mercoledì 30 marzo 2011

Farfallon

18
1974, Riccardo Pazzaglia.

Accreditata la coppia, ma Ciccio Ingrassia non fa molto, qua ad impazzare con un po' tutte le sue migliori qualità è Franco Franchi, il "The Mask" nostrano. Anche nel titolo la parodia del famoso film "Papillon" è esplicita però, un po' come già avvenuto in "Ultimo Tango a Zagarol", il film gode di vita propria e di una bella canzone finale cantata dallo stesso Franchi.

Farfallon (F.Franchi) è in carcere per uxoricidio. Il Barone (Ciccio Ingrassia) per una truffa legata alla costruzione mai avvenuta di un ponte sullo Stretto di Messina. Il Barone affiderà a Farfallon anzitutto il compito di salvargli i soldi, poi gli chiederà di evadere per compiere altre missioni. Si assisterà ad una serie di evasioni rocambolesche, durante le quali il buon Farfallon si troverà dentro una situazione più grottesca dell'altra!

Nulla che debba passare alla storia del Cinema, però ottimo come svago ad alto tasso ironico ed un filo satirico, fin attuale: il tormentone del ponte sullo stretto, il Barone che chiama Rubasangue gli avvocati e Ingannapopolo i politici... niente è cambiato da allora!

bussolotto di generose dimensioni pieno di soldi, bisogna nasconderlo da qualche parte, ma dove? ... 

... la gallina ha fatto l'uovo!

se ti devi mimetizzare per attraversare un mare sporco da cosa ti travesti? da spazzatura

qua si ritrova ad insegnare a delle "immigrate clandestine" (affatto sgradevoli) come si serve in tavola. sarà un'esibizione di mostruosità alimentare, pure una banana intera con la buccia manderà giù!

tra le monache "trappistelle", che non fanno alcolici ma dolci

flashback del pasticciere che ha appena scoperto che la moglie lo fa becco! con la cioccolata si trasforma in un Otello

qua Franchi fa una mimica di Charlot perfetta

un carcere moderno ed accogliente

solito Mario Carotenuto, nel bastardissimo direttore della colonia agricola penale. la ghigliottina purtroppo non serve più a tagliare teste, dice, ma può tagliare ancora qualcosa forse anche più prezioso della testa

Salvatore Baccaro, fenomenale "faccia" da cinema! In realtà il buon Salvatore, che non visse molto a lungo (morì nell'84 a soli 40anni) doveva le sue forme ad una particolare malattia, la Acromegalia. Quasi certamente la malattia fu anche causa della morte precoce. Ha saputo ironizzare su di sé, e questo per me basta ad elevarlo a grande personaggio. 

le mani del pasticciere hanno stuzzicato la moglie del direttore del carcere

insomma oh, se la "situazione si capovolge"... si capovolge!!

dopo 8 anni d'isolamento

altro che Papillon, qua si va ben oltre


18 commenti:

  1. L'avrò visto di sicuro, ma ero troppo piccolo per ricordarmelo, è che quasi tutte le domeniche andavo al cinema con mio babbo e tra un western e l'altro l'alternativa erano i musicarelli o i film di Franco e Ciccio. Di Baccaro ricordo anche "la bestia in calore", prova a dire che parte faceva e "Salon Kitty", dove i nazisti lo facevano accoppiare per esperimento con delle bonazze ariane. Adesso però voglio l'esegesi di Jimmy il fenomeno !

    RispondiElimina
  2. consigliami te qualcosa con Jimmy!
    basta che non sia "w la foca" o similari... ;-)

    RispondiElimina
  3. capolavoro questo film, non è la parodia di papillon, ma l'antitesi

    roby hai fatto un refuso, hai scritto "the musk", credo tu volessi scrivere "the mask"

    RispondiElimina
  4. grazie dark0, ho corretto :)

    RispondiElimina
  5. a parte che Jimmy non ha mai recitato da protagonista, per restare in tema con Franco e Ciccio, potrei consigliarti "L'esorciccio", con Ciccio ma senza Franco, dove il buon Jimmi fa, e non poteva essere diversamente, il matto che cade da una scarpata.

