sabato 8 gennaio 2011

Něco z Alenky - Alice

14
1988, Jan Svankmajer.

Primo lungometraggio di Svankmajer, uno dei miei miti ormai, e subito Olimpo. Ho speso già molte parole per questo genio della narrazione horror in stop-motion, non perdete un solo film di lui, li ho recensiti tutti con questo.

Questo film come trama è il più semplice, una delle n-mila rivisitazioni di "Alice nel paese delle meraviglie", ma non pensiate nemmeno per un istante che questa sia una pupazzata qualsiasi; il regista di cui parliamo, oltre ad avere una bravura tecnica inarrivabile per chiunque, è un adoratore (come chi scrive) di Allan Poe e De Sade, di quelli veri. Della famosa trama, che non mi metto certo a raccontare, risaltano gli aspetti neri o potenzialmente tali, che ogni fiaba ha, anche se non con la "brutalità" dei film successivi così che questo è ancora un film per tutti, persino per bambini, forse l'unico tra quelli (pochi purtroppo) realizzati da questo geniale regista.

Sulla abilità "animatoria" di Svankmajer tutto ho ormai detto ed è stato detto, difficile aggiungere altro. La realtà è deformata, ogni oggetto è animabile ed ogni essere umano od animale interagisce con essi. L'uso del Tempo, il ritmo che hanno le scene, è tratto distinguibile, insieme ai rumori e ad alcuni "soggetti" che negli altri film già avevo visto: vetri infranti a chiudere le scene, polli e galline, bistecche animate, cigolii di porte e maniglie. In questo film ho visto tutti o quasi gli ingredienti poi spalmati negli altri.

Meraviglia da guardare, godimento totale. Cambierete idea radicalmente sul genere Fantasy, sarà inevitabile. Nient'altro d'aggiungere, lascio la parola a qualche frame, eloquente nelle deformità dei personaggi rispetto agli originali.

brava e splendida la bambina, sola attrice in carne ed ossa

bambina in versione bambola

semplicemente eccezionale!

un cranio di non so cosa, con un piede... la fantasia senza limiti


il Cappellaio Matto e la Lepre Marzolina

qua le figure escono dalle carte per rientrare e riuscire, il teatrino dei pupi è uno dei temi del regista

la fissa della regina



14 commenti:

  1. WOW ! IL maestro di Tim Burton. Davvero notevole; un film che stupisce davvero per originalità einventiva. Peccato che non esista traccia dell'opera di questo artista. E' quasi impossibile reperire qualcosa, ma se la trovate, non fatevela scappare.
    Per quanto riguarda la tecnica Stop Motion (che era la base dei film di fantascienza prima dell'arrivo della computer grafica) è doveroso un accenno a Ray Harryhousen, vero pioniere del genere.
    Mi aspetto qualcosa su di lui roby.....

    RispondiElimina
  2. piccolo errore...
    Ray Harryhausen

    RispondiElimina
  3. si trovano tutti magar! coi sottotitoli ovviamente... e senza troppa fretta.
    arriverà Harryhausen, un grande. leggi cosa dice di tim burton, eheh! esattamente quello che penso io.

    RispondiElimina
  4. maledetta computergrafica (cioè io)! :))))) Fantastico Roby! Quanto mi piaceeeeeeee. Cosa dire della loca? Sembrano i miei disegni, benedizione! Ho illustrato qualche fiaba per bimbi tanti tanti tanti anni fa! ;)

    RispondiElimina
  5. quanto hai ragione, la locandina è superlativa!
    ben venga la computergrafica, per carità, basta non paragonarla all'immane lavoro e genio che c'è dietro ad opere del genere ;-)

    RispondiElimina
  6. provai a scaricarlo l'anno scorso, ma ahimé non ci sono riuscito. Mi interessa molto l'aspetto dark delle fiabe: Alice e cappuccetto rosso sono quelle che hanno ispirato tantissime versioni "per adulti". Conosci Angela Carter?

    RispondiElimina
  7. perso, a dx sotto il mio faccione c'è il link per mandarmi una mail... ho una dritta che t'interessa ;-)

    RispondiElimina
  8. A proposito di Tim Burton; non mi sono ancora ripreso dalla visione di Alice in wonderland, ma dico, ma che schifezza è ! Ma il film della Disney, quello a cartoni, è Otto e Mezzo paragonato a questo.
    Proverò a cercare questo film, sull'animazione passo-uno, ti consiglio di trovare i film del grande Jiri Trnka e aspetto, impaziente, Ray Harryhausen.

    RispondiElimina
  9. altra dritta... ben 2 autori da cercare. grazie Harmo, cercherò. :)
    pensa che quella schifezza è tra i film di maggior incasso di sempre... lobotomwonderland mi vien da dire

    RispondiElimina
  10. Jiri Trnka è un grandissimo, sono d'accordo :)

    RispondiElimina
  11. Cosa dire? Il mondo di Švank non è un argomento saliente del mio blog, È IL MIO BLOG CHE GIRA INTORNO AD ESSO. Ormai vivo nel tutt'uno sogno-realtà, senza limiti razionali.

    Sta per uscire il volumetto a lui dedicato, tengo davvero moltissimo al tuo giudizio sul mio scritto. ;)


    P.S. Jiří Trnka è un'esperienza sognante da riscoprire.

    RispondiElimina
  12. insomma, Trnka è proprio obbligatorio!

    @francesco: ciao :)

    @occhio: leggerò sicuramente! i complimenti già te li faccio, ammiro chi riesce a scrivere saggi, cosa in cui sono negato.

    RispondiElimina
  13. questo si che è un vero capolavoro!

    RispondiElimina
  14. Svankmajer è tutto nel mio Olimpo.
    Se proprio dovessi sceglierne uno sotto minaccia armata, sceglierei questo: http://robydickfilms.blogspot.com/2010/11/spiklenci-slasti-conspirators-of.html

    RispondiElimina