto.

Ambientazione visionaria molto "a la Ferreri" rasente il grottesco. Interpretazioni pacate con rare punte di frenesia, tutto scorre placido coi partecipanti alla storia come ad un gioco, tutta la vita in fondo lo è, ricopriamo parti e ruoli in modo causale e casuale, al timone della barca e in balìa di correnti. La parte finale della nostra vita ci vede, se si è un minimo seminato bene, consapevoli di ciò e quindi più umili ma anche volenterosi di godere quanto ancora è possibile solo che, soprattutto in un contesto come quello descritto, si è in una condizione di sostanziale impotenza, persino di sudditanza con le generazioni che si è cresciuto e l'unica soluzione per avere ancora un po' di libertà è semplice: abbandonare tutto, ricominciare altrove.

Pur avendo vinto l'Orso d'Oro a Berlino non ha avuto grandi riscontri se non dalla critica più "cinefila" e incline al genere autoriale, eppure è un film dalla chiave di lettura semplice e molto dolce e poetico, ai miei occhi apprezzabile da un vasto pubblico, ma forse mi sbaglio e sono io che a furia di vederne di film ho perso contatto con chi invece li guarda episodicamente.

Lo consiglio decisamente.
Rileggendo quanto sopra ho notato il ripetersi più volte della parola Sorriso. Non correggo, va bene così.

vista panoramica dell'ospizio

una volta che hai dato tutto agli eredi, a che altro servi?

cosa non si riesce a fare con le donne se le si offre del vov! devo provare anch'io questa tecnica

cabriolet romantico

il cocomero-garconniere


il miglior co-protagonista, il bravissimo Enzo Cannavale

qua mi piaceva ritrarre il murale in sfondo che compare anche nei titoli di testa

oh, se proprio non serve si toglie...

un veicolo "di casa" da quelle parti

ma quant'era invidioso l'avvocato! 

la nuora che nessuna suocera vorrebbe avere ed invece quasi tutte hanno: quella che aspetta solo che crepi

sono proprio una splendida coppia di vecchietti. Andrea è Dado Ruspoli. Adelina è Ingrid Thulin, attrice che ebbe il suo debutto cinematografico nientedimeno che con Bergman nel capolavoro "Il posto delle fragole", e divenne poi una delle attrici preferite del regista. Svedese, usa la sua voce senza doppiaggi giacché venne a vivere in Italia negli anni 70' e parlava discretamente in italiano. Questo con Ferreri è l'ultimo film che ha girato.

brava ragazza... qua ho avuto un momento d'innamoramento estemporaneo.

la dentiera è sparita! certo, non è solo l'aspetto fisico che conta nella vita, ma c'è un limite!

bella persino coi denti da dracula. quando una donna sa sorridere.





20 commenti:

  1. stiamo parlando di uno dei più grandi registi italiani di sempre..ciao..brazzz

    RispondiElimina
  2. Mai visto ma lo vedrò, perché abbiamo veramente bisogno di sorrisi.

    RispondiElimina
  3. sì brazzz, tra i più originali sicuramente!

    vero alberto, e questo film riesce a dare proprio il messaggio che dici e senza scadere nel banale, vedrai ti piacerà.

    RispondiElimina
  4. Roby bella recensione...ma il frame della dentiera????? Ma ne vogliamo parlare???? Maròòòòò....

    RispondiElimina
  5. BELLO… poi sto andando verso l'età… :)

    RispondiElimina
  6. Questo è da mettere non solo in lista, ma IN CIMA alla lista. Grazie!

    RispondiElimina
  7. grazie, sei sempre molto generosa con me! :P
    (nessun doppio-senso eh... ahah!)

    petro', macheddici... fatte le proporzioni allora io sono uno zombie !! :****

    prego zio, è un piacere :)

    RispondiElimina
  8. il titolo Roby mi ha fatto pensare quanto basta a volte per sollevare la giornara dei nostri "vecchietti".
    Ogni mattina quando entro in Istituto sono già li chemi aspettano, con la sigaretta in bocca, è come un rito di entrata e un sorriso...

    RispondiElimina
  9. bella ernest, ti aspettavo per un commento così, so di cosa ti occupi... massima stima!

    RispondiElimina
  10. Questo non lo conoscevo, ma devo proprio vederlo!

    RispondiElimina
  11. frame molto anni '90 :D
    ciao roby!

    RispondiElimina
  12. hai ragione frank... ciao! :)

    RispondiElimina
  13. Ferreri,Ferreri.Quanto ce manca.Con "L'Ultima Donna" mi ha scatenato un trauma! Recupero necessario.A' Gajardo, cinefilo de paura.Lasciatelo dire.Un grande saluto!

    RispondiElimina
  14. belu', grazie eh, ma cosa mi vai a citare! O_O
    non lo ricordavo più quel film, e sì che l'ho visto sulla rai3 dei tempi belli... la muti e depardieu in certe scene... bravissimo!

    RispondiElimina
  15. un sorriso per la fine della giornata e l'inizio del nuovo giorno.
    'marò che poeta.. :o)

    RispondiElimina
  16. harmo, te stai a rammolli'??? no eh! :D

    RispondiElimina
  17. Ho un buon ricordo del film, e le tue note e le foro me lo confermano. Mitico per me il cocomero-garconniere ... grandi gli attori. Se non ricordo male la Thulin è stata protagonista anche de "L'Agnese va a morire", storia partigiana ambientata nelle valli di Comacchio. O sbaglio?

    RispondiElimina
  18. bravo alli, proprio lei in quel film... ho controllato con wiki eh, non lo sapevo :P

    RispondiElimina
  19. Lo so bene, perchè alcuni anni fa sono stato a Comacchio, a fare una gita culturale nelle famose valli, e la guida ci ha portato dove hanno girato il film. Ero in compagnia di amici, che mi hanno poi cazziato perchè non mi ricordavo di tale film (ero il cinefilo del gruppo), che da allora non dimentico più ;)

    RispondiElimina