    RispondiElimina
  6. ne l'esorciccio? allora non manca molto a jimmone nel blog, eheh! :)

    RispondiElimina
  7. ma quanto adoro questi due uomini!

    RispondiElimina
  8. grande! un film che non mi aspettavo fosse così divertente, e soprattutto valido. ma che voce aveva il buon Franco? paura!
    Pazzaglia è quello di Bellavista?
    :))

    RispondiElimina
  9. anch'io ernest, ahah!

    vero unwise? il tenore che non t'aspetti! :D
    sì sì, di Pazzaglia uno ce n'è ;-)

    RispondiElimina
  10. ...Già, io l'ho conosciuto bene Jimmy il Fenomeno, era tutte le mattine a fare colazione da Rosati, in P.zza del Popolo, e quante brioscie che si magnava, tanto lo sapevano, poi ne dichiarava ovviamente solo una, e un cappuccio...Sembrava la vecchia gag di Fracchia quando s'ingolla e mastica senza doversi far scorgere...Sì, ne "L'Esorciccio", già scritto e parlato in più di un post, per un'altra rece da queste parti...Mitica scena in cui rotola giù da una collina proprio davanti alla macchina in cui c'è alla guida Lino Banfi mi pare, o lo stesso Ingrassia, ed è inquadrato pure un cartello: "Attenzione, caduta cretini".
    A proposito visto che siamo in ambito puramente e "altamente" demenziale, almeno per la categoria migliori titoli di testa dell'anno 2010 (almeno fra i primi cinque), guardate e "crederete":"Jackass 3D" di Jeff Tremayne.

    RispondiElimina
  11. ahah, il ponte sullo stretto... io proporrei di incarcerare i politici che si limitano anche solo a nominarlo... per il resto, un Farfallone come me non può che dire Evviva Farfallon... :-))

    RispondiElimina
  12. jimmy lo scroccone allora? ahah! m'avete fatto salire la scimmia per l'esorciccio :)
    jackass ho visto che è una serie. devo vedere quelli prima o me lo guardo pure così?

    zio, quello è diventato una specie di test: come dice scusi, vuole fare il ponte sullo stretto? abbiamo capito lei che tipo è allora! ahah!

    RispondiElimina
  13. Figurati, non c'è un minimo senso di normalità in niente di quel che fanno,Jimmy Knoxville e quelli "Jackass", se non l'intento per il disgusto coprofiliaco e di ogni genere di liquido organico meglio se gastrointestinale,il pericolo e il rischio più imbecille e doloroso,oltre che la demenzialità più programmaticamente folle e idiota. Puoi benissimo vedere direttamente l'ultimo, in 3D. E'la loro "Cavalcata delle Valchirie".

    RispondiElimina
  14. azz... che schifezze! non me lo devo perdere :D

    RispondiElimina
  15. Mah...
    A costo di essere il bastian contrario della situazione, ....devo dire che proprio non mi è piaciuto.
    Quegli atori, in quegli anni, avrebbero dovuto essere usati in ben altro modo.
    Forse la patina del tempo li ha resi più nobili, ma in questo caso devo proprio dire che, a mio giudizio, siamo di fronte a cinema di serie B.
    Oggi come allora.

    RispondiElimina
  16. Insomma una risata dietro l'altra. Un film veramente rilassante

    RispondiElimina
  17. mi permetto di correggere Napoleone Wilson, ma il cartello diceva "Attenzione, caduta matti". grande Jimmi scroccone !

    RispondiElimina
  18. già, da "massi" a "matti" funziona meglio... :D

    vero ambra è così! :)

    magar, per avere la serie A ci vuole anche la serie B, la C, i dilettanti... tutto concorre. ;-)

    RispondiElimina